Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Sfida a 1080p: DLP contro SXRD

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 23 Maggio 2005 nel canale PROIETTORI

“Per l'alta definizione è già tempo di confronti. Durante l'ultimo T.H.E. Show, Texas Instruments ha organizzato una tenzone tra il retroproiettore Sony QUALIA con tecnologia SXRD ed il retroproiettore Samsung con tecnologia DLP: le sorprese questa volta non sono mancate”

Cos'è l'alta definizione?

Per alta definizione si intende un cospicuo ventaglio di standard televisivi con una eterogeneità che potrebbe confondere gli appassionati dell'ultima ora. Tralasciando per il momento alcuni  aspetti come la frequenza  (numero di fotogrammi per secondo)  ed il tipo di scansione (interlacciata o progressiva), diremo soltanto che possiamo identificare principalmente due gruppi di segnali HDTV che differiscono soltanto per la risoluzione: 1920x1080 punti e 1280x720 punti. In confronto alla televisione e al DVD a cui siamo abituati, le differenze tra definizione standard e alta definizione (quale che sia) sono davvero importanti. Nelle condizioni migliori, l'HDTV ha una risoluzione pari a 5 volte quella della TV tradizionale.


Differenze quantitative tra la risoluzione del DVD Video e l'alta definizione

Per osservare i nuovi programmi in alta definizione sono necessari display e proiettori con risoluzione sufficiente ed ingressi video (connessioni) compatibili con standard leggermente diversi da quelli a cui ci ha abituato la SCART che collega il lettore DVD alla televisione. Diciamo subito che anche un banale TV Color a tubo catodico sarebbe in grado di visualizzare segnali HDTV, purché dotato di cinescopio di qualità adeguata e di connessioni e necessaria compatibilità. Un esempio è  dato dai TV Color JVC da 28", 32" e 36" dotati di ingressi per segnale component e capaci di riprodurre solo l'alta definizione con 1080 linee a scansione interlacciata, (trasmessa ad esempio dal canale HD1).


TV Color CRT  Toshiba con ingressi HDMI in vendita in USA da 600 US$

Negli Stati Uniti, Giappone e Corea esistono molti TV Color ad alta definizione, alcuni dotati di ingressi digitali HDMI che saranno purtroppo l'unico porto per il transito di segnali HDTV nel prossimo futuro, protette dal protocollo HDCP che ne impedisce la copia ma anche la riproduzione su display non compatibili. In USA un TV Color Toshiba da 28" con ingressi HDMI costa meno di 600 US$, tasse escluse. Il top di gamma della Sony da 36" e sempre con ingresso HDMI ha un prezzo di 2199 US$, sempre tasse escluse. Sony ha però un ricco catalogo di TV Color CRT, con ben 5 modelli dotati di ingressi HDMI a partire da 1200 US$, tasse escluse.


Il TV Color Sony con tubo da 36": a destra il pannello posteriore con l'ingresso HDMI
- click per ingrandire -

Tornando di nuovo in Europa, è molto più vasta l'offerta di schermi al palsma ed LCD con risoluzioni elevate ma con prezzo ben superiore. Aggiungiamo inoltre la presenza di una notevole offerta di retroproiettori e videoproiettori, anche questi capaci di riprodurre segnali HDTV.