Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Preview Sony VPL-VW100

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 05 Gennaio 2006 nel canale PROIETTORI

“Negli ultimi giorni del mese di Dicembre Sony ha iniziato le consegne dei primi esemplari del nuovo videoproiettore ad alta definizione con prezzo vicino ai 10.000 Euro. Scopriamo alcune caratteristiche che abbiamo analizzato in anteprima. ”

Le condizioni di prova e la taratura


Lino Mazzocco, Admin di Epidauro.net mentre controlla gli ingressi del Sony

Il primo incontro con il Sony VPL-VW100 è avvenuto presso il punto vendita di HiFi Di Prinzio a Chieti Scalo, tra i primi in Europa ad aver ricevuto un esemplare del nuovo videoproiettore. Tra le sorgenti a disposizione, alcuni lettori DVD Denon, Pioneer, HTPC vari ed il ricevitore QUALI TV per i canali dell'emittente in alta definizione Euro1080.


La prova è stata eseguita all'interno di una delle salette di Hi Fi Di Prinzio

Considerando il tempo a disposizione e rimandando un'analisi molto più approfondita nella prova che svolgeremo nel nostro laboratorio, in condizioni controllate, abbiamo preferito utilizzare come sorgente DVD un lettore Pioneer DV-868 collegato in HDMI dopo aver selezionato l'uscita a risoluzione 1080i. Purtroppo non avevamo a disposizione un lettore DVD Denon o Maranz con uscita HDMI a 1080p quindi dovremo rimandare la verifica per la compatibilità con segnali 1080p digitali.


Per la taratura abbiamo preferito la curva del gamma "2" con un aumento del contrasto

Anche la taratura è stata piuttosto veloce. Dopo aver eliminato ogni elaborazione "accessoria", abbiamo bloccato il diaframma nella posizione di chiusura, selezionato la temperatura colore più bassa ed una curva del gamma con valore medio alto. Abbiamo aumentato anche il valore di contrasto. Nell'immagine in alto un "riassunto" delle impostazioni generali.


Ottimo il risultato ottenuto con la veloce taratura sulle alte luci

Nonostante la "velocità" della taratura, il proiettore aveva comunque la capacità di evidenziare i particolari sulle alte luci con notevole efficienza. La temperatura colore più bassa ha un valore in gradi kelvin probabilmente inferiore al riferimento dei 6500° ma le impostazioni "normali" erano - secondo il sottoscritto - ben peggiori, con deviazioni più evidenti verso il ciano.


La taratura effettuata molto velocemente con gamma piuttosto elevato sulle basse luci

Buona prestazione anche sulle basse luci. Per le impostazioni selezionate, il gamma appare un po' elevato ma i livelli al 4% e al 2% sono ancora distinguibili. Il livello del nero è molto buono: molto vicino a quello di un DLP HD2 di penultima generazione.