Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

CEATEC: Sony 3D camera single lens 240Hz

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 02 Ottobre 2009, all 10:41 nel canale AVPRO

“Sony annuncia una nuova camera rivoluzionaria, in grado di effettuare riprese in 3D attraverso un solo obiettivo e capace di un frame rate elevatissimo (fino a 240Hz), ideale quindi per riprese sportive e documentari”

Tokyo, Ottobre 2009. A pochi giorni dal CEATEC, la più importante fiera del settore ITC in Giappone, Sony annuncia una nuova camera per riprese 3D (boradcast e film) caratterizzata da un elevato frame-rate (fino a 240Hz) e dall'adozione di una singola unità ottica. Quest'ultimo particolare, introdotto da Sony con questa splendida camera è assolutamente rivoluzionario. Cerchiamo di capire il perché.

Per la ripresa stereoscopica è necessario acquisire due immagini distinte, ciascuna con la prospettiva dell'occhio corrispondente. Il sistema più utilizzato è quello di due camere distinte, oppure (più recentemente) quello di una singola camera con un doppio obiettivo. In queste due configurazioni è molto semplice decidere la distanza tra i due obiettivi (quindi la profondità dell'effetto 3D) ma si è un po' limitati poiché sarebbe necessario che i due obiettivi modifichino la convergenza in sinergia con zoom e messa a fuoco.

La nuova camera Sony che sarà presentata al CEATEC ha risolto brillantemente tutti i problemi con un prodotto assolutamente rivoluzionario. Lo schema nell'immagine qui in alto si rivela in tutta la sua geniale semplicità: le due immagini per l'occhio destro e sinistro (divise dal "relay lens" e dallo specchio centrale a "V") vengono registrate simultaneamente sui due sensori, eliminando ritardi (quindi anche probabile misconvergenza). Inoltre, l'utilizzo dello stesso obiettivo elimina anche eventuali incongruenze di messa a fuoco, zoom etc.

La camera, al netto della straordinaria velocità di acquisizione (ben 240Hz!), si candida a vero riferimento non soltanto per la produzione cinematografica ma anche per documentari naturalistici e per eventi sportivi: immaginate infatti cosa potrebbe fare una camera del genere a bordo campo o vicino alla porta, nei replay delle partite di calcioquella di eventi sportivi e di documentari. L'elevata velocità permetterebbe di avere immagini esenti da motion blur (effetto mosso), quindi con un dettaglio elevatissimo anche con soggetti in rapido movimento.

Fonte: Sony Professional



Commenti (12)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: Rosario pubblicato il 02 Ottobre 2009, 10:54
OK!!!
Lasciando perdere il 3D , che è solo un gioco , spero che ste videocamere si diffonadano sempre più per produzioni 2D e mandino in pensione al più presto il 24p.
Commento # 2 di: loreeee pubblicato il 02 Ottobre 2009, 11:08
sono l'unico che ama il 24p qui?

fra FI e telecamere veloci sembra di si..
Commento # 3 di: Rosario pubblicato il 02 Ottobre 2009, 11:13
Il 24p ha il suo fascino ma ha degli evidenti limiti e IMHO oramai è pure anacronistico.

Ben vengano queste videocamere ma soprattutto che le usino a pieno delle loro possibilità con frame rate superiori agli antiquati 24p.

Commento # 4 di: Vince 15 pubblicato il 02 Ottobre 2009, 12:13
No ragazzi, davvero... lmitarci al 24p non ha senso, così come non aveva senso usare il bianco e nero nel mondo dei colori o usare la pellicola nel mondo del digitale per la fotografia, ecc... quando si parla di specifiche, non ha mai senso porre dei limiti. Se poi ti piace scattare in bianco e nero o col motion blur.. lo fai lo stesso, ma non c'è nessun motivo per non lasciarsi alle spalle questo dannatissimo 24p.
Commento # 5 di: Nordata pubblicato il 02 Ottobre 2009, 12:16
@ TUTTI

Cercate di rimanere in tema, ovvero: telecamera per riprese 3D con un solo obiettivo e ad alta velocità.

Grazie.

Ciao
Commento # 6 di: Nenco pubblicato il 02 Ottobre 2009, 12:49
Non ho capito come puo registrare la stereoscopia avendo un solo punto di entrata delle immagini

cioè i due sensori catturano la stessa immagine, oppure catturano le immagini partendo dallo stesso punto, ma con un angolatura diversa,
è un 3D strabico, e comunque un finto 3D,
sbaglio?
Commento # 7 di: Rosario pubblicato il 02 Ottobre 2009, 13:18
Commento # 8 di: gabrielefx pubblicato il 02 Ottobre 2009, 14:00
con il gioco delle lenti si può oltrepassare il meccanismo visivo, lo schema è molto semplificato, io penso che i raggi non siano perfettamente ortogonali alle lenti ma l'immagine destra+sinistra percorra angolazioni differenti. Il relay lens credo che faccia proprio questo lavoro deviando alternativamente il raggio di luce sullo specchio a V. Credo che lavori a 120hz per sensore...e forse non 240hz x 2.... Probabilmente ci sarà una modalità monoscopica a 240hz. Comunque se questo è il primo prototipo immaginate tra qualche anno avere telecamere e reflex 3d monoculari per tutti.
Il futuro dell'immagine è 3d...e sinceramente penso che il tv verrà sostituito dagli hmd stereo...solo allora l'esperienza visiva sarà immersiva.
Commento # 9 di: Nordata pubblicato il 02 Ottobre 2009, 19:33
per Rosario

Guarda che le iimagini che hai linkato sono quelle già presenti nella presentazione della notizia, per di più con le didascalie tradotte.

Ciao
Commento # 10 di: dino2008 pubblicato il 05 Ottobre 2009, 11:57
mi sa che sia un gioco di prestigio, un inganno per la mente.
un monocolo con uscita a binocolo.
Noi vediamo in tridimensione, su un piano orizzontale, in virtù della convergenza degli occhi. Qui si fa l'opposto. Ma???
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »