Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

NEC: BETT 2015 e nuovi proiettori edu

di Riccardo Riondino, pubblicata il 29 Gennaio 2015, alle 00:25 nel canale AVPRO

“Si è appena concluso il BETT 2015 di Londra, una importante manifestazione dedicata al settore dell’education, dove NEC Display Solutions ha mostrato soluzioni di multiproiezione con proiettori interattivi finger touch”

Durante la fiera londinese, NEC Display Solutions ha presentato innovative soluzioni di multiproiezione con proiettori interattivi finger touch e software di collaborazione DisplayNote. La multiproiezione permette di superare gli standard delle lavagne interattive da 78” o 90” e poter sfruttare superfici fino a 4 x 90”, quindi con circa 8 metri di base, una soluzione che sarà esposta anche alla prossima manifestazione Europea ISE 2015. I nuovi proiettori interattivi sono dotati di modulo NP01, che trasforma la superficie della lavagna in un grande schermo multitouch (fino a 255 punti) e del software di collaborazione DisplayNote NEC Edition mutipiattaforma.
 

Nella giornata di ieri, 28 gennaio 2015, NEC Display Solutions Europe ha lanciato i 4 nuovi proiettori LCD a tiro ultra-corto della Serie UM per il settore edu, dotati di estese funzioni interattive. I nuovi modelli, siglati UM301W, UM301X, UM351W e UM361X, offrono immagini brillanti, grazie alla luminosità che raggiunge i 3.600 ANSI lumen, senza presentare problemi di ombre e riflessi, oltre a un ridotto TCO (Total Cost of Ownership). Lo speaker integrato da 20 Watt (una potenza superiore del 25% rispetto ai modelli precedenti) li rende utilizzabili senza sistemi audio esterni. Sono dotati di due ingressi HDMI, di cui uno MHL, per rendere più semplice il collegamento dei proiettori con device esterni o sorgenti digitali multiple

I nuovi modelli consentono anche la proiezione a tavolo, consentendo di lavorare su piani interattivi e con set-up facili e immediati, grazie alla calibrazione automatica. Tutti i quattro nuovi proiettori sono disponibili con Multi-Pen interattiva, ed i modelli WXGA prevedono anche il supporto touch. E’ possibile aggiungere anche il kit Multi-Pen NP03Wi opzionale trasformando la Serie UM in una lavagna interattiva in grado di lavorare su qualsiasi superficie. Le capacità touch possono essere integrate anche attraverso l'unità opzionale NP01TM Multi-Touch, disponibile da marzo 2015. Fino a marzo inoltre, tutte le soluzioni interattive includono una licenza gratuita del software DisplayNote 5 che consente, oltre a poter evidenziare o fare annnotazioni sul testo, di effettuare presentazioni da un dispositivo mobile. La licenza multi-utente permette l'interazione con sistemi Windows, MAC, iOS e Android.

“La scuola oggi è alla perenne ricerca di modalità di insegnamento che aumentino il processo di apprendimento, attraverso interattività e ingaggio degli studenti, ma avendo a disposizione budget sempre più risicati. Allo stesso modo al lavoro c’è bisogno di sempre maggiore collaborazione per aumentare la produttività, abbattere i costi e guadagnare competitività sul mercato” spiega Antonio Zulianello General Manager Italy & Southeast Mediterranean di NEC Display Solutions. “Le soluzioni che accompagnano la serie UM dei proiettori NEC aumentano davvero la interattività tra le persone e i device mobile. Alle scuole e agli uffici viene offerta una soluzione scalabile adatta sia a piccole sale riunione che ad ambienti di collaboration più complessi”.

La Serie di proiettori UM è in linea con la filosofia Green Vision di NEC grazie a lampade di durata prolungata, consumi energetici ridotti ed una serie di caratteristiche che ne facilitano la manutenzione e riducono al minimo il TCO.

Per ulteriori informazioni: www.nec-display-solutions.it

Fonte: NEC Display Solutions Italia



Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: fabiooo pubblicato il 29 Gennaio 2015, 09:25
segnalazione errore battitura

errata
quindi con circa 8 mesi di base

corrige
quindi con circa 8 metri di base
Commento # 2 di: Riccardo Riondino pubblicato il 29 Gennaio 2015, 10:47
...grazie, correggo