Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Mitsubishi Electric HC5000

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 19 Aprile 2007 nel canale PROIETTORI

“Il Mitsubishi HC5000 è un videoproiettore 1080p con tecnologia 3LCD che ha creato un nuovo riferimento nel rapporto qualità/prezzo tra i proiettori full-HD grazie ad un prezzo di listino estremamente aggressivo, da qualche giorno ulteriormente ritoccato in basso, oltre che prestazioni elevate”

Qualità video con segnali test

Le prime considerazioni sulla qualità d'immagine vengono effettuate proiettando l'immagine test per il conrollo dell'overscan e della risoluzione. Le prestazioni generali sono molto buone, soprattutto per quanto riguarda l'uniformità dell'equilibrio cromatico del bianco che nel modello utilizzato per lo Shoot-Out non ci aveva convinto.


Particolari dell'immagine test sulla risoluzione, ai bordi e al centro
- click per ingrandire -

L'obiettivo ha un'ottima uniformità di messa a fuoco in ogni condizione (wide, tele e shift anche nelle posizioni più estreme). Il dettaglio viene limitato quindi solo dalla comparsa di aberrazioni cromatiche che al centro sono quantificabili in circa mezzo pixel mentre ai bordi, nella situazione peggiore (a sinistra) si arriva fino a circa un pixel nelle quattro direzioni.


Immagini test ad alta definizione fornite da FotoCULT
- click per ingrandire -

Nonostante questo, la percezione del dettaglio rimane molto elevata e il vantaggio di risoluzione rispetto alla riproduzione di un eccellente videoproiettore 1280x720  rimane piuttosto evidente, specialmente quando vengono selezionate immagini ad elevata luminosità con particolari ad alto contrasto. Con immagini più scure il livello del nero si fa notare e proviamo ad inserire il diaframma automatico che alza notevolmente il rapporto di contrasto. Purtroppo il meccanismo che aziona il diaframma non è velocissimo e in molte occasioni è possibile percepire il cambiamento di luminosità.


Immagini test per la calibrazione di alte luci e basse luci
- click per ingrandire -

Ottime notizie per quanto riguarda la riproduzione delle sfumature, specialmente sulle alte luci in cui è possibile discernere tutti i particolari senza ulteriori modifiche della taratura di default. Sulle basse luci la situazione è solo leggermente più indietro ma solo per i primi due gradini della scala dei grigi (2% e 4%). Per mezzo del menu di calibrazione, con un po' di pazienza, si riesce a trovare una posizione di equilibrio soddisfacente ma senza riuscire a riportare alla luce lo step al 2%.