Conversione digitale-analogica CD [Archivio] - Forum di AV Magazine

PDA

Visualizza Versione Completa : Conversione digitale-analogica CD



fabio3
25-10-2002, 14:13
Avrei una curiosita' tecnica sulla conversione D/A dei lettori CD, che spero qualcuno possa soddisfare.

Quando sono usciti i primi lettori di CD, circa 17 anni fa, i convertitori D/A montati erano a 10 bit, a fronte dei 16 bit con cui venivano quantizzati i campioni di segnale musicale sul CD: di conseguenza si perdevano 6 bit sulla qualita' musicale, ma nessuno sembrava accorgesene, nel senso che qualita' sembrava comunque buona.:confused: :eek:

Adesso abbiamo convertitori a 16 bit, ma non solo, sono usciti i SACD con quantizzazione a 24 bit, se non erro.

A questo punto mi domando:
1) Ho detto qualche castroneria? oppure
2) Se gia' con 10 bit utilizzati il segnale era comunque buono, che vantaggio effettivo ho utilizzandone 24? Non e' che si tratta solo dell'ennesima manovra commerciale, tesa a farci sentire sempre un po' inadeguati agli ultimi ritrovati tecnologici, e quindi a comprare, senza pero' portare reali "benefici"?

Grazie a chi vorra' rispondere.:D

Emidio Frattaroli
26-10-2002, 09:43
Beh, la prima castroneria sono i 24 bit del SACD che, in realta', ne utilizza soltanto uno :cool:

Il campionamento del SACD e' totalmente differente rispetto al PCM utilizzato da CD e DVD (video e audio).

Anyway, spero avrai pazienza poiche' in questo momento il tempo che ho a disposizione e' piuttosto limitato :(

Mi riservo quindi di risponderti in modo piu' approfondito tra qualche giorno.


Nel frattempo sono graditi altri autorevoli interventi ;)


Emidio

Lino Mazzocco
26-10-2002, 13:58
Allora io avevo un Meridian MCD e mi sembra di ricordare
che il chip di conversione fosse a 14 bit,
sicuramente la risoluzione reale di meno.

Oggi i chip utilizzati per i CD rasentano
la perfezione teorica dello standard, ossia i 16 bit.

I chip a 24 bit, magari usati per il DVD Audio,
se raggiungono i 18 bit di risoluzione
effettiva e' grasso che cola.

Ad ogni modo, in 16 bit si puo' contenere una grande mole
di dati, sicuramente sufficiente per suonare bene.
Spesso il problema non risiede nel numero di bit
ma nella bonta' delle registrazioni,
troppo frequentemente ancora inaccettabile.

Microfast
26-10-2002, 14:20
Parole sante Lino ......


Saluti
Marco

igor
28-10-2002, 17:13
Originariamente inviato da fabio3
Avrei una curiosita' tecnica sulla conversione D/A dei lettori CD, che spero qualcuno possa soddisfare.

Quando sono usciti i primi lettori di CD, circa 17 anni fa, i convertitori D/A montati erano a 10 bit, a fronte dei 16 bit con cui venivano quantizzati i campioni di segnale musicale sul CD: di conseguenza si perdevano 6 bit sulla qualita' musicale, ma nessuno sembrava accorgesene, nel senso che qualita' sembrava comunque buona.:confused: :eek:

Adesso abbiamo convertitori a 16 bit, ma non solo, sono usciti i SACD con quantizzazione a 24 bit, se non erro.

A questo punto mi domando:
1) Ho detto qualche castroneria? oppure
2) Se gia' con 10 bit utilizzati il segnale era comunque buono, che vantaggio effettivo ho utilizzandone 24? Non e' che si tratta solo dell'ennesima manovra commerciale, tesa a farci sentire sempre un po' inadeguati agli ultimi ritrovati tecnologici, e quindi a comprare, senza pero' portare reali "benefici"?

Grazie a chi vorra' rispondere.:D
infatti i cd ad inizio era digitale suonavano una porcheria e anche ora solo pochissimi possono dire di avvicinarsi ai mostri sacri dell'analogico:D

il SACD sembra che sia un ottimo compromesso per quel che riguarda la musica digitale, certo devo dare ragione a Lino quando dice che le registrazioni odierna fanno scappare da ridere per fortuna nostra che c'è ancora qualche casa editrice che ristampa vinili direttamente dai master analogici originali dell'epoca:D
in compenso l'ultimo articolo sui DVD video/audio di TNT-Audio sembra aprire una nuova frontiera, audio a 24bit/96khz con compatibilità per tutti i lettori solo dvd-video, senza bisogno di cambiare macchina di lettura.

ciao

igor
ps: eccoti il link (http://www.tnt-audio.com/topics/hiresmusic.html)

renato999
11-11-2002, 01:36
Di sicuro i primi lettori di CD suonavano molto peggio di adesso, quindi le modifiche apportate negli anni non sono state solo manovre commerciali.

Il SACD è un metodo di conversione digitale molto innovativo, i vantaggi sono difficili da valutare, oltretutto bisogna tener presente che ci saranno affinamenti e sviluppi futuri.

Riguardo ai 24bit/96khz, è invece una logica evoluzione dello standard attuale, quindi porta sicuri vantaggi, grandi o piccoli che siano.

E' però da tener presente che purtroppo la bontà della registrazione risulta sempre determinante sul risultato finale, al di là della tecnica di conversione usata. Questo probabilmente perchè, come dice Lino, 16bit se ben sfruttati, possono bastare ad ottenere validi risultati, e anche perchè a molte case discografiche non interessa registrare con la massima qualità (alcune forse sono convinte di farlo).

Ciao.

Lino Mazzocco
14-11-2002, 14:07
Originariamente inviato da igor

in compenso l'ultimo articolo sui DVD video/audio di TNT-Audio sembra aprire una nuova frontiera, audio a 24bit/96khz con compatibilità per tutti i lettori solo dvd-video, senza bisogno di cambiare macchina di lettura.
[/URL]

Queste cose furono dette sin dai primi momenti, ancor
prima che uscisse il DVD Audio e l'SACD, solo che il buon
senso ha nulla a che vedere con le logiche di marketing.