Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

MP3 gratis con Yahoo! ?

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 25 Gennaio 2008, all 10:02 nel canale CINEMA

“Secondo indiscrezioni, Yahoo! starebbe lavorando ad un nuovo modello di business per estendere le sue vendite di musica online e il progetto prevede anche la distribuzione gratuita finanziata con la pubblicità”

Già presente nel mercato delle vendite musicali online da diversi anni con il portale "Yahoo! Music", il celebre motore di ricerca sembra fortemente intenzionata ad estendere la propria quota di mercato, attualmente dominata da Apple e dal suo "iTunes Store". Indiscrezioni riportate da diversi autorevoli siti internazionali parlano di fitti contatti tra i vertici di Yahoo! e le principali major discografiche per proporre la vendita di musica MP3 senza DRM, ma la vera novità su cui punterebbe Yahoo! sarebbe la possibilità di proporre un servizio musicale totalmente gratuito per gli utenti e finanziato dalla pubblicità 

Yahoo! avrebbe intenzione di lanciare il nuovo servizio entro la fine del 2008 e l'accordo con le principali case discografiche sarebbe a questo punto solo questione di dettagli. Ormai il modello delle vendite senza protezioni non sembra più spaventare le major, con Universal, Sony BMG, Warner e EMI che hanno già da qualche mese supportato le iniziative dei vari portali di vendita. In questo senso, ricordiamo che Yahoo! fu un precursore visto che fu uno dei primi siti a sperimentare la vendita di alcuni brani musicali senza protezioni DRM e chissà che non stia per arrivare l'era della distribuzione legale della musica gratuita?

Fonte: Clubic



Commenti (1)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: roentgen pubblicato il 26 Gennaio 2008, 19:11
I DRM come i vari sistemi di protezione anticopia (leggi ad esempio protezioni per i Blu Ray) hanno sempre e solo sfavorito e fatto danni ai possessori autorizzata ed onesti, chi vuole il prodotto alternativo lo trova comunque, anche a scapito della qualità (ma non sempre) e se ne infischia di DRM, protezioni anticopia e quant'altro...