Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

ADJ: sorveglianza al Museo di Montevarchi

di Riccardo Riondino, pubblicata il 30 Gennaio 2015, all 09:39 nel canale MOBILE

“ADJ, azienda specializzata nella ricerca, produzione e distribuzione di PC ed accessori tecnologici, in partnership con il suo rivenditore CVT srl di Arezzo, ha recentemente realizzato un importante sistema di videosorveglianza per il Museo Paleontologico di Montevarchi”

All’interno dell’edificio sono state installate 24 telecamere IP ADJ - 6 telecamere mini bullet, 15 mini cube e 3 mini dome – per monitorare le sale che ospitano reperti fossili di notevole importanza storica. Questi dispositivi sono dotati di un avanzato sensore d’immagine ad infrarossi, microfono incorporato e supportano le funzioni di motion detection, analisi dinamica e allarme anti-manomissione. ADJ ha inoltre installato 8 Network Video Recorder (NVR) per la registrazione delle immagini provenienti da telecamere, e per ognuno di questi registratori ha fornito 2 HDD da installare all'interno, per archiviare tutti i flussi di immagini e poterli poi visionare in qualsiasi momento.

“Sono estremamente orgoglioso che ADJ abbia potuto realizzare questo progetto per salvaguardare un patrimonio fossile così importante per Montevarchi ma anche per l’Italia. Vorrei ringraziare il prof. Franek Sznura, Presidente del Museo e la Direttrice dottoressa Elena Facchino per aver scelto ADJ quale partner per rafforzare le misure di sicurezza del Museo", afferma Giovanni Palmese AD di ADJ, "Un ruolo fondamentale per la buona riuscita di questo progetto lo ha svolto il nostro rivenditore CVT srl che, grazie alla sua esperienza e professionalità nel campo della videosorveglianza, ha eseguito ed effettuato i lavori di installazione delle videocamere in poco tempo”.

Il Museo Paleontologico di Montevarchi custodisce una ricchissima collezione di fossili. Accoglie circa 1600 reperti e fra essi si distinguono fossili vegetali, come le noci di Juglans tephrodes, le foglie di Platanus aceroides e una ricca collezione di fossili animali, provenienti quasi esclusivamente dal Valdarno Superiore di età compresa fra il Pliocene superiore e il Pleistocene inferiore. Tra gli esemplari più interessanti e rappresentativi del museo ricordiamo un gigantesco scheletro di elefante quasi completo, con enormi difese della lunghezza di 320 cm, Mammuthus meridionalis. Recentemente la collezione è stata riallestita dall’arch. Francesco Papa di Area Associati con un’attenta scelta di pezzi esposti, che verranno alternati periodicamente in modo da creare percorsi differenziati a seconda degli interessi degli utenti. Le sale attrezzate del nuovissimo laboratorio consentiranno esperienze di restauro dei fossili ed esercitazioni didattiche mirate, affinché la conoscenza diventi anche una esperienza diretta di contatto con la preistoria. 

Per ulteriori informazioni: www.museopaleontologicomontevarchi.it - www.adj.it

Fonte: Cast Adv



Commenti