Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

LCD 1080p Panasonic PT-AE1000

di Gian Luca Di Felice , Emidio Frattaroli , pubblicato il 31 Luglio 2007 nel canale PROIETTORI

“Già disponibile sul mercato da diversi mesi, il PT-AE1000 è uno dei primi videoproiettori Full HD con tecnologia 3LCD apparsi sul mercato ed è caratterizzato da versatilità e dotazioni tecniche che gli consentono di confrontarsi ad armi pari con i migliori concorrenti con tecnologia DLP”

La prova d'uso

Per la prova su strada abbiamo utilizzato le sorgenti PlayStation 3 collegata in HDMI, l'HD DVD Toshiba HD-XE1 collegato in component e il decoder digitale terrestre Humax DTT-4000 collegato alla presa SCART. Appena collegata e selezionata la modalità d'immagine Cinema1, le immagini riprodotte dalla PS3 appaiono piuttosto calde e morbide e benché sia impossibile non notare la straordinaria risoluzione Full HD, le immagini risultano comunque meno incisive rispetto al Mitsubishi HC5000 con pari tecnologia che abbiamo avuto in prova qualche mese fa e questa caratteristica è molto probabilmente da imputare all'utilizzo della tecnologia "Smooth Screen" che consente di eliminare il fastidioso effetto zanzariera tipico delle matrici LCD.

L'effetto è comunque riposante e particolarmente apprezzabile durante la completa visione di un film. Durante questo primo contatto notiamo con molto piacere i significativi passi avanti nella gestione dell'Iris dinamico, estremamente rapido, con interventi assolutamente trasparenti all'occhio e che aumenta la fruizione alle basse luci riproducendo molti più dettagli rispetto al passato. In questa situazione di "default" (con la lampada in modalità economica e il "Livello Segnale HDMI" in posizione normale) risulta anche sorprendente il buon livello del nero, soprattutto con segnali in HD, mentre con sorgenti PAL le porzioni più scure delle immagini tendono ad affogare e ad essere meno intelligibili.

A questo punto decidiamo di passare alla fase di taratura in HDMI e optiamo subito per la modalità "Estesa" dell'HDMI e il preset d'immagini Cinema1. Il primo aspetto che salta agli occhi è l'immediato spostamento della curva del gamma verso l'alto e un conseguente aumento della ricchezza di informazioni che richiede però a questo punto un certosino lavoro di taratura. Utilizzando i nostri pattern di test e il colorimetro abbiamo raggiunto un buon compromesso per la nostra stanza di visione. Oltre alle modifiche delle componenti per recuperare un equilibrio del bianco e informazioni sulle basse luci, otteniamo un livello del nero un po' più alto, ma un comportamento generale più equilibrato che si traduce in maggiore nitidezza e ricchezza delle sfumature.

Con il PT-AE1000, Panasonic ha anche introdotto un nuovo circuito di elaborazione delle immagini incaricato di tutte le delicate fasi di deinterlacing e upscaling dei segnali video con un controllo del gamma ora a 14bit che previene qualsiasi manifestazione di solarizzazioni, fenomeno peraltro già piuttosto contenuto nella tecnologia LCD. In ogni modo, è indubbiamente con materiale Full HD a 24p che questo proiettore esprime tutto il potenziale. I colori sono sempre molto saturi ma non invadenti ed è apprezzabile la ricchezza delle sfumature, uniti ad una ottima fluidità. Purtroppo il nostro esemplare presenta degli evidenti difetti di messa a fuoco sulla porzione sinistra delle immagini, mentre non abbiamo problemi da segnalare sul fronte vertical banding.

Passando alla visione di materiale in standard definition, notiamo con piacere i miglioramenti apportati dal nuovo circuito di elaborazione delle immagini soprattutto in termini di rumorosità di fondo (problema che affliggeva il PT-AE900) e artefatti di upscaling. Rimangono ancora perfettibili sia la fase di deinterlaccio che quella di pull-down, con scalettature e fastidiose micro-scattosità. Durante la visione delle trasmissioni digitale terrestre (su SCART), l'abilitazione del circuito di riduzione del rumore Mpeg riduce molto gli artefatti di compressione (notoriamente trionfanti nelle nostre emittenti televisive) con una decisa riduzione della definizione.

Segue : Conclusioni Pagina successiva