Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

CEATEC: a marzo il cellulare con fuel-cell

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 02 Ottobre 2008, all 10:50 nel canale MOBILE

“In occasione del CEATEC, Toshiba è la prima azienda a presentare un telefono cellulare con alimentazione a metanolo integrata che arriverà sul mercato giapponese entro il prossimo mese di Marzo 2009”


Il Toshiba W55T con fuel-cell al metanolo (foto Akihabaranews.com)

Tokyo, Ottobre 2008. Dopo gli ultimi due anni di prototipi e sperimentazioni, Toshiba è la prima azienda che annuncia il lancio del primo telefono cellulare con "fuel-cell" al metanolo entro il prossimo mese di Marzo 2009. Si tratta di un annuncio molto importante che sottolinea come questo tipo di tecnologia sia ormai matura per la commercializzazione.

Il prodotto presentato al CEATEC è il modello W55T, con brandizzazione AU by KDDI: uno dei principali operatori di telefonia mobile giapponese. La ricarica di metanolo è garantita dall'utilizzo cartucce pre-caricate. Inoltre, il cellulare può essere alimentato anche con una classica batteria Li-ion.

Toshiba segnala inoltre che, a parità di dimensioni, l'alimentazione fornita dalle cartucce al metanolo consentono un''autonomia più che doppia rispetto a quella fornita dalla batteria ai polimeri di litio. La cartuccia contiene 50ml di metanolo e consente di ricaricare il telefono per circa 10 volte, come si ricaricherebbe un accendino.

Il prezzo delle cartucce, quando il telefono arriverà sul mercato, dovrebbe essere di circa 100 Yen (più o meno 65 centesimi di Euro). Toshiba ha indicato anche la volontà di introdurre lo stesso sistema di alimentazione a fuel-cell su molti altri prodotti portatili, come videocamere e notebook, tutti ricaricabili con lo stesso tipo di cartuccia.

Fonte: http://techon.nikkeibp.co.jp/english/NEWS_EN/20081001/158930/



Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: StarKnight pubblicato il 02 Ottobre 2008, 11:17
Dunque... per avere appena il doppio di una carica normale dovrei spendere qualcosa tipo 65 centesimi ogni 10 ricariche ? (che da noi, scommettiamo, diventeranno 1 Euro) ?

Con 65 centesimi di corrente elettrica faccio centinaia di ricariche di una batteria normale... e con quel che risparmio in giusto un paio di mesi mi compro pure la batteria di riserva
Commento # 2 di: mordillone pubblicato il 02 Ottobre 2008, 11:46
...pero' se ti si scarica la batteria e non hai una presa di corrente a disposizione mentre sei in giro, tiri fuori la cartuccia col gas e ricarichi il telefono. per un certo tipo di utenza mobile cio' puo' essere una feature fondamentale.
Commento # 3 di: Picander pubblicato il 02 Ottobre 2008, 12:32
Il pregio principale della tecnologia è che la batteria non si scarica senza consumo (il che è un gran vantaggio nel bilancio energetico). Vedremo come si svilupperà

Con 65 centesimi (c.a 2 kw/h), tenuto conto che una carica dura un ora e che un trasformatore consuma 10 watt, fai circa 200 ricariche. Quindi le celle per ora costano 10 volte tanto
Commento # 4 di: EtaBeta83 pubblicato il 02 Ottobre 2008, 13:04
oltre a costare 10 volte tanto dovrei pure oltre che comprare già le ricariche telefoniche pure la ricarica della batteria? fossi pazzo!