Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Vernice per retroproiezione SCREEN Goo

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 28 Agosto 2007 nel canale PROIETTORI

“La vernice per retroproiezione prodotta dai canadesi di SCREEN Goo permette di realizzare schermi per retroproiezione con un prezzo molto contenuto e in maniera semplice, con l'unica raccomandazione di applicare la vernice sullo schermo con estrema attenzione”

Conclusioni

Il bilancio finale del test della vernice per retroproiezione Screen Goo è molto positivo sotto tutti i punti di vista, ad iniziare dal rapporto qualità/prezzo che, nel confronto con le pellicole più costose, è davvero molto allettante. Tra le qualità più interessanti sottolineiamo ancora una volta la buona neutralità e il dettglio generale.

In buona sostanza, questa vernice dovrebbe essere presa in seria considerazione come valida alternativa agli schermi tradizionali, con e senza lente di fresnel, anche se altri aspetti come la scelta dello schermo, il miglior compromesso tra spessore e dimensioni e la perizia nelle delicate operazioni di verniciatura non devono essere trascurati.

Vorremmo inoltre aggiungere che torneremo a parlare di nuovo di questo ed altri schermi tra qualche settimana, quando saremo in grado di pubblicare una serie di nuove misure per questo tipo di prodotti e che ancora sono in fase di sviluppo e verifica.

Un ringraziamento particolare alla autocarrozzeria Cappelli di Teramo: www.cappellisrl.it

Per maggiori informazioni sui prodotti Scree Goo: www.schermionline.it  www.goosystems.com

 



Commenti (15)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Commento # 1 di: AlbertoPN pubblicato il 30 Agosto 2007, 17:01
In buona sostanza, questa vernice dovrebbe essere presa in seria considerazione come valida alternativa agli schermi tradizionali, con e senza lente di fresnel, anche se altri aspetti come la scelta dello schermo, il miglior compromesso tra spessore e dimensioni e la perizia nelle delicate operazioni di verniciatura non devono essere trascurati.


Intendi dire a retroproiezione diretta o tramite l'interposizione di specchi ?

Volendosi realizzare un sistema di retro proiezione casalingo, anche la scelta di questi particolari (gli specchi) dovrebbe essere tenuta sotto attenta considerazione. Non si può riciclare quello che si utilizzava per il mobiletto del bagno

Mandi !

Alberto
Commento # 2 di: Girmi pubblicato il 30 Agosto 2007, 17:10
Originariamente inviato da: AlbertoPN
Volendosi realizzare un sistema di retro proiezione casalingo, anche la scelta di questi particolari (gli specchi) dovrebbe essere tenuta sotto attenta considerazione.

Immagino servano specchi ottici, quelli con l'argentura frontale. Molto delicati (e costosi) ma immuni dallo sdoppiamento delle immagini che si otterrebbe con un normale specchio ad argentatura posteriore a causa delle riflessioni spurie sul vetro stesso.

C'ho preso?

Ciao.
Commento # 3 di: AlbertoPN pubblicato il 30 Agosto 2007, 17:14
Originariamente inviato da: Girmi
C'ho preso?


Bingo Carlo !!


E di questi specchi ne esistono diverse versioni, in base alla tolleranza delle lavorazioni (levigatura soprattutto) che devono essere accurate al centesimo per evitare delle micro grinze sulla loro superfie, che si traducono sullo schermo come una girella di luce colorata che dal centro dell'immagine tende ad espandersi verso i bordi.

Non so se ho reso l'idea del difetto.

mandi


Alberto
Commento # 4 di: Girmi pubblicato il 30 Agosto 2007, 17:24
Originariamente inviato da: AlbertoPN
Non so se ho reso l'idea del difetto.

Una specie di anello di Newton?


Ciao.
Commento # 5 di: AlbertoPN pubblicato il 30 Agosto 2007, 17:29
Una specie si ... e lo si nota maggiormente inclinando la testa in alcune posizoni, per cui risulta dal fastidioso, all'inguardabile ! in base a come si è seduti/posti davanti allo schermo.

mandi


Alberto
Commento # 6 di: Girmi pubblicato il 30 Agosto 2007, 17:42
Graie Alberto del chiarimento.

@ Emidio
Per il test del prodotto, abbiamo deciso di utilizzare un foglio di materiale plastico con spessore di circa 10mm facilmente reperibile in un punto vendita per bricolage,

È corretto questo dato o è un refuso?
A giudicare dalle foto sembra che la lastra, immagino plexiglass, non abbia tale spessore.

Ciao.
Commento # 7 di: H.D. Lion pubblicato il 30 Agosto 2007, 17:54
Scusa Emidio ma non mi sono chiari due punti:

1) Quali sono stati i costi dell'operazione? (Incluso la mancia al verniciatore);
2) Qual'è la distanza minima per consentire una retropriezione diretta soddisfacente con un tale schermo?
Commento # 8 di: AlbertoPN pubblicato il 30 Agosto 2007, 17:57
Originariamente inviato da: H.D. Lion
2) Qual'è la distanza minima per consentire una retropriezione diretta soddisfacente con un tale schermo?


La minima distanza che il proiettore ammette con il suo throw ratio


mandi


Alberto
Commento # 9 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 30 Agosto 2007, 18:04
Originariamente inviato da: AlbertoPN
Intendi dire a retroproiezione diretta o tramite l'interposizione di specchi ?
La lente di fresnel non è legata tanto all'utilizzo degli specchi, quanto al rapporto di tiro complessivo.

In ogni modo, è chiaro che la qualità degli specchi deve essere adeguata ma solitamente quelli inclusi nei classici setup con stativo per tutto l'ambaradan sono più che adeguati.

Emidio
Commento # 10 di: Emidio Frattaroli pubblicato il 30 Agosto 2007, 18:05
Originariamente inviato da: Girmi
... È corretto questo dato o è un refuso?
Hai ragione Girmi: lo spessore è di circa 2mm. Grazie per la segnalazione. 10mm sono davvero tantissimi!

Emidio
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »