Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

NAB: codec H.265 real-time 4K da NTT DoCoMo

di Emidio Frattaroli, pubblicata il 16 Aprile 2013, all 11:07 nel canale 4K

“Tra le numerose soluzioni per codifica e decodifica real-time HEVC 4K, la più interessante è quella proposta dai giapponesi di NTT DoCoMo per segnali Ultra HD 4K 60p a 24 Mbps”

Las Vegas, 11 Aprile 2013. A corollario delle soluzioni Ultra HD 4K e 8K, presenti non solo negli stand della NHK, al NAB Show 2013 ho notato molte soluzioni per encoding e decoding real-time in formato HEVC, alias H.265: il successore del codec H-264 che promette una efficienza nettamente superiore, pari ad un risparmio di metà banda mantenendo la stessa qualità. Si tratta insomma di un formato legato in maniera serrata allo sviluppo dello standard televisivo Ultra HD.

Tra le tante soluzioni già disponibili ne ho contate quasi una decina, tra software e hardware, sia limitate al full HD, sia fino al 4K. Quella che mi ha entusiasmato di più l'ho trovata allo stand della giapponese NTT DoCoMo (una specie di Telecom Italia quando era ancora SIP). Alla NTT hanno sia soluzioni software che hardware. Quella hardware real-time che ho potuto osservare mostrava codifica e decodifica real-time di un flusso Ultra HD 4K a 60p e a soli 24 Mbps. Ora è solo il tempo di integrare questa potenza di calcolo in sistemi più piccoli ed economici.



Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: pedrosw pubblicato il 17 Aprile 2013, 14:45
bluray

veramente ottimo, sarebbe possibile stoccare film 4k su singoli bluray senza dover cambiare standard di archiviazione ma solo chip di decodifica
Commento # 2 di: hi_speed pubblicato il 18 Aprile 2013, 14:47
fantastico !!!!!!!!
Commento # 3 di: Gian Luca Di Felice pubblicato il 18 Aprile 2013, 17:39
Originariamente inviato da: pedrosw;3849484
veramente ottimo, sarebbe possibile stoccare film 4k su singoli bluray senza dover cambiare standard di archiviazione ma solo chip di decodifica


Temo che la codifica citata non sia adeguata alla qualità di riproduzione su supporto (vedi Blu-ray, che dovrebbe rappresentare la massima espressione in termini di qualità audio-video per l'Home Video casalingo), ma sarebbe utile per trasmissioni broadcast o streaming VOD.
Ammesso e non concesso che si voglia usarlo per i cosiddetti Blu-ray 4K, è vero che il supporto potrebbe rimanere lo stesso, ma cambiare chip di decodifica, nonché connettore HDMI, richiderebbe comunque per tutti l'acquisto di nuovi lettori (forse potrebbe farcela solo la nuova PS4, via eventuale decodifica software e relativo aggiornamento firmware, anche se rimane anche in questo caso l'incognita legata al nuovo HDMI)

Gianluca