Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Finale Champions League 4K VR su YouTube

di Riccardo Riondino, pubblicata il 19 Maggio 2017, alle 11:39 nel canale 4K

“Trasmesse in chiaro in formato Ultra HD 4K le finali UEFA Europa League e Champions League dei prossimi 24 maggio e 3 giugno, visibili sul canale satellitare BT Sport e in streaming dal sito dell'emittente o sul canale BT Sport YouTube, con la possibilitą di assistere ai match in realtą virtuale ”


- click per ingrandire -

BT Vision trasmetterà in 4K senza costi aggiuntivi le prossime finali della UEFA Europa League e UEFA Champions League, in programma il 24 maggio e il 3 giugno. Oltre che sui canali satellitari BT Sport, con audio codificato Dolby Atmos, le partite saranno visibili sul sito web dell'operatore, tramite l'app BT Sport e sul canale BT Sport YouTube. L'emittente britannica darà anche la possibilità di assistere ai match in realtà virtuale, scegliendo la visuale preferita tra le otto locazioni disponibili all'interno dello stadio. Per la versione VR 360° le opzioni sono la BT Sport VR App o YouTube, utilizzando visori o dispositivi mobile compatibili. La visione sarà limitata ai residenti dei paesi coperti da BT Sport, ovvero Regno Unito e Irlanda.

Per ulteriori informazioni: bt.com/europe



Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: aedus pubblicato il 22 Maggio 2017, 12:01
Siete certi che lo stream sarà disponibile in Italia, o comunque fuori dal Regno Unito?
Gli stream relativi alle partite mi risultano giá disponibili ma la visione è bloccata dall'Italia.
Commento # 2 di: brando pubblicato il 22 Maggio 2017, 14:00
anche a me risulta non disponibile nel nostro paese.
Commento # 3 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 22 Maggio 2017, 15:34
Confermo che NON sarà disponibile per gli IP italiani. Purtroppo la gestione dei diritti TV è ancora localizzata, anche perché una distribuzione globale costerebbe molto di più.

Pur non avendo una visione completa delle implicazioni legali che potrebbero derivarne, segnalo la possibilità di mettere in atto delle tecniche per cambiare il proprio IP, simulando di fatto di essere in un altro paese.

Emidio