Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Pioneer sul futuro di Pioneer

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 12 Febbraio 2009, all 12:49 nel canale AVPRO

“A poca distanza dalle indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi, Pioneer affida ad un comunicato ufficiale la sua decisione di abbandonare i display e di focalizzare la sua attività in futuro sui prodotti Car e Audio”

A poca distanza dalle indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi e che abbiamo già pubblicato in questa notizia, Pioneer affida ad un comunicato ufficiale la sua strategia per il prossimo futuro, i prossimi tagli sul personale, l'uscita dal mercato dei display entro il 2010, la probabile joint venture per il settore Blu-ray e la volontà di focalizzare la sua attività in futuro sui prodotti Car e Audio. Segue il comunicato stampa originale

Milano, 12 febbraio 2009 - La situazione di crisi economica costringe Pioneer a prendere alcune decisioni radicali. Pioneer rivedrà le sue linee di business e ottimizzerà l’intera struttura del Gruppo. Attraverso queste misure di riorganizzazione, Pioneer intende ristabilire una situazione di redditività. Nel corso del 2008, Pioneer ha implementato una serie di misure volte a migliorare la profittabilità, come l’interruzione della produzione dei pannelli al plasma (compresa la chiusura delle fabbriche in UK e US), l’adozione di un programma di pre-pensionamento e il ridimensionamento delle sue filiali di vendita estere.

Pioneer ha ridotto da marzo 2008 a dicembre 2008 il numero dei suoi dipendenti di circa 5.900 unità, arrivando a un totale di 36.900 impiegati. Tuttavia, Pioneer è stata colpita in maniera significativa dai drammatici cambiamenti della situazione economica. Per l’anno fiscale 2009 Pioneer prevede una ingente perdita. Di conseguenza Pioneer adotterà ulteriori misure di ristrutturazione. Nel mercato Home, Pioneer continuerà a sviluppare prodotti home audio e apparecchiature per DJ e si concentrerà maggiormente sul “suono”.

Nell’ “Optical disc business”, Pioneer sta valutando attentamente la possibilità di creare una joint venture. Pioneer si ritirerà dal mercato dei flat tv entro marzo 2010, ma continuerà ad assicurare le garanzie e i servizi post vendita dei suoi prodotti. Pioneer punta a trasformarsi in un’azienda focalizzata sul business del Car Electronics ed è determinata a diventare il leader che rivoluzionerà questo mercato. Pioneer prenderà provvedimenti al fine di rafforzare la sua struttura operativa e migliorare la redditività ottimizzando l’organizzazione di tutto il Gruppo.

Pioneer integrerà la rete di fabbriche presenti in Giappone e nel resto del mondo. Questo porterà a una riduzione delle sue fabbriche del 30%. Per quanto riguarda la struttura commerciale, Pioneer ridurrà la sua forza vendita in linea con la ristrutturazione della divisione Home Electronics. Inoltre, Pioneer prevede di rivedere le funzioni amministrative e R&D così da ridurne le dimensioni conformemente alla nuova struttura di business. La ristrutturazione porterà a una riduzione globale della forza lavoro di circa 6.000 impiegati e 4.000 lavoratori interinali.



Commenti (33)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Picard pubblicato il 12 Febbraio 2009, 12:59
Originariamente inviato da: Redazione
...sul business del Car Electronics ed è determinata a diventare il leader che rivoluzionerà questo mercato...

Speriamo non facciano come con le tv. Tra l'altro trovo strano che il mercato Car Electronics sia redditizio, da quel che vedo ormai le auto montano già radio e navigatori integrati di serie, possibile che ci siano così tante persone che le sostituiscono?
Commento # 2 di: Duncan pubblicato il 12 Febbraio 2009, 13:01
Stessa cosa che pensavo io, certo che probabilmente i margini son più alti che sui TV dove la competizione è senza esclusione di colpi
Commento # 3 di: giapao pubblicato il 12 Febbraio 2009, 13:03
anch'io nutro le stesse perplessità. uhm... ci sarà una svendita dei plasma pioneer?
Commento # 4 di: zLaTaN_85 pubblicato il 12 Febbraio 2009, 13:19
Originariamente inviato da: Picard
da quel che vedo ormai le auto montano già radio e navigatori integrati di serie, possibile che ci siano così tante persone che le sostituiscono?


Da quel che ho capito Pioneer vuole firmare accordi con le varie case automobilistiche per fornire i sistemi audio che poi la macchina monterà di serie o come optional.
Commento # 5 di: grng pubblicato il 12 Febbraio 2009, 14:05
Si ma con il mercato dell'auto in crisi, voglio vedere come camperanno.
Però è anche vero che con accordi con le case automobilistiche (quelle che rimaranno) possono avere futuro
Commento # 6 di: Ryusei pubblicato il 12 Febbraio 2009, 14:23
già adesso Opel ad esempio monta di serie su alcuni modelli un impianto Pioneer con navigatore lettore dvd etc...
Personalmente credo che possa essere un mercato redditizio quello, perchè se pensiamo a quanto vengono fatti pagare gli impianti preinstallati nelle auto e i troiai (il piu' delle volte) che vengono dati... praticamente se Pioneer stipula accordi oltre che per i prodotti normali anche per produrre autoradio marcate puo' darsi che ne tragga benefici...
Io nella mia 206 ad esempio avevo un impianto incluso (impossibile darglielo indietro) che davanti era ignoto ma di produzione Clarion..
Commento # 7 di: MRC pubblicato il 12 Febbraio 2009, 14:30
che tristezza, il miglior produttore di Plasma che si mette a fare solo le autoradio
Commento # 8 di: m.massimo pubblicato il 12 Febbraio 2009, 14:53
Originariamente inviato da: Picard
Tra l'altro trovo strano che il mercato Car Electronics sia redditizio, da quel che vedo ormai le auto montano già radio e navigatori integrati di serie, possibile che ci siano così tante persone che le sostituiscono?

OEM, pensa a quanti milioni di auto vengono vendute. Se Pio vuole veramente rivoluzionare il mercato, di carne al fuoco ce ne può essere molta. Poi se diventano leader per qualità senza starci dentro con i costi, non servirà a nulla. Come è successo con i plasma, sono i migliori ma non ci guadagnano.

Originariamente inviato da: grng
Si ma con il mercato dell'auto in crisi, voglio vedere come camperanno.

Le crisi servono anche a ripulire il mercato dalle inefficienze produttive e distributive. Il mercato dell'auto ripartirà stanne certo, ci vorrà un pò, meno competitor, prodotti diversi, ma ripartirà. Sopra alle nuvole c'è sempre il sole.
Commento # 9 di: pisky pubblicato il 12 Febbraio 2009, 14:53
Un vero peccato.......

Comunque lasciare un settore dove si era i numero uno indiscussi,x quello del car_audio in forte calo in conseguenza del crollo delle vendite auto.......mi auguro x piooner che nn finiscano dalla padella alla brace!!!!
Commento # 10 di: giovy83 pubblicato il 12 Febbraio 2009, 14:55
Che delusione.Questa si che è una brutta storia.Significa che mi terrò il mio kuro ancora per molto,magari nel frattempo Samsung o Sony hanno imparato a fare tv del livello di Pioneer.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »