Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Alta definizione su IPTV in Portogallo

di Gian Luca Di Felice, pubblicata il 15 Giugno 2007, all 09:56 nel canale CINEMA

“Portugal Telecom, la più importante azienda telefonica dei lusitani ha lanciato un servizio IPTV e annuncia anche l'arrivo dei primi contenuti in HD”

L'Italia è in procinto di farsi superare anche dal Portogallo? Pare proprio di sì visto che da ieri, Portugal Telecom è diventato il primo operatore del paese "quadruple play" in quanto in grado di offrire ai propri clienti servizi di telefonia fissa, mobile, Internet e ora anche IPTV. Ma la notizia di per sé colpisce in quanto l'operazione prevede anche il lancio dei primi contenuti in alta definizione che potranno essere "acquistati" con la formula del Video On Demand o inclusi in alcuni "bouquet".

Fino ad oggi, il gruppo telefonico portoghese ha investito oltre 10 milioni di dollari nello sviluppo dei servizi in alta definizione e nel corso dei prossimi mesi ha annunciato la disponibilità in IPTV di oltre 100 nuovi canali di cui diversi in HD. E da noi Telecom Italia e Fastweb cosa pensano di fare?

Fonte: HD Numérique



Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Paganetor pubblicato il 15 Giugno 2007, 10:08
cavoli, 10 milioni di investimenti... nemmeno tanto! qui da noi Telecom 10 milioni li spende per registrare uno spot (brutto)

certo che 100 cnali, dei quali diversi in HD, non sono male!

e qui da noi, come al solito, ciccia... poi, tra 5 anni, ce li serviranno su un piatto d'argento, a costi d'oro ( ), dicendo che è l'ultimo grido della tecnologia IPTV, ci faranno pagare i costi di sviluppo di questa tecnologia (presente da eoni nel resto del mondo) e avremo 3 canali doppioni (ci metteranno rai e mediaset in analogico, digitale terrestre, satellite e quindi IPTV)

bah...
Commento # 2 di: gio_vanni pubblicato il 15 Giugno 2007, 10:16
Quoto Paganetor e in particolre la frase ... ci metteranno ... in questo paese c'è sempre un sacco di gente pronta a mettercelo ...
Commento # 3 di: oxota pubblicato il 15 Giugno 2007, 11:34
La cosa che mi rosica e che in italia si devono sempre complicare le cose.
Invece di separare immediatamente la rete dai servizi si sono creati fitti cessioni, concessioni con aliquote da valutare,rettificare, accertare adeguare.
Alla fine la telecom anche avendone la possibilita' e' stata legata perche prima di fare una qualsiasi promizione noviatà deve chiedere l'autorizzazione.
Commento # 4 di: markraptus pubblicato il 15 Giugno 2007, 11:43
Certo che deve chiedere l'autorizzazione al Governo, Telecom è il distributore incontrastato di servizi di telefonia fissa in Italia e per evitare una sorta di monopolio è costretta a farlo.
Meglio che ci sia qualcuno a vigilare su Telecom altrimenti stai pur certo che i prezzi non sarebbero così alti, ma molto di più!!!!
Commento # 5 di: MarcoPC pubblicato il 17 Giugno 2007, 16:43
Telecom doveva essere divisa fra rete-commerciale, fin dal momento della sua privatizzazione, cosa che puntualmente non è avvenuta, mentre ora si cerca di correre ai ripari.
Per veicolare IPTV servono investimenti ingenti nella rete, che la attuale proprietà checchè ne dica,non può permettersi.Vedi l'uscita di scena dell'attuale principale azionista. La rete deve rimanere pubblica e cioè nelle mani dello stato, con gli operatori che a loro volta investono tutti dando un contributo in base al grado di penetrazione della propria clientela, perchè non si possono creare tante reti parallele, non avrebbe alcun senso e sarebbe uno spreco.
Le aziende così potrebbero farsi concorrenza leale ed equa solo sulle offerte commerciali lasciando la rete in manutenzione ad una azienda super partes.
Solo così potremo arrivare all' hd su iptv in breve tempo e cercando di limitare il digital divide che affligge tante zone d'italia.
Ma questo per ora è solo un mio pensiero e ovviamente pura utopia.
Commento # 6 di: maurino72 pubblicato il 17 Giugno 2007, 23:03
oltre a quello che dice MarcoPC...

le azienda comunali dovrebbero occuparsi di fare le canalizzazioni sotto tutte le strade chiedendo ai gestori solo una tassa di passaggio. troppo volte vedo aprire strade e richiuderle senza passare un tubo vuoto dal valore di pochi euro....