Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

"Ritorno al Futuro" in digitale 2K al cinema!

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 23 Agosto 2010, all 08:12 nel canale CINEMA

“A distanza di 25 anni, il primo episodio della trilogia di "Ritorno al Futuro" è pronto a tornare nelle sale cinematografiche in versione digitale 2K, frutto del lavoro di restauro effettuato in occasione della realizzazione delle edizioni Blu-ray”

Per promuovere l'uscita del cofanetto Blu-ray della trilogia di "Ritorno al Futuro", Universal Pictures ha deciso di riproporre nelle sale cinematografiche digitali il primo episodio della saga firmata da Robert Zemeckis. Per ora questa operazione è stata ufficializzata unicamente per il Regno Unito, dove il film verrà proiettato in digitale 2K in circa 200 sale unicamente per due settimane a partire dal 1 ottobre.

Questa nuova uscita in sala potrà godere del nuovo master digitale (completo di restauro e scansione a 4K) utilizzato anche per l'edizione Blu-ray prevista in uscita in Italia a partire dal prossimo 27 ottobre (vedi news). Rimaniamo a questo punto in attesa di scoprire se l'uscita nelle sale sarà prevista anche per altri mercati (Italia compresa).

Fonte: BTTF.net



Commenti (17)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: zorro101 pubblicato il 23 Agosto 2010, 08:51
ma allora me lo vedo a casa in blu-ray, tanto 2K è la stessa risoluzione, no?!!!
Commento # 2 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 23 Agosto 2010, 09:20
Ni, nel senso che la risoluzione orizzontale è leggermente superiore, il 2K cinematografico usa il codec Jpeg2000 a 12bit (contro gli 8 bit dei Blu-ray) e non ultimo la base dello schermo cinematografico!!!!

Io per esempio ci andrei a rivederlo al cinema in digitale...ma dovrebbe essere una sala di serie A!

Gianluca
Commento # 3 di: zabaleta pubblicato il 23 Agosto 2010, 13:04
Si, comunque il Blu Ray è pressapoco come avere i film in digitale 2k in casa.
Per quanto io ami i film di Ritorno al Futuro non so se spenderei ulteriori soldi per rivederlo al cinema (anche se ho una fame di film in 2k da quando ho visto IRON MAN 2 all'Ideal di Torino) meglio tenersi i soldi per il cofanetto blu ray. Certo, essendo qui in italia la cosa è del tutto ipotetica.
Commento # 4 di: zorro101 pubblicato il 23 Agosto 2010, 13:48
difatti io l'ho già preacquistato (tra l'altro a SOLO 29€)
se vi interessa -> http://www.dvd-store.it/
ciao
Commento # 5 di: Edoardo Ercoli pubblicato il 25 Agosto 2010, 00:10
Senza entrare troppo nei dettagli tecnici l'esempio Predator Hunter edition vi fa capire qual è la tendenza attuale della produzione dei Blu-ray; in rapporto ai passi avanti fatti dai codec attuali potremmo quasi dire si facevano meglio nel 2006 quando il mercato era di nicchia che oggi. Il discorso di levare la grana col DNR a film che ce l'hanno nel negativo sta offrendo prodotti piuttosto deludenti. I risultati buoni si vedono sui film vecchi SOLO quando si fa una scansione almeno 4K dal neg originale, negli altri casi siamo a livello di DVD upscalato (e c'è anche chi fa quello nei Blu-ray). Il fatto che il Blu-ray è pressappoco come avere i film digitali 2K a casa è abbastanza lontano dalla realtà; è vero che la differenza è poco più di 100 linee verticali nei film cinemascope e di appena 78 linee verticali negli 1,85:1 (quindi a dire il vero irrilevante), ma non è solo la risoluzione che conta. La colorimetria e la scala dei grigi sono parametri ugualmente importanti, e qui il Blu-ray con i suoi 8 bit e lo spazio colore HDTV soffre. Mi associo a Gianluca che andrebbe a rivederlo anche in inglese in una sala degna!
Commento # 6 di: zabaleta pubblicato il 25 Agosto 2010, 00:21
Bhe, l'home video non è mai il cinema, quindi qual'è la novità?
Commento # 7 di: Edoardo Ercoli pubblicato il 25 Agosto 2010, 00:36
il Blu Ray è pressapoco come avere i film in digitale 2k in casa


appunto, questa sarebbe la novità se fosse così
Commento # 8 di: zabaleta pubblicato il 25 Agosto 2010, 02:59
Ma è tutto in proporzione capitano. Se il Blu ray è come avere PRESSAPOCO il cinema 2k in casa? La risposta è si e non ho detto che lo è, ma che è molto vicino e comunque rimane un prodotto home, sarebbe assurdo asserire il contrario.

Francamente sono più perplesso sulle dichiarazioni precedenti, che fai di tutta l'erba un fascio, con la quastione dei filtri e balle varie. Come se ci trovassimo sempre prodotti mediocri. Che diavolo, c'è caso e caso. C'è il caso Predator, che hai citato, ma c'è anche Braveheart. Tutta sta tendenza catastrofica mi sembra un pò troppo paranoico, anche per tutti i casi che sono capitato. Che è una realtà che ci sia poca attenzione alla qualità del prodotto qualche volta è un fatto, ma non una certezza matematica. Poi sta cosa che si facevano meglio nel 2006 è opinabile...
Commento # 9 di: Edoardo Ercoli pubblicato il 25 Agosto 2010, 09:49
Io mi sono riferito solo ai film vecchi, visto che per i nuovi le case hanno a disposizione il digital intermediate che viene direttamente da negativo. E non c'è solo Braveheart come caso valido di recupero di film datato, possiamo annoverare per esempio La Conquista del West, ma sono casi in cui è stato fatto un lavoro lungo e costoso che ha portato al risultato di prestigio. La scansione ALMENO a 4K è indispensabile sui film con vecchi negativi che hanno grana grossa, altrimenti il prodotto finale delude, ovviamente costa e non sempre si fa. Per Ritorno al Futuro mi aspetto cmq un bel prodotto visto che sembra ci abbiano lavorato parecchio. Giusto per completezza di casi in cui il risultato è scadente ti cito l'insospettabile Disney che nei Classici come Biancaneve, Dumbo etc. inserisce i vecchi cartoni degli anni 30 e 40 (tra l'altro vere opere d'arte) upscalati da SD (Digital Betecam) a 1080P e spacciandoli per HD; in quei casi l'unico prodotto HD nativo è il film mentre tutti i contenuti millantati sulla fascetta in full HD sono in realtà SD. Ci sono cmq tante case italiane che regolarmente upscalano da SD a 1080p quando non hanno il master HD nativo, vendendoti un DVD al prezzo di un Blu-ray; i casi quindi non sono così rari, anche senza tirare in ballo il DNR (che su richiesta del pubblico americano principalmente che non vuole vedere la grana viene applicato sempre più pesantemente).
Commento # 10 di: zabaleta pubblicato il 25 Agosto 2010, 12:34
Ma si, siamo d'accordo, ci sono lavori pessimi e approssimativi e altri studiati a tavolino. Ma è sempre così.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »