Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter
Sedotta e abbandonata
Sedotta e abbandonata
Uno dei capolavori del cinema di Pietro Germi in una prima interessante edizione in alta definizione. Distribuzione del disco curata da CG Home Video
Call of Duty: Advanced Warfare
Call of Duty: Advanced Warfare
Il 4 novembre uscirà l'attesissimo nuovo capitolo del franchise Call of Duty, il primo creato dallo studio Sledgehammer Games. Il titolo avrà un ciclo di sviluppo di tre anni e vede coinvolto anche il premio Oscar Kevin Spacey
Da Sony un rilancio a tutto campo
Da Sony un rilancio a tutto campo
Il colosso giapponese presenta il nuovo Country Head per l'Italia, Stéphane Labrousse, e mostra una grande forza d'urto tecnologica: TV 4K, Hi-Res Audio, fotocamere performanti e dispositivi per tutti i gusti da utilizzare in mobilità
Tutti gli articoli Tutte le news

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 31 a 40 di 40

Discussione: Cinema Koreano

  1. #31
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    italy
    Messaggi
    224

    io sono un grande estimatore di Park Chan-Wook e Bong Joon-ho.
    Del primo adoro la trilogia della vendetta, Oldboy per me è uno dei grandi capolavori del cinema moderno (bellissimo anche il lungometraggio di debutto JSA...); del secondo mi sono innamorato grazie a Memories of Murder (ma notevole anche The Host, ora devo recuperare Mother).

  2. #32
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310
    Sono molto violenti, come genere?

  3. #33
    Data registrazione
    Apr 2011
    Località
    italy
    Messaggi
    224
    Gli ultimi di Park si... sopratutto la trilogia (Sympathy for Mr. Vengeance - Oldboy - Sympathy for Lady Vengeance);
    Oldboy è un pugno nello stomaco, ma vale la pena vederlo almeno una volta.

    Bong Joon-ho è più moderato.

  4. #34
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310
    Ok, grazie.

  5. #35
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310
    Visto Ferro 3: bellissimo. Delicato e bellissimo. Come ho fatto a perdermelo in tutti questi anni...

  6. #36
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310
    Avete visto che a Venezia è stato premiato Kim Ki-Duk? Fantastico momento, a tratti imbarazzante. Personalmente ho apprezzato l'omaggio vocale che ha voluto fare al pubblico italiano (per la cultura asiatica rappresenta un segno di rispetto e riconoscenza riservato ai rapporti personali, agli amici, a parenti lontani) ma ho avuto l'impressione che il gesto non sia stato capito dalla sala presente.
    Pieta merita, indubbiamente; è un film che ti prende allo stomaco e in alcuni momenti anche agli occhi. Non voglio velare altro e attendo i vostri commenti se avrete modo di vederlo.

    Micky, per una volta sono riuscita a vedere un film coreano prima di te
    Pensa che ho anche imparato a pronunciare dueparoledue in coreano che avrei voluto spendere col regista nel caso l'avessi incrociato tra la folla, ma per fortuna (mia) non è successo: per la serata finale ho scelto l'abito più stretto del mondo e ieri a mala pena riuscivo a respirare.. ma forse per il soggetto in questione vale più la comunicazione gestuale, a quanto ho capito.

    Invece per i film che mi hai suggerito mi sono arrivati alcuni titoli (Conduct Zero, My blessy girl e The quiet family) e ho già richiesto gli altri: li vedrò sicuramente nelle prossime settimane

  7. #37
    Data registrazione
    Dec 2009
    Località
    Paris, Texas
    Messaggi
    1.135
    complimenti Elena

    beata te che eri a Venezia, per fortuna Pietà arriva presto anche da noi mortali quindi credo lo vedrò già sabato prossimo poi passerò di qua a scrivere due righe su ciò che ne penso del film, da Kim mi aspetto sempre molto

    benissimo per gli altri titoli, aspetto i tuoi pareri
    Cosa vorrei in BD? Millennium mambo Vpr: Epson EH-TW3200 Telo: Sopar platinum a molla 210x118 TV: Panasonic G20ES 50" Console: Ps4 Lettori blu-ray: Sony BDP-S760 / Panasonic DMP BD-60 region free - UPS: - Sintoamplificatore: Onkyo TX-SR507 Diffusori: FRONT: Indiana line Arbour 5.02 CENTRO : Indiana line Arbour C4 SURROUND : Canton 150QX SUB: Canton 150QX Media player: Fantec MM-FHDL 1080p 1TB Satellite: MySkyHD Cuffie: Sennheiser HD 595 Processore video: HD Cinescaler Cavi: G&bl,Soundreference,Lindy,Goldkable

  8. #38
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310
    Ho visto Blissfully Yours di Weerasethakul (è un regista thailandese ma come genere mi sembra vicino al filone Corea) che mi è stato consigliato perché l' "Estate di Giacomo" di Comodin riprende lo stesso spunto naturalistico e quotidiano per raccoltare il generale tramite il particolare.
    Qualcuno conosce i lavori di Weerasethakul?

  9. #39
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310
    Ho visto - in the end - Conduct Zero.

    [2002] Conduct Zero di Cho Keun-shik.

    A parte che avrei voluto spegnere dopo cinque minuti... poi però per fortuna alla fine non l'ho fatto. Il genere non è facile da apprezzare, nemmeno da catalogare (concordo con alcuni commenti in Rete: "Opera non facilmente inquadrabile del regista coreano Cho Keun-shi" e "che fatica ad entrare in una forma filmica ben delineata") ma forse la forma mentis europea (parlo per me) non è ancora pronta per le produzioni coreane. Lo accosterei al genere animazione giappo (mi ha ricordato Otomo) per le iperboli visive, le immagini flash in rapida successione, inquadrature che cambiano schizzate e risolvono una scena intera in pochi secondi. Non ricorda insomma un film "all'Americana" al quale si può essere più preparati, a parte il ricorso al linguaggio giovanile più spontaneamente sboccato.

    Però devo dire che quello che sto cercando di capire di questa mentalità così criptica (almeno per me) e poco diretta comprendo che posso trovarlo seguendo il filone cinematografico: il tema del disagio giovanile è fin troppo inflazionato per questa cinematografia però è vero anche che il film riesce a regalare un punto di vista diverso (non so se anche gli altri abbiano la stessa abilità): è come se esprimesse un disagio catastrofico e non recuperabile, ma totalmente logico e condivisibile in quella dimensione (quindi se per ipotesi si volesse estirpare un gruppo di teppisti neo-punk dalla nuova Seoul a Copenaghen, per fare un esempio, non vedrei emergere troppe capacità di adattamento e di sopravvivenza. E secondo me questo "push" sui limiti della generazione è voluto e neanche troppo celato, e vuole indicare una mentalità per quanto fervidamente immaginifica ma chiusa ancora, non ancora pronta ad un mondo diverso dalla realtà di provenienza.

    Unica parentesi che salverei è la storia d'amore tra i due protagonisti, e in particolare la figura caratteriale di lei, sempre un passo avanti rispetto alle fragilità maschili e apparentemente più forte anche quando interagisce con la società. Coppia probabilissima anche in un filone sentimental-romantico di stampo europeo ma che forse, vista l'origine della pellicola, avrebbe significati di tutt'altra mentalità.
    Ultima modifica di guest_113071; 14-10-2012 alle 16:59

  10. #40
    Data registrazione
    May 2012
    Messaggi
    310

    Ciao Micky Altri titoli da suggerire per questo thread?

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Permessi di scrittura

  • Tu NON puoi inviare nuove discussioni
  • Tu NON puoi inviare risposte
  • Tu NON puoi inviare allegati
  • Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi
  •