Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

I nuovi proiettori Epson S3D

di Gian Luca Di Felice , pubblicato il 08 Settembre 2011 nel canale PROIETTORI

“Prima della presentazione ufficiale all'IFA di Berlino, Epson ci ha fatto scoprire la nuova gamma di proiettori 3LCD Stereo 3D portandoci direttamente nella sua fabbrica cinese di Shenzhen. Il più grande sito produttivo di proiettori al mondo in grado di sfornare 8.000 proiettori al giorno”

La tecnologia dei nuovi Epson S3D

Considerando il ritardo accumulato da Epson rispetto alla concorrenza (su tutti JVC e Sony) in fatto di stereoscopia, la casa nipponica ha deciso di attaccare il mercato in maniera piuttosto aggressiva e con obiettivi ben precisi: prezzi allettanti, efficienza luminosità e cross-talk estremamente ridotto. Per raggiungere questi obiettivi, Epson ha investito nella produzione di nuovi microdisplay LCD HTPS molto veloci, in modo da garantire tempi di latenza ridotti, quindi senza "sprecare" troppo tempo nel passaggio da un fotogramma all'altro.

I microdisplay  3LCD sono di due tipi ben diversi. Quelle con diagonale da 0,74 pollici, sono accreditate di un rapporto di contrasto nativo più elevato e sono utilizzate per i due proiettori di fascia alta, EH-TW9000 e TW9000W. Le matrici più piccole, con diagonale di 0,61 pollici, sono invece impiegate per gli altri tre modelli. La visione stereoscopica viene assicurata da occhialini attivi di origine XpanD con sincronizzazione a infra-rossi e rispondono alle specifiche del consorzio M-3DI (vedi news) in fatto di interoperabilità tra i vari marchi (tra cui Panasonic e Mitsubishi).

Secondo Epson, pilotare i microdisplay con segnali a frequenza elevata, garantisce tempi di blanking molto ridotti e quindi un'efficienza luminosa in modalità stereoscopica più elevata rispetto a tecnologie LCD concorrenti. Nella documentazione che ci è stata fornita non è ancora ben chiaro quale sia la frequenza di scansione con segnali 50i e con segnali 24p. La frequenza di ciascuna lente degli occhiali è pari ad un ottavo rispetto a quella di scansione del proiettore.