Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

LCD 1080p Panasonic PT-AE1000

di Gian Luca Di Felice , Emidio Frattaroli , pubblicato il 31 Luglio 2007 nel canale PROIETTORI

“Già disponibile sul mercato da diversi mesi, il PT-AE1000 è uno dei primi videoproiettori Full HD con tecnologia 3LCD apparsi sul mercato ed è caratterizzato da versatilità e dotazioni tecniche che gli consentono di confrontarsi ad armi pari con i migliori concorrenti con tecnologia DLP”

Misure: linearità, colori e bilanciamento

La linearità della scala dei grigi, acquisita sempre con le impostazioni predefinite "Cinema 1" è molto vicina al riferimento che riportiamo nel grafico animato qui in alto. Un leggero spostamento, con gamma che tende ad abbassarsi, diventa più evidente alle basse luci, con segnale in ingresso inferiore al 30%. Gli strumenti a disposizione nel menu avanzato permettono di controllare molto bene la situazione.

Il gamut è molto ampio e le coordinate dei colori primari (rosso, verde e blu) sono esterne al triangolo HDTV e con fase praticamente perfetta. Anche il ciano è piuttosto preciso mentre il magenta e il giallo tendono ad assumere una tonalità leggermente più calda, estremamente piacevole. Il punto del bianco al 100% è praticamente perfetto.

Le componenti RGB lungo i vari gradini della scala dei grigi ci presentano una situazione quasi esemplare dal 40% al 100% di intensità del segnale in ingresso. Sulle basse luci invece c'è un crescente eccesso di rosso che può essere corretto con un po' di lavoro con il menu avanzato, con l'attenzione di calibrare anche la diversa pendenza delle deviazioni di blu e verde, sempre alle basse luci.

L'ultimo grafico traduce le deviazioni riportate nel grafico precedente, relative al bilanciamento del bianco lungo tutta la scala dei grigi, nello scostamento delle coordinate cromatiche del bianco rispetto al riferimento D65 nello spazio colore CIE1931, lo stesso utilizzato anche per il triangolo di gamut. In questo caso viene confermata una crescente deviazione dal riferimento dal 30% al 10% di intensità del segnale in ingresso.