Roma Hi-End 2007 [Archivio] - Forum di AV Magazine

PDA

Visualizza Versione Completa : Roma Hi-End 2007



Redazione
22-11-2007, 10:22
Link all'Articolo: http://www.avmagazine.it/articoli/diffusori/144/index.html

La quinta edizione dell'evento organizzato da "The Sound Of The Valve" è riservato all'audio di qualità e raccoglie una piccola selezione di distributori e costruttori. Assieme a poche altri avvenimenti locali è una delle poche occasioni per ascoltare nuovi e vecchi prodotti e per acquistare edizioni musicali


Click sul link per visualizzare l'articolo.

Lino Mazzocco
22-11-2007, 22:20
Nonostante tutta la buona volontà dello staff, la mia curiosità di ascoltare una comparativa tra un originale SACD Philips modificato e la soluzione "molleggiata" by Epidauro non è stata soddisfatta. Sarà per la prossima volta.


Grazie Emidio ...

... ma ritrovare l'originario lettore e' impresa ardua, forse e' meglio confrontarlo
con uno che costa molto di piu', non ti fidi? ;) :D

Brigno
23-11-2007, 07:58
Non so come mai ma nel "Hi-end" si vedono sempre più cose "strane" o ancora peggio tecniche esoteriche interdimensionali, pietre magiche per non parlare dei cavi.......

Vorrei sapere quanti errori in lettura ci sono leggendo un normale CD...
Se fossero tanti come vogliono farci credere mi chiedo come sia possibile leggere i normali dischi contenenti dati.
Quante volte vi è capitato di non riuscire a copiare o installare qualche file presente su di un CD?
Gli algoritmi di autocorrezione a cosa servono allora ?
E' ovvio che l'intervento dell'algoritmo potrebbe introdurre un leggero "ritardo" quanto interviene ma siamo sicuri che sia udibile ?

Sono sempre più perplesso...o lo dico da possessore di un lettore CD "hi-end"

Lino Mazzocco
23-11-2007, 08:58
Non so come mai ma nel "Hi-end" si vedono sempre più cose "strane" o ancora peggio tecniche esoteriche interdimensionali, pietre magiche per non parlare dei cavi.......

Vorrei sapere quanti errori in lettura ci sono leggendo un normale CD...
Se fossero tanti come vogliono farci credere mi chiedo come sia possibile leggere i normali dischi contenenti dati.
Quante volte vi è capitato di non riuscire a copiare o installare qualche file presente su di un CD?
Gli algoritmi di autocorrezione a cosa servono allora ?
E' ovvio che l'intervento dell'algoritmo potrebbe introdurre un leggero "ritardo" quanto interviene ma siamo sicuri che sia udibile ?

Sono sempre più perplesso...o lo dico da possessore di un lettore CD "hi-end"

Gli errori di lettura sono solo un aspetto del problema
ed esistono anche nel caso dei dati, ma qui parliamo di
musica ... Sai che cosa si intende per mascheramento per suono correlato e come si puo' combattere?

Che poi nel mondo dell'hi-end ci sia anche molta
stregoneria e' un altro paio di maniche ...

gattapuffina
23-11-2007, 09:12
Se fossero tanti come vogliono farci credere mi chiedo come sia possibile leggere i normali dischi contenenti dati.

I CD audio e i CD dati non sono la stessa cosa. Un CD è diviso in settori da 2352 bytes, ma mentre i CD audio li usano tutti per l'audio, il CD dati ne usa solo 2048 per l'audio e i rimanenti per la correzione degli errori, dato che in questo caso diventa fondamentale l'integrità dei dati.

maurocip
23-11-2007, 10:25
La quinta edizione dell'evento organizzato da "The Sound Of The Valve" è riservato all'audio di qualità e raccoglie una piccola selezione di distributori e costruttori. Assieme a poche altri avvenimenti locali è una delle poche occasioni per ascoltare nuovi e vecchi prodotti e per acquistare edizioni musicali


a parte che definire Hi-end certe porcherie presenti ci vuole fegato (alcune salette del TAV cosa sono IpermegasuperHi-end????), per il resto la manifestazione romana può essere utile solo per comprare un po' di dischi e rivedere qualche amico....

Delle pirme 4 edizioni sono stato presente alla 2a, 3a e 4a ed è stato una discesa verso le cantine non una salita verso l'empireo dell'audio.

Se lo conosci lo eviti, se lo conosci non ti uccide :D :D :D

Lino Mazzocco
23-11-2007, 11:03
a parte che definire Hi-end certe porcherie presenti ci vuole fegato (alcune salette del TAV cosa sono IpermegasuperHi-end????), per il resto la manifestazione romana può essere utile solo per comprare un po' di dischi e rivedere qualche amico....

Delle pirme 4 edizioni sono stato presente alla 2a, 3a e 4a ed è stato una discesa verso le cantine non una salita verso l'empireo dell'audio.

Se lo conosci lo eviti, se lo conosci non ti uccide :D :D :D

... e' un fatto di "criteri di valutazione" ...



ps
qualora non si fosse inteso dal reportage di Emidio
ribadisco che epidauro.net era al RHE non per vendere
alcunche' ma solo per incontrarsi e sambiare idee sulle
sperimentazioni effettuate.

maurocip
23-11-2007, 11:09
... ma solo per incontrarsi e sambiare idee sulle
sperimentazioni effettuate.
quindi rientrerebbe nella categoria "incontrare vecchi amici"...

Lino, per piacere, a parte Epidauro e le sue sperimentazioni (comunque indice di passione), non cercare di dare al RHE una dignità che non ha...

Almeno dal mio punto di vista è il miglior modo per allontanare gli appassionati dall'ascolto di qualità, soprattutto quelli giovani ;)

Lino Mazzocco
23-11-2007, 11:51
quindi rientrerebbe nella categoria "incontrare vecchi amici"...

Lino, per piacere, a parte Epidauro e le sue sperimentazioni (comunque indice di passione), non cercare di dare al RHE una dignità che non ha...

Almeno dal mio punto di vista è il miglior modo per allontanare gli appassionati dall'ascolto di qualità, soprattutto quelli giovani ;)

Voglio dire, non essendo un operatore, non entro affatto
nella valutazione di una mostra. Dal punto di vista del
visitatore troverei molti difetti anche nel topav ...

Circa l'hi-end il discorso si fa delicato e bisogna capire
effettivamente quali siano i nostri personali "criteri di
valutazione" soprattutto nell'ascolto di musica riprodotta.

Di molto hi-end, solo per usare questo termine del cavolo,
io, ehm :D , oltre al mio giralp custom con relativi
bracci e testine ... ho avuto modo di apprezzare il
registratore Ampex di Ricci che e' il top assoluto di tutti i tempi.
Al TAV non mi sembra ci fosse ...

maurocip
23-11-2007, 16:29
ho avuto modo di apprezzare il
registratore Ampex di Ricci che e' il top assoluto di tutti i tempi.
Al TAV non mi sembra ci fosse ...
qui si vede come divergano i "criteri di valutazione"
trovo molto difficile (per non dire impossibile) giudicare un singolo componente all'interno di una catena, se non dopo averlo sentito a lungo...
in quanto a poi l'assoluto è questione di fede ed io ne ho pochina ;)

Lino Mazzocco
23-11-2007, 16:45
qui si vede come divergano i "criteri di valutazione"
trovo molto difficile (per non dire impossibile) giudicare un singolo componente all'interno di una catena, se non dopo averlo sentito a lungo...
in quanto a poi l'assoluto è questione di fede ed io ne ho pochina ;)


Beh, quell'Ampex e' storia, non ha bisogno ne' del mio ne' del tuo di parere.
L'ho ascoltato in vari impianti, gia' da venerdi' sera, e la sostanza e' fuori da ogni dubbio.

maurocip
23-11-2007, 16:48
la sostanza e' fuori da ogni dubbio.
non lo conosco e non ho motivo di dubitare di ciò che dici, quello di cui dubito è dell'assoluto... I limiti ci sono per essere superati e comunque l'assoluto in senso stretto per me non esiste, esiste solo nel campo della fede e purtroppo degli audiofili....:rolleyes:

p.s. il fatto poi di avere una grande macchina non rende un cesso di mostra automaticamente hiend, ma solo un cesso con una bella macchina ;)

Lino Mazzocco
23-11-2007, 16:56
non lo conosco e non ho motivo di dubitare di ciò che dici, quello di cui dubito è dell'assoluto... I limiti ci sono per essere superati e comunque l'assoluto in senso stretto per me non esiste, esiste solo nel campo della fede e purtroppo degli audiofili....:rolleyes:



Qui invece trattasi proprio di assoluto in quanto i
registratori analogici di quella portata non vengono
piu' fatti, quindi quello era ed e' il massimo.

(della mostra non mi frega niente)

maurocip
23-11-2007, 16:59
Lino, sono contento per te che hai queste incrollabili certezze....
e sono contento per Ricci che ne possiede un esemplare....

Epimember
23-11-2007, 17:50
Mauro ... io pero' sulle "cantine" non ci sputerei sopra.

I cantinari di solito sono degli appassionati che si applicano a fondo per il piacere di migliorare l'ascolto.

Che poi ci riescano, che partoriscano delle porcherie o che speculino sulla credulita' degli appassionati e' un altro paio di maniche.

Lino e' tutt'altro che mio amico, incomprensioni varie mi hanno addirittura indotto a lasciare il suo forum, questo non significa che io non possa giudicare l'iniziativa di Epidauro, giunta al secondo anno al Roma Hi-End, come un esempio da seguire, se poi si considera che lo staff di Epidauro si impegna senza uno scopo commerciale ... cosa gli si puo' dire se non applaudirlo?

Poi sara' l'appassionato ascoltatore a giudicare l'efficacia delle soluzioni adottate e a farsi un'idea, se guardi bene le foto del reportage di Emidio le famose "palle di Epidauro" non erano solo all'interno dello stand di Lino ma anche sotto un giradischi di un altro stand.

Emidio Frattaroli
23-11-2007, 23:55
Sono d'accordo con Epimember.

Sia ben chiaro: con questo non voglio dire che il Roma Hi-End sia perfetto. Tutt'altro. Ma credo sia anche ingiusto buttare alle ortiche "tutto il cucuzzaro"...

Le novità stavolta non sono certo mancate (Yarland etc.) e c'è stato comunque lo spazio e il tempo necessario per ascoltare e confrontarsi con costruttori e distributori.

La cosa che invece ritengo censurabile è che in questo settore si finisca per sovrapporre due eventi addirittura nelle stesse identiche date. Qualcuno ha risposto che Bari Hi-End e Roma Hi-End sono due eventi locali. Giustissimo.

Ma un costruttore o un distributore in questo caso dovrà fare una scelta poiché non è pensabile per alcune piccole realtà la bilocazione. Alcune aziende hanno scelto Roma, altre invece hanno scelto Bari.

Questo è semplicemente assurdo.

Emidio

Brigno
24-11-2007, 07:54
Se ci fosse stato in contemporanea anche il Milano HE, il Torino HE e via dicendo avrebbe avuto un senso...quello di dare spazio alle piccole realtà locali ma con una "visibilità" nazionale....

Un po' come quando i concessionari d'auto organizzano un "open day". In quel caso il prodotto pubblicizzato (l'auto) è lo stesso per tutti ..nel caso del "città HE" i prodotti sono diversi ma il "concetto" è il medesimo.

Emidio Frattaroli
24-11-2007, 14:37
...In quel caso il prodotto pubblicizzato (l'auto) è lo stesso per tutti ..nel caso del "città HE" i prodotti sono diversi ma il "concetto" è il medesimo.Io non sono d'accordo e per essere più chiaro faccio un esempio.

Ipotizziamo che ci siano nello stesso giorno Milano HE, Roma HE, Lanciano HE, Bari HE, Palermo HE. Il piccolo produttore non ha né personale né risorse economiche adeguate per affrontare la stessa spesa moltiplicata per 5.

Essere presenti in un evento del genere non vuol dire soltanto acquistare lo spazio necessario (la saletta più o meno grande) ma anche affrontare spese come comunicazione, trasporti, vitto e alloggio per il personale etc.

Già è piuttosto difficile che una piccola realtà imprenditoriale affronti in assoluto una simile spesa per cinque volte e infatti, il più delle volte, gli espositori scelgono una o due eventi all'anno. D'altra parte, distribuendo le date in maniera intelligente, sono certo che la probabilità di aumentare il numero di espositori e "contenuti" per ogni fiera potrebbe aumentare.

L'ultima considerazione riguarda il "mio punto di vista" come giornalista. Anche io non sono ancora arrivato allla bi-, tri-, tetra- o penta-locazione. Quindi, per poter visitare di persona tutte le varie fiere di settore la scelta delle date è un aspetto fondamentale.

Emidio

Emidio Frattaroli
24-11-2007, 14:38
Infine, per tornare in topic, speravo che chi fosse intervenuto alla manifestazione approfittasse dell'occasione per esternare qualche giudizio sulle satette e prodotti ascoltati.

Emidio

Sabatino Pizzano
24-11-2007, 15:22
ecco il mio espresso qualche giorno fa in un altro topic



La migliore sala è stata quella dell'ing. Chiappetta (quella di acustica applicata per intenderci,rappezzatissima di tube traps) dove ha voluto mettere in mostra i propri finali a valvole che pilotavano delle meravigliose Avalon. Che peccato che di controllo del basso nemmeno a parlarne. Ad un certo punto è partita una coda imbazzante ed il gentile Chiappetta, per distorgliere l'attenzione dei più, se n'è venuto fuori con una frase del tipo "avete visto? tremano anche i vetri!!". sono rimasto sconcertato. E se questo, a mio avviso, è stato il meglio, ti lascio immaginare il resto...




Se l'intenzione dell'ing. Chiappetta con quelle dimostrazioni era di vendere qualche suo finale, credo abbia toppato alla grandissima. Quelli non sono diffusori per quei finali.

Brigno
24-11-2007, 18:01
Con il "multicittà H-E" le piccole realtà sceglierebbero la locazione più vicina riducendo i costi...
Indubbiamente per una realtà come AV-magazine sarebbe impossibile seguirle tutte ma si potrebbe "accettare" qualche recensione dai forumer...diciamo che per una volta potremmo essere noi i recensori....


Rimanendo in topic... purtroppo non ho potuto visitare il Roma H-E ma leggendo i vari giudizi (anche in altri forum...ebbene si lo ammetto sono un poligamo) mi è andata bene...

Non che al TAV abbia ascoltato sale "spettacolari" ma qualche saletta si faceva apprezzare...

maurocip
26-11-2007, 09:46
Sia ben chiaro: con questo non voglio dire che il Roma Hi-End sia perfetto. Tutt'altro. Ma credo sia anche ingiusto buttare alle ortiche "tutto il cucuzzaro"...

Emidio, le cose sono due:
1) quest'anno è cambiato tutto e la mostra è diventata interessante
2) il livello è rimasto sullo standard.

se è il caso 1, sono stato così sfortunato di mancare (per scelta) alla prima edizione decente della mostra, visto che negli anni passati si è sprofondati dall'imbarazzate della 2a edizione al ridicolo della 4a (io ed alcuni altri forumer, dopo aver girato a vuoto per l'intera mattinata, siamo andati a "ritemprarci" al Saturn :rolleyes: il che è tutto dire).

se è il caso 2, insisto al di là della buona volontà di qualche Cantinaro, è il modo migliore per allontanare i giovani da questo mondo.

In genere sono prudente nei miei giudizi, ma nelle passate edizioni del RHE i sentimenti che ancora mi affiorano erano irritazione e fastidio.... e pensare che ho comprato una marea di CD per consolarmi ;)

maurocip
26-11-2007, 09:50
Mauro ... io pero' sulle "cantine" non ci sputerei sopra.

I cantinari di solito sono degli appassionati che si applicano a fondo per il piacere di migliorare l'ascolto.

Che poi ci riescano, che partoriscano delle porcherie o che speculino sulla credulita' degli appassionati e' un altro paio di maniche.

Credo che se prevale l'aspetto in grassetto (e parlando con alcuni di questi "soggetti" l'evidenza è innegabile), se si continua a dar credito a personaggi imbarazzanti che girano nel cosiddetto Hiend, la strada per uno che si avvicina a questo mondo ed ha un minimo di razionalità è una sola: IPOD!!!!:cry: :cry:

Stefano TSOTV
12-06-2009, 16:34
a parte che definire Hi-end certe porcherie presenti ci vuole fegato (alcune salette del TAV cosa sono IpermegasuperHi-end????), per il resto la manifestazione romana può essere utile solo per comprare un po' di dischi e rivedere qualche amico....

Delle pirme 4 edizioni sono stato presente alla 2a, 3a e 4a ed è stato una discesa verso le cantine non una salita verso l'empireo dell'audio.

Se lo conosci lo eviti, se lo conosci non ti uccide :D :D :D

Egr.Sig. Maurocip buon pomeriggio,
sottotono e bla bla questo e quello, è sempre una questione del come si vede le cose, mejo er bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno?
Dunque, nella prima edizione del 2003 si urlava a gran voce al miracolo con 32 espositori trentadue, nel 2004 questi erano diventati 47, nel 2005 idem, nel 2006 43, nel 2007 48 e nel recente 2008 ben 51 con 4 infiltrati, nell'edizione del 2009 che avverrà il 5 e 6 dicembre quanti infiltrati vi saranno? uno di questi infiltrati esponeva un mega giradischi e premetto che anticipatamente mi aveva telefonato dicendomi "a Zaì, nun tengo un euro e nemmeno le lacrime pè piange e quindi nun ce posso venì", un'altro ha piazzato il suo materiale usato in una saletta publicizzandosi quà e là per er Roma hi-end cò tanto de biglietti da visita, n'artro ancora vendeva dischi, e dulcis in fundo all'interno della rassegna si publicizzava gratuitamente un'artra rassegna cò tanto de volantini senza che l'organizzatore ne sapesse quarcosa, quindi 51 + 4 = 55.

NB: e comunque no-problem, tanto sappiate che er Roma hi-end è fortemente minacciato, quindi che vinca il più forte che ovviamente non sò io, mica c'ho la penna io!

saluti
Stefano Zaini
TSOTV

MDL
12-06-2009, 16:52
Salve Stefano

Riesumare un 3d in cui l'ultima risposta del signor maurocip (:D) risale al 2007?

Non ha molto senso.

Grazie

iaiopasq_
13-06-2009, 14:30
...mica c'ho la penna io!

...e per fortuna, vorrei aggiungere! :eek:

Visto il tono polemico gratuito, visto che ti sei iscritto apposta solo per rispondere a questa discussione, visto che sei un operatore e il regolamento parla chiaro, ti sospendo a tempo indeterminato.
Per riattivare il tuo account scrivi all'amministratore, che se lo riterrà giusto ti riabiliterà con la qualifica di operatore.