Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

LCD full HD Sony Bravia KDL-52X2000

di Gian Luca Di Felice , Emidio Frattaroli , pubblicato il 01 Giugno 2007 nel canale DISPLAY

“Dopo decenni di dominio Trinitron nel settore dei display a tubo catodico e qualche anno di incertezza, la multinazionale nipponica è tornata a essere molto forte forte nel settore dei TV puntando tutto sulla tecnologia LCD, di cui questo 52 pollici Full HD Bravia serie X rappresenta l'attuale massima espressione”

La prova di visione: TV e DVD

Veniamo ora alla visione, che in modalità televisiva mette duramente alla frusta il circuito interno di upscaling e deinterlacing. Portare le immagini PAL a risoluzione Full HD sembra ancora un compito assai complesso per questi pannelli e gli artefatti risultano ancora piuttosto evidenti, ad iniziare dalle scalettature. Nonostante gli 8ms di rotazione dei cristalli dichiarati, con le immagini in movimento è percepibile una netta riduzione della definizione, soprattutto nei rapidi panning della telecamera. Con le impostazioni predefinite, il livello del nero non è certo contenuto ma per l'uso quotidiano in ambienti luminosi preferiamo comunque una regolazione maggiormente brillante e che mi piace definire "ruffiana".

Venendo all'utilizzo di una sorgente decisamente più nobile come il lettore Blu-ray Panasonic DMP-BD10 cominciamo con un collegamento component provando entrambe le soluzioni: deinterlaccio ad opera del Panasonic, uscita 576p e upscaling del Sony, seguita da una prova del Panasonic con uscita a 1080i e deinterlaccio operato dal Sony. Delle due soluzioni preferiamo (stranamente) l'ultima. La visione de "Il Signore degli Anelli - Le due torri" Special Edition doppio disco con audio Dolby Digital EX, un vero riferimento in DVD, è decisamente soddisfacente, anche se l'immagine sembra pagare qualcosa in termini di nitidezza e precisione.

La riproduzione del livello del nero alle basse luci diventa molto più precisa, nonostante una leggera tendenza a mangiare qualche particolare sui gradini più bassi della scala dei grigi che è possibile eliminare solo con molta pazienza e con regolazioni incrociate di luminosità, contrasto, gamma e impostazioni avanzate, come spiegato nel terzo paragrafo dedicato alle misure. A questo punto, mantenendo ancora il DVD inserito nel lettore, passiamo alla connessione HDMI, impostando il Panasonic su 1080p: le differenze sono immediatamente percepibili e testimoniano la superiore qualità del deinterlaccio e scaling effettuati dal lettore rispetto all'elettronica del televisore. Le scalettature diagonali e il leggero rumore sono improvvisamente scomparsi. L'immagine è diventata molto più morbida, tridimensionale e con maggiore nitidezza.