DVHT settembre: una riflessione [Archivio] - Forum di AV Magazine

PDA

Visualizza Versione Completa : DVHT settembre: una riflessione



Fabio Rossi
02-09-2002, 18:37
Premesso che ritengo DVHT un riferimento da cui imparare sempre qualcosa, e premesso che non e' mia intenzione rinfocolare vecchie polemiche, devo pero' lamentare che su questo numero ben sei (6) pagine vengono dedicate (mi pare) a pre-amplificatori per giradischi. :mad:

A costo di fare la figura del troglodita, vorrei chiedere all'autore, e al direttore che glieli avalla, se veramente, in coscienza, pensano che queste cose interessino agli appassionati di HT. :(

Quelli fra noi interessati anche agli LP e al mondo dei giradischi analogici comprano, sono certo, le riviste di quel settore, per esempio Audio Review.

Capisco mischiare gli argomenti per catturare un pubblico eterogeneo…attenzione pero' a non perdere gli appassionati.

Morale: a mio parere tali articoli dovrebbero essere pubblicati su AR con buona pace di quelli che nell'HT ci vedono anche la parte video. :) ;)

Fabio

PS. Naturalmente so bene che il forum e' totalmente "indipendente" da DVHT. Trovo pero' che questo sia uno dei luoghi piu' naturali dove fare certe considerazioni.
Lascio pero' totalmente libero Emidio di congelare/chiudere questo thread se lo ritiene non costruttivo.

Acenet
02-09-2002, 21:03
Di Primo acchitto Fabio mi potrei trovare d'accordo con te.

Premetto che non ho (ancora?) passione per l'audio stereo o analogico o con giradischi vari.

La mia lettura di DVHT riguarda sicuramente altre parti della rivista. Adoro le prove hardware, le anteprime, un po meno le recensioni di DVD. Egoisticamente vorrei quindi che la rivista fosse infarcita di prove su lettori DVD, proiettori e ampli in generale.
Penso però che difficilmente si possa effettuare un così alto numero di prove in un mese da dover tagliare altre parti della rivista.

Trovo quindi che 6 pagine di recensione per oggetti non direttamente inerenti all'HT vero e proprio siano un specie di parentesi fra gli argomenti principali. Non è detto che un appassionato di HT si appassioni a qualcos'altro proprio leggendo queste pagine; e per approfondire deciderà anche di comprare AR.

Ribadisco che mi sta bene a patto di non sacrificare altre parti. E poi è dimostrato proprio dall'ultimo numero uscito che se hanno bisogno di spazio aumentano quanto più possibile il numero delle pagine.

P.S.
Lascio pero' totalmente libero Emidio di congelare/chiudere questo thread se lo ritiene non costruttivo.
Non credo proprio che Emidio faccia cose di questo tipo.

JUMBO
02-09-2002, 22:06
Di secondo, terzo & quarto acchito, Fabio, sono con te!

E ti dirò di più: personalmente, sono anche messo peggio :(

Infatti, saltando a Piè Pari la "Brochure EISA Awards" e con essa l'Editoriale che stavolta s'è portata purtroppo appresso, recensioni software, video/fotocamere, Pre-Phono, Pubblicità, Listino e Scelte del Direttore, mi ritrovo con una "resa" sul totale di 226 pagine dell'ordine del 30% :mad:

Quel che più mi spiace sono le sole 4 paginuzze sull'argomento che preferisco (e Tanta Grazia che c'erano, stavolta): l'Approfondimento.

Questo è infatti l'aspetto che più di altri innalza il valore collezionistico del prodotto ;)

E l'"inciso" di Emidio sulla Tecnologia LCD meritava senz'altro maggiore spazio di quello gentilmente concesso.

E ciò a maggior ragione se si pensa agli sforzi profusi per l'estensione, qualità e raffinatezza delle misure di laboratorio pubblicate.

Ma a che servono tali sforzi se poi non si sfruttano adeguatamente tutte le occasioni per fornire gli strumenti idonei per imparare ad interpretarle ed apprezzarle appieno?

P.S: dici che a metà Ottobre, su AudioReview di Settembre, ritroveremo tal quale l'EISA di Giugno che ci siamo già spupazzati in Agosto su DVHT di Settembre? :D

Spaccaossa
02-09-2002, 23:16
Le inutili pagine centrali.
trovo un'po triste che si enfatizzi in copertina la particolare rilevanza del numero pubblicato,quando poi ci si rende conto ben presto della pochezza dell'exploit.
Eugenio

Michele Spinolo
03-09-2002, 08:38
...io ho apprezzato le recensioni sui pre-phono.
Non acquisto AR, ma ho un giradischi analogico di qualche tempo fa e alcuni LP, e un pre-decoder senza ingresso phono (come molti...).

Non vedo quindi perchè un articolo di questo genere non possa interessare gli appassionati di HT, che, con molta probabilità, lo sono anche di musica.

zomperello
03-09-2002, 14:51
Originariamente inviato da Michele Spinolo
...io ho apprezzato le recensioni sui pre-phono.
Non acquisto AR, ma ho un giradischi analogico di qualche tempo fa e alcuni LP, e un pre-decoder senza ingresso phono (come molti...).

Non vedo quindi perchè un articolo di questo genere non possa interessare gli appassionati di HT, che, con molta probabilità, lo sono anche di musica.

Ti ricordo che questa rivista era stata resa indipendente da audioreview per poter sviscerare in maniera piu' approfondita i temi riguardanti HT,cosa non fattibile su audioreview(tralasciamo i dettagli del perche'..),infatti se ben ricordi,da inizio anni '90,si era passati dalla sezione Ht all'allegato,sino ad una rivista con cadenza mensile.:rolleyes:

Sinceramente trovo "bizzarro" e fuori luogo il comportamento della redazione con questa scelta,anche perche' i pre-pre vengono trattati sulle riviste del settore "HI-END" italiane e straniere,con tanto di prove tecniche e d'ascolto con svariati bracci e puntine di ogni fascia di prezzo,insomma son d'accordo con voi nel dire che queste pagine sono state "sprecate" e sarebbero servite a completare altri argomenti!:confused:

P.S mi verrebbe da ridere se il mese prossimo audioreview dovesse fare una prova comparativa dei pre-pre presenti sul mercato!:D :D

Sarei interessato a capire il perche' di questa scelta! :rolleyes: :confused: :confused:

Fabio Rossi
03-09-2002, 16:19
le risate te le farai certamente....dato che, rileggendo con piu' attenzione l'articolo in questione, ho notato che gia' contiene la promessa di ulteriori prove di pre (piu' costosi) per il prossimo numero di DVHT: questa e' solo la prima parte :eek:

Credo, quindi, che l'articolo comparativo su Audio Review sara' spostato a Novembre ;)

Michele, non discuto la qualita' delle recensioni (non sono oggetti che conosco...), ma sono d'accordo con zomperello....ricordo bene quando AR aveva l'allegato HT... l'antenato di DVHT.
Comunque, con il mio post, volevo proprio capire se c'erano persone interessate....tu non compri AR, ma hai tratto qualche consiglio utile dall'articolo (e dal prossimo :( )... questo, tutto sommato, mi rallegra un po' :)

Fabio

PS: Condivido anche quanto detto da JUMBO....l'ottimo contributo tecnico di Emidio sulla tecnologia LCD poteva/doveva trovare piu' spazio....

Michele Spinolo
03-09-2002, 17:53
Su AR c'è già stata una prova comparativa di diversi pre-phono ad opera di Marco Benedetti mi sembra.
Comunque, essendo si daccordo sul fatto che ci azzecchi poco o niente con HT e che anche io avrei preferito che fosse dato maggior spazio ad Emidio, volevo solo far sapere che c'è gente a cui non è dispiaciuto del tutto.

Sempre meglio degli editoriali politici no?;) :p

Emidio Frattaroli
03-09-2002, 22:23
Ordunque!

Prima di tutto vorrei ribadire per l'ennesima volta l'assoluta indipendenza di questo forum: c'è "soltanto" un regolamento da rispettare. :p

Caro Fabio, non capisco quindi per quale motivo avrei dovuto congelare/chiudere la discussione...

Ah! Ho capito; forse potrei considerare non costruttiva una critica ai contenuti di Digital Video? :eek:
A proposito: grazie, Acenet ;)

Veniamo ora alle mie personalissime considerazioni.

Per quanto riguarda la presunta pochezza dei contenuti, vorrei sottolineare le 20,5 pagine nette dedicate all'InfoComm, oppure le recensioni di 2 sintoampli (6.1 e 7.1), 1 DVD Audio PS, 1 DVD recorder, 1 sistema di altoparlanti, 1 PJ, 3 TVC/monitor e 1 fotocamera.

Dico: 10 apparecchi testati con misure di laboratorio.

Ma cosa pensate: che basti acquistare uno strumento, premere un pulsante ed attendere i grafici completi?

A questo punto cercherò di convincere il mio direttore tecnico ad inserire una coppia di webcam in laboratorio così da far comprendere l'enorme quantità di impegno nella realizzazione delle misure...


Sfoghi a parte :rolleyes:, in riferimento alle pagine sui phono preamp, posso dire soltanto che condivido in pieno le parole di Bebo Moroni che cito testualmente:

"... nella maggior parte dei casi il vostro preampli/processore o il vostro sintoamplificatore non dispongono di un pre phono, e privarsi del piacere dell'ascolto di un buon LP analogico [...] è quasi un'autopunizione...".

Infine, in riferimento allo spazio dedicato agli EISA Awards, sinceramente non capisco come possa dar fastidio. Si tratta pur sempre di apparecchi testati dalle riviste associate all'EISA e in distribuzione sulla maggior parte del territorio europeo. Prodotti scelti, ve lo assicuro, dopo una estenuante maratona regolata da nome molto rigide con criteri assolutamente trasparenti.

Posso capire invece le critiche ai singoli apparecchi.

Chi vuole iniziare? ;)


Emidio

stefno
04-09-2002, 11:19
dunque, ieri ho comprato la rivista, guarda caso DOPO aver letto questo thread.
Devo dire che mi sembra più ricca di altri numeri (e mi riferisco a quelli più recenti, visto che la leggo da poco) e quindi non condivido chi la critica per la pochezza dei contenuti.


Originariamente inviato da Emidio Frattaroli

Infine, in riferimento allo spazio dedicato agli EISA Awards, sinceramente non capisco come possa dar fastidio. Si tratta pur sempre di apparecchi testati dalle riviste associate all'EISA e in distribuzione sulla maggior parte del territorio europeo. Prodotti scelti, ve lo assicuro, dopo una estenuante maratona regolata da nome molto rigide con criteri assolutamente trasparenti.

A questo proposito invece devo dire che le pagine degli EISA mi hanno lasciato un pò interdetto: a che servono? Non conosco questi prodotti, le loro caratteristiche, i loro punti di forza: perchè sono stati premiati? boh.

Ok, non critico la scelta di utilizzare un paginone intero per ciascun prodotto, perchè può essere inteso come celebrazione per l'ottenimento del premio; ma perchè non inserire almento una sintesi delle features più interessanti? Invece no, solo una frase scritta in carattere desdemona 76, tanto per riempire la pagina.

Un pò triste... mi ricorda tanto il mio compagno di banco delle medie, che quando copiava in bella il tema scriveva largo e una riga si e una no solo per riempire il foglio protocollo...

Emidio Frattaroli
04-09-2002, 13:47
Originariamente inviato da stefno
... ma perchè non inserire almento una sintesi delle features più interessanti? Invece no, solo una frase scritta in carattere desdemona 76, tanto per riempire la pagina...
Grazie stefno per gli apprezzamenti ai contenuti di Digital e le critiche molto costruttive alle pagine degli EISA Awards. :)

Probabilmente sarebbe stato meglio inserire qualche informazione in più.

D'altra parte gli EISA Awards sono un po' come il premio "Auto dell'anno" e si rivolgono quindi anche al grande pubblico.

Per questo motivo le "motivazioni" devono essere brevi, chiare e leggibili. Quindi cerchiamo ogni volta di condensare il maggior numero di informazioni che mettano in risalto caratteristiche del prodotto ma anche i motivi dell'assegnazione del premio.

Inoltre le motivazioni sono esattamente le stesse in tutti i paesi europei. Dopo l'assegnazione dei premi infatti, alcuni "malcapitati" vengono scelti per scrivere, in inglese, proprio quelle frasi che verranno poi tradotte in tutti gli altri idiomi. Sono proprio io il responsabile delle motivazioni relative al PJ Epson, al RPTV Thomson e all'innovazione di JVC (è mio anche il disegnino nel TVC :D).

Ad Esempio, per il PJ Epson mi sembra di aver sottolineato un eccellente rapporto qualità/prezzo, l'alta risoluzione, la semplicità di utilizzo, Il meraviglioso menu, la straordinaria compatibilità per connessioni e segnali, la silenziosità, il DSP video Faroudja, tutto detto nel modo più semplice possibile. E vi assicuro che non è stato semplice riassumere tutto questo, specialmente in inglese!

Per la tecnologia JVC è stato ancora più difficile. Spero si capisca quale sia il vero punto di forza: 1250 linee di scansione interlacciate per 75 Hz fanno circa 47 kHz di frequenza di scansione, contro i 32 kHz di tutti gli altri (Panasonic, Philips, Sony).

Quindi, stefno, spero che almeno "i loro punti di forza" e "perchè sono stati premiati" sia abbastanza chiaro.

Un'ultima cosa: possibile che quelle 50 pagine in più che non hanno comunque sottratto spazio ai contenuti abituali, siano completamente da buttare? Possibile che nessuno tra i premi assegnati stuzzichi almeno la vostra curiosità? C'è qualcuno che inizi veramente a contestare qualche premio?

Emidio

JUMBO
04-09-2002, 20:42
Si tratta pur sempre di apparecchi testati dalle riviste associate all'EISA...

Considerando che non tutti gli apparecchi vincenti sono stati provati da tutte le riviste che hanno contribuito ad eleggerli, se ne può dedurre che esista una sorta di "Mutuo Riconoscimento" delle prove altrui, e dunque anche dei relativi giudizi, fra i vari membri.

Dico bene?

Ebbene, ora mettiamoci dalla parte del Consumatore che, avendo ricevuto la segnalazione EISA su DVHT per un prodotto di suo potenziale gradimento, deve decidere il da farsi.

Già, ma che fare?

Precipitarsi in negozio perchè nel trafiletto le motivazioni, brevi ma chiare, non mancano di certo?

Cioè vogliamo sostenere che le prove, in fin dei conti, non servono a nulla?

Oppure che non servono solo per gli EISA Awards che, a quanto pare, sono giudicati soltanto sulla base di fattori quali "tecnologia più avanzata, caratteristiche più desiderabili, design più elegante, utilizzazione più piacevole, rapporto Q/P", tutta roba che non pare necessiti di misura?

O magari si pensa invece di dare al lettore medio di DVHT ciò che in fondo si ritiene possa bastargli e magari meritarsi?

No eh?

Ergo il da farsi consisterebbe in ciò: siccome una prova oggettiva ci vuole, non foss'altro che per accontentare Emidio che qui ci sfida a contestare qualche Premio EISA, allora bisogna innanzitutto scovare QUALE fra le Cinquanta riviste specializzate ha recensito COSA e QUANDO.
Individuata la rivista resta poi da vedere DOVE acquistarla, non senza aver dovuto affrontare anche il problema di COME reperirla e a QUANTO.

Capite bene che tutto questo fermerebbe chiunque, MA NON il Vero Appassionato che, dopo Anni & Anni di DVHT ha finalmente capito che non bisogna mai fidarsi dei giudizi generici cioè, in ultima analisi, proprio delle "motivazioni EISA".
Il Nostro si iscriverà pertanto senza esitare ad un corso accelerato di norvegese, perchè avrà scoperto che la recensione cercata è sul numero di Giugno di "EYEFI", che acquisterà a prezzo maggiore di quello intero, che aspetterà per mesi, e che sfrutterà solo per quell'unico Articolo Marcio che pensava potesse interessargli. E che non sarà così.

Nel frattempo, naturalmente, i vestiti sono andati fuori moda, e con loro anche il suo apparecchio!

In sostanza, gli EISA AWARDS visti:

dalla parte del Consumatore Avveduto: a che servono?

dalla parte della Rivista che li promuove: ma qual è il ritorno commerciale delle 50 pagine "investite" in quanto "regalate"?

Immagine? Lustro? Prestigio?

Ma per chi?

Per il Grande Pubblico?

E quale sarebbe il Grande Pubblico di DVHT?

Quello per il quale è stata forse concepita la Cromìa Zonale?

Ma agli occhi di questo temo che l'Immagine si rischi piuttosto di guastarsela per questo.

O no? :confused:

Marco Rosanova
05-09-2002, 09:37
Originariamente inviato da Emidio Frattaroli

Sfoghi a parte :rolleyes:, in riferimento alle pagine sui phono preamp, posso dire soltanto che condivido in pieno le parole di Bebo Moroni che cito testualmente:
... nella maggior parte dei casi il vostro preampli/processore o il vostro sintoamplificatore non dispongono di un pre phono, e privarsi del piacere dell'ascolto di un buon LP analogico [...] è quasi un'autopunizione..."

Ciao Emidio
Scusa ma pur condividendo il senso generale di quelle parole, non ne condivido l'utilizzo, anzi, le ritengo una ottima scusa per scrivere ciò che si vuole anche se off topic, rendendo sempre più, quelle ultime pagine, una rivista a parte con un suo unico direttore redattore che si diverte a scrivere ciò che vuole.
Seguendo il suo esempio, potremmo tranquillamente dire che, durante un film, non bisognerebbe privarsi del piacere di un buon popcorn e quindi giù a provare, rigorosamente senza misure, forni a microonde, padelle antiaderenti e macchinette varie per la produzione di un accessorio che pochi disdegnerebbero in una catena HT!!

Infine, in riferimento allo spazio dedicato agli EISA Awards, sinceramente non capisco come possa dar fastidio. Si tratta pur sempre di apparecchi testati dalle riviste associate all'EISA e in distribuzione sulla maggior parte del territorio europeo. Prodotti scelti, ve lo assicuro, dopo una estenuante maratona regolata da nome molto rigide con criteri assolutamente trasparenti.

Dunqe: Jumbo ha fatto una discreta analisi del processo, io invece ti chiedo: chi ha pagato per tutto l'ambaradan?
Nel senso: le riviste organizzano tutto e fanno pubblicità gratis ai vincitori?
Mi pare un pochino dura da credere e se così non fosse, sarebbe ipotizzabile uno sponsor che paga senza qualche "garanzia"?
E comunque, a cosa serve il tutto?
E' solo l'ennesima classifica di prodotti che da sola non serve a nulla, ci riassume le doti di un prodotto, ma non ci può evitare di studiarlo a fondo se vogliamo essere sicuri di un acquisto corretto, perdendo di utilità e significato e riducendosi ad un semplice spot pubblicitario.

Alla fine della fiera, anche io sono rimasto un po' interdetto: a fronte dell'annuncio in copertina, mi ritrovo inutili classifiche e le solite Bebate.
E Lucchesi non ritiene ancora di commentare le nostre opinioni, certo siamo pochi appassionati faziosi, e comunque continuiamo a comprare la rivista, ma proprio per questo, secondo me, meriteremmo un po' di considerazione.

Marco Rosanova
05-09-2002, 09:43
Originariamente inviato da Emidio Frattaroli
Possibile che nessuno tra i premi assegnati stuzzichi almeno la vostra curiosità? C'è qualcuno che inizi veramente a contestare qualche premio?
Sbaglio o scorgo una nota polemica in questa affermazione?:) :)

Alessandro Celli
05-09-2002, 11:00
Io ho una spiegazione alla prova di Pre Phono su DVHT.

Erano a corto di argomenti o altre cose interessanti poichè
sicuramente ad alcuni lettori di DVHT l'argomento interessava,
ma ci scommetto se questi sono più del 10%.
Comunque su una rivista seria, interessante, ma soprattutto
dedicata al DVHT come anche il titolo recita i PRE PHONO non ci devono proprio entrare.

P.S. C'è una bella prova di un paio di casse su "Gardenia"
servono per seminare, ma con un paio di altoparlanti
vanno bene anche per HT.

GoldWing
05-09-2002, 12:04
Orbene, cogliendo la palla al balzo e riprendendo una discussione aperta su un'altro thread ma miseramente naufragata, mi unisco al coro.
Evidenzierei a questo punto diversi filoni e correnti di pensiero critico:
- Eisa awards qui prodest?
- Materiale non HT (phono amp. Etc.) in ambito HT
- Contenuti HT in DVHT non sviscerati a sufficienza

Andiamo per gradi.

EISA award "qui prodest".
Riprendendo il pensiero di jumbo e ricollegandomi a quanto gia affermato nel thread del "malloppone" : a chi servono 'sti awards?
La splendida "parata pubblicitaria" incorniciata a tutta pagina dallo splendido carattere Desdemona 76 offre si un ottimo esempio di presentazione mediatica e quindi soddisfando l'occhio soddisfa la forma. Cio' che non viene soddisfatta, a mio avviso, e' la sostanza. Certo le note " brevi ma chiare" dovrebbero fungere da faro illuminante all'ignaro consumatore che, a digiuno di tecnica e soprattutto spaesato dall'ampissima offerta di prodotti sul mercato, cerca di scegliere ciò che farà al caso suo.
Vedo quindi quattro categorie di acquirenti : l'esperto, il nofita, lo spettatore e lo sprovveduto.

L'esperto non si accontenta certo delle note " brevi ma chiare" e cerchera' con ogni mezzo di fare prove, confronti, test comparativi e sessioni estenuanti di switch A-B-C-D…Z. La scelta sarà poi data dalla sua personale "evaluation". Valore degli EISA Awds: scarso tendente al nullo.

Il neofita' fara' di tutto per farsi aiutare dall'amico esperto e quindi, immancabilmente, si riproporrà lo scenario relativo all'esperto. Anche qui la scelta avverrà a ragion veduta. Valore degli EISA Awds: scarso tendente al nullo.

Lo spettatore, potenziale target degli EISA award, dovrà , in primis, venire a conoscenza degli EISA awards. Comprera' DVHT prima del suo acquisto? Oppure si recherà presso il più vicino centro commerciale e si fara' propinare, dal commesso di turno, l' impianto "vantaggioso" consigliato soprattutto dalla logica del magazzino e opportunamente mascherato dall'esperienza e dal savoir fair del già nominato commesso? Valore degli EISA Awds: alto ma il rischio che il messaggio non arrivi a destinazione e' ancora piu' alto.

Lo sprovveduto o piu' semplicemente l'acquirente emotivo si lascerà tentare dall'offerta economicissima del supermercato di turno e non avendo le basi per distinguere un dolby surround da un dolby digital o DTS prevarra' la logica delle lucine, delle manopole, dei watts e ovviamente del costo. Valore degli EISA Awds: scarso tendente al nullo.

Mi sorgono spontanee alcune domande:
È giusto offrire consigli ad un pubblico esperto pubblicando gli EISA award sulle riviste specializzate?
Se l'indicazione viene fornita su una rivista specializzata perche non la si fornisce badando anche alla sostanza piu' che alla forma?
Perche' non si pensa a proporre gli EISA awds su riviste che non siano del settore dei relativi prodotti?
In fin dei conti I consigli sono diretti ad un pubblico non esperto e il ritorno commerciale sarebbe sicuramente maggiore.
Quale, in percentuale, e' stato il ritorno commerciale degli EISA awds negli anni passati?
Hanno davvero influenzato gli acquisti dei consumatori? O hanno solo aumentato la diffidenza verso quei prodotti?

Materiale non HT (phono amp. Etc.) in ambito HT
Purtroppo, o per fortuna, anch'io mi schiero dalla parte di coloro che acquistando una rivista HT chiedono che si tratti di argomenti HT. Questo per due motivi:
- I voli pindarici in altri settori restano comunque limitati, non esaustivi
- Si toglie spazio agli argomenti del settore

Pur essendo vero che puo' essere facile abbinare soluzioni Hifi all'HT e' anche vero il contrario ovvero tenere le due cose separate. Quindi parafrasando cio' che il Sig. Moroni afferma sull'autopunizione :

Fortunatamente "... nella maggior parte dei casi il vostro preampli/processore o il vostro sintoamplificatore non dispongono di un pre phono…"

Con questo non voglio schierarmi contro gli LP (ne possiedo anch'io) ma sostenere la necessita' di differenziare le due cose.

Eppure gli argomenti HT da trattare sarebbero tantissimi senza andare a "rubare" materiale all'HiFi:
segnali, cablaggi, acustica, schermi, materiali, tecnologie, ottica, informatica applicata all HT, autocostruzione, tweaking, diffusori, mercato, tendenze, , per non parlare delle elettroniche, dei processori video, di come la società videofila viene vista dalle case del settore e quindi l'interazione con le case stesse. E cosi via…
DVHT ->Digital Video Home Theatre …sorry Analog Audio doesn't fit. ;)

Contenuti HT in DVHT non sviscerati a sufficienza
Anche qui sono d'accordo con chi chiede maggior approfondimento dei temi trattati. Certo si rischia di cadere nel troppo tecnico o nel prolisso ma visti gli argomenti - non parliamo di ricette della nonna - gli ingredienti devono per forza essere tecnici e chi si occupa di segnali video o di digital stream non puo' fare a meno di parlare di "bandwith", "dB"o di "kb/s".

Tutto ciò, ovviamente IMHO.:cool:
GW

zomperello
05-09-2002, 12:39
io non condivido affatto le parole del Moroni su una rivista Ht, prima compravo solo audioreview,adesso mi fate spendere piu' del doppio per trovarmi con delle recensioni attinenti al settore audio. :mad:

Concordo totalmente con quanto scritto da Marco,perche' adesso e' la prova del phono,domani del giradischi( un bel integrato ht da 500€ non si puo' lasciare senza una sorgente analogica,magari di qualita') il prossimo mese la prova di alcune testine mm mc(perbacco,ti sei fatto il pre che accetta segnali mc,il giradischi,be',non vorrai rimanere senza testine mc!!!) ;)

Insomma,come ha scritto il Marco,vorrei leggere una prova esuriente e gratificante per le mie tasche(con quello che spendo nelle vostre riviste dal 1983 ad oggi....)la prova di alcune padelle antiaderenti al titanio,e sopratutto un silenziatore per quando sgranocchio i semi di mais,(il crunc crunc a volte mi fa' perdere alcune battute del film),perche', il popcorn e' un elemento insostituibile della mia catena hi-end!!!!!
(sarei curioso di leggere in quale posizione della sua classifica il Moroni mette il pop-corn,forse una AAA+) :D

Apro una parentesi(ad inizio anni 90 su suono,il Moroni usava le stesse classifiche per pubblicizzare i prodotti di Audioreference,oggi su Ht ritrovo le stesse classifiche con gli stessi marchi dello stesso importatore,dopo 13anni sempre gli stessi nomi!!!!! :eek: coincidenza?solo questo importatore sceglie prodotti eccezzionali? ;) chiusa parentesi)

Emidio Frattaroli
05-09-2002, 22:22
Prendo atto delle osservazioni.
Sia sulla necessità delle prove sui Pre-Phono ed anche sull'EISA.

Per quanto riguarda il "richiesto" intervento di Roberto Lucchesi su questo forum, continuo a non capire il tuo attegiamento Marco. Mi sembrava di esser stato molto chiaro in un thread precedente che dovresti conoscere molto bene. Perché, prima di tutto, nessuno è obbligato alla conoscenza di quello che ci diciamo ogni giorno su questo forum.

Volete risposte dal direttore di una rivista che aquistate regolarmente?

E scrivete allora!

Ma a lui. Direttamente ed esplicitamente. Sono certo che risponderà.

Attenzione: non che non si debba parlare di questo su AV Forum. Ma addirittura pretendere una risposta... ;)





Torniamo infine all'EISA che mi tocca un po' più nel vivo :rolleyes: e alle ottime argomentazioni di JUMBO, Marco e GoldWing.

Una breve premessa.

Cosa sono gli EISA Awards (http://www.eisa-awards.org/)?

Un riconoscimento che considero molto importante, conferito a quei prodotti di elettronica di consumo che si siano distinti per qualità, e/o innovazione e/o convenienza etc.

Molto importante poiché:

1- viene assegnato da un considerevole numero di riviste specializzate in elettronica di consumo che rappresentano 20 paesi europei;
2- viene assegnato osservando scrupolosamente regole molto precise (http://www.eisa-awards.org/faq.htm)

Ricordo infine che le pagine con i "vincitori" e relative motivazioni, sono le stesse in tutta Europa e tutte le riviste sono obbligate alla pubblicazione.



Detto questo, torniamo alla presunta inutilità degli EISA Awards.


Ipotizziamo, per un attimo, che gli EISA Awards siano una cosa molto seria e che il prodotto vincitore venga scelto perché lo merita veramente. Non per giochi politici oppure economici.

Ipotizziamo, inoltre, che il grande pubblico inizi sempre di più a capire cos'è un EISA Award.

Magari un prodotto vincitore di un EISA Award sarebbe ben felice di mostrare tale riconoscimento. In qualsiasi forma possiate immaginare.

Cerco di spiegarmi meglio


Pensiamo per un attimo agli OSCAR, oppure ai Golden Globe. Oppure ancora al Leone d'Oro di Venezia, all'Orso di Berlino...

Funzionano o non funzionano quei premi?


Il discorso non è poi così lontano, mi sembra.


Ad esempio, GoldWing, mi permetto di correggere la tua premessa. Già il solo fatto che l'appassionato esigente sia così incuriosito dagli EISA da inserire uno dei prodotti vincitori tra la comparativa, direi che sia un ottimo successo.

E poi ricordo che l'EISA non si ferma sulle pagine di Digital Video ma è in tutta Europa, sopratutto nelle pubblicità preparate dalle stesse aziende produttrici. Non avete mai visto un manifesto pubblicitario di un prodotto vincitore dell'EISA Awars con il famigerato marchietto? ;)

Appunto.


Infine, se vogliamo proprio divertirci e per rispondere a JUMBO, torno ancora sul paragone degli Oscar cinematografici ed al fatto che, da quando gli Oscar sono diventati così importanti, sono considerate inutili tutte le riviste e le rubriche di critica cinematografica.
Oppure, ribaltando la visione, sottolineo come nessuna autorevole rivista di critica cinematografica conceda spazio ai vincitori dei premi Oscar.

:cool:

...continua (ebbene sì: è una minaccia!)

Body
06-09-2002, 00:35
Originariamente inviato da JUMBO

E l'"inciso" di Emidio sulla Tecnologia LCD meritava senz'altro maggiore spazio di quello gentilmente concesso.


amen

Qual'era l'inciso? :)

Body

luny74
06-09-2002, 08:28
.......in questa interessantissima discussione, ma vorrei esporvi solo il mio parere;)

Ammiro molto le vs. critiche costruttive ed il vs. tenativo di rendere DVHT sempre migliore. Certamente voi, come me, tenete molto a questa rivista.

Tuttavia io ho trovato questo numero di DVHT denso di novità molto interessanti ed in gran forma ;) E' certamente vero che l'ottimo articolo di Emidio avrebbe meritato molto più spazio di quello che gli è stato concesso, ma non penso a discapito degli EISA.

Solo un accenno : il mese scorso si è spento ( definitivamente) il mi Tv, e stavo pensando di prenderne uno nuovo che accettasse segnali progressivi.
Una soluzione era certamente il Panasonic recensito da Af digitale, ma gli EISA mi hanno messo la classica "pulce nell' orecchio" :

"la nuova tecnologia D.I.S.T della JVC" ( prima ne ignoravo addirittura l'esistenza).

Certamente non mi fionderò a comprare il JVC, ma lo terrò in seria considerazione.

In questa ottica gli EISA mi sono serviti ;).

Al contario non amo in DVHT le recensioni di prodotti che secondo il mio personalissimo parere hanno poco a che fare con l'HT, ossia le fotocamere digitali o telecamere e Video Giochi.

Passi per le schede video ( per tutti coloro i quali vogliono assemblare un HTPC)anche se non vorrei che la nostra rivista si trasformasse in una sorta di "AFdigitale II" dove si parla di tutto un pò.;)

Trovo starno che reputiate gli EISA e le recensioni dei Pre-Phono non attinenti con lo "spirito" della rivista ed al contrario passiate sopra alle recensioni dei videogames (ad esempio);)

Solo la mia opinione.

Luigi.

Marco Rosanova
06-09-2002, 10:03
Originariamente inviato da Emidio Frattaroli

Per quanto riguarda il "richiesto" intervento di Roberto Lucchesi su questo forum, continuo a non capire il tuo attegiamento Marco. Mi sembrava di esser stato molto chiaro in un thread precedente che dovresti conoscere molto bene. Perché, prima di tutto, nessuno è obbligato alla conoscenza di quello che ci diciamo ogni giorno su questo forum.

Volete risposte dal direttore di una rivista che aquistate regolarmente?

E scrivete allora!

Ma a lui. Direttamente ed esplicitamente. Sono certo che risponderà.

Attenzione: non che non si debba parlare di questo su AV Forum. Ma addirittura pretendere una risposta... ;)


Ciao Emidio
il tuo pensiero è chiaro e corretto.
Se mi sono permesso di "ribadire" una richiesta, è solo perchè, a fronte di diverse critiche, fossi io Lucchesi, mi sarei precipitato a far valere le mie ragioni, un po' come ha fatto Bebo che, senza essere tenuto, ha risposto alle nostre eccezioni.
Vero è che nessuno è obbligato a sapere ciò che accade su questo forum, ma è anche vero che, vista la situazione, addurre una motivazione del genere, mi sembra un po' debole come giustificazione per non rispondere e rafforza la mia idea che non lo si voglia fare.
Io non pretendo una risposta, mi meraviglio che non arrivi.
Oggi si pone la possibilità di poter scambiare opinioni in tempo reale tra chi fa una rivista e chi la legge e, al di la dei contenuti, riterrei importante lo scambio di idee che, per quanto possa essere animato, qualche cosa la insegna sempre: non sfruttare questa possibilità è un peccato.
Attenzione, queste sono solo mie opinioni e non voglio assolutamente indurre Emidio a fare da tramite o a prendere posizioni di qualsiasi tipo, anzi, non vorrei neanche che lui rispondesse ad argomenti che lo pongano in "conflitto di interessi", vorrei solo dare un'impulso ad una comunicazione tra chi fa e chi legge una rivista, come non è mai esistito prima.


Ipotizziamo, per un attimo, che gli EISA Awards siano una cosa molto seria e che il prodotto vincitore venga scelto perché lo merita veramente. Non per giochi politici oppure economici.

Scusa, non capisco, ci stai dicendo che la scelta non è seria?
Se così fosse anche per una infinitesima parte, mi sembra inutile stare qui a parlarne.

Pensiamo per un attimo agli OSCAR, oppure ai Golden Globe. Oppure ancora al Leone d'Oro di Venezia, all'Orso di Berlino...

Funzionano o non funzionano quei premi?

Non mi pare un mistero che questi premi siano assegnati in base a scelte politiche e commerciali, il problema è che la gente ci crede ancora e, basta che un film abbia preso qualche premio, che la gente si fionda al cinema.

Ragazzi non prendiamoci in giro da soli: qualsiasi concorso, premio o classifica ha, magari in piccolissima parte, degli interessi da soddisfare e questo li vanifica in partenza.

L'EISA rispetto ad altri ha un vantaggio: le categorie sono tante, per cui non c'è bisogno di troppe spinte per accontentare tutti e, assegnando almeno un premio ad ogni majors, si risolve il problema.

...continua (ebbene sì: è una minaccia!)

Qui sono! :)

Marco Rosanova
06-09-2002, 11:08
Originariamente inviato da Emidio Frattaroli

Volete risposte dal direttore di una rivista che aquistate regolarmente?

E scrivete allora!

Ma a lui. Direttamente ed esplicitamente. Sono certo che risponderà.


Ho appena inviato una mail a Lucchesi invitandolo a partecipare alla discussione: se son rose... :) :)

Lino Mazzocco
06-09-2002, 13:06
Originariamente inviato da Marco Rosanova
se son rose... :) :)

... rosenove! :)

Marco Rosanova
06-09-2002, 13:30
Originariamente inviato da linomatz


... rosenove! :)
ROTFL!!
Certo che te potevi sforzà anche a scrive un commentino oltre a sta str...! :D :D :D

Emidio Frattaroli
06-09-2002, 13:30
Marco, l'ipotizzare la serietà dell'assegnazione dei premi era chiaramente retorica provocazione.
Figuriamoci se non fossi pienamente convinto della serietà dell'EISA.

Visto il tempo estremamente limitato che ho attualmente a disposizione, nel mio ultimo post ho cercato di affrontare soltanto alcuni degli aspetti di questo thread.
Ad esempio, capire perché gli EISA Awards danno così fastidio agli appassionati e spiegare perché io considero questi premi estremamente importanti per la crescita dell'elettronica di consumo di qualità.


Stultum esse dicere credebam...

Poiché ero convinto che l'esempio dei premi cinematografici potesse spiegare il mio ragionamento.

Ma io sono molto cocciuto.

Ripensiamo di nuovo agli Oscar, considerati da un buon numero di appasionati cinefili come assolutamente INUTILI. Eppure analizziamone il VALORE mediatico, economico, politico e sociologico.
Cerchiamo di ricordare lo spazio che viene loro riservato da tutti i media e anche dalle case cinematografiche.

Avete mai visto una locandina di un film vincitore di un premio Oscar senza un preciso ed esplicito riferimento a quel riconoscimento?

Tutto questo NON per convinvìcere dell'assoluta importanza degli EISA Awards. Ma per instillare almeno il dubbio che non siano poi così inutili. Magari guardando anche un po' più in là nel tempo.


E comunque se continuiamo a rimescolare gli argomenti, diventerà molto difficile scambiare costruttivamente le nostre rispettabili opinioni. Cerchiamo, ad esempio, di scindere l'utilità e l'efficacia degli EISA Awards dalla loro presunto limite politico ed economico.

Sulla loro utilità, spero che il mio pensiero sia chiaro.
E quindi attendo un confronto.


Adesso, invece, cerco di rispondere alla tua seconda affermazione che condivido almeno in parte:

Marco Rosanova scrive:
...Ragazzi non prendiamoci in giro da soli: qualsiasi concorso, premio o classifica ha, magari in piccolissima parte, degli interessi da soddisfare e questo li vanifica in partenza.

L'EISA rispetto ad altri ha un vantaggio: le categorie sono tante, per cui non c'è bisogno di troppe spinte per accontentare tutti e, assegnando almeno un premio ad ogni majors, si risolve il problema.

Quindi anche Digital Video, Videotecnica e AF Digitale sono da buttare. E invece noi ancora lì ad acquistare e leggere avidamente le pagine di queste riviste. Forse non è tutto da buttare. E la vertià, come molto spesso succede, è nel mezzo o qualcosa del genere.

Infine credo proprio che sarà un po' difficile per me dimostrare che l'assegnazione degli EISA Awards sia assolutamente indipendente da qualsiasi gioco politico o economico. Ma non perché abbia ragione Marco. Anzi!

I premi, le classifiche e i voti, parlamoci chiaro, servono. E se sono assegnati con serietà non possono certo danneggiare nessuno.

Il problema, secondo me, è proprio la serietà nell'assegnazione. Ad esempio: meglio lasciare ai lettori ed utenti finali la possibilità di voto oppure a poche ed autorevoli persone?

Non preoccupatevi: non ho alcuna intenzione di citare Platone :p

Emidio

Marco Rosanova
06-09-2002, 14:05
Originariamente inviato da Emidio Frattaroli

Ripensiamo di nuovo agli Oscar, considerati da un buon numero di appasionati cinefili come assolutamente INUTILI. Eppure analizziamone il VALORE mediatico, economico, politico e sociologico.
Cerchiamo di ricordare lo spazio che viene loro riservato da tutti i media e anche dalle case cinematografiche.

Avete mai visto una locandina di un film vincitore di un premio Oscar senza un preciso ed esplicito riferimento a quel riconoscimento?

Scusa ma io non riconosco agli oscar nessun pregio, se non quello di avvicinare al prodotto i più superficiali, quelli che non hanno tempo o voglia di informarsi approfonditamente e si affidano alla sfilza di oscar solo per moda o semplicità.
Alla stessa stregua considero l'utilità dell'EISA, sempre che ne sia confermata la veridicità.
In poche parole: così come non è sicuro che un film da oscar mi piaccia, non è detto che un apparecchio Eisa faccia al caso mio, in questo senso, tutti e due i conferimenti si riducono al massimo ad una informativa pubblicitaria

Tutto questo NON per convinvìcere dell'assoluta importanza degli EISA Awards. Ma per instillare almeno il dubbio che non siano poi così inutili. Magari guardando anche un po' più in là nel tempo.

Anche la pubblicità se ben fatta è utile ma non c'è bisogno e spesso è anche dannoso, trasformarla in qualcosa d'altro.

Quindi anche Digital Video, Videotecnica e AF Digitale sono da buttare. E invece noi ancora lì ad acquistare e leggere avidamente le pagine di queste riviste. Forse non è tutto da buttare. E la vertià, come molto spesso succede, è nel mezzo o qualcosa del genere.

Non da buttare, ma neanche da prendere come oro colato, e cmq c'è il piacere di leggere un articolo, magari scritto da una persona che stimi, piuttosto che leggere un trafiletto, secondo me inutile.

I premi, le classifiche e i voti, parlamoci chiaro, servono. E se sono assegnati con serietà non possono certo danneggiare nessuno.

Ecco il punto: l'utilità è direttamente proporzionale alla serietà, se non è dimostrata la seconda, viene meno anche la prima.

Il problema, secondo me, è proprio la serietà nell'assegnazione. Ad esempio: meglio lasciare ai lettori ed utenti finali la possibilità di voto oppure a poche ed autorevoli persone?

Bella domanda!
Nessuna soluzione è scevra da problemi, forse si potrebbero comparare i risultati di più classifiche e vedere cosa viene fuori

Non preoccupatevi: non ho alcuna intenzione di citare Platone :p


Perchè, Platone legge DVHT? :D :D

Emidio Frattaroli
06-09-2002, 15:48
Originariamente inviato da Marco Rosanova
... io non riconosco agli oscar nessun pregio, se non quello di avvicinare al prodotto i più superficiali, quelli che non hanno tempo o voglia di informarsi approfonditamente e si affidano alla sfilza di oscar solo per moda o semplicità...

E' proprio questo il problema!

Ammesso, e non concesso, che la maggior parte delle persone siano superficiali, perché lasciare tutto così?

Perché non informare anche i più "superficiali" che quel film, secondo l'Academy Award, è meritevole?

A questo punto, anche soltanto se l'EISA fosse rivolta al grande pubblico e non ai pochi appassionati informati (e così comunque non è), direi che l'utilità degli EISA Awards non sia così difficile da accettare. Poi, se vogliamo ad ogni costo manifestare il nostro anticonformismo, se vogliamo ostacolare la crescita dell'elettronica di consumo, se vogliamo continuare a vedere nei forum richieste di consiglio tra un sistema multicanale Creative e Trust, allora... Getto la spugna! :D:D:D

Emidio

Emidio Frattaroli
06-09-2002, 15:58
Aggiungo soltanto una cosa:

non sono certo nato come appassionato esigente. Magari sono stato un po' più fortunato degli altri poiché a mio padre piaceva spendere qualcosina in più per suono ed immagini migliori.

Altre persone sono entrate in contatto con l'Hi-Fi audio e video in mote altre maniere ma quasi tutti ci sono arrivati pian piano.

Molte persone, ad esempio, non sanno neanche a cosa serva la stereofonia e capiscono, al contrario, molto più l'utilità del multicanale.
Ad esempio mi diverto sempre a guardare le espressioni dei volti di alcuni amici mentre ascoltano per la prima volta una traccia musicale stereofonica, riprodotta da due sistemi di altoparlanti nella giusta collocazione ed ascoltando il tutto da una posizione corretta. Ebbene una delle domande più gettonate è:
"... ma com'é possibile che la voce venga dal centro quando non c'è nessun altoparlante? Dov'è nascosta la cassa centrale? Eddài: dimmelo!". :p

Volgiamo che il mercato dell'elettronica di consumo diventi più grande? Vogliamo che la qualità aumenti? Vogliamo che il rapporto qualità prezzo aumenti?

Credo che anche gli EISA Awards possano darci una mano.

Non siete d'accordo?

Vi banno tutti dal forum!

:D:D:D

Emidio

Body
06-09-2002, 16:36
Originariamente inviato da Emidio Frattaroli
Aggiungo soltanto una cosa:


Emidio

Ma qual'era il tuo inciso sugli LCD??

Forse hai capito, hai avuto la rivelazione!

:D:D:p

Body

Emidio Frattaroli
06-09-2002, 18:39
In che senso?

Body
07-09-2002, 00:34
Originariamente inviato da Emidio Frattaroli
In che senso?


rapporto qualità prezzo

Allora qual'era questo inciso? ;)

Body

luny74
07-09-2002, 11:01
Originariamente inviato da Emidio Frattaroli
Non siete d'accordo?

Vi banno tutti dal forum!

:D:D:D

Emidio


^_________^

:D :D :D

ataru@lum.cn
08-09-2002, 10:07
A favore del Bebo Moroni.
Io vado fuori dal coro ed ho trovato utile la sezione dei pre-pre, visto che mi sono trovato in quella situazione di doverne cercare uno senza avere avuto a disposizione un solo articolo su una rivista specializzata di HT, da quando le compro s'intende ^___^;
All'epoca mi avrebbe fatto comodissimo per scegliere in maniera piu' oculata. Magari trovo eccessivo la rece di quelli supercostosi, ma capisco pure che nel campo HT c'e' chi si puo' permettere le Nautilus i McIntosh i Micromega ecc... ecc....

Per quanto riguarda gli EISA awards, condivido in pieno il parere di chi ritiene un paginone riempito da poche scarne parole un vero spreco (a meno di non trovarsi su Playboy o Penthouse :D), IMHO una bella rece per ogni articolo non avrebbe guastato, magari in piccolo e ripescata dai munifici archivi di DVHT e Audioreview :D

Per Emidio, credo che Body volesse dire cio' che ho pensato dopo aver letto DVHT, :"ma che te sei convertito agli LCD??" ^____^

Paoric
09-09-2002, 07:07
per voi che comprate DVHT siete sicuri che esce ogni mese, invece qui c'è qualcuno che attende le uscite (disperse) di Video Tecnica ed ora dopo aver atteso a lungo si accorge che questa mattina in edicola è uscito un "nuovo" numero....nuovo?? Prezzo in Lire e etichetta con scritto "nuova uscita" che vuol dire?? Quanto devo aspettare per avere un uscita "mensile" della rivista?? Cosa vuol dire far uscire di nuovo un vecchio numero come nuova uscita?? Non capisco questo comportamento, meno male che me ne sono accorto....

Emidio mi puoi dare tu una spiegazione?? Grazie

Paolo

Emidio Frattaroli
12-09-2002, 16:35
Proverò ad informarmi.

Emidio

Paoric
12-09-2002, 18:03
nel frattempo mi sono fermato poco fà in edicola e ho trovato il numero "nuovo" Agosto/Settembre, spero da Ottobre siano più puntuali.
ciao Paolo

valebon
12-09-2002, 21:44
Mi pare che a volte Videotecnica ristampi certi numeri, o perchè vanno esauriti, o perchè la "prima edizione" era di poche copie (o per entrambi i motivi).

Ultimamente la leggo molto poco, ma ricordo che all'interno della rivista c'era un certo conflitto tra i patiti dell'home-theater ed i videofili, effettivamente sono due mondi che non necessariamente si sovrappongono, e certi numeri della rivista sembrano veramente composti da due fascicoli distinti.

Infine ci tengo a dire che anch'io per una volta ho apprezzato l'articolo di Moroni sui pre, mentre ho trovato fastidiose le pagine sui premi EISA, se sono una cosa seria allora basta un elenco dei vincitori, in questo modo si trasforma quasi in pubblicità ... che paghiamo! :eek:
Dò ragionissima ad ataru che avrebbe preferito una - magari breve - recensione di ogni apparecchio, piuttosto che il ridicolo trafiletto sulle "qualità" della macchina ... ops! spero che non li abbia scritti Emidio :D :D :D :D

byez

Paoric
12-09-2002, 22:24
infatti molte volte mi sembra di leggere DVHT (che ho smesso di comprare) in fondo ci sono prove che andrebbero bene su quest'ultima.....:eek: l'ultimo numero ad esempio" Speciale amplificatori 6.1" "come si sceglie l'ampli surround" "tutti i formati del multicanale" "la corretta taratura del sub" poi mettici le pagine con le prove dei dvd ed ecco come si fà a smettere di comprare DVHT il resto me lo dà Af in fondo tra una rivista e l'altra vanno via parecchi soldi a inizio mese.
Rimangono le belle prove delle schede editing e le telecamere minidv, ecco perchè spero sempre nella loro puntualità nell'uscita!!
Vabbè mi fermo qui anche perchè ho parecchio sonno questa sera il pc mi ha fatto disperare come al solito e come al solito ha piovuto..:mad: :mad: :( 2 palle enormi....mi leggo VT:D e a nanna!

Ciao Paolo

Marco Rosanova
17-09-2002, 10:32
Originariamente inviato da Emidio Frattaroli
A questo punto, anche soltanto se l'EISA fosse rivolta al grande pubblico e non ai pochi appassionati informati (e così comunque non è), direi che l'utilità degli EISA Awards non sia così difficile da accettare.

E secondo te cosa ne trae il grande pubblico?
Che differenza c'è tra una pagina pubblicitaria e quella dell'EISA?
Cera bisogno di riunire giornalisti da tutt'Europa per scrivere quei trafiletti?
Posso anche entrare nel merito dicendo che c'erano 4 categorie per i televisori: classico, plasma, LCD, retro, ma c'era una sola categoria per i proiettori, vinta addirittura da un LCD.
Secondo te questa è informazione?
E la definiresti corretta?

Poi, se vogliamo ad ogni costo manifestare il nostro anticonformismo, se vogliamo ostacolare la crescita dell'elettronica di consumo, se vogliamo continuare a vedere nei forum richieste di consiglio tra un sistema multicanale Creative e Trust, allora... Getto la spugna! :D:D:D

Emidio, le richieste riguardanti Trust e Creative, ce le troviamo proprio perchè gli strumenti di divulgazione più in vista sono quelli come l'Eisa Awards ed omologhi che promuovono i prodotti più commerciali delle majors, quelli che abbagliano il pubblico con prestazioni ed effetti mirabolanti,(Tonino Guerra e gli oggetti che pensano) senza minimamente preoccuparsi di fare un minimo di divulgazione corretta come quella che si può trovare sul tuo forum.
Ed è qui oppure sul newsgroup, che piovono gli utenti inesperti dopo essere stati rimbambiti da pubblicità, commessi ignoranti e riviste non sempre corrette.
L'unica utilità che posso riconoscere all'EISA, è quella di aiutare la vendita indiscriminata dell'elettronica, in modo da abbassare il costo delle tecnologie, e permettere a chi sa cosa vuole di acquistarlo a buon prezzo! :D :D

Marco Rosanova
17-09-2002, 10:49
Originariamente inviato da ataru@lum.cn
A favore del Bebo Moroni.
Io vado fuori dal coro ed ho trovato utile la sezione dei pre-pre, visto che mi sono trovato in quella situazione di doverne cercare uno senza avere avuto a disposizione un solo articolo su una rivista specializzata di HT, da quando le compro s'intende ^___^;


Che un articolo di Bebo possa rivelarsi utile è possibile, anche se si ostina a non effettuare misure di sorta, assegnando alle sue orecchie la qualifica di unico metro di misura valido in campo HIFI. Chissà se le ha assicurate?:D :D
Il punto è che si trova nel posto sbagliato.
Se vogliamo trovare delle giustificazioni per poterlo inserire, ce ne sono a vagonate, ma ce ne sono per ogni argomento di questo mondo.
Tutto dipende da come si vuole fare la rivista!

ataru@lum.cn
17-09-2002, 12:23
Originariamente inviato da Marco Rosanova


Che un articolo di Bebo possa rivelarsi utile è possibile, anche se si ostina a non effettuare misure di sorta, assegnando alle sue orecchie la qualifica di unico metro di misura valido in campo HIFI. Chissà se le ha assicurate?:D :D
Il punto è che si trova nel posto sbagliato.
Se vogliamo trovare delle giustificazioni per poterlo inserire, ce ne sono a vagonate, ma ce ne sono per ogni argomento di questo mondo.
Tutto dipende da come si vuole fare la rivista!

Marco, io invece sottoscrivo pienamente la motivazione dell'articolo ed anche il range di prodotti, vista la filosofia delle case HT di non mettere onboard la scheda PHONO, cio' implica, per il mantenimento del proprio parco vinile e del proprio giradischi, l'acquisto di un pre pre. Poi capisco che ad alcuni non glie ne freghi una cippa del vinile e lo considerino una tecnologia che non puo' piu' dare nulla all'audiofilo (IMHO vera bestemmia), ma per alcuni e' assolutamente una soluzione idonea ed IT.
Tutto quanto sempre IMHO ^___^;

Marco Rosanova
17-09-2002, 12:39
Originariamente inviato da ataru@lum.cn
Marco, io invece sottoscrivo pienamente la motivazione dell'articolo ed anche il range di prodotti, vista la filosofia delle case HT di non mettere onboard la scheda PHONO, cio' implica, per il mantenimento del proprio parco vinile e del proprio giradischi, l'acquisto di un pre pre.

Io credo che l'ascolto del vinile sia un argomento delicato.
Penso che per ascoltare bene un vinile ci vogliano mezzi ed accorgimenti adeguati.
Oltre ai pre pre, servono ottimipre, ottimi piatti, ottimi bracci, ottime testine ed il tutto deve essere tarato ad arte.
Niente di più incompatibile con un impianto ht, dove 'na botta di sub è capace di farti decollare il braccio con tutta la testina appesa!
Penso poi che se uno voglia solo sfruttare la collezione di dischi che ha, non ci sia bisogno di pre pre che costano quanto l'ampli, ma bastano quelli commerciali da €50 al massimo, analoghi a quelli on board, senza bisogno che ci si sprechi il Bebo.
Imho sono sempre più convinto che sia una forzatura.

ataru@lum.cn
17-09-2002, 12:49
Originariamente inviato da Marco Rosanova


Io credo che l'ascolto del vinile sia un argomento delicato.
Penso che per ascoltare bene un vinile ci vogliano mezzi ed accorgimenti adeguati.
Oltre ai pre pre, servono ottimipre, ottimi piatti, ottimi bracci, ottime testine ed il tutto deve essere tarato ad arte.
Niente di più incompatibile con un impianto ht, dove 'na botta di sub è capace di farti decollare il braccio con tutta la testina appesa!
Penso poi che se uno voglia solo sfruttare la collezione di dischi che ha, non ci sia bisogno di pre pre che costano quanto l'ampli, ma bastano quelli commerciali da €50 al massimo, analoghi a quelli on board, senza bisogno che ci si sprechi il Bebo.
Imho sono sempre più convinto che sia una forzatura.

Pienamente d'accordo con te visto che ho un impianto parallelo solo per la parte stereo ora :D . Continuo a rimanere della mia opinione, comunque voglio sottolineare che non c'e' niente di piu' bello che discutere, anche avendo opinioni divergenti, in maniera cosi' pacata come stiamo facendo io e te; QUALCUNO dovrebbe imparare.....Non so se ci siamo capiti ;)

Marco Rosanova
17-09-2002, 13:40
Originariamente inviato da ataru@lum.cn
Continuo a rimanere della mia opinione, comunque voglio sottolineare che non c'e' niente di piu' bello che discutere, anche avendo opinioni divergenti, in maniera cosi' pacata come stiamo facendo io e te; QUALCUNO dovrebbe imparare.....Non so se ci siamo capiti ;)

Non posso che essere della tua stessa idea, e chi non lo è dovrebbe esserlo! :D

sasadf
26-09-2002, 21:18
mi ripeto , sono un devoto del Frattaroli, ho tutti i numeri di cinema in casa(su uno mi pubblicarono addirittura l'impianto), leggo tutte le riviste del settore HT, e, devo , purtroppo argomentare, che in realtà da alcuni mesi, le ultime quindici pagine di DVHT, vengono lette molto frettolosamente: le prime ci metto un paio di settimane(leggo proprio tuttotutto), le ultime quindici pagine in circa dieci minuti...
Siamo sicuri che non sia un fenomeno di cui preoccuparsi?

Una spiegazione ci potrebbe essere per i pre phono...
Un pò di "traino" alla consorella AR?(che, per inciso, quando si è staccata la costola DVHT ho abbandonato....)
Il tenore "aristocratico" di AR non mi è mai andato giù: gli articoli, sembravano volutamente arzigogolati, narcisistici ed autocelebrativi...Dicevan cose che si capivano a stento..

Ma cinema in casa...che favola....
Ogni numero era un capitolo della mia bibbia.
Posso dire che il cinema in casa in me è nato con il numero 1(QUALCUNO RICORDA IL MITICO DSP E1000 YAMAHA? lE emozioni che mi regalava, restano uniche!).
C'era un aria fresca, una voglia di diversificarsi dalla madre, e c'era passione...
Ma in quelle ultime pagine settembrine, quella insopportabile aura di aristocrazia è tornata ad aleggiare nelle pagine della mia rivista preferita..

Di solito c'è talmente tanto da leggere in ogni numero, che faccio appena in tempo a finirlo, che esce in edicola il successivo..
Stavolta, sono dieci giorni che giro nervoso attorno al mio edicolante, col fare di un papà in attesa del parto...
Vi dice niente questo sintomo??

Lasciate perdere i pre phono, e fate più recensioni...
Gli amplificatori da provare non sono solo quelli top di gamma, ma anche tutti gli intermedi.....
I telecomandi universali? I cavi? Le insonorizzazioni?
Tutti gli aspetti che fanno dell'indotto dell'home theater dove li avete lasciati?
Io ho comprato un proiettore; possibile che conosco le sigle e le caratteristiche tecniche di tutti proiettori del mondo, ma poi conosco a malapena le marche di schermi per proiezione?Delle mie necessità manco a parlarne...
La colpa di ciò, secondo Voi, di chi è?

Per il resto, le 22 pagine dell'Infocomm, le reputo le pagine più belle ed interessanti del 2002..
BIS BIS!!!!:D

Andrea Manuti
27-09-2002, 01:53
Per il resto, le 22 pagine dell'Infocomm, le reputo le pagine più belle ed interessanti del 2002..
BIS BIS!!!!

Grazie, :o :o :o , anche se sarà difficile su DVHT...

Gianni Wurzburger
27-09-2002, 05:49
Grazie, , anche se sarà difficile su DVHT...
??????????:eek: :eek: ?????????
E' una minaccia o una promessa?

luny74
27-09-2002, 06:18
Originariamente inviato da Gianni Wurzburge

??????????:eek: :eek: ?????????
E' una minaccia o una promessa?

Misà più una promessa........

ataru@lum.cn
27-09-2002, 08:02
Concordo, interessanti e' dir poco:cool:
Dicci Andrea..... non sara' nica che traslochi ???????:eek:

Andrea Manuti
27-09-2002, 08:31
E' semplicemente una constatazione: non scrivo più per DVHT... Tutto qui!

Gianni Wurzburger
27-09-2002, 08:38
Metteranno il Moroni a testare i vpr in tripla videocomposito, i collegamenti di Andrea in RGBVH sono obsoleti. Largo alla tecnologia.:D :D .
:eek: :D :D

Andrea Manuti
27-09-2002, 08:41
Beh, magari è una bella soluzione! :p :p :p

ataru@lum.cn
27-09-2002, 08:41
Originariamente inviato da Andrea Manuti
E' semplicemente una constatazione: non scrivo più per DVHT... Tutto qui!

NOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!
Ed io, oops mi correggo, NOI dove ti leggiamo?????????????:( ;;____;;

Gianni Wurzburger
27-09-2002, 08:41
P.S.
Andrea non ti darai mica alla politica? Quando dicevo Manuti for President scherzavo, io non ti voto:D :D .E se non scrivi piu' per DVHT penso che in parecchi non ti voteranno.

Gianni Wurzburger
27-09-2002, 08:43
Dopo questa dichiarazione il thread si infuoca, ed il server di Emidio sara' presto intasato!! 3 post nello stessa thread in un minuto!!

Andrea Manuti
27-09-2002, 08:43
Allora: escludendo la politica, che continuo a ritenere affari personali e del tutto alieni dall'HT, pensiamo per un attimo a dove stiamo chiaccherando... ;)

sgurone
27-09-2002, 08:48
...dove stiamo chiaccherando ???

Gianni Wurzburger
27-09-2002, 08:50
pensiamo per un attimo a dove stiamo chiaccherando
Bhe stiamo chiacchierando su AVforum>argomenti generali>forum generale, e mi sembra il posto piu' adatto per discutere di questa cosa, almeno per me che ti ho preso come riferimento GENERALE per l'H/T (sezione video/capitolo vpr;) ). Credo ad oggi il Manuti la persona piu' rappresentativa per la stampa in relazione all'argomento vpr. Non sei un addetto ai lavori, lo fai per passione, non sei legato ad aziende, e questi per me sono presupposti felicissimi per un buon lavoro. Andre' mi hai inguaiato la giornata !

stefno
27-09-2002, 08:53
corro in edicola a prenotare la mia copia di AV Review (fa pure rima: avùreviù)!
:D

ataru@lum.cn
27-09-2002, 08:57
Originariamente inviato da Andrea Manuti
Allora: escludendo la politica, che continuo a ritenere affari personali e del tutto alieni dall'HT, pensiamo per un attimo a dove stiamo chiaccherando... ;)

Quello che hai appena detto sulla politica e' esattamente quaanto da me sostenuto in quel Thread fatidico, e mi sono dovuto pure sorbettare il Bebo che quasi mi invitava per una pubblica rissa....... tristezza che certi personaggi la facciano da padroni, mentre altri nettamente ppiu' equilibrati e con spirito critico se ne debbano andare ;___;
Peccato che al TAV non ci sia potuto venire (mi e' servito a passare lo scritto che avevo, per fortuna queste sono le cose piu' importanti)altrimenti mi sarebbe proprio piaciuto chiacchierarci davanti al pubblico, per fargli capire (se mai ci riuscira' ^____^;;; ) quanto c'ha torto marcio su quell'argomento. :cool:
Vuol dire che affondera' un'altra rivista col suo "STILE".


Besides:
Si vabbe' il Forum, ma leggere i reportages ed i test era fantastico, metti su' un Sito allora, oppure migri verso un'altra rivista?

Marco Rosanova
27-09-2002, 09:20
Originariamente inviato da ataru@lum.cn
Peccato che al TAV non ci sia potuto venire (mi e' servito a passare lo scritto che avevo, per fortuna queste sono le cose piu' importanti)altrimenti mi sarebbe proprio piaciuto chiacchierarci davanti al pubblico, per fargli capire (se mai ci riuscira' ^____^;;; ) quanto c'ha torto marcio su quell'argomento. :cool:


Al Tav non si è fatto vivo neanche lui (Bebo).
Dopo che aveva interrotto la disussione sul forum, rimandandola ad un incontro dal vivo, non solo non si è visto, ma non si è neanche degnato di un messaggio o di una telefonata, visto che il mio numero gli era stato fornito.
Non so se avesse gravi e giustificabili motivi per non venire al Tav, ma una telefonata o un post, anche a distanza di tempo, poteva sprecarli.
E non è l'unico che non si è fatto vivo, anche se cortesemente invitato a fare 4 chiacchiere.
Questo la dice lunga su cosa pensano dei propri lettori alcuni personaggi artefici di una rivista in barba a tutte le belle parole che scrivono.
Sono deluso.

Peter
27-09-2002, 09:48
Ricordatevi che siamo noi lettori alla fine ad avere in mano l'arma più affilata: non comprare la rivista. In modo tale che anche chi ha dettato specifiche linee editoriali privilegiandone alcune invece di altre abbia a rendersi conto dei risultati della scelta.
Ovviamente sia in un senso positivo che negativo.
Nota bene: è un discorso generico, a prescindere da Moroni, Manuti o chi altro. Ognuno trarrà le sue conclusioni.

ataru@lum.cn
27-09-2002, 10:00
Originariamente inviato da Peter
Ricordatevi che siamo noi lettori alla fine ad avere in mano l'arma più affilata: non comprare la rivista. In modo tale che anche chi ha dettato specifiche linee editoriali privilegiandone alcune invece di altre abbia a rendersi conto dei risultati della scelta.
Ovviamente sia in un senso positivo che negativo.
Nota bene: è un discorso generico, a prescindere da Moroni, Manuti o chi altro. Ognuno trarrà le sue conclusioni.

Quanto sei diplomatico :D :D :D

Fabio Rossi
27-09-2002, 10:15
in futuro, saro' costretto a valutare l'acquisto di DVHT numero per numero, e non piu' ad occhi chiusi (fideisticamente) come fatto sino ad ora.

Spero infatti che lo spazio solitamente occupato dalle ottime recensioni di Andrea, venga assegnato alle altrettanto ottime recensioni di Emidio, oppure vengano resi piu' numerosi i contributi di Romano. (so che Emidio sta gia' facendo una mole di lavoro impressionante... ma mi sento egoista...e chiedo sempre piu' misure ;) :p )

Temo invece che, con un Andrea in meno tra i redattori, venga ampliata la sezione "scrivo ad orecchio" di cose, anche interessanti, ma totalmente OT. :(

La rivista che si occupa a 360gradi di HT e dintorni, e che lo fa molto bene, gia' c'e': AF Digitale.

DVHT e' allo stesso livello qualitativo (sempre imho) perche', da sempre, piu' attenta all'aspetto tecnico.

Se questa prerogativa verra' sfumata/diluita....penso comprero' solo una delle due!

Peter sara' anche diplomatico ma ha ragione da vendere :)

Fabio

Gianni Wurzburger
27-09-2002, 10:24
Al Tav non si è fatto vivo neanche lui (Bebo).
Non lo conosco, ma a giudicare da come e da cosa ha scritto sul forum, non avrei avuto dubbi circa il comportamento del Bebo.Molto piu' umano invece Andrea, che ho preso in giro, anche di brutto ma sempre amichevolmente, e che ha fatto? Mi ha invitato, mi vuole conoscere. Persone così secondo me, hanno validissime ragioni per prendere decisioni come questa. Io lo dico ancora una volta me ne rammarico profondamente, sia perche' lo ammiro dal punto di vista tecnico,(nelle sue parole si sente una passione infinita per l'h/t, seconda solo all'amore che ha per la moglie e i figli), sia dal punto di vista umano, una persona da prendere come riferimento!
Bha, staremo a vedere sui prossimi numeri di DVHT che succede, d'altra parte come giustamente scrive Fabio Rossi ci sono anche altri ottimi tecnici che scrivono per la rivista.

povox
27-09-2002, 10:45
Resta comunque che perdere una persona piacevole da leggere, preparatissima ed imparziale come Andrea Manuti, lascia un bel po' di amaro in bocca, io che sono un abbonato, mi sento un po' derubato... avete capito in che senso. Comunque la consolazione di poterlo/ti leggere ancora al forum è almeno qualcosa.
Grazie per quanto comunque dato e quanto darai,

Stefano

ataru@lum.cn
27-09-2002, 10:50
Originariamente inviato da Fabio Rossi

Peter sara' anche diplomatico ma ha ragione da vendere :)

Fabio

Mi riferivo solo all'ultima riga che ha scritto, non al resto del MSG che sottoscrivo in toto naturalmente:D :cool: :D :D

luny74
27-09-2002, 11:22
Non voglio entrare nella discussione Moroni Vs Manuti. No ho nè il diritto nè il titolo per esprimere giudizi.

Certamente per DVHT perdere una persona come Andrea ,eccezionale sia dal punto di vista professionale che umano ( e vi giuro che durante il seminario al TAV nè ho avuto per l'ennesima volta conferma ), sarà un duro colpo.

Ovviamente la rivista potrà contare sempre su redattori di elevatissimo livello come Emidio e Romano, ma rimane il fatto che i scritti di Andrea mi mancheranno..... e pure tanto!

Comunque non mi dispero perchè certamente Andrea avrà ancora tante freccie al proprio arco e non vedo l'ora di seguire la sua costante "evoluzione" ;)

Certo, bisogna ammettere che questa decisione dimostra un grande integrità intellettuale..........complimenti ;)

Luigi

sasadf
27-09-2002, 11:37
Manuti Lascia DVHT?
Non sarà mica perchè la linea editoriale dell'ultimo numero di dvht sarà seguita? Perchè in tale ultimo caso, do il 100% di ragioni a chi ha detto che per questo c'è già afdigitale...
La fede in dvht non può essere sempre aprioristica...
Non conosco(perchè newbie) le dispute tra il Moroni E GLI ALTRI(Eè PER QUESTO CHE IL mANUTI LASCIA?!), che io considero un eccellente giornalista(l'articolo sui telefilm di italia 1 a tarda notte l'avrò letto e fatto leggere decine di volte:tutti d'accordo!!), ma se il tono del Moroni è un pò Ierocratico, quello del Manuti era sensazonalmente accattivante.
Lui gli articoli non li scrive, li vive, e sembra che la prova od il tour in una fiera, lo stai semplicemente facendo a finaco a lui....
Solo in The Games Machine, ho trovato la stessa verve comica accoppiata ad una grandissima competenza sull'argomento...
Se lui lascia dvht, è come quando la Lazio ha perduto Nesta e Crespo nella stessa giornata...
Insostituibile!!

Inoltre, se Lui ha risposto che il motivo per cui lascia , è dove stiamo chiacchierando, allora vuol dire che si dedicherà anima e corpo all'avforum?
PERFETTO! Sarà il mio punto di riferimento quotidiano....
Grande Manuti!!
Dai, fammi contento, ieri ho comprato il SONY VPL CX-10 (un LCD dati da 1200 ansi Lumen), MASSACRAMELO come solo tu ed il Maestro Frattaroli sapreste fare.....:D ;) :p

Andrea Manuti
27-09-2002, 11:43
Grazie a tutti per le belle parole, anche se il concetto di "perdita" mi fa un tantino pensare ad esodi definitivi... :p

In ogni caso, grazie Gianni, per aver correttamente compreso la scala delle mie priorità nella vita :) :)

Quanto a DVHT, non posso fare a meno di ringraziare Roberto Lucchesi, che è una persona unica, per la possibilità che mi ha dato di scrivere e di ammorbare gli appassionati italiani con le mie divagazioni personali inframmezzate da un po' di HT.

Sono convinto che nessuna attività si regga su una persona sola, e quindi chi rimane, a partire da Emidio e Romano, vi farà senz'altro trovare gradevoli sorprese.
Ovvio e scontato che le scelte personali portino a conseguenze, e quindi non posso aprire in alcuna bocca su come evolverà la rivista. Non credo cambierà di molto, ma si assicuro che l'onestà di Roberto Lucchesi è per me fuori discussione.

Quello che posso dire, per cercare di essere più chiaro, è che stiamo scrivendo non sul forum di Emidio, che cortesemente ospita, ma su Internet.

Credo molto in questo mezzo.

Al TAV ho distribuito, insieme ad altri amici, un DVD di pattern di test (di Linomatz) dov'è c'è scritto HTProjectors.com. Ora c'è una foto del mio soggiorno, ma non è detto che rimanga così a lungo... ;) ;) ;)

sasadf
27-09-2002, 11:55
Originariamente inviato da Andrea Manuti
Grazie a tutti per le belle parole, anche se il concetto di "perdita" mi fa un tantino pensare ad esodi definitivi... :p

In ogni caso, grazie Gianni, per aver correttamente compreso la scala delle mie priorità nella vita :) :)

Quanto a DVHT, non posso fare a meno di ringraziare Roberto Lucchesi, che è una persona unica, per la possibilità che mi ha dato di scrivere e di ammorbare gli appassionati italiani con le mie divagazioni personali inframmezzate da un po' di HT.

Sono convinto che nessuna attività si regga su una persona sola, e quindi chi rimane, a partire da Emidio e Romano, vi farà senz'altro trovare gradevoli sorprese.
Ovvio e scontato che le scelte personali portino a conseguenze, e quindi non posso aprire in alcuna bocca su come evolverà la rivista. Non credo cambierà di molto, ma si assicuro che l'onestà di Roberto Lucchesi è per me fuori discussione.

Quello che posso dire, per cercare di essere più chiaro, è che stiamo scrivendo non sul forum di Emidio, che cortesemente ospita, ma su Internet.

Credo molto in questo mezzo.

Al TAV ho distribuito, insieme ad altri amici, un DVD di pattern di test (di Linomatz) dov'è c'è scritto HTProjectors.com. Ora c'è una foto del mio soggiorno, ma non è detto che rimanga così a lungo... ;) ;) ;)



più ti leggo, è più mi attanaglia già un senso di nostalgia.....

scommetto che, come il Silvestri(la migliore firma di the Games Machine), un giorno ci ripenserai e tornerai da Noi lettori....
Certo che stiamo OT alla grande....chiedo scusa al Frattaroli ed a chi ha inziato il 3ad
:rolleyes:

luny74
27-09-2002, 12:07
Originariamente inviato da sasadf

Se lui lascia dvht, è come quando la Lazio ha perduto Nesta e Crespo nella stessa giornata...


Forse, parlando di Andrea, sarebbe più idoneo dire:"è come se la ROMA perdesse in un sol giorno Totti e Montella" :D

Tanto è vero che una delle domande (scherzose, ovviamente)del test durante il TAV era :" chi è il capitano della Roma? "

Grande!

Ero quasi tentato di rispondere.....:D :)

Luigi.

sgurone
27-09-2002, 12:12
Originariamente inviato da Andrea Manuti
Grazie a tutti per le belle parole, anche se il concetto di "perdita" mi fa un tantino pensare ad esodi definitivi... :p

In ogni caso, grazie Gianni, per aver correttamente compreso la scala delle mie priorità nella vita :) :)

Quanto a DVHT, non posso fare a meno di ringraziare Roberto Lucchesi, che è una persona unica, per la possibilità che mi ha dato di scrivere e di ammorbare gli appassionati italiani con le mie divagazioni personali inframmezzate da un po' di HT.

Sono convinto che nessuna attività si regga su una persona sola, e quindi chi rimane, a partire da Emidio e Romano, vi farà senz'altro trovare gradevoli sorprese.
Ovvio e scontato che le scelte personali portino a conseguenze, e quindi non posso aprire in alcuna bocca su come evolverà la rivista. Non credo cambierà di molto, ma si assicuro che l'onestà di Roberto Lucchesi è per me fuori discussione.

Quello che posso dire, per cercare di essere più chiaro, è che stiamo scrivendo non sul forum di Emidio, che cortesemente ospita, ma su Internet.

Credo molto in questo mezzo.

Al TAV ho distribuito, insieme ad altri amici, un DVD di pattern di test (di Linomatz) dov'è c'è scritto HTProjectors.com. Ora c'è una foto del mio soggiorno, ma non è detto che rimanga così a lungo... ;) ;) ;)

...ti avevo gia scritto in una e-mail che per capire in anticipo il redattore di certi articoli, nel tuo caso, bastavano solo le prime due o tre righe; questo era gia abbastanza per poi capire tutto il resto del contenuto dell'articolo...mai una delusione..mai.
Non sono riuscito a vederti al Top, ma ormai da tutto quello che mi dici sempre il mitico Andreoli e da tutto quello che ho letto su di te...non so se riesco ad esprimerlo bene con queste due righe..ma il pensiero di,per il momento, perdere la possibilita' di leggerti...mi rattrista..e non solo per le incredibili capacita' tecniche che ci farai mancare, ma anche per quel senso di familiarita' che fuoriesce sempre dai tuoi articoli.

Boh..non so...la rivista con la quale hai collaborato e' sicuramente una delle top nel settore..ma lasciarti andare via cosi...avrai le tue ragioni..pero' non so....

sempre fedele...

Fausto

Gianni Wurzburger
27-09-2002, 12:12
Quello che posso dire, per cercare di essere più chiaro, è che stiamo scrivendo non sul forum di Emidio, che cortesemente ospita, ma su Internet.
Esattamente Andrea, internet e' di tutti. Ho visto una puntata di Forum (rete 4) ed il Giudice nella esposizione della sentenza alla parte perdente diceva proprio che oggi c'e' internet per informarsi. E' come dire le Legge non ammette ignoranza, la devi conoscere, ti devi erudire; Internet e' uno dei mezzi che ti consente di farlo, se non lo fai sei fuori. Berlusconi addirittura diceva che per essere competitivi nel mondo bisogna conoscere internet e l'inglese. Come dargli torto?
Ad ogni buon conto Andrea stai sintonizzato, si riparlera' di te su questo forum;)

zomperello
27-09-2002, 12:56
Eccovi una parte di quello che si legge nel comunicato della "technipress":

(la notizia comleta la trovate qui http://www.ilnuovo.it/nuovo/foglia/0,1007,153013,00.html)

Lo spazio del Manuti sara' messo a disposizione del sig.Moroni,a seguito delle innumerevoli proteste dei lettori per le poche pagine che la rivista gli mette a disposizione.

Il comunicato continua:

Irritato dalle discutibili scelte redazionali(spazio ai videoproiettori e poco ai suoi commenti e classifiche nonche' contrariato di non poter fare l'editoriale),ha minacciato svariate volte di andarsene,nel qualcaso non fossero state accettate le sue richieste.

Il direttore,sensibile alle dimostranze dei suoi fedeli lettori e d'accordo con il suo miglior giornalista politico della redazione,gli mette a disposizione ben 10 pagine per i suoi articoli squisitamente audio,corredati da certosine prove di ascolto (si sa,l'orecchio non sbaglia,le misurazione difettano di tarature imprecise)e finalmente,per la gioia dei nostri lettori,troveranno spazio mensilmente le tanto amate classifiche,con piu'marchi da pubblicizzare,piu',saranno messe a sua completa disposizione ben 2 pagine dell'editoriale per far conoscere approfonditamente tutti i leggendari marchi importati in Italia,da una delle realta' piu'genuine,aggressive,tecnicamente preparate(famoso il loro tecnico) e vicine al pubblico audiofilo del nostro paese,"Audioreference" e con l'anno nuovo in ultima pagina partira' il nuovo gioco "il cruciverBEBONE"(non possiamo dirvi di piu',e' un regalo del nostro Bebo per i suoi lettori,pazientate)con eccezzionali premi

Questa decisione ha di fatto "congelato" le dimissioni del sig.Moroni

Che dire,dopo aver letto questa notizia ho tirato un sospiro di sollievo,certo perdiamo Manuti,ma in compenso possiamo risparmiare tanti euretti,non compreremo piu'i quotidiani politici,non compreremo piu' audiorewieu,non compreremo piu' Afdigitale,insomma abbiamo finalmente la rivista perfetta!

P.S Spero che anche la sezione "lettere dei lettori" sia gestita dal Moroni,per non perdermi le sue precise ed esurienti risposte,infatti in questi ultimi anni "caro" direttore,questa sezione e' stata trascurata!

Gianni Wurzburger
27-09-2002, 13:45
Sentito? Sto correndo a fare subito l'abbonamento..... a Topolino!:D :D :D

ataru@lum.cn
27-09-2002, 13:57
Originariamente inviato da Andrea Manuti
Grazie a tutti per le belle parole, anche se il concetto di "perdita" mi fa un tantino pensare ad esodi definitivi... :p

---------------CUT----------------------

Quello che posso dire, per cercare di essere più chiaro, è che stiamo scrivendo non sul forum di Emidio, che cortesemente ospita, ma su Internet.

Credo molto in questo mezzo.

Al TAV ho distribuito, insieme ad altri amici, un DVD di pattern di test (di Linomatz) dov'è c'è scritto HTProjectors.com. Ora c'è una foto del mio soggiorno, ma non è detto che rimanga così a lungo...

Grande Andrea, sono contentissimo , ho gia' messo il sito nei PREFERITI, non vedo l'ora di spulciare tutti i contenuti :D :D
Aspetto fiducioso:cool:

gughi
27-09-2002, 17:11
Originariamente inviato da Andrea Manuti
E' semplicemente una constatazione: non scrivo più per DVHT... Tutto qui!
Arrivo ultimo ma sento di dover anch'io manifestare la mia stima ad Andrea. Indipendentemente dalle motivazioni di questa scelta che Andrea da persona seria non mette in piazza, il fatto che più conta è questo:
senza gli articoli di Manuti, la rivista perderà MOLTO come contenuti e, di conseguenza, perderà anche qualche lettore. Per fortuna ci sono Frattaroli e Consul, sebbene gli articoli di quest'ultimo siano sempre più rari ultimamente.
Come ha detto qualcun altro in queste pagine, nei prossimi mesi mi accerterò che ci sia qualche articolo (di Romano o di Emidio)che mi interessi su DVHT prima di comprarlo, così come avevo già deciso di fare con AF. Preferisco passare un pò di tempo in più sulla rete, preferibilmente sul sito o sul forum che da oggi in poi frequenterà Andrea. Così, sarò sicuro di imparare qualcosa ;)

MarColas
27-09-2002, 17:55
L'ultimo per la verità sono io :D

Avete già scritto tutto voi, sono piuttosto triste e nel contempo speranzoso di trovare in edicola, nel forum o sul neonato sito cose sempre più interessanti da leggere.

Certo che mi piacerebbe capire come sia possibile che una rivista che ha fatto delle misure e della correttezza scientifica di ciò che scrive la sua bandiera, possa lasciar andare via un Manuti e tenersi...altri molto meno famosi sotto questo punto di vista (diciamo pure famigerati).

lollo
27-09-2002, 21:51
Intanto DVHT di ottobre è già in edicola.
Due considerazioni :
1) Emidio io non so aspettare. Racconti un po' meglio del tuo agosto teramano chiuso dentro casa a fare tarature ? Intanto penso ai 55000 euro che mancano per realizzare un sogno...:D

2) Manuti mi manca....spero di sapere che sta preparando una grande rentreé, per me era insostituibile, la mia coperta di Linus. Certo da qui a dire "mai più comprerò DVHT" ce ne vuole....

Andrea Manuti
27-09-2002, 21:58
la mia coperta di Linus. Certo da qui a dire "mai più comprerò DVHT" ce ne vuole....

Qui la tua coperta di Linus, roger! ;)
Ma che significa questo atteggiamento komeinista "Mai più comprerò DVHT"? E perché mai? Mi pare che la rivista sia uscita lo stesso... :p

N. D'Agostino
27-09-2002, 23:15
Un caro saluto ad Andrea ed i suoi appasionati ed appasionanti articoli, anche se un po' lunghetti :D , che hanno illuminato il buio mondo dell'HT. La rivista e' uscita come dice Andrea ed ad una prima lettura mi sembra ben realizzata. Forse un po' fredda in qualche pagina,la passione e l'amore che trasmetteva Andrea sarà difficile da colmare ma chi resta credo ce la metterà tutta per soddisfare i lettori. Credo che al rientro dalla Germania, Emidio dirà la sua al riguardo :)

TIZA
27-09-2002, 23:25
Uscira'si ma tutta testa(vedi misure)
e tutta orecchi(vedi Moroni)
ma senza cuore (vedi Andrea)


MI AVETE ROVINATO LA GIORNATA

sasadf
28-09-2002, 10:33
Originariamente inviato da TIZA
Uscira'si ma tutta testa(vedi misure)
e tutta orecchi(vedi Moroni)
ma senza cuore (vedi Andrea)


MI AVETE ROVINATO LA GIORNATA

secondo me, la Roma senza TOtti non può esssere chiamata squadra......

Ma anche la Lazio , senza Nesta e crspo ha segna to quattro gol in coppa e poi ha vinto a Torino.
Non dico di aspettare la fine del campionato, ma almeno qualhe giornata di assestamento concediamogliela....
Metafora finita...
Io , quasi aprioristicamente continerò ad acquistare dvht(per me ha lo stesso valore collezionistico di una serie di "TEX"), ma un pò mi infastidisce come state trattando il Mororni, lo state dipingendo peggio di Stalin....
Ha le sue convinzioni, e sfiata alla grande.
Da biasimare?
Chi di VOi può dirsio certo di non averlo mai fatto?
Se nel calcio siamo 56 milioni di CT della Nazionale, in questo ambito, c'è anche l'aggravante di sentirsi una selezionata elite di persone che si crede solo lei di capirci.
Ci avete fatto caso, che quando ci si incontra per la prima volta con un altro appassionato di HT, la prima cosa che si cerca di fare, non è approfondire la conoscenza, ma semplicemente sopraffare l'altro con una caterva di dati che nessuno si sognerebbe di sparare in altri casi....
Siamo una selva di "Sboroni", "La Guido IIIOOOOOO la FERARI"
W "socchmacher" :D

Dear Andrea, con te e quel rosso di quel film insulso che ci propini da tre anni ci mancherà davvero...
No, anzi, no, quel rosso proprio non mi mancherà.....:cool:

luny74
28-09-2002, 10:59
Originariamente inviato da sasadf

Dear Andrea, con te e quel rosso di quel film insulso che ci propini da tre anni ci mancherà davvero...
No, anzi, no, quel rosso proprio non mi mancherà.....:cool:

Mamma mia mi state mettendo un magone.......:)

Dai su non esagerate! Vedrete che DVHT rimarrà comunque una rivista di elevatissimo livello, ed Andrea farà faville con il suo nuovo sito internet ( o qualunque cosa deciderà di realizzare).

Animo, ragassuoli, animo! :D

byz

Luigi.

Gianni Wurzburger
28-09-2002, 12:42
ma un pò mi infastidisce come state trattando il Mororni, lo state dipingendo peggio di Stalin....
Su questo forum ci sono appassionati di hifi in genere sia audio che video: cosa e' l'hi fi? E' la riproduzione quanto piu' fedele possibile della realta'.... noi stiamo dipingendo un quadro, quello che si vede e' quello che ci e' stato inculcato,quello che abbiamo letto, null'altro; non credo si critichi il fatto di essere di questo o quel partito, ma e' il modo di proporsi alla gente! Visto cosa ha scritto ad Andrea tempo fa? Ogni tanto ci tira dentro il napoletano, ed ha tirato in ballo la sorella del Manuti(non so se ci sia una sorella o meno), ed a Napoli , compa', e' una grave offesa, e' un invito alla rissa,ed Andrea da vero signore che e' non ha replicato.Questo lo scrivo, perche' sono sicuro che il Moroni lurka,( e se non lo fa sono fatti suoi) o che al limite qualcuno glielo riferisce. L'ho invitato anche a partecipare ad un thread con una mail visto che si parlava anche di lui, manco mi ha risposto.
Provate a mandare una mail ad Andrea e fatemi sapere... sempre onesto serio leale e disponibile.
Non capite male, questo non e' amore per il Manuti, ma profonda stima!
Ad ogni buon conto

Dear Andrea, con te e quel rosso di quel film insulso che ci propini da tre anni ci mancherà davvero... ,
Andrea con o senza rosso ci manchera' comunque (sulle pagine della rivista), sara' quel suo modo discrivere, ma pare che io lo conosca da piccolo, quando portavo i calzoncini corti.

Dai su non esagerate! Vedrete che DVHT rimarrà comunque una rivista di elevatissimo livello,
fuori dubbio, ci sono comunque altre valide persone, qualcuno meno amante del tritubo ultimamente, ma....... comunque persone fuori dal comune.

, ed Andrea farà faville con il suo nuovo sito internet ( o qualunque cosa deciderà di realizzare
sicuro, speriamo anche in Italiano pero', mi ci vuole un bel po' piu' di tempo per l'Inglese, diciamo qualcosa tipo TNT.

Emidio Frattaroli
28-09-2002, 13:02
Originariamente inviato da N. D'Agostino
... forse un po' fredda in qualche pagina,la passione e l'amore che trasmetteva Andrea sarà difficile da colmare ma chi resta credo ce la metterà tutta per soddisfare i lettori. Credo che al rientro dalla Germania, Emidio dirà la sua al riguardo...

D´accordo in tutto.

Emidio

Andrea Manuti
28-09-2002, 14:12
sicuro, speriamo anche in Italiano pero', mi ci vuole un bel po' piu' di tempo per l'Inglese, diciamo qualcosa tipo TNT.

Ragazzi, calma: quando mi hanno detto "Ci sarebbe la possibilità di un lavoro all'estero", ho risposto "Perfetto, voglio andare in California, a Fullerton" "No, veramente è Cuba, ma comincia sempre per C e finisce per A..." ho avuto un moto di sgomento (si dice così l'urto di vomito in linguaggio educato???), che poi mi è passato, onestamente.

Questo per dire che sono innamorato della tecnologia USA, mi piace il posto, ma se ad un semaforo devo esprimere i miei sentimenti più profondi a quello che ti è passato col rosso rischiando di travolgere 2 vecchiette ed il cugino di Tipappo (il mio cane), mica gli dica "Where the fu..ing hell are you going?": trovo altre parole del linguaggio natio...

Ed allora spiegatemi: che senso ha fare una cosa su Internet solo in inglese? Anche in inglese, non solo in inglese! ;)

ataru@lum.cn
28-09-2002, 14:15
Originariamente inviato da Andrea Manuti



Ed allora spiegatemi: che senso ha fare una cosa su Internet solo in inglese? Anche in inglese, non solo in inglese! ;)

A me va bene basta che si faccia e soprattutto se la fai tu:D

Emidio Frattaroli
03-10-2002, 11:18
Anyway,

considerata l'estrema importanza degli argomenti,

cosa ne direste se splittassimo in due questo thread?

Magari se ne potrebbe aprire uno nuovo... ;)


Emidio

Gianni Wurzburger
07-10-2002, 06:04
Titolo del thread DVHT settembre:una riflessione.
Stiamo parlando di tutt'altra cosa, anche se molto importante e da molti purtroppo sottovalutata.
Faccio un nuovo post nella sezione audio, ed invito anche il grande Nicola D'Agostino a partecipare;)

igor
07-10-2002, 16:52
Originariamente inviato da Gianni Wurzburge
Titolo del thread DVHT settembre:una riflessione.
Stiamo parlando di tutt'altra cosa, anche se molto importante e da molti purtroppo sottovalutata.
Faccio un nuovo post nella sezione audio, ed invito anche il grande Nicola D'Agostino a partecipare;)
è vero si parla della possibilità da parte di DVHT di sconfinare nelle competenze di Audio Review:)
cmq Bebo ha detto che la prova finisce nel numero di ottobre:D

ciao

igor
ps: io sono d'accordo con la possibilità di sconfinamento, perchè magari chi ha un bell'impianto HT ha anche un buon lettore analogico di dischi e magari non si accontenta del pre-phono integrato nell'ampli HT:D

Emidio Frattaroli
07-10-2002, 22:24
Sono d'accordo.

Cerco di splittare il thread in due tronconi...


Speriamo che non combini un pasticcio :D:D:D


Emidio

Emidio Frattaroli
07-10-2002, 22:36
La nuova discussione è a questo indirizzo:

http://www.avforum.it/showthread.php?s=&threadid=1769


Emidio