Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Si avvicina la fine del Blu-Ray Disc?

di Franco Baiocchi, pubblicata il 11 Luglio 2018, alle 10:57 nel canale 4K

“Le vendite dei servizi di streaming digitale hanno già da tempo superato quelle dei supporti fisici per l'home video che sembrano sempre più appannaggio di una nicchia di appassionati”


Mercato dei media digitali con previsione fino al 2023 (statista.com)

Si sta avvicinando davvero la fine dell'era del Blu-Ray? Questo è l'interessante quesito proposto in un articolo di Display Daily, secondo cui i supporti fisici per l'home video  hanno già lasciato il posto allo streaming digitale, relegando i nuovi lettori multimediali domestici ad un mercato di nicchia.

Già nel 2015 i supporti fisici come i dischi Blu-ray, avevano subito un forte calo nelle vendite con una diminuzione del 12% nei soli Stati Uniti; al contrario le vendite dei media digitali sono salite del 16% con un aumento degli abbonamenti di streaming video del 20%. A tutto ciò ha fortemente contribuito la produzione di contenuti di qualità in UHD 4K direttamente in casa propria da parte dei provider di media digitali, come Netflix, HBO ed altri prima di loro, che hanno eluso i tradizionali produttori di contenuti hollywoodiani.

Come ha ricordato Devindra Hardawar di Engadget nel 2016, "Lo Streaming video si rivolge al nostro crescente desiderio di contenuti on-demand. Non importa tanto che la qualità di uno stream 1080p non sia buona come un Blu-ray 1080p , che offre bitrate più alti e meno compressione. "; in ogni modo i veri cinefili continueranno ad adorare le immagini UHD e i video di alta qualità provenienti dall'ultimo lettore Blu ray con tecnologia all'avanguardia. 

Per maggiori info: DisplayDaily

 

 



Commenti (21)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: AlexHRider pubblicato il 11 Luglio 2018, 11:29
....Non importa tanto che la qualità di uno stream 1080p non sia buona come un Blu-ray 1080p , che offre bitrate più alti e meno compressione.

che belle parole..evidenziano in maniera lampante lo stile della società contemporanea.. già mi stanno togliendo il CD..ora pure il Blu-Ray.. fra qualche tempo dovremo andare a fregargli i master negli studi di produzione per avere una qualità decente..
Commento # 2 di: Parky pubblicato il 11 Luglio 2018, 11:35
onestamente bisogna anche aggiungere che lo streaming ha raggiunto standard piuttosto elevati. Da collezionista di bluray mai avrei pensato di ripiegare sulla musica liquida di Spotify o i film di Netflix, ma l'avere tutto e subito, altra tendenza che meriterebbe un approfondimento, mi ha fatto scoprire realtà fino a ieri sconosciute ma con le quali ora mi trovo molto bene.
Commento # 3 di: SydneyBlue120d pubblicato il 11 Luglio 2018, 11:56
Originariamente inviato da: AlexHRider;4869596
Già mi stanno togliendo il CD..


Cosa intendi? Esiste qualche album importante uscito solo in digitala e non in CD?
Peraltro nel caso Tu non lo conosca ti segnalo https://www.hdtracks.co.uk/
Commento # 4 di: SydneyBlue120d pubblicato il 11 Luglio 2018, 12:00
Originariamente inviato da: Parky;4869599
onestamente bisogna anche aggiungere che lo streaming ha raggiunto standard piuttosto elevati. Da collezionista di bluray mai avrei pensato di ripiegare sulla musica liquida di Spotify o i film di Netflix, ma l'avere tutto e subito, altra tendenza che meriterebbe un approfondimento, mi ha fatto scoprire realtà fino a ieri sconosciute


Spotify ha una qualità audio abbastanza bassa anche in versione premium, però è il servizio globalmente migliore a mio parere, se ascolti Amazon music la qualità audio è molto migliore da quel punto di vista lì.
Lo streaming, sopratutto a livello video, consente di migliorare continuamente e in maniera trasparente la qualità, cosa che ovviamente nel mondo fisico non si può fare. Poi comunque io ho appena preso il cofanetto Nolan Collection UHD a 59,90€ spedito :P
Commento # 5 di: llac pubblicato il 11 Luglio 2018, 12:18
Originariamente inviato da: SydneyBlue120d;4869605


si ma la frase This product is not currently available due to region restrictions impera ..per la precisione avevo selezionato Thriller Michael Jackson ..non proprio una novità

Originariamente inviato da: Parky;4869599
Da collezionista di bluray mai avrei pensato di ripiegare sulla musica liquida di Spotify o i film di Netflix


Io non sono un amante del supporto fisico a prescindere e sto provando da qualche mese con interesse i servizi da te segnalati ,di sicuro non amo gli algoritmi che ti propongono un film o un brano in base alle tue scelte lo vedo come un limite. (piu fastidioso Netflix meno Spotify dove il catalogo è più accessibile)

Il declino dei Blu Ray lo vedo legato ai costi elevati per un titolo nuovo , al fatto che nei negozi fisici si trovano più DVD che Blu Ray .... e come scriveva qualcuno ...oggi guarda più alla quantità che alla qualità ...

Non avendo la cultura necessaria non ritengo in cinefilo ma speriamo che si confermi questa frase

veri cinefili continueranno ad adorare le immagini UHD....


Che interdipendente dalla tecnologia adottata la qualità rimanga accessibile a più.

Ciao
Luca
Commento # 6 di: AlexHRider pubblicato il 11 Luglio 2018, 17:40
Originariamente inviato da: SydneyBlue120d;4869605
Cosa intendi? Esiste qualche album importante uscito solo in digitala e non in CD?
Peraltro nel caso Tu non lo conosca ti segnalo https://www.hdtracks.co.uk/


http://www.lastampa.it/2018/02/14/t...JaM/pagina.html intendo questo...

intendo che se si continua così anche con il cinema succederà la stessa cosa che è successa per la musica.. vi beccate una valanga di mp3 a 128kbps con silenzio e rassegnazione per titoli di coda..che va benissimo se ascoltate sfera ebbasta...

intendo che quando coloro che dovrebbero portare avanti la ricerca per garantire accessibilità a tutti della Qualità generalmente intesa ed educare al consumo di materiale con dietro un serio impegno da questa derivante, se ne escono con frasi ...non importa tanto che la qualità ... che spero sia solo una constatazione dei fatti e non uno spunto per un bel business redditizio.. perchè poi se nessuno produce più supporti che garantiscano un'elevata qualità ci ritroviamo con peppa pig come film da oscar (come hanno dovuto fare nel settore musicale tagliando le soglie minime per i riconoscimenti di disco argento/oro/platino)

HDTracks è solo uno dei circa 10 siti online da cui acquisto musica liquida ma è raro trovare quello che mi interessa quindi al 90% devo per forza farmi arrivare CD dall'altro capo del mondo (e comunque mi piace avere la copia fisica nella libreria) e come giustamente dice @Ilac spesso sei bloccato dalla region restriction (ditemi perchè diavolo non posso avere Surfing With The Alien in HD???) ma in ogni caso quello che va per la maggiore è appunto lo streaming GRATUITO tipo Spotify (che comunque anche in versione a pagamento non è di qualità

Pazienza..vorrà dire che anzichè stare qui a discutere della qualità di riproduzione dell'ultimo modello di lettore Sony, Panasonic oppure sulla straordinaria qualità del motion processing dell'ultimo TV e compagnia bella andremo tutti quanti a raccogliere margheritine
Commento # 7 di: alpy pubblicato il 11 Luglio 2018, 18:07
E alla fine rimase solo il DvD.....no dai, secondo me per adesso non scompare nulla, anche se probabilmente la strada in un certo senso è segnata.
Commento # 8 di: tyson pubblicato il 11 Luglio 2018, 18:31
per me il bello di avere esposti una bella collezione con limited edition steelbook e 4k non ha prezzo,a volte non guardo i film ma scendo nel corridoio a guardare i miei giocattoli(tipo testa predator xmen adamantium steelbook etc etc)e mi appaga moltissimo
Commento # 9 di: Sgulingione pubblicato il 11 Luglio 2018, 19:02
Intanto, per cominciare a parlare di togliere il supporto fsico, bisognerebbe avere tutti una bella connessione prestante in fibra ottica altrimenti, con l' adsl 20 mega farlocchi, ha voglia a scaricare...Poi, se sarà, credo che ce ne vorrà di tempo per arrivare ad uno scenario dove sarà tutto solo download. Ma se succederà, e la qualità sarà veramente non piú accettabile, sarà il momento che cambierò hobby e passerò alla lettura (ma solo di libri cartacei) o al modellismo.
Commento # 10 di: ferdy777 pubblicato il 11 Luglio 2018, 20:19
Quindi ad un certo punto mi tocca pagare centinaia di euro all'anno per rivedermi il mio film preferito ogni tanto?
Appena smetto di pagare non vedo più nulla..... bella roba pagare per non avere niente se non continuo a pagare....
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »