L'importanza dei cavi. [Archivio] - Forum di AV Magazine

PDA

Visualizza Versione Completa : L'importanza dei cavi.



Mirko
18-08-2003, 08:50
Sabato mi sono comprato il cavo di corrente Klimo per il mio Merlin, ho avuto miglioramenti nella gamma alta soprattutto e ora risulta più rifinita. Prima avevo un cavo Shark in rame argentato isolato in teflon e cablato e intrecciato da me.

TONINO61
18-08-2003, 09:53
Ciao Mirko

Avevo 14 anni quando sul giradischi un Lenco nel montare la testina ho rotto le pagliuzze del braccio , mi ssono recato a comprarne di nuove e il negozio avevano le Nagaoka con rame purissimo e contatti dorati (costavano di piu delle standard).
Montato il tutto sorpresa suono migliore, da quel giorno ho sempre tenuto in considerazione i cavi .
Per Mirko controlla la fase elettrica (di media quando il cavo è in fase suona meglio).

Ciao TONINO

Daniele The Fly
18-08-2003, 10:02
Quanto lo hai pagato? Quanto è lungo?

Mirko
18-08-2003, 10:05
Le fasi e le masse sono tutte a posto. Il cavo è 1,30 e l'ho pagato 80€

Michele Spinolo
18-08-2003, 10:10
Mirko inizia a pensare ad uno stabilizzatore di corrente: con un po' di fortuna puoi portarteli a casa a cifre molto basse!

Daniele The Fly
18-08-2003, 10:22
Michele Spinolo ha scritto:
Mirko inizia a pensare ad uno stabilizzatore di corrente: con un po' di fortuna puoi portarteli a casa a cifre molto basse!
Parli di un condizionatore di rete oppure cosa?

Mirko
18-08-2003, 10:31
Michele Spinolo ha scritto:
Mirko inizia a pensare ad uno stabilizzatore di corrente: con un po' di fortuna puoi portarteli a casa a cifre molto basse!

Li abbiamo già provati e il suono cambia in peggio. Io ho un trasforatore Bartolucci che e anche disacoppiatore di rete per i finali e provavalvole a 110v. Devo comprare un variac che sembra sia una manna per gli ampli a valvole anche se lo tieni 220-220.

Michele Spinolo
18-08-2003, 10:44
Daniele The Fly ha scritto:
Parli di un condizionatore di rete oppure cosa?

Parlo di un "aggeggio" che ti butti fuori sempre 220V a 50Hz anche in casi di oscillazioni della rete elettrica (l'Enel, ora ERA, ammette sino ad un 10% di errore, quindi potete avere da 200V 240V tranquillamente).

Michele Spinolo
18-08-2003, 10:45
Mirko ha scritto:
Li abbiamo già provati e il suono cambia in peggio. Io ho trasforatore Bartolucci che e anche disacoppiatore di rete per i finali e provavalvole a 110v. Devo comprare un variac che sembra sia una manna per gli ampli a valvole anche se lo tieni 220-220.

Mirko, leggi la risposta Daniele the fly: intendevo una cosa diversa!;)

Mirko
18-08-2003, 10:49
Io intendo sonicamente.

Michele Spinolo
18-08-2003, 10:55
Mirko ha scritto:
Io intendo sonicamente.

No io parlavo di un apparecchio diverso, comunque sono OT:rolleyes:

TONINO61
18-08-2003, 13:51
Michele Spinolo ha scritto:
Parlo di un "aggeggio" che ti butti fuori sempre 220V a 50Hz anche in casi di oscillazioni della rete elettrica (l'Enel, ora ERA, ammette sino ad un 10% di errore, quindi potete avere da 200V 240V tranquillamente).


Ciao michele

Ancora una volta sono dalla parte di Mirko ,personalmente ho provato sia i stabilizzatori a Ferro Saturo(Gate of Music) , che quelli Elettronici (lo stesso tipo che si vede nelle foto del tuo impianto era un Mini Stab), oppure di tipo AudioPhile(PS Audio con DSP per ricreare la sinusoide ), anche di tipo a valvole ,
provati anche i vari Condizionatori di rete(trasformatore con rapp.1/1 + filtri). Ma una volta tolti il suono migliora ,personalmenta ho fatto in questo modo: cavo dedicato dal contatore enel con filtri toroidali (ferrite sul cavo).
Piccola nota la mia tensione di rete è 250 volt le elettroniche sono state messe a 240v (spostato cavo sul primario del trasformatore).

Ciao TONINO

Daniele The Fly
18-08-2003, 14:20
Michele Spinolo ha scritto:
Mirko, leggi la risposta Daniele the fly: intendevo una cosa diversa!;)

Cosa intendevi con precisione? Dacci qualche riferimento cosi ci documentiamo.

Daniele The Fly
18-08-2003, 14:21
Mirko ha scritto:
Le fasi e le masse sono tutte a posto. Il cavo è 1,30 e l'ho pagato 80€

Hai mai provato un Van Den Hul?

TONINO61
18-08-2003, 14:34
Michele Spinolo ha scritto:
Parlo di un "aggeggio" che ti butti fuori sempre 220V a 50Hz anche in casi di oscillazioni della rete elettrica (l'Enel, ora ERA, ammette sino ad un 10% di errore, quindi potete avere da 200V 240V tranquillamente).

Anora una piccola nota sul quadro distribuzione ho messo un Rele Lovato(questo tipo di Rele è conosciuto come Rele Min/Max contiene un circuito Elettronico che controlla le fasi e la variazione della tensione ,si puo regolare il ritardo ed altri parametri),ma comunque il rele lovato serve solo per controllare la tensione (non alimenta l' impianto). Per alimentare l'impianto il Rele Lovato va ad alimentare un Rele da 32 Ampere doppio scambio(bobina del rele ).

Quando il Rele Lovato vede che la rete è a posto alimenta la bobina del Rele da 32A doppio scambio , con un cavo dedicato metto la 220(nel mio caso 250 volt) in ingresso al rele da 32ampere e la prelevo in uscita per andare ad alimentare l' impianto con un cavo dedicato.

Per me questa è una soluzione molto valida per due motivi:

1 - si controlla la tensione di rete e tutte le variazioni

2- non si alimenta l' impianto con stabilizzatori vari.

Ciao TONINO

ivan
18-08-2003, 15:15
Daniele The Fly ha scritto:
Hai mai provato un Van Den Hul?

Di alimentazione o in genere?

Mirko
18-08-2003, 15:19
ivan ha scritto:
Di alimentazione o in genere?

Mi associo:D

Daniele The Fly
18-08-2003, 15:23
Mi sembra che stessimo parlando di alimentazione comunque visto che ci siamo anche di altro genere.

Mirko
18-08-2003, 15:32
Di alimentazione mai, ho avuto diversi cavi VDH, ora ho il silver sul fono. La nuova tecnica al carbonio non mi piace.

Michele Spinolo
18-08-2003, 15:33
Daniele The Fly ha scritto:
Cosa intendevi con precisione? Dacci qualche riferimento cosi ci documentiamo.

guarda le foto del mio impianto

Daniele The Fly
18-08-2003, 15:39
non si riescono a vedere le foto del tuo impianto, c'e' solo il logo fortunecity...

Daniele The Fly
18-08-2003, 15:39
Mirko ha scritto:
Di alimentazione mai, ho avuto diversi cavi VDH, ora ho il silver sul fono. La nuova tecnica al carbonio non mi piace.

Hai ascoltato qualche cavo al carbonio e cos'e' che non ti piace?

Mirko
18-08-2003, 15:48
I conduttori normali sono migliori e suonano meglio. Ho avuto il First poi cambiato con uno migliore.

Michele Spinolo
18-08-2003, 15:53
Daniele The Fly ha scritto:
Hai ascoltato qualche cavo al carbonio e cos'e' che non ti piace?

elettricamente il carbonio è molto inferiore al rame, non capisco perchè volerlo usare.
Per me, come rapporto qualità prezzo, meglio orientarsi verso cavi in rame puro Oxygen free di grossa sezione.

Daniele The Fly
18-08-2003, 15:56
Mirko ha scritto:
I conduttori normali sono migliori e suonano meglio. Ho avuto il First poi cambiato con uno migliore.

Il first normale o la versione ultimate (c'e' grossa differenza) e poi con che cosa lo hai sostituito?

Daniele The Fly
18-08-2003, 15:59
Michele Spinolo ha scritto:
elettricamente il carbonio è molto inferiore al rame, non capisco perchè volerlo usare.
Per me, come rapporto qualità prezzo, meglio orientarsi verso cavi in rame puro Oxygen free di grossa sezione.

Non mi sembra il caso di parlare di rapporto qualità prezzo quando si inizia a parlare di cavi che cominciano a costare 300 euro, siamo quasi nella follia ed i folli non badano al prezzo in funzione della qualità. Io direi che forse i cavi in rame puro danno il loro meglio fino ad un certo livello, poi bisogna passare ad altri materiali come ad esempio l'argento (ovviamente sempre per la mia opinione).

Mirko
18-08-2003, 16:12
Prima versione, un cavo buono è il D - 102 V Special

Daniele The Fly
18-08-2003, 16:30
Mirko ha scritto:
Prima versione, un cavo buono è il D - 102 V Special

Ti garantisco che il first ultimate è tutta un'altra cosa, io lo utilizzo nella sezione audiovideo tra pre e finale.
Il first normale ed il D102 sono molto simili, siamo su categorie differenti quando andiamo sulla versione ultimate oppure sul The Second.

ivan
18-08-2003, 17:02
Della VDH ho il The second che utilizzo tra pre fono e ampli integrato.

L'ho trovato usato (100€) lo ho scelto dopo avere testato WBT Monster Cable e Kimber, mi sembra più fluido e con alti maggiormente rifiniti.

CMQ fra tutti i cavi che ho provato quello con il quale ho riscontrato i migliori risultati è il Monster Cable M-1000 fra CD e Integrato in versione XLR.

Alti arrontondati e bassi più "grassi".

CMQ tieni conto che il comportamento di un cavo dipende molto dall'equilibrio timbrico del tuo impianto e da cosa vuoi ottenere.
Nel mio caso ho scelto il Monster per addolcire la risposta un po' "chiarina" delle Proac studio 100.

Per la cronaca il Monster aveva un effetto quasi miracoloso nell'addolcire le alte del Rotel RSP985 ed in seguito del RCD971.
Con queste ultime due macchine il problema di cui sopra si faceva maggiormente sentire dell'attuale CD Copland.

Ciao.

Daniele The Fly
18-08-2003, 18:25
ivan ha scritto:
CMQ tieni conto che il comportamento di un cavo dipende molto dall'equilibrio timbrico del tuo impianto e da cosa vuoi ottenere.
Nel mio caso ho scelto il Monster per addolcire la risposta un po' "chiarina" delle Proac studio 100.

Per la cronaca il Monster aveva un effetto quasi miracoloso nell'addolcire le alte del Rotel RSP985 ed in seguito del RCD971.
Con queste ultime due macchine il problema di cui sopra si faceva maggiormente sentire dell'attuale CD Copland.

Ciao.

Lo so perfettamente, infatti per la sezione audio tra pre e finale ho tolto il The second XLR che avevo e l'ho sostituito con un Nordost Red Dawn XLR (gentilmente avuto in regalo :D ) per migliorare l'emissione sulle basse che con il The Second erano un po' troppo enfatizzate.

Michele Spinolo
18-08-2003, 18:26
Daniele The Fly ha scritto:
Lo so perfettamente, infatti per la sezione audio tra pre e finale ho tolto il The second XLR che avevo e l'ho sostituito con un Nordost Red Dawn XLR (gentilmente avuto in regalo :D ) per migliorare l'emissione sulle basse che con il The Second erano un po' troppo enfatizzate.

ma ha senso utilizzare un cavo XLR dal per al finale se se ne usa uno single ended fra sorgente e pre?:confused:

Daniele The Fly
18-08-2003, 18:30
Perche' non dovrebbe averne?

A parte il fatto che il mio pre si interfaccia con il finale in modalità stereo solo con cavo bilanciato, quindi sono vincolato a livello costruttivo, la sorgente accettata in ingresso può essere bilanciata o sbilanciata.

ivan
18-08-2003, 18:30
Michele Spinolo ha scritto:
ma ha senso utilizzare un cavo XLR dal per al finale se se ne usa uno single ended fra sorgente e pre?:confused:

Secondo me no.

Daniele The Fly
18-08-2003, 18:32
Spiegami perché no.

ivan
18-08-2003, 20:22
Daniele The Fly ha scritto:
Spiegami perché no.

L'utilizzo delle connessioni XLR da buoni risultati se utilizzati fra tutti i componenti della catena (che lo consentono), di dirò di più da alcune recensioni apparse su Suono qualche mese fa' (in particolare per il piccolo ampli Krell) sembra che i reali vantaggi in termini di qualità si hanno se i componenti sono costruiti in configurazione bilanciata allo scopo di ridurre al minimimo i passaggi da sbilanciato a bilanciato.

Peraltro, sempre secondo Suono, sono maggiori le possibilità che si ottengano buoni risultati con le connessioni sbilanciate che quelle bilanciate.

Per me non è stato così infatti collego il CD all'ampli in bilanciato il suono mi sembra più rifinito, tuttavia inizialmente ero perplesso poichè il Copland prevede le uscite sbilanciate realizza escusivamente con componenti discreti le XLR no inoltre l'ampli non è realizzato in configurazione bilanciata.

Secondo i luoghi comuni avrebbe dovuto essere peggio.

Quindi vedi tè.

CMQ mi sembra che per il tuo impianto il problema non sussista ....

Ciao.

Daniele The Fly
18-08-2003, 20:28
Infatti non sussite: il collegamento tra pre e finale viene effettuato con cavi XLR perché la configurazione del finale è ibrida, diciamo che lavora in maniera sbilanciata nella modalità 5 canali poi quando viene convertito in modalità stereo dal PRE lavora in maniera completamente bilanciata utilizzando un toroidale per il canale sinistro ed un altro per quello destro.

ivan
18-08-2003, 20:35
Daniele The Fly ha scritto:
Infatti non sussite: il collegamento tra pre e finale viene effettuato con cavi XLR perché la configurazione del finale è ibrida, diciamo che lavora in maniera sbilanciata nella modalità 5 canali poi quando viene convertito in modalità stereo dal PRE lavora in maniera completamente bilanciata utilizzando un toroidale per il canale sinistro ed un altro per quello destro.

CMQ in base alle mie esperienze un cavo o una connessione si prova e si decide.

Ancora di più se è possibile di un componente nuovo.

In effetti in questo ho trovato solo un negozio che ha disponibili molti cavi da fare testare ai clienti ... e con quello che costano.

Inoltre tieni conto che le connessioni XLR quando le case fanno economia sono fra le prime a saltare... se tanto mi da tanto...non sono poi così determinanti.

Daniele The Fly
18-08-2003, 21:48
ivan ha scritto:
CMQ in base alle mie esperienze un cavo o una connessione si prova e si decide.

Ancora di più se è possibile di un componente nuovo.

In effetti in questo ho trovato solo un negozio che ha disponibili molti cavi da fare testare ai clienti ... e con quello che costano.

Inoltre tieni conto che le connessioni XLR quando le case fanno economia sono fra le prime a saltare... se tanto mi da tanto...non sono poi così determinanti.

Fortunatamente il mio negoziante di fiducia mi fa provare i cavi prima di comprarli.
Di cavi XLR ne ho provati 3 coppie prima di arrivare alla scelta definitiva.

ivan
18-08-2003, 22:25
In realtà ai cavi di alimentazione ho sempre dato poca importanza.
Mi piacerebbe rimediare, tuttavia mi rimane il dubbio...come puo' influire l'ultimo metro di cavo quando non si ha nessuna garanzia che i cablaggi della rete domestica siano stati eseguiti con un cavo OK??

Se c'è qualche partecipante che è in grado di spiegarmelo...grazie.

Ciao.

Michele Spinolo
18-08-2003, 22:48
ivan ha scritto:
In realtà ai cavi di alimentazione ho sempre dato poca importanza.
Mi piacerebbe rimediare, tuttavia mi rimane il dubbio...come puo' influire l'ultimo metro di cavo quando non si ha nessuna garanzia che i cablaggi della rete domestica siano stati eseguiti con un cavo OK??

Se c'è qualche partecipante che è in grado di spiegarmelo...grazie.

Ciao.

In effetti...io per sicurazza ho fatto tirare un cavo apposito per l'impianto da 6mm di spessore!:D

Marco Rosanova
18-08-2003, 23:03
Michele Spinolo ha scritto:
In effetti...io per sicurazza ho fatto tirare un cavo apposito per l'impianto da 6mm di spessore!:D

Viste le tue attitudini alla tecnica e alla misura, sarebbe il caso di dire 6mmq di sezione!:D

Michele Spinolo
18-08-2003, 23:06
Marco Rosanova ha scritto:
Viste le tue attitudini alla tecnica e alla misura, sarebbe il caso di dire 6mmq di sezione!:D

ah ah!
A mezzanotte non capisco più nulla! Ovvio che era sezione e mm^2!;)

renato999
19-08-2003, 02:29
ivan ha scritto:
In realtà ai cavi di alimentazione ho sempre dato poca importanza.
Mi piacerebbe rimediare, tuttavia mi rimane il dubbio...come puo' influire l'ultimo metro di cavo quando non si ha nessuna garanzia che i cablaggi della rete domestica siano stati eseguiti con un cavo OK??

Se c'è qualche partecipante che è in grado di spiegarmelo...grazie.

Ciao.


Anch'io me lo sono chiesto, credo che possano influire sull'ascolto le interferenze elettromagnetiche che il cavo (o il groviglio di cavi) genera vicino alle elettroniche, o intererenze generate dalle stesse elettroniche. (Boh.)


Ciao

Michele Spinolo
19-08-2003, 06:58
renato999 ha scritto:
Anch'io me lo sono chiesto, credo che possano influire sull'ascolto le interferenze elettromagnetiche che il cavo (o il groviglio di cavi) genera vicino alle elettroniche, o intererenze generate dalle stesse elettroniche. (Boh.)


Ciao

per quelle lunghezze, con cavi schermati e a quelle potenze è impossibile.

Discorso diverso per il segnale di un fonorivelatore prima dello stadio phono: essendo le potenze in gioco modestissime può succedere di captare disturbi.

lotus 4.0
19-08-2003, 10:31
anche io ero molto scettico sui cavi di alimentazione,finchè non li ho provati,sul finale ho messo un vdh the mainsstream ,per il pre e meccanica cd ho utilizzato cablerie d'eupen,il risultato è stato una miglior focalizzazione del messaggio sonoro con aumento di dettaglio soprattutto in gamma alta,bassi leggermente più controllati anche l'ariosità è aumentata.
per quanto riguarda il cavo vdh the first ultimate,lo utilizzo tra meccanica cd e ampli (cavo digitale),anche quì ho notato un discreto miglioramento rispetto al cavo in rame-argento ,in gamma alta è aumentato il dettaglio,ed il controllo sugli estremi.

comunque sono convinto che ogni tipologia di impianto abbia bisogno del proprio cavo sia in rame ,argento,composito,senza considerare i gusti personali.

Mirko
19-08-2003, 11:12
ivan ha scritto:
In realtà ai cavi di alimentazione ho sempre dato poca importanza.
Mi piacerebbe rimediare, tuttavia mi rimane il dubbio...come puo' influire l'ultimo metro di cavo quando non si ha nessuna garanzia che i cablaggi della rete domestica siano stati eseguiti con un cavo OK??

Se c'è qualche partecipante che è in grado di spiegarmelo...grazie.

Ciao.

Attenzione i risultati si hanno sopra il metro e non andrei sopra il metroeottanta.