Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Steinway & Sons, dai pianoforti all'High-End

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 17 Maggio 2007, all 10:03 nel canale DIFFUSORI

“Il marchio di pianoforti più prestigioso al mondo ha stretto una joint-venutre con la danese Lyngdorf Audio per la realizzazione di sistemi audio-video senza compromessi, anche nel prezzo”

Nel mondo dell'audio, ci sono pochi marchi tanto prestigiosi quanto quello di Steinway and Sons, costruttore di pianoforti da ben 154 anni. Ormai di proprietà interamente statunitense, i gran coda Steinway rappresentano il sogno di qualsiasi pianista e calcano la scena dei più prestigiosi auditorium in tutto il mondo e un recente accordo con i danesi Lyndorf Audio porterà alla nascita i sistemi audio-video High-End senza compromessi e per pochi fortunati eletti.

La joint-venture Steinway Lyngdorf si è posta l'ambizioso obiettivo di realizzare sistemi in grado di assicurare "prestazioni insuperabili, incredibile valore e un'esperienza di ascolto straordinaria". Il primo frutto di questa collaborazione sarà il Model D, un sistema audio composto dall'amplificazione e un set di diffusori (probabilmente multicanale) che integreranno la tecnologia Lyngdorf RoomPerfect automatic acoustic calibration. Del Model D verranno realizzati solo 100 esemplari che saranno disponibili a partire dal prossimo autunno per pochi fortunati acquirenti disposti a staccare un assegno di circa 150.000 dollari.

Steinway and Sons non è in realtà il primo costruttore di pianoforti ad entrare nel mondo dell'audio, visto che l'altrettanto prestigioso costruttore austriaco Bösendorfer ha già in listino da qualche anno dei diffusori high-end che meritarono una copertina di Audio Review.

Fonte: Engadget



Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: kaljeppo pubblicato il 17 Maggio 2007, 11:00
Bosendorfer docet, ma almeno la casa austriaca si è mantenuta su costi più o meno umani, qui si va veramente oltre....
Commento # 2 di: GIANGI67 pubblicato il 17 Maggio 2007, 11:03
Roba da sceicchi,e il brutto e' che spesso chi puo' acquistare oggetti come questi lo fa per vanteria e non ci capisce nulla.
Commento # 3 di: Microfast pubblicato il 17 Maggio 2007, 11:38
Il vero plus di sto sistema ultracostoso e' il realta' la correzione digitale dell'acustica ambientale .......

Possibilita' utilizzabile da anni in barba alle teorie puriste
Commento # 4 di: Brigno pubblicato il 17 Maggio 2007, 12:49
Quando si parla di DRC non manchi mai
La mia attesa sta per terminare...
Commento # 5 di: Microfast pubblicato il 17 Maggio 2007, 14:40
Bene, speriamo che poi ti dai da fare un po anche tu per la causa ....