Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter
Dallas Buyers Club
Dallas Buyers Club
In alta definizione la vera storia di Ron Woodroof e della sua lotta all'AIDS, film vincitore di tre premi Oscar. Distribuzione del Blu-ray curata da Koch Media
Mary Poppins
Mary Poppins
La magica tata nata dalla fantasia e dalle esperienze di vita della romanziera P.L. Travers nella prima edizione in HD. Distribuzione Walt Disney Studios HE
Nebraska
Nebraska
Prosegue la dura riflessione su famiglia e divario generazionale dallo stesso regista di “Paradiso amaro”. Distribuzione CG Home Video per Lucky Red
Tutti gli articoli Tutte le news

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 31 a 40 di 40

Discussione: Cinema Koreano

  1. #31
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    italy
    Messaggi
    142

    io sono un grande estimatore di Park Chan-Wook e Bong Joon-ho.
    Del primo adoro la trilogia della vendetta, Oldboy per me è uno dei grandi capolavori del cinema moderno (bellissimo anche il lungometraggio di debutto JSA...); del secondo mi sono innamorato grazie a Memories of Murder (ma notevole anche The Host, ora devo recuperare Mother).

  2. #32
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310
    Sono molto violenti, come genere?

  3. #33
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    italy
    Messaggi
    142
    Gli ultimi di Park si... sopratutto la trilogia (Sympathy for Mr. Vengeance - Oldboy - Sympathy for Lady Vengeance);
    Oldboy è un pugno nello stomaco, ma vale la pena vederlo almeno una volta.

    Bong Joon-ho è più moderato.

  4. #34
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310
    Ok, grazie.

  5. #35
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310
    Visto Ferro 3: bellissimo. Delicato e bellissimo. Come ho fatto a perdermelo in tutti questi anni...

  6. #36
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310
    Avete visto che a Venezia è stato premiato Kim Ki-Duk? Fantastico momento, a tratti imbarazzante. Personalmente ho apprezzato l'omaggio vocale che ha voluto fare al pubblico italiano (per la cultura asiatica rappresenta un segno di rispetto e riconoscenza riservato ai rapporti personali, agli amici, a parenti lontani) ma ho avuto l'impressione che il gesto non sia stato capito dalla sala presente.
    Pieta merita, indubbiamente; è un film che ti prende allo stomaco e in alcuni momenti anche agli occhi. Non voglio velare altro e attendo i vostri commenti se avrete modo di vederlo.

    Micky, per una volta sono riuscita a vedere un film coreano prima di te
    Pensa che ho anche imparato a pronunciare dueparoledue in coreano che avrei voluto spendere col regista nel caso l'avessi incrociato tra la folla, ma per fortuna (mia) non è successo: per la serata finale ho scelto l'abito più stretto del mondo e ieri a mala pena riuscivo a respirare.. ma forse per il soggetto in questione vale più la comunicazione gestuale, a quanto ho capito.

    Invece per i film che mi hai suggerito mi sono arrivati alcuni titoli (Conduct Zero, My blessy girl e The quiet family) e ho già richiesto gli altri: li vedrò sicuramente nelle prossime settimane

  7. #37
    Data registrazione
    Dec 2009
    Località
    Paris, Texas
    Messaggi
    1.124
    complimenti Elena

    beata te che eri a Venezia, per fortuna Pietà arriva presto anche da noi mortali quindi credo lo vedrò già sabato prossimo poi passerò di qua a scrivere due righe su ciò che ne penso del film, da Kim mi aspetto sempre molto

    benissimo per gli altri titoli, aspetto i tuoi pareri
    Cosa vorrei in BD? Bad guy - Millennium mambo - 4 mesi, 3 settimane e 2 giorni - Veronika Voss
    TV : Panasonic G20ES 50" Console : Ps3 fat60gb Lettori blu-ray : Sony BDP-S760 / Panasonic DMP BD-60 region free - UPS : APC RS 800VA Sintoamplificatore : Onkyo TX-SR507 Silver Diffusori : FRONT : Indiana line Arbour 5.02 CENTRO : Indiana line Arbour C4 SURROUND : Canton 150QX SUBWOOFER : Canton 150QX Media player : Fantec MM-FHDL 1080p 1TB Satellite : MySkyHD Cuffie : Sennheiser HD 595 Processore video : HD Cinescaler Cavi : G&bl,Soundreference,Octava,Goldkable

  8. #38
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310
    Ho visto Blissfully Yours di Weerasethakul (è un regista thailandese ma come genere mi sembra vicino al filone Corea) che mi è stato consigliato perché l' "Estate di Giacomo" di Comodin riprende lo stesso spunto naturalistico e quotidiano per raccoltare il generale tramite il particolare.
    Qualcuno conosce i lavori di Weerasethakul?

  9. #39
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310
    Ho visto - in the end - Conduct Zero.

    [2002] Conduct Zero di Cho Keun-shik.

    A parte che avrei voluto spegnere dopo cinque minuti... poi però per fortuna alla fine non l'ho fatto. Il genere non è facile da apprezzare, nemmeno da catalogare (concordo con alcuni commenti in Rete: "Opera non facilmente inquadrabile del regista coreano Cho Keun-shi" e "che fatica ad entrare in una forma filmica ben delineata") ma forse la forma mentis europea (parlo per me) non è ancora pronta per le produzioni coreane. Lo accosterei al genere animazione giappo (mi ha ricordato Otomo) per le iperboli visive, le immagini flash in rapida successione, inquadrature che cambiano schizzate e risolvono una scena intera in pochi secondi. Non ricorda insomma un film "all'Americana" al quale si può essere più preparati, a parte il ricorso al linguaggio giovanile più spontaneamente sboccato.

    Però devo dire che quello che sto cercando di capire di questa mentalità così criptica (almeno per me) e poco diretta comprendo che posso trovarlo seguendo il filone cinematografico: il tema del disagio giovanile è fin troppo inflazionato per questa cinematografia però è vero anche che il film riesce a regalare un punto di vista diverso (non so se anche gli altri abbiano la stessa abilità): è come se esprimesse un disagio catastrofico e non recuperabile, ma totalmente logico e condivisibile in quella dimensione (quindi se per ipotesi si volesse estirpare un gruppo di teppisti neo-punk dalla nuova Seoul a Copenaghen, per fare un esempio, non vedrei emergere troppe capacità di adattamento e di sopravvivenza. E secondo me questo "push" sui limiti della generazione è voluto e neanche troppo celato, e vuole indicare una mentalità per quanto fervidamente immaginifica ma chiusa ancora, non ancora pronta ad un mondo diverso dalla realtà di provenienza.

    Unica parentesi che salverei è la storia d'amore tra i due protagonisti, e in particolare la figura caratteriale di lei, sempre un passo avanti rispetto alle fragilità maschili e apparentemente più forte anche quando interagisce con la società. Coppia probabilissima anche in un filone sentimental-romantico di stampo europeo ma che forse, vista l'origine della pellicola, avrebbe significati di tutt'altra mentalità.
    Ultima modifica di guest_113071; 14-10-2012 alle 15:59

  10. #40
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310

    Ciao Micky Altri titoli da suggerire per questo thread?

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Permessi di scrittura

  • Tu NON puoi inviare nuove discussioni
  • Tu NON puoi inviare risposte
  • Tu NON puoi inviare allegati
  • Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi
  •