Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

TV LCD Sony KDL-46W4000

di Gian Luca Di Felice , pubblicato il 26 Novembre 2008 nel canale DISPLAY

“Il costruttore nipponico è tornato ad essere un protagonista assoluto del mercato dei televisori, capace di coprire tutte le fasce di prezzo con caratteristiche tecniche e funzionali all'avanguardia. La serie W4000 rappresenta al momento il miglior compromesso tra prezzo e prestazioni”

Menu e configurazione


Il nuovo menu XrossMediaBar (XMB) sullo stesso stile "Playstation"

Una volta effettuati tutti i collegamenti, al primo avvio appare la nuova interfaccia grafica XrossMediaBar (XMB) ereditata dalla PS3 e PSP. Effettivamente la navigazione è ora molto più intuitiva e soprattutto chi è abituato alle console di Sony si ritrova in un "ambiente" familiare. Purtroppo però, la navigazione non è veloce quanto con la PS3 e la qualità della grafica non sfrutta la risoluzione nativa del pannello. Una volta nei sottomenù, la logica di navigazione ricalca quella delle precedenti serie. Oltre al sintonizzatore analogico, il KDL-46W4000 è dotato anche di un tuner digitale terrestre Mpeg 2 SD/Mpeg 4 HD accessibile tramite il tasto "Digital" del telecomando e che, al primo avvio, propone la routine di autosintonia aggiungendo anche le stazioni radiofoniche. Avendo avuto modo di testare il televisore in una zona centrale di Roma, il sintonizzatore ha agganciato con successo anche il canale Rai Test HD che viene quindi riprodotto senza problemi. Il modulo installato non comprende le funzioni interattive e di pay per view ed è quindi un semplice zapper con guida elettronica dei programmi (EPG).


La grafica XMB è solo "in superficie": le voci dei menu interni sono di tipo tradizionale
- click per ingrandire -

A questo punto decidiamo di entrare nel menu "Impostazioni" del televisore. Nonostante l'interfaccia grafica rinnovata, come detto precedentemente, la logica di navigazione, così come le voci del menu sono simili a quelle di tutti gli altri modelli del gruppo giapponese. Insomma, nulla di nuovo sotto il sole e, oltre ai vari setting preimpostati che riguardano la modalità d'immagine - che si sono rivelati piuttosto azzeccati per la visione dei film in "Cinema" (taratura messa a punto in collaborazione con i tecnici di Sony Pictures Entertainment) e che non consentono grandi margini di regolazioni personali - le novità riguardano la possibilità di abilitare lo spazio colore esteso x.v.YCC e di scegliere la "gamma cromatica" per le foto (seppure queste ultime due già presenti sulla serie W3000).

Non ci dilunghiamo oltre sulle opzioni di regolazione - che sono di fatto assolutamente simili a quelle dell'ultimo TV LCD Sony KDL-40D3550 che abbiamo recensito (vedi link) - e focalizziamo piuttosto la nostra attenzione sull'inedito menu "Foto". Questa serie integra la funzionalità "Picture Frame" che consente di trasformare la TV in una grande cornice fotografica da 46 pollici. Oltre alle immagini già precaricate nel televisore, è possibile riprodurre le vostre foto JPEG grazie all'ingresso USB 2.0 che consente di collegare pen-drive, hard-disk esterni e anche lettori multi-card dove inserire le schede di memoria. Oltre a scorrere le preview delle foto in miniatura, potete riprodurre le foto a schermo intero una ad una oppure effettuare lo slideshow. Il tutto può inoltre essere accompagnato dall'ascolto di una stazione radiofonica in sottofondo.