Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter
Sedotta e abbandonata
Sedotta e abbandonata
Uno dei capolavori del cinema di Pietro Germi in una prima interessante edizione in alta definizione. Distribuzione del disco curata da CG Home Video
Call of Duty: Advanced Warfare
Call of Duty: Advanced Warfare
Il 4 novembre uscirà l'attesissimo nuovo capitolo del franchise Call of Duty, il primo creato dallo studio Sledgehammer Games. Il titolo avrà un ciclo di sviluppo di tre anni e vede coinvolto anche il premio Oscar Kevin Spacey
Da Sony un rilancio a tutto campo
Da Sony un rilancio a tutto campo
Il colosso giapponese presenta il nuovo Country Head per l'Italia, Stéphane Labrousse, e mostra una grande forza d'urto tecnologica: TV 4K, Hi-Res Audio, fotocamere performanti e dispositivi per tutti i gusti da utilizzare in mobilità
Tutti gli articoli Tutte le news

Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima
Risultati da 1 a 15 di 56
  1. #1
    Data registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    57

    Confronto diretto Marantz Pearl VS Pearl Lite


    Per chiunque sia interessato proprio stamattina ho avuto modo di fare un accurato confronto diretto tra il lettore marantz Pearl ed il su fratello minore ‘Pearl Lite’.

    Prima di iniziare devo dire che i due lettori suonano in modo molto diverso, qualcuno direbbe: è ovvio, ma le differenze che ho avvertito sono diverse dalla mie aspettative (meglio non avere affatto aspettative …).

    Devo premettere che:

    1) Il confronto è stato fatto tramite le mie cuffie Denon AH-D5000 collegate alla relative uscite cuffie dei lettori (una a transistor e l’ altra a componenti discreti).

    2) Ascolto solo musica Pop ,Rock , Hard Rock , Rep e mai classica Jazz o leggera.

    3) Non ho avuto modo di testare SACD ma solo CD.

    Dunque i due lettori suonano in modo diverso in termini di timbrica, dettaglio e sound stage mentre in termini di dinamica, a mio avviso siamo sullo stesso livello più o meno.

    Ho percepito un certo ‘carattere’ comune e posso dire in tutta certezza ,che entrambi presentano un suono abbastanza caldo simile ad un suono valvolare (come ad esempio il mio Jolida JD100).

    Sicuramente chi cerca un lettore da un suono aperto e molto esteso in gamma alta allora è meglio che si rivolge ad altri marchi come ad esempio Arcam che ho scartato proprio per questo motivo.

    In entrambi i lettori le alte frequenze sono ben controllate mai troppo in evidenza e molto rilassanti.

    Detto questo passiamo alle differenze:

    In poche parole il ‘Pearl Lite’ ha un basso molto più pronunciato ed in evidenza rispetto al ‘Pearl’ mentre il Pearl è più dettagliato con un maggiore sound stage ed una gamma media più in evidenza.
    E qui viene il bello:
    Nei CD che ho ascoltato:

    Madonna - Hung Up
    A-HA - Take On Me (rimasterizzato in modo eccellente)
    Guns N' Roses - Welcome To The Jungle (rimasterizzato in modo eccellente)
    Offspring – Greatest Hits
    Bee Gees - Stayin' Alive (rimasterizzato in modo eccellente)


    la presenza di maggiore dettaglio e sound stage del Pearl era quasi controproducente perché metteva ben in risalto gli errori delle incisioni.
    In quella fascia di prezzo (3000 Euro) mi sarei aspettato sicuramente di più, ma si capiva chiaramente che la colpa non era affatto del lettore ma dalle incisioni che non erano all’ altezza di quel lettore.

    In questo modo il piccolo ‘Pearl Lite’ sembrava non mettere in evidenza tali imprecisioni tanto da sembrare il giusto compromesso tra le parti.
    La cosa interessante è che entrambi avevano la stessa estensione in gamma alta. Praticamente nessuno dei due suonava più aperto dell’ altro.

    Parlando invece del basso nettamente a favore del ‘Pearl Lite’, la differenza era così enorme che, in primo momento, ho pensato si trattasse della differenza dello stadio di uscita delle cuffie (uno a componenti discreti e l’ altro a amplificatori operazionali). Chiedendo poi al negoziante, che lo aveva ascoltato con i diffusori, concordava appieno con le mie impressioni.

    Tornando invece al ‘Pearl’ le medie frequenze erano sicuramente molto più in evidenza rispetto al ‘Pearl Lite’ e a dire la verità la cosa non piaceva affatto. Mentre le basse frequenze erano quasi scomparse, altra cosa da me non gradita.

    La prima domanda che mi sono posto è:

    Quale dei due è più lineare ed equilibrato dell’ altro ??

    Forse non esiste una risposta scientifica. Io penso che andrebbero valutati:

    1) L’ impianto a disposizione.
    2) I generi musicali preferiti.
    3) I gusti personali.

    Anche se riguardo questa risposta molte persone direbbero direttamente il ‘Pearl’ io non credo che la cosa sia così semplice. In entrambi i lettori non ho percepito niente ‘fuori posto’ ho solo espresso un parere personale in base alle mie cuffie, al genere di musica che ho ascoltato ed ad un mio gusto personale.

    Ho avuto modo anche di provare la modalità USB, ma non con i classici masterizzatori per computer usando EAC. Avendo avuto modo di constatare quanto è scadente un risultato del genere ho usato un altro sistema.

    A casa ho collegato l’ uscita digitale del mio lettore CD Jolida all’ ingresso coassiale del computer tramite una scheda audio di 20 Euro. Rispetto al risultato del mio masterizzatore di 15 Euro siamo su un altro pianeta .
    Quindi ho fatto un confronto tra USB (con file wav) e CD. La modalità CD è sicuramente superiore. Ho percepito stranamente anche più presenza di basse frequenze. Francamente mi aspettavo molto peggio siamo quasi allo stesso livello. E si può fare ancora molto di più con una meccanica superiore (tipo quella del ‘Pearl Lite’ ) e con un ingresso digitale di migliore qualità.

    Alle fine della sessione di ascolto ho riflettuto ed ho fatto una serie di considerazioni molto soggettive a forse anche poco condivisibili.

    Questi signori della Marantz sanno perfettamente cosà fare in tutti i sensi sia da un punto di vista di marketing e sia da un punto di vista qualitativo.

    A mio parere hanno fatto un ragionamento molto semplice:

    Hanno creato un lettore ‘Pearl Lite’ principalmente per agli amanti del rock (come me) e ci hanno volutamente incrementato il basso pur mantenendo un equilibrio timbrico alla pari del ‘Pearl’. Non so come sia possibile ma l’ anno fatto. Forse loro già sanno che in questa fascia di mercato il dettaglio ed il sound stage è importante ma non quanto come nella musica classica.

    Mentre ‘Pearl’ lo hanno fatto quasi esclusivamente per chi ascolta musica classica, jazz o leggera.

    Se io ascoltassi musica classica, un basso così forte come quello del ‘Pearl Lite’ forse non lo vorrei e magari in questo genere di musica (soprattutto con il SACD) la maggiore presenza di dettagli e sound stage potrebbe avere un importanza primaria tale giustificare una cifra di 3000 Euro.

    Naturalmente queste sono solo delle mie opinioni e non credo che tutti saranno d’accordo con me.

    Conclusioni:

    Concludo, senza alcuna riserva, che entrambi i lettori hanno una dinamica eccellente, un suono caldo tipico dei valvolari, e questa già può essere un indicazione da tenere presente.

    In definitiva chi necessita di un basso ben pronunciato e forte a discapito di una minore presenza di dettaglio e qualità in genere, il ‘Pearl Lite’ è quello che fa per voi, se invece non ve ne frega niente del basso ma volete solo un lettore che riproduce tutti e dettagli possibili nel bene o nel male allora il ‘Pearl’ e sicuramente la scelta più indicata.
    Ultima modifica di nico323; 13-11-2010 alle 16:13

  2. #2
    Data registrazione
    Jul 2006
    Località
    Salerno
    Messaggi
    7.551
    Io invece stamattina ho confrontato il CD6003 con il Pearl Lite e come già immaginavo il Lite si è rivelato di classe superiore con una notevole differenza sulla raffinatezza del suono e sulla pulizia, sul controllo dei bassi e sulle voci....insomma era tutto meno digitale e compresso.
    Di questo sono contento perchè la differenza di prezzo rilevante tra i 2 prodotti in questo caso è giustificata (con me c'era anche mio fratello Doraimon che ha avuto le mie stesse impressioni).
    Mi sembra davvero un ottimo prodotto e se deciderò di cambiare il 6003 (che ritengo cmq sempre il migliore per come si sente e per quello che offre nella sua fascia di prezzo) sarà proprio per il Pearl Lite che mantiene le stesse caratteristiche come penna USB ma con l'aggiunto di un ingresso Digital In che lo rende un DAC esterno a tutti gli effetti e la possibilità di leggere i SACD.
    Ultima modifica di Ziggy Stardust; 13-11-2010 alle 16:56
    TV: Pioneer KURO 5090H - Decoder: Telesystem 7900HD ---HI-FI = Ampli: Pioneer A 70 K - Sorgente: Notebook Sony Vaio i3 + Pioneer BD 160 - Diffusori: B&W 685 S2 - Cavi segn.: Wireworld usb Starlight - Cavi pot.: Ramm Amadeus 7 - Cavi alim. ampli: ....... - Multipresa: Belkin Isolator 8 - Cuffia: Pioneer Fidelio X1 + cavo Mogami

  3. #3
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    Modena
    Messaggi
    1.165
    Allora premetto che sono opinioni perfettamente personali ma avendo anch'io a mio tempo fatto le dovute sessioni d'ascolto mi sento tirato in ballo.
    Arrivato il momento di prendere un lettore definitivo per classe,pulizia, rotondità e dolcezza del suono avevo confrontato il Pearl, il denon dcd 2010, esoteric sa-60 e mcintosh mcd 301.
    Sono partito con il mio ampli Pearl per trovargli un degno compare e insieme ai miei fidi sacd e cd ho fatto la sessione d'ascolto.
    Dunque pur trattandosi di lettori di fascia medio-altae di diverso listino, quelli che mi hanno più impressionato per cura maniacale dei dettagli, medie aperte e ariose e bassi corposi e ben rotondi ma non "pomponi" furono il mcintosh e il Pearl. Non che il denon e l'esoterica fossero da meno ma l'esoteric aveva un'eccessiva precisione "digitale" troppo fredda che con alcuni incisioni rendeva non benissimo.
    Tutto questo per arrivare a dire che anche se vi sono differenze sostanziali tra un prodotto e un altro anche della stessa marca, va bene il marketing, va bene la pubblicità ma la qualità è sempre spostata più in alto verso un gradinno di perfezionamento che difficilmente in ambito commerciale si può riscontrare.Difatti anch'io ascolto pop, rock, folk,soul,metal,ecc ma per ottenere campi di eccellenza sonora molte volte è diffficile trovare buoni cd che suonino bene.
    Per questo io ho cercato di trovare registrazioni ottime come i sacd dei dire straits o mark knopffler, le edizioni in xrcd di clapton, i best of di diana krall e via dicendo.
    Ho posseduto per circa una ventina di giorni il Marantz SA8003 , poi subito rivenduto proprio per quella ruffianitò che avevo sul sound in uscita cioè quello di "pompare" un po il suono per attirare subito gli ascoltatori ma vi assicuro che il Pearl è veramente su un altro pianeta come ricostruzione sonora e soundstage.
    A breve ascolterò anche il nuovo Pearl Lite ma non penso che abbiano stravolto tanto il sound del modello precedente che a prima vista si differenzia solo per la possibilità di uso come dac.

    P.S. Gianni ma tu non hai il già ottimo Denon come lettore e vorresti gia cambiarlo?

  4. #4
    Data registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    57
    Alla fine, al di la delle opinioni personali, ci sono delle certezze indiscutibili:

    Il pearl ha una qualità superiore e questo a prescidere da ogni cosa.

    Il punto è che: chi non ha a disposizione incisioni adeguate che meritano un lettore del genere, non sfruta tutto il suo petenziale.

    E' come avere una ferrari con ammortizzatori di una mercedes. Le prestazioni sono penalizzate.

    Questa naturalmente è solo una mia opinione.

  5. #5
    Data registrazione
    Jul 2006
    Località
    Salerno
    Messaggi
    7.551
    Il k-Lite è tutt'altra cosa rispetto al SA8003 e chi ce l'ha penso si mordi le mani...purtroppo il DCD2010 è stato venduto per ridimensionamento dell'impianto.
    TV: Pioneer KURO 5090H - Decoder: Telesystem 7900HD ---HI-FI = Ampli: Pioneer A 70 K - Sorgente: Notebook Sony Vaio i3 + Pioneer BD 160 - Diffusori: B&W 685 S2 - Cavi segn.: Wireworld usb Starlight - Cavi pot.: Ramm Amadeus 7 - Cavi alim. ampli: ....... - Multipresa: Belkin Isolator 8 - Cuffia: Pioneer Fidelio X1 + cavo Mogami

  6. #6
    Data registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    661
    Io credo che non si possa fare un paragone ed un'analisi di questi 2 lettori ascoltandoli con una cuffia, non ha proprio senso, specie se già in partenza lo stadio dell'uscita cuffia dei due apparecchi è diverso l'uno dall'altro: come capire cosa cambia il sound?
    Fossero stati 2 apparecchi identici ma con stadi cuffia diversi come questi la differenza di suono ci sarebbe stata lo stesso!
    Inoltre le cuffie per quanto buone non posso rendere bene il soundstage nè l'estensione e la precisione dei bassi, cosa che infatti il nostro amico lamenta sul Pearl.
    Probabilmente ascoltandolo su una coppia di buone casse si sarebbe reso conto che i bassi "giusti" erano quelli del pearl e non del Lite.
    Ma attraverso una cuffia, e con 2 stadi uno a discreti ed uno a transistor, la prova è falsata in partenza.
    A mio modo di vedere ovviamente.
    Video: Panasonic BD35 -Panasonic 37px80- Decoder MySky Hd Pace;
    Audio: Ampli Nad c352 -Lettore Nad c565- Technics 1210 con Denon DL 103+Shure M97x -Project Phonobox II- B&W 683

  7. #7
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    98
    Io il confronto l'avevo fatto tra un Denon DCD-1500 e il Ki Pearl "Senior" sul mio impianto con i miei cd di riferimento (vari SACD e un po' di materiale registrato in studio dal sottoscritto e dalla propria band) di cui conosco magagne e problematiche.

    Purtroppo e' risaputo che le registrazioni moderne (pop, rock principalmente) non hanno uno stage "reale" in fase di registrazione, essendo il tutto suonato solitamente a tracce separate, uno strumento alla volta: degli pseudo-stage si ricreano in studio tramite plugin del software di registrazione che permettono di applicare e modificare le room a discrezione del fonico, disponendo gli strumenti a piacimento e giocando con riverberi e stereofonia per ottenere effetti di vario tipo..
    Fortunatamente jazz, classica ed altri generi musicali richiedono ancora un esecuzione che richiede un palco e che si avvicina maggiormente quindi alla musica ascoltabile dal vivo.

    Ebbene nell'ascoltare il materiale che ho registrato con la mia band il Marantz Ki pearl riproduceva in modo nettamente superiore al Denon non solo uno stage verosimile (riproponendo cioe' le scelte di disposizione che con fonico e band avevamo fatto in fase di registrazione e mixaggio), ma anche un suono piu' reale degli strumenti acustici che abbiamo impiegato in fase di registrazione (esempio, una gran cassa di una batteria per quanto grave e scura non arriva a spingere in basso come certe riproduzioni di lettori piu' "ruffiani/loudness" arrivano a dare, sempre ammesso che il fonico non trassi equalizzando esageratamente fino a snaturare il suono di partenza).
    In conclusione il marantz ki pearl e' un gran lettore, piu' analitico e preciso del mio Denon, ma comunque smussato sugli estremi a sufficienza da rendere la riproduzione piacevole e non affaticante (non si arriva al mal di testa da fonico insomma )
    ...peccato per la mancanza di un USB di buon livello (riascoltare al volo un bounce di un mix tenendolo a 24bit senza masterizzare un cd sarebbe molto comodo) e peccato per il prezzo elevato (per le mie tasche sicuramente! )

    Tutta sta pappardella per concludere con il mio solito dubbio: l'alta fedelta' e il piacere di ascolto viaggiano sugli stessi binari o no?
    Secondo me no, o perlomeno sempre piu' raramente.
    Home theatre - TV: Pioneer PDP-LX5090H Sintoamplificatore: Pioneer SC-LX82 Lettore blu ray/CD/SACD/DVD-A: Oppo 105 Cavi: G&BL
    Diffusori - Frontali: Focal Electra 1028Be II Centrale: Focal Electra CC1008Be II Surround: Focal Chorus SR700V- Subwoofer: Focal Chorus SW800V
    Stereo - Preamplificatore: Primare PRE30 -Amplificatore Finale: Primare A32 -Lettore CD: Pioneer PD-D9 MkII Cavi segnale: Audioquest Columbia & Audioquest Colorado XLR, Cavi potenza: Audioquest Pikes Peak.

  8. #8
    Data registrazione
    Nov 2010
    Località
    Napoli
    Messaggi
    294
    Molto interessante. Io sono alla ricerca di un discreto lettore CD che mi permetta di usufruire anche della mia immensa quantità di musica liquida.
    In cosa differiscono il Pearl Lite dal Pearl normale?
    A me sembra che il Lite abbia addirittura qualcosina in più vedi USB e ingresso digitale.

  9. #9
    Data registrazione
    Mar 2009
    Località
    Modena
    Messaggi
    1.165
    Sono stato in pausa pranzo dal mio negoziante di fiducia ad ascoltare il nuovo pearl lite e... beh non ho notato a detta anche sua uno stravolgimento tale rispetto al sa8003 nella riproduzione cd e sacd; si apprezza forse una migliore gestione delle medio-basse rispetto al suo predecessore ma mi fermo qua.
    Invece sembra che abbiano migliorato l'ascolto tramite usb come ho potuto evidenziare da qualche mio brano. Più che altro ritengo che sia uno step voluto in tempi di era digitale e quei 200-300 € in più sono da attribuire allla funzionalità come dac ma nulla di più.
    In accordo con aledrummer lasciatemi dire che il Pearl vero rimane decisamente su un altro pianeta su tutti fronti. Se lo dovessi cambiare ( ma non penso proprio ) andrei su luxman, ancora più emozionante con certi generi a parer mio.
    A rigor di cronaca test effettuato con cm9 e copland a valvole

  10. #10
    Data registrazione
    Nov 2010
    Località
    Napoli
    Messaggi
    294
    Grazie. Mi hai appena distrutto un papabile acquisto !

  11. #11
    Data registrazione
    Aug 2009
    Messaggi
    1.138
    Io ho provato il 6003 e l'8003 e non notai differenze,se poi c'erano erano così sottili che non si apprezzavano, mentre tra 6003 e il Ki Pearl mi è parso di scendere dall'auto è salire sull'astronave

  12. #12
    Data registrazione
    Jul 2006
    Località
    Salerno
    Messaggi
    7.551
    All'epoca anche io e mio fratello paragonammo 6003 e 8003 (stessi cavi e stesso cd)...differenze ZERO sia con cd che tramite penna.
    Tra 6003 (leggi quindi 7003-8003) e Ki-Lite beh ci si deve mettere d'impegno per non sentirla.
    Ricordo che quando si parla di cdp le differenze non sono macroscopiche come quando si confrontano due diffusori, possono essere anche sfumature....ma che costano...
    TV: Pioneer KURO 5090H - Decoder: Telesystem 7900HD ---HI-FI = Ampli: Pioneer A 70 K - Sorgente: Notebook Sony Vaio i3 + Pioneer BD 160 - Diffusori: B&W 685 S2 - Cavi segn.: Wireworld usb Starlight - Cavi pot.: Ramm Amadeus 7 - Cavi alim. ampli: ....... - Multipresa: Belkin Isolator 8 - Cuffia: Pioneer Fidelio X1 + cavo Mogami

  13. #13
    Data registrazione
    Jul 2006
    Località
    Salerno
    Messaggi
    7.551
    Citazione Originariamente scritto da Ale drummer
    Io il confronto l'avevo fatto tra un Denon DCD-1500 e il Ki Pearl "Senior" sul mio impianto...
    Caro Ale paragone indecente e improponibile, almeno come altro peso della bilancia rispetto al Pearl doveva esserci il DCD2000 o meglio il DCD2010...e allora si che la musica cambiava, avendo avuto il 1500 (e sempre dettoti che era un traghetto), ascoltato il 2000 e posseduto il 2010...penso che quest'ultimo corrisponderebbe a pieno titolo alle tue esigenze e ai tuoi gusti sonori.
    TV: Pioneer KURO 5090H - Decoder: Telesystem 7900HD ---HI-FI = Ampli: Pioneer A 70 K - Sorgente: Notebook Sony Vaio i3 + Pioneer BD 160 - Diffusori: B&W 685 S2 - Cavi segn.: Wireworld usb Starlight - Cavi pot.: Ramm Amadeus 7 - Cavi alim. ampli: ....... - Multipresa: Belkin Isolator 8 - Cuffia: Pioneer Fidelio X1 + cavo Mogami

  14. #14
    Data registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    98
    Citazione Originariamente scritto da Ziggy Stardust
    Caro Ale paragone indecente e improponibile, almeno come altro peso della bilancia rispetto al Pearl doveva esserci il DCD2000 o meglio il DCD2010....penso che quest'ultimo corrisponderebbe a pieno titolo alle tue esigenze e ai tuoi gusti sonori.
    Hai pienamente ragione Gianni, appartengono a due categorie diverse (prima o poi sto 2010 lo ascolto, lo prometto), ma lo scopo per me non e' stato il paragonare DCD1500 e Ki Pearl tipo sfida all'ok corral, ma cercare di chiarire a me stesso cosa possa rendermi maggiormente piacevole l'ascolto della musica, se bisogna aggiungere dettaglio, se ci si puo' accontentare, se mi serve inseguire sta famigerata alta fedelta' o se il "surrogato musicale" (la musica live resta un'esperienza di un altro livello) fornito dal mio impianto e' sufficiente.
    Il confronto del mio lettore col Ki pearl e' venuto fuori nelle migliori condizioni (in casa mia, sul mio impianto, senza fretta, con un intero pomeriggio a disposizione) e sono contento per essere riuscito (non senza una certa fatica e aiutato da musica che conosco molto bene, perche' registrata in prima persona) a "sentire" queste differenze, complice un po' di deformazione professionale da musicista, che sicuramente aiuta a concentrarsi focalizzando l'ascolto.
    Il Ki Pearl "senior" e' un gran lettore, se pero' l'amico del forum che ha aperto la discussione in cuffia si e' sentito piu' soddisfatto nell'ascoltare la sua musica preferita con il Pearl lite non c'e' storia.. Che senso ha spendere tanti soldi in piu' per avere maggior dettaglio e l'analiticita' di un lettore che puo' finire per togliermi il piacere di ascolto di una registrazione non perfetta?
    Le emozioni e le prestazioni di un elettronica restano spesso su due binari separati a mio modo di vedere le cose.
    Home theatre - TV: Pioneer PDP-LX5090H Sintoamplificatore: Pioneer SC-LX82 Lettore blu ray/CD/SACD/DVD-A: Oppo 105 Cavi: G&BL
    Diffusori - Frontali: Focal Electra 1028Be II Centrale: Focal Electra CC1008Be II Surround: Focal Chorus SR700V- Subwoofer: Focal Chorus SW800V
    Stereo - Preamplificatore: Primare PRE30 -Amplificatore Finale: Primare A32 -Lettore CD: Pioneer PD-D9 MkII Cavi segnale: Audioquest Columbia & Audioquest Colorado XLR, Cavi potenza: Audioquest Pikes Peak.

  15. #15
    Data registrazione
    Apr 2009
    Messaggi
    57

    Rispondendo a Fra73kl,

    ---
    Probabilmente ascoltandolo su una coppia di buone casse si sarebbe reso conto che i bassi "giusti" erano quelli del pearl e non del Lite.
    ---

    Su questo credo sia una questione di opinione. Se ascoltassi musica classica allora probabilmente sarei daccordo con te.

    In genere con le cuffie, ascoltandole spesso, riesco ad avere un idea chiara quasi alla pari di due buone casse.

    In definitiva, da altre analisi indirette a da opinioni di altri ascoltatori sono arrivato ad una conclusione molto semplice:

    La Marantz (soprattutto) ma anche altri marchi, nei lettori di fascia medio bassa (con il Lite ad esempio) fanno in modo da farti avere dei bassi corposi e ben in evidenza, mentre nei modelli fascia alta il basso viene percepito molto meno (che questo sia giusto o no, non credo ci sia una risposta che vale per tutti, può influire anche il tipo di impianto su questa scelta).

    Ora nel mio ascolto, nel mio genere di musica, nelle mie preferenze personali, ho preferito la timbrica del 'Pearl Lite' rispetto a quella del Pearl, e sebbene ho ancora dei dubbi sulla differenza dello stadio di uscita, credo che la teoria, prima citata, dovrebbe confermare le mie impressioni.

    Concludo essendo molto soddisfatto del 'Pearl Lite' sotto tutti i punti di vista. L' unico mio rammarico quello di non poter sfruttare il SACD che potrebbe rimettere in discussione tante cose.

Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima

Permessi di scrittura

  • Tu NON puoi inviare nuove discussioni
  • Tu NON puoi inviare risposte
  • Tu NON puoi inviare allegati
  • Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi
  •