Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

In USA il 3D piace più del 2D

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 15 Luglio 2008, all 10:24 nel canale CINEMA

“E' uscito nelle sale statunitensi l'atteso "Journey to the Center of the Earth". Il film viene distribuito anche in versione 3D e per la prima volta gli incassi hanno superato quelli della versione 2D”

Con 21,02 milioni di dollari incassati in un solo fine settimana, il nuovo "Journey to the Center of the Earth" (remake di "Viaggio al centro della Terra" tratto dal romanzo di Jules Verne) si è subito piazzato al terzo posto del box office statunitense preceduto solo da "Hancock" e "Hellboy II". Ma questa ottima performance va anche letta in un'altra ottica: il film, distribuito da New Line, è uscito anche in versione D-Cinema 3D (con tecnologia RealD 3D) e quest'ultima ha rappresentato il 55% degli incassi totali, con un fatturato 3,7 volte superiore alla versione D-Cinema 2D dello stesso film. Molto probabilmente questo risultato è anche frutto di un prezzo del biglietto per la versione 3D superiore a quello della normale proiezione 2D, ma rimane comunque il fatto che per la prima volta un film in versione 3D sta incassando più della versione 2D

"Siamo estasiati dai risultati di "Jouney to the Center of the Earth" in 3D Il successo di questo film sta spingendo il 3D verso nuovi traguardi e RealD si conferma un partner determinante per il successo al box office" ha dichiarato Dan Fellman, Presidente di Warner Bros. Distribution (casa madre di New Line).Il CEO di RealD Michael Lewis ha da parte sua dichiarato: "Questo è un incredibile successo per i nostri colleghi di Warner Bros, nonché per gli esercenti che hanno scelto la nostra tecnologia RealD 3D. E' ormai chiaro che gli spettatori hanno saputo cogliere la migliore esperienza assicurata dalla proiezione RealD 3D per questo fantastico film estivo. Con oltre 5.500 sale che installeranno la tecnologia RealD 3D nei prossimi due anni, RealD si sta velocemente affermando come una forza chiave per lo sviluppo contemporaneo delle produzioni cinematografiche e gli esercenti."

Tutto ciò in attesa dell'uscita delle produzioni DreamWorks Animation, Pixar e del ritorno di James Cameron con il suo "Avatar" in 3D previsto in uscita a dicembre 2009 distribuito da 20th Century Fox.

Fonte: RealD



Commenti (40)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: GIANGI67 pubblicato il 15 Luglio 2008, 10:31
E' sicuramente il titolo adatto per il 3D,e se l'impianto e' fatto a regola d'arte e' grande spettacolo.Pero' non e' cinema,IMHO.
Commento # 2 di: Dave pubblicato il 15 Luglio 2008, 10:45
Giangi, rispetto la tua opinione, ma al di là della qualità artistica sempre cinema è, no? Oppure ti riferisci al 3D?
Commento # 3 di: GIANGI67 pubblicato il 15 Luglio 2008, 10:47
Voglio dire che va benissimo per determinate categorie di film,piu' spettacolari,ma se c'e' una storia o un dramma da raccontare preferisco il buon vecchio 2D
Commento # 4 di: DartDVD pubblicato il 15 Luglio 2008, 10:50
Vabbè, ai contenuti ci penseranno registi geniali come Cameron:
Il suo Avatar segnerà una svolta epocale, imho. Tenetevi pronti
E non dimentichiamo che anche Pixar sarà presto della partita.

Il 3D ha potenzialità inimmaginabili, imho: e non parlo di meri brividi da parco di divertimento ma di peculiari capacità espressive.

Ad esempio, non oso immaginare cosa ci avrebbe combinato Hitchcock, regista che in più di un'occasione aveva palesato il suo interesse per questa tecnica.

In ogni caso, possiamo già gioire del fatto che la tecnologia 3D sia più che mai efficace e matura, e, soprattutto, facilmente diffondibile. I contenuti arriveranno presto, non disperate
Commento # 5 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 15 Luglio 2008, 10:53
Sinceramente non capisco: il cinema è spettacolo (anzi il termine inglese entertainment rende ancora meglio l'idea) e come tutte le cose si evolve per garantire sempre un maggiore coinvolgimento.
E poi perché il 3D non dovrebbe essere cinema? allora a questo punto non è cinema neanche l'audio multicanale (che a ben pensarci non è altro che un 3D applicato all'audio)...eppure ormai è diventato scontato per qualsiasi film (tranne per quelli di Woody Allen che si ostina a realizzare film in mono! )

Gianluca
Commento # 6 di: GIANGI67 pubblicato il 15 Luglio 2008, 10:56
Forse avete ragione voi:la mia paura e' che il lato
fisico dello spettacolo possa distrarre da quello narrativo.Ma sono le paure precedenti ad ogni svolta tecnologica epocale... e comunque prima che arrivi da noi su larga scala ce ne vorra'.
Commento # 7 di: stazzatleta pubblicato il 15 Luglio 2008, 11:07
il 3D è sempre stato uno dei miei pallini ho sempre odiato però gli occhialini rosso/verde.
se oggi la tecnologia permette una visione tridimensionale senza sballare i colori, non posso che esserne felice.
speriamo si diffonda anche in fretta per poi poter proseguire in ambito home
Commento # 8 di: DartDVD pubblicato il 15 Luglio 2008, 11:19
Io ci ho visto Beowulf e I Robinson (proiezione D-cinema con occhialini polarizzati elettronici):
manca ancora qualcosa in luminosità ma l'effetto fa paura.

Poi, vabbè, non parliamo dell'IMAX 3D che è il nirvana ma purtroppo è una tecnologia non diffondibile su larga scala, almeno in versione analogica.
Commento # 9 di: Luciano Merighi pubblicato il 15 Luglio 2008, 11:23
sono sempre stato un precursore lungimirante...

quando vidi Pong in sala giochi nel 1971, sentenzia: Questi giochi TV non dureranno molto...

quando vidi Wolfenstein 3D dissi: Sto tridimensionale in prima persona, romperà presto i maroni...

Ora siccome penso che il cinema 3d non abbia futuro... Le premesse per il suo successo ci sono tutte
Commento # 10 di: Dave76 pubblicato il 15 Luglio 2008, 11:58
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »