Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Accordo Intel /ARIA per il WiMAX in Italia

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 23 Luglio 2008, all 12:46 nel canale MOBILE

“Intel e ARIA annunciano oggi un accordo di collaborazione per promuovere in Italia l’adozione della tecnologia WiMAX. L’accordo offrirà alle due aziende l’opportunità di condividere reciproche competenze e sviluppare attività di co-marketing”

Milano, 23 luglio 2008 – Intel Corporation, il maggiore produttore di microprocessori al mondo, e ARIA, operatore di telecomunicazioni nazionale, annunciano un accordo di collaborazione per promuovere l’adozione del WiMAX in Italia, e facilitare così un accesso alla banda larga in mobilità più veloce e a costi più bassi. La tecnologia WiMAX offre un’alta velocità di connessione per accedere a file “pesanti”, come film e contenuti multimediali. ARIA è l’unico operatore italiano ad avere una licenza che copre l’intero territorio nazionale, e prevede di offrire un servizio nazionale che utilizzi la frequenza 3.5 GHz che sarà lanciato entro la fine del 2008. 

Basato sullo standard IEEE 802.16E, il WiMAX è una tecnologia wireless a banda larga su protocollo Internet complementare al Wi-Fi, che offre però una maggiore copertura voce e dati potendo connettere in modalità wireless intere città e comunità, e permettendo agli utenti di essere sempre online anche in movimento. Intel sta lavorando con service provider di tutto il mondo per realizzare reti WiMAX, e sta sviluppando soluzioni WiMAX integrate per PC portatili, ultramobile PC e MID (mobile Internet device). Come annunciato, Intel renderà disponibile il primo modulo integrato WiMAX/Wi-Fi opzionale per la tecnologia di processore Intel Centrino 2, inizialmente solo negli Stati Uniti. Inoltre, il prossimo anno sarà disponibile una soluzione a basso consumo energetico (nome in codice "Baxter Peak") ottimizzata per i MID.

L’accordo concluso permetterà ad ARIA e Intel di condividere le reciproche competenze, e prevede test per l’interoperabilità e attività di co-marketing. Intel inoltre metterà a disposizione di ARIA l’esperienza acquisita in progetti WiMAX realizzati in altri paesi. "Questo accordo è molto importante per noi: Intel, leader mondiale nell’innovazione, ha riconosciuto il vantaggio competitivo che abbiamo sul mercato, i nostri punti di forza e la nostra credibilità" afferma Mario Citelli, Amministratore Delegato di Aria. "Siamo l’unico operatore WiMax che in Italia si è aggiudicato le licenze sul 100% del territorio nazionale. La velocità con cui stiamo stipulando accordi con le amministrazioni territoriali e con partner tecnologici internazionali, rappresenta per Intel e per il mercato italiano una sicura garanzia di qualità e di impegno nella costruzione della rete nazionale".

"Questo accordo è in linea con la nostra strategia di promuovere la diffusione del WiMAX a livello mondiale", commenta Dario Bucci, Country Manager di Intel Corporation Italia. "E’ un momento importante per il WiMAX: il fatto che la vendita dei PC portatili abbia superato quella dei PC desktop associato anche all’elevata penetrazione del mobile in Italia, la più alta in Europa, ci rende il paese ideale per l’adozione di servizi mobili a banda larga".

Fonte: Intel Italia



Commenti (11)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Stefano5 pubblicato il 23 Luglio 2008, 15:26
Questa notizia non può che fare piacere, anche se ormai è tanto che si parla di Wimax in Italia ma per ora di offerte concrete nisba!
E mi sà che con più si va avanti, e più Telecom e Vodafone spendono miliardi per le campagne pubblicitarie delle loro chiavette/modem 3G, più diventa dura per Wimax trovare terreno favorevole...
Mi sa che il percorso del Wimax italiano sarà tutto in salita e che gli ostacoli saranno molteplici...io ormai sono poco fiducioso di riuscire ad usufruirne
Commento # 2 di: gattapuffina pubblicato il 23 Luglio 2008, 18:14
Originariamente inviato da: Stefano5
Questa notizia non può che fare piacere, anche se ormai è tanto che si parla di Wimax in Italia ma per ora di offerte concrete nisba!


C'è stata una gara d'appalto, e sono state assegnate le frequenze, a fronte di notevoli stanziamenti. ARIA, ad esempio, ha speso 45 milioni di Euro solo per avere le licenze, non credo proprio che poi non faccia partire il servizio.
Commento # 3 di: ciocia pubblicato il 23 Luglio 2008, 18:28
Speriamo bene. Da me non c'e' adsl, ma per fortuna una societa' privata ha coperto 3 mesi fa il paese con una connessione wifi, MA A CHE PREZZI!
L'installazione del tecnico, con antenna, cavi, 3 ore, 500€
Abbonamento annuale:
1mb/256k 24€
2mb/256k 36€ ( ho fatto questo )
4mb/512k 60€
6mb/1mb 120€

In teoria, per wimax si parlava sui 30€, ma con connessioni di 6-7mb...vedremo...
Commento # 4 di: Stefano5 pubblicato il 24 Luglio 2008, 09:04
Originariamente inviato da: gattapuffina
ARIA, ad esempio, ha speso 45 milioni di Euro solo per avere le licenze, non credo proprio che poi non faccia partire il servizio.

Sì certo, conosco perfettamente tutte le vicende legate al Wimax, in quanto, non essendo coperto dalla banda larga, sono ormai 2 anni e mezzo (da quando è stato brevettato dalla Intel) che lo aspetto e ne seguo le vicende.
Però siamo in Italia, il paese dove la principale compagnia telefonica ha praticamente il monopolio delle reti fisse, e dove guardacaso la penetrazione della banda larga (leggasi Voip) è la più bassa fra i paesi industrializzati.
Il Wimax potrebbe avere un ruolo molto importante sul monopolio dell'ultimo miglio
Poi abbiamo visto tutti la trasmissione della Gabanelli dove risultava che il Wimax fa male alla salute...e non credo sia finita qui.
Aria non avrà vita facile, credimi!
Spero tanto che non diventi Aria fritta

Ciao.
Commento # 5 di: Ivanzeta pubblicato il 24 Luglio 2008, 10:24
C'è un motivo ben preciso del perchè fastweb,telecom,omnitel,ecc se ne sono state in disparte alla gara d'appalto delle frequenze del WIMax o cmq non hanno voluto investirci più di tanto:
Entro fine anno,senza cambiare antenne,la velocità del UMTS arriverà a 20 mega,come le attuali ADSL più performanti.
Il vantaggio sta che queste aziende hanno già installate le antenne in grandissima parte di italia e quindi un bel risparmio di copertura ed in più quando si va nelle amministrazioni comunali a chiedere i permessi per l'installazione di nuove antenne,ci sono sempre dei problemi...In autunno,si vocifera,che tre partirà con una flat da 20 mega (UMTS) molto vantaggiosa.
Sarà per quello che Fastweb entrerà nella telefonia mobile a settembre???Forse il futuro è quello???
Secondo me,si.
Commento # 6 di: spidertex pubblicato il 24 Luglio 2008, 10:47
l'osservazione sulla velocità dell'UMTS è giusta e pertinente, però bisogna sempre tenere in considerazione che la copertura UMTS non è estesa come quella GSM.
Il Wi Max dovrebbe colmare il gap proprio nelle zone non coperte nè da Adsl nè da UMTS.
C'è una intervista all'Amministratore Delegato di Aria, Citelli, su Finanza e mercati se non ricordo male, in cui parla di rete pronta per fine ottobre in Umbria e per fine anno in un'altra regione (ma non specifica quale).
Sempre in questa intervista afferma anche che il costo dovrebbe essere intorno ai 25 €/mese per internet flat e telefonate a numeri di rete fissa incluse, eliminando il canone telecom ovviamente. la velocità di navigazione che lui promette è di circa 4 Mega.
Afferma inoltre che i primi a beneficiare del passaggio saranno gli attuali clienti di Aria ora connessi in Hyperlan
ciao
Commento # 7 di: Stefano5 pubblicato il 24 Luglio 2008, 10:56
Originariamente inviato da: Ivanzeta
..ed in più quando si va nelle amministrazioni comunali a chiedere i permessi per l'installazione di nuove antenne,ci sono sempre dei problemi.

Infatti in Emilia Romagna il presidente di regione ha fatto un'accordo con Telecom per fornire WiFi alle zone non coperte da adsl (ovviamente ai costi indicati da Ciocia), figuriamoci se poi i sindaci danno il permesso ad un privato di installare le antenne Wimax
Originariamente inviato da: Ivanzeta
In autunno,si vocifera,che tre partirà con una flat da 20 mega (UMTS) molto vantaggiosa.
Sarà per quello che Fastweb entrerà nella telefonia mobile a settembre???Forse il futuro è quello???
Secondo me,si.

Infatti la strategia delle compagnie telefoniche è stata proprio quella di ritardare al massimo l'introduzione del Wimax in Italia, in modo poi da raggiungerlo in prestazioni con l'umts.
Mi sà che il Wimax in Italia è un morto che cammina
Commento # 8 di: benegi pubblicato il 24 Luglio 2008, 13:33
Originariamente inviato da: Stefano5
Mi sà che il Wimax in Italia è un morto che cammina

Può essere visto che i vari carrier italiani e non... si sono messi in accordo per ritardarlo.... ma sarà un morto che darà parecchio filo da torcere dato che :

BreezeMAX™ è la premiata piattaforma WiMAX di Alvarion interamente progettata
secondo le specifiche IEEE 802.16 utilizzando la tecnologia OFDM per le funzionalità
avanzate NLOS (Non-Line-Of-Sight). Il design di classe carrier supporta le velocità
broadband e la qualità del servizio (QoS) che consentono agli operatori di offrire servizi
“triple-play”, in grado di garantire la trasmissione contemporanea di video, audio e dati,
a migliaia di abbonati da un'unica stazione base. Dal lancio, avvenuto a metà 2004, il
sistema BreezeMAX è stato implementato con successo in oltre 150 installazioni in più
di 30 paesi del mondo.


Di seguito un elenco di chi e dove viene già utilizzato il servizio :

- Altitude Telecom* (France),
- AXTEL* (Mexico),
- BEC Telecom, S.A.* (Dominican Republic),
- Dedicado* (Uruguay),
- Globe/Innove* (Philippines),
- Iberbanda (Spain),
- Irish Broadband* (Ireland),
- SferaNET* (Poland),
- Mikkelin Puhelin Oyj* Â and Savonlinnan Puhelin Oy* (Finland),
- Telgua* (Guatemala),
- Ukrainian High Technologies* (Ukraine),
- WiMAX Telecom* (Austria and Slovakia).
- Americatel Peru S.A.* (Peru),
- Call Plus* (New Zealand),
- Chunghwa Telecom Co. Ltd.* (Taiwan),
- DBD Deutsched Breitband Dienste GmbH* (Germany),
- Digicel* (Caribbean),
- Entel* (Chile),
- Ertach* (Argentina),
- Integrated Telecom Company* (Saudi Arabia),
- Next Mobile* (Philippines),
- Taiwan Fixed Networks* (Taiwan)
- VeloCom* (Argentina).

ciao
Commento # 9 di: Stefano5 pubblicato il 24 Luglio 2008, 16:47
Ma infatti credo anch'io nelle potenzialità del Wimax: http://it.wikipedia.org/wiki/WiMAX#Standard
e credo pure che tutte le pubblicità martellanti che i principali carrier stanno facendo per le chiavette/modem UMTS, per lo più vincolandoti con un contratto a due anni, rappresenti proprio la PAURA che Wimax gli soffi l'affare
Resta da vedere in quanti di quelli nelle mie condizioni (senza copertura adsl) riusciranno ad aspettare che il Wimax arrivi anche in Italia.
Io ho già buttato la spugna e mi sono fatto un contratto con la 3.
Poi si stanno anche delineando nuovi mercati, come quello dei servizi Wimax per telefonia mobile, oppure anche tv in mobilità, ma credo che almeno quest'ultima sia preclusa in Italia in quanto è espressamente indicato nel bando che le frequenze Wimax non potranno essere utilizzate a tale scopo.
Ce l'hanno messa proprio tutta la buona volontà per affossarlo

Ciao.
Commento # 10 di: spidertex pubblicato il 24 Luglio 2008, 17:16
Originariamente inviato da: Stefano5
Poi si stanno anche delineando nuovi mercati, come quello dei servizi Wimax per telefonia mobile, oppure anche tv in mobilità, ma credo che almeno quest'ultima sia preclusa in Italia in quanto è espressamente indicato nel bando che le frequenze Wimax non potranno essere utilizzate a tale scopo.
Ce l'hanno messa proprio tutta la buona volontà per affossarlo

o forse la volontà era proprio quella di non affossarlo.
mi spiego meglio; se avessero lasciato la possibilità di utilizzarlo per la telefonia e la televisione in mobilità, probabilmente tutti avrebbero utilizzato le frequenze intal senso in quanto decisamente più remunerativo.
Invece così chi ha avuto le licenze e le relative frequenze [U]deve[/U] portare la banda larga dove questa oggi non c'è.

ciao
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »