Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Avatar: 3 nuovi capitoli in arrivo dal 2016

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 02 Agosto 2013, alle 10:53 nel canale CINEMA

“Avatar non sarà una trilogia, bensì una quadrilogia, con James Cameron che prepara quindi 3 nuovi capitoli della sua saga di fantascienza in 3D. L'uscita del secondo episodio è previsto per dicembre del 2016, cui seguiranno il terzo e il quarto rispettivamente nel 2017 e 2018”

La 20th Century Fox annuncia ufficialmente l'accordo con la casa di produzione Lightstorm Entertainment di James Cameron e Jon Landau per la distribuzione di 3 nuovi capitoli della saga di "Avatar". I tre nuovi film verranno girati in contemporanea da James Cameron, con Avatar 2 previsto nelle sale di tutto il mondo a partire da dicembre 2016 e gli altri due episodi che arriveranno poi a dicembre 2017 e nel 2018. Gli effetti speciali saranno nuovamente affidati alla WETA Digital e alla stesura delle sceneggiature parteciperanno, oltre allo stesso James Cameron, Rick Jaffa, Amanda Silver, Shane Salerno e Josh Frideman.

Tutti i nuovi episodi saranno ripresi in 3D nativo e rimane a questo punto da capire se James Cameron deciderà o meno di sperimentare nuove frontiere tecniche, come l'High Frame-Rate a 48 o 60 fps.

Per maggiori informazioni: comunicato stampa (in inglese)

Fonte: 20th Century Fox



Commenti (70)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 11 di: Bane pubblicato il 06 Agosto 2013, 18:54
Originariamente inviato da: nordata;3941622
ma non è neanche quel capolavoro che il martellamento del marketing ha fatto credere


Esattamente, se questi film non avessero la pretesa di voler far credere agli spettatori di essere chissà quale meraviglia e novità cinematografica sarebbe tutto ok, il problema e la palese presa per i fondelli è proprio in questo, il marketing li eleva a capolavori del cinema, e sono tutto tranne che questo!
Poi magari un film senza pretese, tranquillo tranquillo, è davvero un capolavoro che meriterebbe magari una visibilità maggiore ma non si può perchè non c'è scritto Jackson o Cameron o Bay (tanto per citarne alcuni)
Commento # 12 di: Maxt75 pubblicato il 06 Agosto 2013, 20:37
Originariamente inviato da: spell;3941869
Vorrei proprio sapere quali sarebbero, per voi detrattori di questo film, i capolavori del cinema. Ovviamente ognuno di noi ha i propri gusti ma ce ne vuole per criticare Avatar....Fatemi qualche esempio per favore, magari vado subito a guardarli...se non l'ho già fatto. (non è una polemica)


Avatar è facilmente criticabile perchè è troppo infantile. E per infantile intendo trama semplice e personaggi senza il minimo carisma, completamente anonimi. Queste sono due incudini per distinguere film complessi e studiati, da quelli ''solo effetti''.
Ci sono poi alcuni casi in cui questi due aspetti coincidono, ma li si parla di saghe immortali e gigantesche, vedi Star Wars o Alien per esempio. Film che si conoscono dopo 40 anni e che oltre ad effetti mirabolanti per l'epoca hanno consegnato cast di tutto rispetto e personaggi passati alla storia.
Se permetti la favola di Avatar, ha un altro target di età, ma non lo dico per darmi un tono, ma perchè lo trovo veramente semplice e superficiale, specialmente nella caratterizzazione dei personaggi.
Tutto sommato il film è piacevole e spettacolare, ma se analizzato, perde colpi su quasi tutti i fronti se paragonato ai ben più noti pilastri del cinema e Cameron con il secondo Alien ha fatto decisamente meglio; e comunque lo ha ammesso pure lui che darà più peso alla storia nei prossimi capitoli, per cui li ha ben presenti anche lui i limiti narrativi del primo film. Speriamo dia una svolta anche alla recitazione degli attori nei vari ruoli, ma più che la recitazione è proprio la caratterizzazione che è mancata.
Commento # 13 di: Motosega pubblicato il 06 Agosto 2013, 21:00
Dai, nel XXI secolo dove la tendenza è quella di fare film con trame sempre piu complicate e veloci, dove basta perdersi una battuta per affogare nel filone, un film importante che si capisce alla prima visione ci stava bene, sopratutto per quelli come me che hanno bisogno di almeno quattro o cinque visioni .
Comunque se non altro il primo capitolo ha entusiasmato per i paesaggi mozzafiato di Pandora.
Commento # 14 di: Subzero pubblicato il 07 Agosto 2013, 09:28
L elenco è lunghissimo.. guardati una classifica di quelle presenti in rete dei top100 della storia che non sbagli..

Originariamente inviato da: spell;3941869
Vorrei proprio sapere quali sarebbero, per voi detrattori di questo film, i capolavori del cinema. Ovviamente ognuno di noi ha i propri gusti ma ce ne vuole per criticare Avatar....Fatemi qualche esempio per favore, magari vado subito a guardarli...se non l'ho già fatto. (non è una polemica)
Commento # 15 di: batmax63 pubblicato il 07 Agosto 2013, 19:22
E' bello cio' che piace indipendentemente da cio' che pensano gli altri.
Ho visto di quei film tra i 100 piu' belli della storia che ci dovrei mettere Avatr anche se non vorrei
Il tutto è sempre con una buona dose si soggettivita', quindi ben venga cio' che si fa vedere volentieri, sia Avatar o meno.
Ad esempio per me i film di Fellini sono di una palla mortale, ma si sa,fa chic dire che piacciono e sono capolavori.....lasciamo ancora spazio al gusto di ognuno....è meglio di qualunque classifica
Commento # 16 di: Nordata pubblicato il 07 Agosto 2013, 19:40
E' giusto che si dia importanza ai gusti personali, ma il tutto dovrebbe anche avere, come dire, una piccola guida.

Questo vale in tutti i campi, non solo nel cinema, ad esempio nelle arti o nella letteratura, se non fosse così moltissimi capolavori non esisterebbero più e sarebbero ormai dimenticati.

Sicuramente è più semplice leggere Novella 4000 che non I Promessi Sposi, che richiede di accendere il cervello, sicuramente c'è chi è felice di avere appeso al muro in casa un quadro del Teomondo Scrofalo di turno acquistato al mercato io, benchè non patito dell'arte, una volta sono rimasto un quarto d'ora seduto a guardare un quadro di Munch.

Non sono un patito di Fellini, anche qui vale il discorso che bisogna accendere il cervello, ma non posso negare che nei suoi film c'è qualcosa, non fosse così allora i film di Alvaro Vitali sarebbero il massimo.

In altre parole: piacere, sì, ma con un minimo di decenza.

Se voglio divertirmi senza problemi mi posso guardare un film con Bruce Willis, già ci fosse Van Damme o Chuck Norris avrei qualche riserva.

Avatar rientra per me nella categoria del spegni e passa un paio d'ore, Transformers in quella dei meglio lasciar stare.

Ciao
Commento # 17 di: batmax63 pubblicato il 07 Agosto 2013, 19:49
E lo spegni e passa un paio d'ore non è per niente male,questo era il mio senso, ogni tanto il cervello ha bisogno di relax,anche guardandosi un film semplice e facile.
Ma lo stesso dicasi per la musica e per tutte le arti o pseudotali dove esistono sfaccettature e/o diferenze di genere
Commento # 18 di: Nordata pubblicato il 07 Agosto 2013, 20:15
Un conto però è rientrare nella categoria spegni e passa un paio d'ore sempre con un minimo di decenza, però, un altro è farlo rientrare nella categoria capolavoro epocale come il marketing ha tentato di fare e qualcuno sostiene.

Che ci siano effetti speciali molto belli, ormai diventati comuni, è un conto, che la trama e le interpretazioni siano eccezionali, direi proprio di no.

Ciao
Commento # 19 di: batmax63 pubblicato il 07 Agosto 2013, 20:22
Mai considerato un capolavoro,m ne guardo bene,pero' fa star bene un paio d'ore grandi e piccini e non è comunqur poco per un film
Commento # 20 di: Subzero pubblicato il 07 Agosto 2013, 20:33
Be le classifiche che ci sono sono sicuramente soggettive, e non tutti i registi/generi possono piacere, ma farsi una base di cultura cinematografica guardando anche qualcosa di un po impegnativo (e che ai neofiti può apparire noioso) aiuto a valutare con maggiore consapevolezza le opere di oggi.
Concordo con Nordata, la categoria spegni il cervello per un paio d'ore la accetto, ma fino ad un certo punto.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »