Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Stratosferico cast per "Il codice da Vinci"

di Alessio Tambone, pubblicata il 22 Aprile 2005, all 10:54 nel canale CINEMA

“Continua a delinearsi il cast de "Il Codice da Vinci", trasposizione cinematografica dell'omonimo best-seller di Dan Brown. Altri due importanti nomi si aggiungono al già nutrito cast.”

Mancano poche settimane al primo ciak della trasposizione cinematografica de Il codice da Vinci, best-seller dell'ultima stagione letteraria scritto da Dan Brown. Circa un mese fa vi avevamo informato delle prime comunicazioni ufficiali riguardo al cast (è possibile rileggere la news qui). Oggi continuiamo, comunicandovi altri due grandi nomi che si aggiungono al cast. Ad interpretare l'eccentrico Lord inglese Sir Teabing è stato chiamato Ian McKellen, l'indimenticabile Gandalf de Il Signore degli Anelli, mentre Alfred Molina, dopo la sua buona prova con il dottor Octopus in Spider-man 2, sarà il vescovo Arigarosa, altra importante figura del romanzo.

Grandi nomi quindi, che si vanno ad aggiungere al già nutrito cast formato da Tom Hanks, Audrey Tautou, Jean Reno e Ron Howard alla regia. Inoltre, secondo alcune indiscrezioni, Christopher Eccleston (28 giorni dopo) potrebbe accettare il ruolo dell'albino Silas, mano devota dell'Opus Dei. In questa direzione andrebbe interpretato quindi il mancato rinnovo di contratto di Eccleston per la serie televisiva inglese Dr. Who. Ma riguardo questa notizia non c'è ancora nessuna comunicazione ufficiale. Non sembra invece verosimile, per lo stesso ruolo, l'informazione che vedeva Jim Carrey in procinto di firmare il contratto.

Cosa aggiungere. Un cast da primato, come da primato sono i milioni di dollari (sei) sborsati dalla Sony per aggiudicarsi i diritti del libro. Come vi avevamo già accennato, l'inizio delle riprese è previsto per fine maggio, mentre l'uscita nelle sale dovrebbe avvenire nell'estate del 2006. Vogliamo scommettere sul successo?



Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: sasadf pubblicato il 22 Aprile 2005, 12:39
e ci mancherebbe!! pèerò stavolta voglio prima leggermi il libro...non so se capita anche altrove, ma in ogni sala di attesa che ho frequentato ho visto gente con questo libro in mano, avvinta dalla storia..
c'entrerà sicuramente l'atmosfera, psuedo mistica che si respira dopo il lutto del Papa, ma penso che illibro meriti davvero...

walk on
sasadf
Commento # 2 di: Alessio Tambone pubblicato il 22 Aprile 2005, 14:06
Ciao sasadf,

io ho letto il libro. Sicuramente è un bel romanzo. La storia è molto affascinante e, come dimostrato dai nuovi libri pubblicati in tutta fretta, accende nel lettore un voglia di ricerca, che ti spinge a documentarti sui dipinti e sulle storie raccontate per capire dove finisce la realtà e dove inizia l'invenzione dello scrittore.

Spero molto nella riuscita del film, ricordando però quanto in genere vengono massacrati i libri nelle trasposizioni cinematografiche. Il cast è assolutamente fantastico e l'accostamento che faccio nella mia mente tra il personaggio che ho immaginato durante la lettura e l'attore scritturato mi soddisfa molto.

Non voglio però cantare vittoria troppo presto. I film più attesi sono quelli che a volte ti deludono di più (Star Wars III ?).

A presto!
Commento # 3 di: steve pubblicato il 22 Aprile 2005, 14:34
Anch'io ho letto il libro e lo consiglio vivamente a tutti: è veramente un bel romanzo e la storia è così avvincente che viene voglia di leggerlo tutto d'un fiato (io l'ho letto in 3 giorni )
E' stato criticato (soprattutto dalla chiesa) perchè all'interno conterrebbe molte falsità ma secondo me sono critiche ingiustificate perchè è un romanzo e non un libro di storia.
Poi, documentandosi, ci si rende conto che invece molte cose sono vere: per esempio quando parla dell'Ultima Cena (il quadro) sono rimasto stupefatto nel vedere che quello che fa dire ai suoi personaggi è effettivamente vero (non c'avevo mai fatto caso )
Andrò senz'altro a vedere il film sperando che, come NON succede per la maggiorparte delle volte, la trasposizione cinematografica sia all'altezza del libro.
Commento # 4 di: Alessio Tambone pubblicato il 22 Aprile 2005, 14:56
steve ha scritto:
Poi, documentandosi, ci si rende conto che invece molte cose sono vere: per esempio quando parla dell'Ultima Cena (il quadro) sono rimasto stupefatto nel vedere che quello che fa dire ai suoi personaggi è effettivamente vero (non c'avevo mai fatto caso )


IDEM
Commento # 5 di: gparlav pubblicato il 22 Aprile 2005, 19:18
Il libro è molto bello e consiglio a tutti di leggerlo. Ma deve essere letto come un romanzo, e come tale valutato.

Per quanto riguarda gli elementi reali inseriti nello stesso, tenete conto che l'autore è stato citato per plagio da due differenti autori di altri libri, cui Dan Brown si sarebbe ispirato raccattando spunti e idee per fare il suo.

Se potete leggete anche Angeli e Demoni, precedente al Codice da Vinci ma diventato famoso dopo il successo di quest'ultimo. Per chi vive a roma fa venire la tentazione di fare un tour artistico - religioso per vedere come ha collegato varie opere d'arte realmente esistenti in una trama molto poco verosimile.

Gaetano