Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Nuovi DLP 1080p xHD4

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 16 Maggio 2005 nel canale PROIETTORI

“In attesa dei nuovi display e videoproiettori con tecnologia DLP a piena risoluzione HD con 1920x1080 punti, Texas Instruments introduce una nuova matrice presentata già al CES dello scorso anno che sarà integrata in un nuovo retroproiettore Samsung in vendita da luglio.”

Display HD-Ready e scaling

Le indicazioni generali che dovremmo tenere sempre presente se siamo interessati all'acquisto di un display o proiettore compatibile con l'alta definizione, sono necessariamente tre:
- capacità di riprodurre segnali HDTV 1280x720p e 1920x1080i;
- presenza di una connessione HDMI (oppure DVI compatibile con il protocollo HDCP);
- risoluzione nativa del display di almeno 720 punti in senso verticale, con la regola di "più sono meglio è". Dallo scorso gennaio di quest'anno, l'EICTA (European Information & Communications Technology Industry Association) ha definito un marchio "HD Ready" e le condizioni perché possa essere utilizzato da prodotti di elettronica di consumo compatibili con l'alta definizione.


Il logo HD Ready

Infatti è  possibile riprodurre segnali con risoluzione di 1920x1080 punti anche su display con risoluzione inferiore. Sarà un DSP che si occuperà di riscalare (ridisegnare) ogni fotogramma per ridimensionarlo alla risoluzione del pannello. Un processo molto simile al "resize" di qualsiasi programma di foto-ritocco che, nel mondo video, deve essere estremamente veloce.

Scalando un'immagine da una risoluzione più alta ad una più bassa, molto spesso non si perde soltanto il numero di punti che è il risultato della differenza aritmetica tra le due condizioni. Nel passaggio da 1920x1080 a 1280x720, non bisogna dimenticare che entrambe le risoluzioni sono multipli di quella pari a 640x360 punti. In teoria quindi, è possibile eliminare esattamente 1/3 dei punti senza ulteriori elaborazioni.


Qui in alto due differenti risultati di scaling per sottrazione (sinistra) e ricampionamento
partendo da una risoluzione di 1920x1080 per arrivare a 1280x720 punti

La maggior parte delle volte invece (ad esempio per TV con risoluzione di 1280x768 punti, oppure di 1366x768) è indispensabile un ricampionamento di tutti i punti dell'immagine. Il ricampionamento potrebbe essere effettuato anche nel passaggio da 1920x1080 a 1280x720 e in alcune condizioni i risultati potrebbero essere superiori. Detto questo, la qualità generale che risulta da un'operazione di ricampionamento da una risoluzione superiore ad una inferiore, offre comunque un ottimo risultato. 

D'altra parte, chi è interessato alla riproduzione di segnali "full HD" da 1920x1080 senza compromessi, dovrà necessariamente utilizzare un display con la stessa, identica risoluzione nativa. E qui iniziano i problemi poiché nel momento in cui scriviamo, i prodotti in commercio con questa risoluzione sono davvero pochi.