Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

LCD 1080p Panasonic PT-AE1000

di Gian Luca Di Felice , Emidio Frattaroli , pubblicato il 31 Luglio 2007 nel canale PROIETTORI

“Già disponibile sul mercato da diversi mesi, il PT-AE1000 è uno dei primi videoproiettori Full HD con tecnologia 3LCD apparsi sul mercato ed è caratterizzato da versatilità e dotazioni tecniche che gli consentono di confrontarsi ad armi pari con i migliori concorrenti con tecnologia DLP”

Menu: strumenti preliminari

Alla prima accensione veniamo subito colpiti dalla risoluzione del proiettore con un dettaglio molto interessante, apprezzabile sin dalle schermate del menu di configurazione. L'interfaccia grafica riprende quella già conosciuta del PT-AE900 e conferma ancora una volta la facilità di navigazione e una completezza che non teme confronti con modelli di ben altra fascia di prezzo. L'OSD riproduce sempre sul lato sinistro la grafica del telecomando e indica le varie opzioni disponibili al momento. Quest'ultimo, opportunamente retroilluminato e programmabile, è intuitivo e la ricezione ad infrarossi dei comandi è sempre immediata e dotata di un ampio range di funzionamento. L'ergonomia invece non è proprio il massimo, soprattutto a causa della disposizione del tasto che permette di cambiare i codici per il comando di altri prodotti, pericolosamente vicino a quelli più utilizzati.

Il menu per l'impostazione delle immagini è suddiviso in due parti: la pagina principale consente di intervenire sui parametri principali quali contrasto, luminosità, temperatura colore, sharpness, apertura e chiusura automatica del diaframma e di attivare l'analisi del segnale video (Waveform Monitor). Quest'ultima è una novità assoluta e una volta attivata permette di analizzare e mostrare le forme d'onda della singole componenti RGB e della luminanza a valle dei circuiti video con una verifica strumentale delle modifiche apportate alle immagini che possono tornare estremamente utili durante la fase di taratura.

Nella pagina principale troviamo anche i preset di taratura dell'immagine selezionabili tra Normale, Dinamico, Cinema1 (che viene indicato come ideale per la visione dei film e messo a punto con la supervisione del colorist David Bernstein, autore della fotografia di "Moulin Rouge"), Cinema2 (modalità che enfatizza la profondità e la ricchezza dei colori e ritenuta ideale per i film classici), Cinema3 (con temperatura colore settata a 6500K e ottimizzata per la riproduzione dei filmati in standard HDTV ITU-R BT. 709) e, infine, Cinema3 (con temperatura colore a 6300K e ottimizzata per le specifiche dello standard DCDM).