Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

L'angolo di visione dei display LCD

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 16 Maggio 2006 nel canale DISPLAY

“Alle tante misure per l'analisi della qualità dei vari display e videoproiettori analizzati in questi ultimi mesi, AV Magazine aggiunge oggi una nuova metodologia che affornta il tema dell'angolo di visione: un parametro molto importante per misurare la qualità dei display con tecnologia a cristalli liquidi”

Le prime misure: il livello di luminanza

Fino a qui abbiamo parlato di teoria. Per affrontare la pratica è necessario misurare, con la strumentazione adatta e con le unità di misura più opportune. La luminosità di un display, che in realtà è solo un mero parametro soggettivo, può essere quantificata oggettivamente con strumentazione adeguata e con unità di misura espressa in candele su metro quadrato (cd/m²). Quando siamo davanti ad una misura di questo genere, la grandezza ha il nome di luminanza.

Per misurare la luminanza, abbiamo scelto uno strumento di misura con angolo di campo estremamente ridotto, pari a soli 2°. Lo strumento inoltre è molto sensibile e ci consente quindi di ottenere una percentuale di errore trascurabile anche quando vengono misurati i livelli di luminanza molto bassi. Nel grafico qui in basso abbiamo riportato i valori di luminanza massima acquisiti a vari angoli in senso orizzontale per un display LCD e per un display CRT.

Appare subito chiaro come la luminanza del display con tecnologia CRT (istogramma blu) sia molto più costante al variare dell'angolo di incidenza mentre per il display con tecnologia LCD tende a diminuire drasticamente, molto più di quanto la legge del coseno lasci prevedere. Il grafico più in basso traduce in termini percentuali la luminanza acquisita in senso orizzontale.

Nel caso del display CRT osserviamo in realtà una prestazione superiore rispetto alla teoria dettata dalla legge del coseno. Ad un angolo di 60° ci aspetteremmo che la luminanza scenda al 50% ma in questo caso è ancora al 60%. In questo caso però abbiamo scelto un monitor CRT con schermo piuttosto curvo in modo da esasperare ancora di più le differenze con la tecnologia LCD.

Questo ultimo grafico si riferisce alla luminanza acquisita a vari angoli di incidenza verticali. Per la tecnologia CRT non c'è alcun tipo di variazione. Per il display con tecnologia LCD assistiamo invece ad una discesa della luminosità ancora più evidente di quanto non accada in senso orizzontale.