Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

La nuova misura del gamma

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 15 Ottobre 2007 nel canale Display e TV Color

“Tra le indagini più importanti per la verifica della qualità di videoproiettori e display, la misura della linearità della scala dei grigi e della curva del gamma è una delle più importanti. In questo articolo viene proposto un nuovo grafico per la rappresentazione grafica del gamma e dei valori di luminosità misurati”

Modalità di misura tradizionali

Per analizzare la curva del gamma di un display o di un videoproiettore, di norma si procede somministrando all'oggetto in esame un segnale video con intensità crescente. Misurando l'energia luminosa in uscita vengono comparati i risultati al riferimento atteso con gamma pari a 2,2. Nel nostro caso, normalmente vengono consegnati segnali video con intensità crescente a passi del 10%. In alcuni casi, l'analisi diviene più approfondita e vengono analizzate le estremità della scala dei grigi (2%-20% e 82%-100%) con segnale in ingresso crescente a passi del 2%.

I grafici di questa pagina si riferiscono al nostro attuale riferimento: il videoproiettore BenQ W10000 con tecnologia DLP, testato a fondo lo scorso mese di Maggio e che utilizzeremo sempre più spesso come esempio di linearità della scala dei grigi e capacità di risoluzione: le più elevate mai registrate in più di sette anni di prove su prodotti del settore. Fino a ieri la nostra analisi si limitava al grafico su scala lineare (10%-100%) a cui venivano affiancati i grafici per le basse luci (2%-20%) e quelli per i livelli più alti (82%-100%) per recuperare risoluzione, specialmente ai livelli più bassi. Tre grafici sono un po' troppi ma il solo grafico con i livelli dal 10% al 100% è insufficiente a causa della bassa risoluzione nei primi gradini della scala dei grigi.

Un metodo che permetta di recuperare risoluzione ai bassi livelli potrebbe essere quello di utilizzare sull'asse delle ordinate una scala logaritmica. Il logaritmo si comporta nella pratica come un opposto della potenza e ha quindi la proprietà di espandere la risoluzione ai livelli più bassi e di comprimerla a quelli più elevati. Qui in alto potete osservare lo stesso grafico (10%-100%) del videoproiettore BenQ W10000. In questo caso verrebbe meno la risoluzione sui livelli più alti della scala dei grigi e le differenze sarebbero evidenti solo ai bassi livelli mentre a quelli più alti diviene praticamente impossibile.