Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Cinetron HD-900

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 11 Ottobre 2006 nel canale PROIETTORI

“Con questo articolo proponiamo un'anteprima su uno dei videoproiettori a piena risoluzione HD più interessanti e sconosciuti del momento. Il Cinetron HD-900 con tecnologia LCoS è ancora in fase di prototipo ma le premesse per un prodotto di ottima qualità ci sono davvero tutte”

Il Cinetron HD900 al Top Audio & Video


Problemi di convergenza ed aberrazioni cromatiche per l'HD900

Torniamo in Italia e ai giorni in cui un paio di distributori si sono dati molto da fare per verificare la possibilità di importare un prodotto così interessante in Italia. Durante il Top Audio & Video Show dello scorso Settembre, l'amico Nicola D'Agostino mi informa della presenza di un Cinetron HD900 nelle mani del Distributore Audiogamma. Il prodotto non viene mostrato ai "comuni mortali" ma solo ad alcune persone selezionate poiché la distribuzione di questo prodotto non è stata ancora decisa.

La notte tra il Venerdì e il Sabato viene organizzato dal D'Agostino una sorta di incontro nella saletta di AV Magazine, alla presenza di alcuni operatori e di un responsabile di Audiogamma. Il proiettore viene posizionato in modo da riempire lo schermo da 3 metri di base utilizzato abitualmente nella nostra saletta. Inizia lo spettacolo.

Rispetto al prototipo osservato all'InfoComm International il rapporto di contrasto è aumentato in maniera devastante, grazie ad un diaframma a più posizioni. Vi basterà sapere che il livello del nero è molto vicino (e in alcuni casi inferiore) rispetto a quello dei proiettori DLP con DarkChip3.

Ancora una volta il dettaglio è davvero misero. Inizio col dare in pasto all'HD900 un po' di immagini test per verificare definizione e altri parametri che possano dirci qualcosa sul dettaglio generale ed ecco scoperto l'arcano: il proiettore ha il keystone inserito ma non riusciamo a eliminarlo! Altro grave problema è a carico dell'allineamento dei pannelli LCoS evidente nell'immagine in alto.

Il particolare acquisito con la fotocamera in quell'occasione evidenzia non solo un cattivo allineamento delle tre matrici (sbordature di colore rosso e blu in alto e in basso) ma anche sensibili aberrazioni cromatiche con dimensione di circa un pixel (verde e magenta ai lati). Dopo un breve carteggio privato con il progettista, ci vengono consegnati gli "strumenti" per entrare nel menu di servizio e per verificare alcune impostazioni. Troppo tardi ormai: rimandiamo la verifica in un'altra occasione.