Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

I nuovi proiettori Epson S3D

di Gian Luca Di Felice , pubblicato il 08 Settembre 2011 nel canale PROIETTORI

“Prima della presentazione ufficiale all'IFA di Berlino, Epson ci ha fatto scoprire la nuova gamma di proiettori 3LCD Stereo 3D portandoci direttamente nella sua fabbrica cinese di Shenzhen. Il più grande sito produttivo di proiettori al mondo in grado di sfornare 8.000 proiettori al giorno”

Introduzione

In occasione dell'IFA 2011 di Berlino, Epson ha presentato la sua prima gamma di proiettori Full HD Stereo 3D. Un totale di cinque nuovi modelli che hanno visto la casa nipponica tornare inaspettatamente al "passato" della tecnologia LCD trasmissiva, introducendo però anche alcune inedite e importanti innovazioni. Una scelta che potrebbe far storcere il naso a qualcuno, visti i passi in avanti dell'adozione della tecnologia LCD riflessiva (come Sony e JVC) con i due modelli R2000 ed R4000.

I nuovi proiettori Epson stereoscopici con tecnologia LCD trasmissiva

Invece, con il ritorno alla tecnologia LCD trasmissiva, Epson ha il merito di proporre al grande pubblico proiettori S3D dal rapporto qualità / prezzo al momento imbattibile. Le innovazioni sono invece l'utilizzo di matrici di nuova generazione e la possibilità di acquistare i due modelli top di gamma (TW6000 e TW9000) anche in versione "W" che includono il collegamento video senza fili Wireless HD.


I due proiettori R4000 ed R2000 con tecnologia LCD riflessiva

Prima dell'IFA, Epson ci ha invitato a scoprire la nuova gamma in anteprima, portandoci direttamente nella sua fabbrica di Shenzhen, in Cina. Benché fossimo quindi già a conoscenza di tutti i dettagli, un embargo firmato "col sangue" :-) ci impediva di rivelarvi tutto ciò che avevamo visto. Al di là dell'anteprima sui prodotti, di cui si conosce ormai tutto o quasi, il viaggio è stato interessante per scoprire tutto ciò che si nasconde dietro la produzione di un proiettore e non sono di certo mancate le sorprese.