Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Supernova Screen One 16:9

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 29 Ottobre 2007 nel canale PROIETTORI

“Lo schermo DNP Supernova, è la più grande rivoluzione degli ultimi anni nel settore delle superfici per videoproiezione frontale poiché, grazie ad un nuovo materiale ottico ad elevata tecnologia, è in grado di assorbire la luce che proviene dall'ambiente per donare alle immagini maggiore contrasto”

Come funziona

Il materiale che costituisce lo schermo è composto da sette differenti strati di film ottico, con spessore complessivo di circa 0.3mm. La filosofia che sta alla base del film ottico che costituisce lo schermo ha le seguenti peculiarità: prima di tutto deve riflettere con un guadagno più ampio possibile e verso un angolo più ampio possibile, tutta la luce che arriva verso la superficie dello schermo all'interno di un certo angolo di incidenza, definito in fase di progetto.

Allo stesso tempo, il nuovo materiale ideato da DNP è capace di assorbire la luce che arriva sullo schermo da angoli di incidenza superiori da quello selezionato per l'ingresso. Più sarà contenuto l'angolo di incidenza di ingresso, più basso sarà il rapporto di tiro dei proiettori che potranno essere utilizzati. Più alto sarà il guadagno, più basso sarà l'angolo verso cui sarà riflessa la luce dallo schermo.

In pratica, si tratta del solito problema della coperta troppo corta. DNP ha previsto quindi due diverse superfici, utilizzabili a seconda che sia necessario un elevato guadagno (applicazioni business, conferenze etc.) oppure che sia necessario un angolo di visione più ampio possibile. Il film identificato dalla sigla 20-20 ha un guadagno pari a 2.0 ed un angolo di visione pari a 20°. Il film 08-85 ha un guadagno pari a 0.8 ma un angolo di ben 85°.

L'angolo di visione degli schermi per proiezione viene misurato verificando il guadagno a diversi angoli di incidenza e fermandosi fino a quando questo valore non scende al di sotto del 50%. Se ad esempio l'angolo di visione fosse pari a 100 gradi, vuol dire che fino a questa ampiezza il guadagno sarebbe ancora al 50% rispetto a quello misurato perpendicolarmente.