Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Co-produzione "spaziale" Disney / IMAX

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 29 Marzo 2013, alle 09:47 nel canale CINEMA

“Dopo anni di collaborazioni nella distribuzione di film in formato IMAX, tra cui l'ultimo "Il Grande e Potente Oz". Disney e IMAX hanno siglato per la prima volta un accordo di partnership per la co-produzione di un film-documentario ambientato nello spazio e che verrà realizzato da Tony Myers in collaborazione con la NASA”


Un fotogramma tratto dal documentario IMAX "Hubble"

La Disney e IMAX hanno siglato un accordo per la produzione congiunta di un ambizioso film-documentario ambientato nello spazio. Dopo anni di collaborazioni nella distribuzione di film in formato IMAX, a cominciare da "Fantasia 2000" fino ad arrivare al recente "Il Grande e Potente Oz", i due gruppi hanno deciso per la prima volta di lavorare a stretto contatto ad un progetto che vedrà coinvolta anche l'agenzia spaziale americana NASA. Il lungometraggio, che verrà realizzato in 3D, sarà affidato a Tony Myers, un veterano delle riprese in IMAX e già autore di documentari in IMAX 3D come "Space Station 3D" o "Hubble 3D".

Il nuovo film targato Disney e IMAX è previsto in uscita nel corso del 2015 e verrà proiettato in esclusiva nelle sale IMAX 3D di tutto il mondo.

Per maggiori informazioni: comunicato stampa (in inglese)

Fonte: IMAX



Commenti (7)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: g_andrini pubblicato il 29 Marzo 2013, 10:01
L'IMAX, a mio parere, è un formato morto, sia nella versione analogica che digitale.

Il futuro nella proiezione cinematografica, a mio parere, va verso sale relativamente piccole, molto economiche da gestire.
Commento # 2 di: ...zed... pubblicato il 29 Marzo 2013, 14:12
spero vivamente che non sia cosi...piuttosto che andare a vedere un film in una sala relativamente piccola (e presumibilmente anche con audio relativamente scarso) tanto vale starsene a casa se appena si ha un pannello/vpr di dimensioni accettabili, tenendo conto che fino a qualche anno fa i cinema si trovavano nei centricittà, mentre ora sono quasi tutti grossi multisala vicino CC o cmq fuori dalle mura urbane, non vedo motivo di costruire cinema castrati in assenza di vincoli di alcun tipo

sarebbe cmq stato interessante vedere certi registi del passato raffrontarsi con il formato imax..certo che oggi visto l'andazzo del cinema degli ultimi anni è quasi inutile spendere tanto x realizzare scene imax (o addirittura un film intero) quando la gente poi va a vedere boldi/de sica

certo a me ispira di piu un bel documentario imax tipo questo che un altra ca**ta a stelle strisce politicamente (s)corretta in stile Argo o Lincoln..
Commento # 3 di: g_andrini pubblicato il 29 Marzo 2013, 19:31
[editato]
Commento # 4 di: SydneyBlue120d pubblicato il 30 Marzo 2013, 00:22
Originariamente inviato da: g_andrini;3834220
La qualità delle proiezioni digitali attuali è pessima, in qualunque configurazione. Il motivo sta nei limiti dei chip DLP/SXRD, inferiori in resa alla pellicola, con alte luminosità.


Ah si? Spiega bene, magari portando anche qualche numero a sostegno della tua tesi.
Commento # 5 di: jedi pubblicato il 30 Marzo 2013, 06:21
basta parlare

Ma perche' la gente parla a sproposito ,cosi' tanto per dire qualcosa?
Il cinema (per sua natura),deve assolutamente avere uno schermo grande(vedi Arcadia Melzo),per poter coinvolgere lo spettatore nei suoi due sensi (vista ed audio).Il cinema digitale (nella sua forma migliore)ha fatto passi enormi e l'unico problema e' che bisogna investire moltissimi soldi .
Se uno pensa che le sale piccole siano il futuro ,mi sa che non conosce il mercato.
Ottimi proiettori(di qui io ne possiedo JVC RS56),e con scermi di dimensione che nessun televisore possa arrivarci(almeno a livello consuner),danno grandissime soddisfazioni,ma le sale cinema Top saranno sempre un passo avanti
Marco
Commento # 6 di: ...zed... pubblicato il 30 Marzo 2013, 13:41
concordo con Jedi, la prima volta che sono stato all'arcadia ho avuto l'impressione di non essere mai stato al cinema, e se proprio devo andarci (quelle poche pochissime volte in cui ne vale davvero la pena) non prendo nemmeno in considerazione l'idea di andare in un altro cinema con schermo relativamente piccolo anche se x andare all'arcadia ci metto 40 minuti, ne val ben la pena
Commento # 7 di: g_andrini pubblicato il 30 Marzo 2013, 18:43
[editato]