Presa di corrente: fase.... [Archivio] - Forum di AV Magazine

PDA

Visualizza Versione Completa : Presa di corrente: fase....



alex_co_99
20-05-2004, 11:49
Come faccio e cosa mi serve per capire quale è la fase di una presa di corrente ? :rolleyes:

Alex

maurocip
20-05-2004, 12:07
bah, ci sono illustri sostenitori del fatto che mettere controfase la spina di alimentazione possa peggiorare, in impianti audio di qualità piuttosto buoni e selettivi, la resa sonora.
Io, nella mia esperienza con il mio discreto impianto posso dirti che ho realizzato tutti i cavi di alimentazione e, coinvolgendo mia moglie del tutto profana, ti confermo che si avverte la differenza rispetto agli standard.
Per la fase invece, dopo un po' di prove, ho messo il verso sulla spina della ciabatta, ma, se devo essere sincero, credo che si tratti più che altro di una pura suggestione psicologica e non una superiorità realmente percepita.
ciao

Mirko
20-05-2004, 12:10
Tester digitale= se non segna - davanti a 220 è corretta. Cercafase a led si illumina sul +. Attacca gli apparecchi con il solo cavo i corrente con il cercafase led (sensibile) o con il puntale del tester - tocca il telaio (l'altro va nella presa di corrente 220 sul+)é da preferire il verso della spina dove al telaio arriva meno corrente, quindi luce più debole e scala tester più bassa. La miglior fase è a orecchio.:rolleyes:

alex_co_99
20-05-2004, 12:19
Grazie per le risposte ;)

Alex

PS Mi serviva perchè sullo schema del ricevitore per comandare lo schermo elettrico sono previsti 2 morsetti: uno è per la fase.
Ma succede qualche cosa se uno se ne frega :D :D ?

Puka
21-05-2004, 00:42
Per ulteriori chiarimenti guarda qui: http://www.hi-figuide.com/laboratorio/esperimenti/2000/fase/index.html

La fase all'ascolto si sente, eccome, è un piccolo miglioramento che sommato a tanti altri possono fare la differenza.

Ciao
Antonio

alex_co_99
21-05-2004, 08:57
molto interessante, grazie :eek: :D

Alex

maurocip
21-05-2004, 09:37
La fase all'ascolto si sente, eccome, è un piccolo miglioramento che sommato a tanti altri possono fare la differenza.

Continuo a nutrire dei dubbi, anche se, dopo vari prove, ho sistemato le spine segnandomi il verso.
Comunque, per toglierti ogni dubbio alex, basta che cambi il verso della presa e, se noti differenze, ti segni il verso che ti piace di più...;)
ciao

alex_co_99
21-05-2004, 10:03
Non avevo considerato la cosa da un punto di vista audio: ora che mi arriveranno i cavi nuovi per i diffusori sistemerò anche questo aspetto.

Il problema mi è nato quando sulle istruzioni di collegamento del ricevitore che serve a comandare lo schermo elettrico, dei due morsetti cui collegare l'alimentazione, uno è indicato come fase e l'altro come neutro.
Ora con il cerca-fase il problema lo risolvo, ma mi chiedevo cosa potesse succedere al ricevitore o al motore del telo se non ci avessi fatto caso :eek: :D

Alex

PS Ma saremo malati ?? mo mi tocca "addrizzare" tutte le spine :D :D

maurocip
21-05-2004, 10:24
... è una brutta malattia, ed io non sono nemmeno il più malato!!!!
:D :D :D :cool: :D :D :D

Paolo UD
21-05-2004, 11:26
alex_co_99 ha scritto:
cut...
Ora con il cerca-fase il problema lo risolvo, ma mi chiedevo cosa potesse succedere al ricevitore o al motore del telo se non ci avessi fatto caso :eek: :D

Alex

cut
Non sono un elettricista, quindi potrei dirti delle cavolate :D
In genere si tende ad interrompere la fase piuttosto che il neutro, così che a impianto spento non lo tieni sotto tensione così eviti anche le scosse nel caso tu toccassi il filo senza essere isolato :p
sempre salvo castronate:

fase -> interruttore -> lampadina -> neutro
ad interruttore spento, se tocco la lampadina (ovvio i contatti ;) ) non prendo la scossa.
Questo evita anche tutta una serie di rischi tipo incendi ecc.

Spero di esserti stato di aiuto (oh, se prendi la scossa non venirmi a cercare :D )

Paolo

Alberto Pilot
21-05-2004, 11:32
Paolo UD ha scritto:
...In genere si tende ad interrompere la fase piuttosto che il neutro....

se un impianto rispetta le normative vigenti, deve essere costruito secondo questi parametri.

In ogni caso, tanto per scrivere, non è sempre detto che "toccando il neutro" non prendi la scossa. Nei vecchi impianti (o quelli essitenti non messi "a norma") a volta il neutro era "messo a terra" ... traine tu le dovute (ed elettrizzanti) conclusioni! :D

Alex, scusa ... ma invece di farti tutte queste piste ... per capire in quale dei due poli c'è la fase .... non ce l'hai un dito a disposizione? :D :D

Scherzo dai .....

Mandi!

Alberto :cool:

alex_co_99
21-05-2004, 11:43
AlbertoPN ha scritto:
.......
se un impianto rispetta le normative vigenti.....

ah ah ah ah...........


AlbertoPN ha scritto:

Alex, scusa ... ma invece di farti tutte queste piste ... per capire in quale dei due poli c'è la fase .... non ce l'hai un dito a disposizione? :D :D



Che mi daresti una mano...anzi...un dito ????
:D :D :D

Alex

tecnognomo
21-05-2004, 12:49
Paolo UD ha scritto:
Non sono un elettricista, quindi potrei dirti delle cavolate :D
In genere si tende ad interrompere la fase piuttosto che il neutro, così che a impianto spento non lo tieni sotto tensione così eviti anche le scosse nel caso tu toccassi il filo senza essere isolato :p
sempre salvo castronate:

fase -> interruttore -> lampadina -> neutro
ad interruttore spento, se tocco la lampadina (ovvio i contatti ;) ) non prendo la scossa.
Questo evita anche tutta una serie di rischi tipo incendi ecc.

Spero di esserti stato di aiuto (oh, se prendi la scossa non venirmi a cercare :D )

Paolo

Ma un ricco interruttore bipolare ruba l'anima?

Io avevo l'interruttore standard monopolare, ed ogni volta che attaccavo l'impianto, l'extracorrente di chiusura del circuito mi faceva zompare il salvavita!!!

andra
21-05-2004, 19:55
Che un impianto ne guadagni tenendo conto della FASE ! :confused:
Alcune in AT elettroniche ne soffrono: ad esempio la mia caldaia se non si rispetta la fase di allacciamento, non si accende.
Sugli impianti in BT tipo le elettroniche HI _FI le correnti vengono raddrizzate, ridotte, trasformate... percui notro dubbi sull'utilità del mantenimento di Fase.
Relativamente all'interruzione, se AMPLI è ottomo, l'interruzione avviene su entrambe i poli, altrimenti occorre usare un interruttore bipolare esterno ( ci sono anche da incasso ).

Sul fatto che il neutro non porti corrente, verino.. dipende da varie cose, comunque in genere NO.
Attenzione alla massa invece poca, ma c'e'.
I salvavita molte volte saltano se non sussiste un rapporto corretto Fase/ massa con Neutro/ massa ( quantificabile in media +- 3 V ).

Gli elementi, tipo i portalampade lampade di casa vengono chiusi dall'interruttore e la lampadina viene collegata a valle dell'interrutore sul Neutro.
In questa maniera, quando si cambia, se l'interruttore è spento si è abbastanza sicuri di non prendere scosse.
Questo metodo è in uso dalle NORME CEI del 1974 percui dubito dopo l'adeguamento alla legge del 1990 , che non si possegga questo tipo di collegamento.

Ciao
Andra