Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

IFA: il ritorno di Technics

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 04 Settembre 2014, all 00:00 nel canale DIFFUSORI

“Dopo alcuni anni di oblio, Panasonic decide di dare nuova vita al glorioso brand Technics che tanto ha rappresentato in più di trent'anni nel settore dell'alta fedeltà a partire dalla fine degli anni '60”

Berlino, 3 settembre 2014. Al termine di una una conferenza stampa che si apprestava a terminare senza clamore, Panasonic ha chiuso con un vero colpo di scena, annunciando oggi il ritorno sul mercato del glorioso marchio Technics, tanto amato quanto innovativo e sinonimo di qualità per alcune categorie di prodotti come i giradischi con trazione diretta, diffusori ed elettroniche analogiche e digitali. Il ritorno nell'Alta Fedelità di Technics inizierà in Europa a partire da Dicembre, per poi diffondersi progressivamente anche nelle altre regioni del mondo.

L’annuncio è stato fatto da Michiko Ogawa, al termine di una intensa esibizione al pianoforte della brava e popolare pianista jazz giapponese, già ingegnere audio in Technics e direttrice del nuovo progetto Technics che si propone di “riscoprire la musica”. Ogawa ha spiegato che i nuovi prodotti sono basati sulla concezione “Technics Definitive Sound”, fondata su decenni di sviluppi ed esperienze nella tecnologia audio.

“Cresciamo scoprendo di volta in volta nuovi tipi di musica capaci di commuoverci. Purtroppo, con il passare degli anni e sempre più distratti da tutto quello che succede nelle nostre vite, rischiamo di perdere l’approccio alla musica, istintivo e immediato, che avevamo”, ha dichiarato Ogawa che ha continuato: “con i nuovi modelli Technics ci proponiamo di suscitare la sensazione di “riscoprire la musica”, aiutando gli ascoltatori a provare quel coinvolgimento e quell’entusiasmo che credevano di avere perso”.

Technics, inizialmente, lancerà due serie di prodotti: il sistema R1 “reference-class” e il sistema C700 “premium-class”. La serie R1 “Reference Class” consiste in tre componenti audio hi-fi:

- Amplificatore di potenza stereo SE-R1
- Lettore Controller Network Audio SU-R1
- Sistema di diffusori SB-R1

La serie C700 “Premium Class” consiste in quattro componenti hi-fi. Per quanto riguarda la nuova modalità network audio, Panasonic non è scesa a compromessi nella qualità del suono, adottando le stesse tecnologie base che caratterizzano la Reference Class:

- Amplificatore Stereo Integrato SU-C700
- Lettore Network Audio ST-C700
- Lettore di Compact Disc SL-C700
- Sistema di Diffusori SB-C700

Faremo la conoscenza dei nuovo prodotti Technics nei prossimi giorni, durante le intense giornate della fiera, quando saremo ospiti presso lo stand Panasonic per un briefing sui prodotti e sul futuro del glorioso marchio giapponese che è tornato alla ribalta dopo troppi anni di oblio.



Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Mac Pro pubblicato il 04 Settembre 2014, 02:35
OBLIO...OBLIO...: ma in cuor mio

ho già tradito e sono passato due anni fa a Denon 4520...
Non nego che per chi si è fatto le ossa con i gloriosi e storici componenti Hi-Fi Technics sia un alto tradimento...ma: cara Matsushita dove sono i mitici giradischi a trazione diretta di una volta ? Li rimetterai in produzione oppure non c'è più alcuna speranza ? c'è sempre la Sacra Rota per riannodare i fili di un matrimonio che fu glorioso ma si spense non consumato all'alba della nascita dell'audio-video-surround-Dolby-AC3-DTS-Atmos.......e via dicendo !
Io aspetto assieme al sacro spirito del fondatore Konosuke...ora non mi tradire tu, storica Matsushita-Technics !
Commento # 2 di: MDT360 pubblicato il 04 Settembre 2014, 03:42
Originariamente inviato da: Mac Pro;4233309
ma: cara Matsushita dove sono i mitici giradischi a trazione diretta di una volta ? Li rimetterai in produzione oppure non c'è più alcuna speranza ? c'è sempre la Sacra Rota p..........[CUT]


Se technics rimette in commercio i giradischi DD, tra cui il mitico 1200 la Hanpin e tutte le compagnie che fanno affidamento a ques'ultima falliscono nel giro di un anno.

Lunga vita ai DD Technics, lunga vita al 1200!
Commento # 3 di: Stefanobest64 pubblicato il 04 Settembre 2014, 13:03
speriamo in amplificatori e lettori da alta fedeltà
Mi piacerebbe un ampli integrato ibrido con valvole.
Ci farei un pensierino..........
Commento # 4 di: Giova3419 pubblicato il 05 Settembre 2014, 17:23
Sulle elettroniche non mi pronunzio. Sui diffusori, invece (mi riferisco ai grandi R1), non posso fare a meno di rilevare che si tratta dell'ennesimo tower dall'aspetto curato e dalle forme canoniche se non banali con gli immancabili altoparlanti di dimensioni standard.

Se vi andate a vedere i diffusori Technics del passato, a partire dalle mastodontiche SB-9500 o SB-10000 in giù ma anche le EB-200 o EB-100 (almeno, mi pare si chiamassero così dalle dimensioni umane capite cosa intendo.

Comprendo che il momento è tutt'altro che florido (mentre gli anni dei diffusori di cui sopra invece sì quindi neppure propizio ad un rientro ma dal mio punto di vista o tale rientro non si fa, aspettando tempi migliori o se lo si fa lo si fa col coraggio di cercare di dire qualcosa di diverso nel panorama HiFi; qualcosa che colpisca e renda immediatamente riconoscibile il marchio che, in quanto assente da un pò, ne ha certamente il bisogno.

Sicuramente ci sarebbero voluti anche modelli come quelli di cui sopra (perché le vendite ed il business in genere è fatto anche di numeri) ma uno spettacolare flagship a tromba (se non una linea flagship almeno con medioalti a tromba) partendo dai progetti delle storiche ammiraglie di cui sopra, opportunamente aggiornati, avrebbe creato un'appeal ed un'immagine del marchio, immediatamente riproiettato nelle menti degli appassionati tra i migliori marchi HiEnd che avrebbe sicuramente giovato a tutti i prodotti. Ciò di cui ha bisogno un grande marchio che cerca il rientro.

Dal mio punto di vista fare un rientro in sordina è la peggiore delle scelte.