Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Circuit City ha chiuso i battenti

di sabatino pizzano, pubblicata il 11 Marzo 2009, all 14:39 nel canale AVPRO

“Dopo oltre 60 anni di storia, Circuit City chiude ufficialmente tutti i propri negozi negli Stati Uniti al termine della liquidazione di oltre 1.7 miliardi di magazzino praticata durante l'ultimo mese e mezzo a seguito del recente fallimento”

I negozi statunitensi della catena Circuit City non esistono più. A seguito della preannunciata messa in liquidazione della società americana di qualche settimana fa (vedi news) , un gruppo di quattro curatori fallimentari, preposti alla liquidazione dell'immenso magazzino, hanno di fatto terminato il proprio lavoro di "svuotamento" lo scorsa domenica, ben una settimana prima delle aspettative. Ed è così che, dopo oltre 60 anni di storia, sparisce dal palcoscenico americano uno dei più grandi colossi della distribuzione di elettroniche di consumo, il secondo in termini di grandezza in USA.

Sono oltre 1.7 i miliardi di dollari di beni che sono stati "liquidati" nel corso dell'ultimo mese e mezzo e sono circa 34 mila i dipendenti che di fatto si ritrovano ora senza occupazione e 6.5 milioni di metri quadrati di spazi immobiliari che diventano (per il momento) inutilizzati. I frutti di questa massiccia liquidazione verranno utilizzati per risarcire solo parzialmente sia i creditori che gli azionisti della società.

Per ulteriori informazioni sull'aspetto finanziario della vicenda: Associated Press



Commenti (8)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: antani pubblicato il 11 Marzo 2009, 14:50
Che botta! La crisi si fa sempre più seria .
Commento # 2 di: zoe pubblicato il 11 Marzo 2009, 14:54
mamma mia, ma qui sta chiudendo bottega mezzo mondo
Commento # 3 di: m.massimo pubblicato il 11 Marzo 2009, 15:50
Circuit City ha realizzato perdite in sette degli ultimi otto trimestri. Insomma non è un fulmine a ciel sereno. La situazione economica gli ha dato solo il colpo di grazia.
Commento # 4 di: jpjcssource pubblicato il 11 Marzo 2009, 16:47
Otto trimestri sono 2 anni e la crisi, in USA, è scoppiata nei primi mesi del 2007 con il primo grande shock nell'agosto dello stesso anno. Anche se in realtà quella è stata soltanto l'entrata nella fase più intensa che è peggiorata ulteriormente nell'autunno 2008, la classe media americana aveva già cominciato il suo declino finanziario da un pezzo.
Semplicemente nel 2007 molti gettarono la spugna dicendo che non avrebbero potuto pagare il mutuo e li caddero le fette di prosciutto sugli occhi a mezzo mondo.
Commento # 5 di: hmontanara pubblicato il 11 Marzo 2009, 18:20
Si ragazzi, ma da circuit city sono anni che c'erano più commessi che clienti. Io sono spesso a los angeles perchè ho un fratello che ci abita, e spesso andavo (da buon appassionato) da circuit city ed era una desolazione già 5 anni fa. Quello che non capisco è perchè continuiavano ad aprire mega store in ogni angolo se già quelli esistenti non lavoravano. Già nel 2006 nel mega store di el toro mezzo negozio era vuoto!!!! Poi nei store good guys, best buy, fries c'era il triplo di gente! Il motivo? principalmente l'incompetenza dei commessi (problema generale ma molto più accentuato da circuit city) e prezzi quel pelo più alti che ti fanno cambiare aria. Altro problema grosso è internet: ricordate che gli americani se comprano qualcosa al di fuori del proprio stato non pagano l'iva, il che non è poco. E gli store per esempio di NY costano anche molto meno, quindi 1+1....
Commento # 6 di: Cosmopavone pubblicato il 11 Marzo 2009, 22:17
Originariamente inviato da: hmontanara
Quello che non capisco è perchè continuiavano ad aprire mega store in ogni angolo se già quelli esistenti non lavoravano.


E' un classico,e lo si sta vedendo anche qui in Italia nel caso di una famosa catena di videogames.
Quando le cose vanno male si continua ad aprire nuovi punti vendita in maniera forsennata per camuffare le perdite
Commento # 7 di: Trikkeballakke pubblicato il 12 Marzo 2009, 09:15
Se chiudono i produttori figuriamoci i servizi!

Bisogna ritornare alla terra.....
Commento # 8 di: grng pubblicato il 12 Marzo 2009, 19:01
Chi troppo vuole...
La crisi si fa sentire, ma i primi a cadere in ogni settore sono quelli che hanno fatto il passo più lungo della gamba.
Quando falliscono grossi gruppi dispiace sempre per i lavoratori che rimarranno senza lavoro