Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter
IFA 2015: le novità Acer
IFA 2015: le novità Acer
A Berlino, a due giorni dall'inizio dell'IFA, Acer presenta i suoi nuovi prodotti sia nel settore mobile che nel gaming, questi ultimi con utili applicazioni nel settore dell'editing video. Non mancano nteressanti sorprese tra i prodotti per la riproduzione video
Sony Bravia 4K KD-65X8505C
Sony Bravia 4K KD-65X8505C
L'esponente più economico tra gli schermi 4K con diagonale da 65" del catalogo Sony, è dotato di sistema operativo Android TV, presenta alcune novità molto interessanti soprattutto tra gli strumenti dedicati alla qualità d'immagine e si candida a vero blockbuster nella sua fascia di mercato.
Whiplash
Whiplash
Tra biografia e drammatizzazione lo spaccato del periodo di vita musicale del regista Damien Chazelle. Distribuzione Universal Pictures HE per Sony Pictures HE
Tutti gli articoli Tutte le news

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Data registrazione
    Aug 2011
    Località
    Milano
    Messaggi
    32

    Artefatti su vecchi film


    Salve,
    guardando alcuni vecchi film a volte noto un tondino nero in alto a destra, eccovi due foto:

    2012-06-25 02.10.19.jpg

    2012-06-25 03.17.28.jpg

    Sarei curioso di sapere di cosa si tratta, sono forse buchi nella pellicola?

    Ciao
    Ampli: Denon AVR1912 | Server DLNA: uMulu
    Front: B&W CM8 | Center: B&W Centre
    Surround: B&W M1 | Sub: B&W PV1D

  2. #2
    Data registrazione
    Sep 2007
    Località
    Torvaianica (Roma)
    Messaggi
    271
    potrebbero essere dei segnali per il proiezionista per il momento del cambio pellicola o simboli indicanti non so cosa messi dal laboratorio di stampa della pellicola, una volta sono andato al cinema con un amico che lavorava in technicolor allo sviluppo e stampa pellicole cinematografiche e mentre io guardavo il film lui notava tutti i segni impressi sulla pellicola, cose che io neanche ho notato per lui erano evidentissime, ha anche tentato di spiegarmi il significato dei simboli ma sinceramente non lo ascoltavo...

  3. #3
    Data registrazione
    Feb 2004
    Località
    Rimembriti di Pier da Medicina, se mai torni a....
    Messaggi
    30.638
    Quelli dovrebbero essere il segnale per il proiezionista che avverte che sta per arrivare il momento di far partire il rullo successivo.

    Ciao
    Ultima modifica di Nordata; 03-07-2012 alle 11:50
    "Da secoli si sa che occorre eliminare la componente soggettiva per riuscire a stabilire quale sia l'effettiva causa di un effetto, o se l'effetto ci sia davvero stato; solo persone terze e indipendenti, e il mascheramento del trattamento (doppio cieco), possono evitare di restare vittima degli autoinganni della coscienza e dell'inconscio" (E. Cattaneo - Unimi - regola n.7 di 10 sul "Come evitare di farsi ingannare dagli stregoni" - La Repubblica 15/10/2013).
    La mia Saletta (in perenne allestimento)

  4. #4
    Data registrazione
    Aug 2011
    Località
    Milano
    Messaggi
    32
    Si avevate ragione, e` pure spiegato qui:

    http://en.wikipedia.org/wiki/Cue_mark
    Ampli: Denon AVR1912 | Server DLNA: uMulu
    Front: B&W CM8 | Center: B&W Centre
    Surround: B&W M1 | Sub: B&W PV1D

  5. #5
    Data registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    2.128
    Basta guardare Fight Club, spiegano tutto
    -->Wercide Home Theater<-- In costruzione
    Living Room: VPR: Benq W1070 Schermo: 16:9 250cm 0.8 Sinto: Sony STR DH-730 Front: Proson Event 41Center: Proson Event 42 Surround: Proson Event 41 Subwoofer: Onkyo (non so altro) Console: PS4 - PS3

  6. #6
    Data registrazione
    Jul 2008
    Località
    Genova
    Messaggi
    3.761

    Citazione Originariamente scritto da nordata Visualizza messaggio
    Quelli dovrebbero essere il segnale per il proiezionista che avverte che sta per arrivare il momento di far partire il rullo successivo.

    Ciao
    Esatto, il motivo è proprio la proiezione parte per parte come diceva Nordata. Il fatto è che i film arrivavano (posso parlare al passato perché oramai si va digitalizzando tutto) in cabina di proiezione divisi in parti, in quanto i rulli di pellicola 35mm possono essere lunghi al massimo 600 metri che corrispondono a circa a venti minuti di proiezione. Calcolate che un film “tipo” di due ore, è in genere suddiviso in sei parti, ma le stesse possono essere di più o di meno a seconda della lunghezza del film o di come il regista ha suddiviso i cambi.
    Vengono chiamati in gergo “bollini” o “bruciature di sigaretta” e hanno forma rotonda. Sui film in scope 2,35 appaiono ovali in proiezione per via della dilatazione dovuta alla lente anamorfica del proiettore.
    Su alcune copie non vengono neanche stampati, in quanto da tantissimi anni si tende a montare il film su bobine più grandi e addirittura in un unico “programma”, come sui sistemi a piatti. Questo sistema si utilizza ancora nei cineclub o dove in generale si proiettano copie pregiate o film d’essai, che per ragioni di preservazione non vengono montate, in modo da non tagliare le code e non fare giunte con scotch e altro, che alla lunga possono influire negativamente sulla conservazione. In questo caso per non rovinare le copie, le code (cioè le parti di pellicola non impressa) vengono lasciate, in modo che il proiezionista possa caricare il film sul proiettore col corretto numero di fotogrammi.
    Il primo bollino è di avvertimento e consente all’operatore di far partire il secondo proiettore col rullo successivo, ma con la serranda chiusa. Sette secondi dopo, al secondo bollino, il proiezionista apre la serranda del secondo proiettore, e in automatico si chiude quella del primo. Se tutto è avvenuto correttamente, gli spettatori in sala non si accorgono di nulla.
    Mentre anche il secondo rullo viene proiettato, l’operatore si accingerà a montare e caricare il rullo successivo sulla prima macchina, pronto a ripetere l’operazione fino alla fine dello spettacolo.
    Ho assistito personalmente a questo tipo di proiezione al Nikelodeon di Genova con copie in 70mm come 2001 odissea nello spazio, Spartacus e Vertigo. E’ chiaro che è un lavoro che non si improvvisa ed è quello che una volta, quando ciò era la prassi in qualsiasi cinema, distingueva la professionalità e l’abilità del proiezionista.
    Fra poco sarà “archeologia”.
    Ultima modifica di alpy; 17-07-2012 alle 22:10

Permessi di scrittura

  • Tu NON puoi inviare nuove discussioni
  • Tu NON puoi inviare risposte
  • Tu NON puoi inviare allegati
  • Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi
  •