AV Magazine - Logo
Stampa
CES 2006 - Sorgenti video
CES 2006 - Sorgenti video
Emidio Frattaroli - 30 Gennaio 2006
“Continuiamo il nostro reportage dal Consumer Electronic Show con l'approfondimento sulle sorgenti ad alta definizione, ad iniziare dai formati Blu-ray Disc e HD-DVD per arrivare alle nuove frontiere dell'HDTV su IPTV e sugli accessori per la trasmissione wireless dei contenuti all'interno delle mura domestiche.”
Pagina 1 - Introduzione - HDTV negli Stati Uniti

L'alta definizione negli Stati Uniti è una realtà in forte crescita. Il numero di canali aumentano in maniera costante ed anche i palinsesti si stanno espandendo. Dal prossimo Aprile, il network ABC inizierà ad accettare anche spot pubblicitari ad alta definizione.


La conferenza sull'HDTV organizzata da Insight Media

Durante la conferenza sull'HDTV organizzata da Insight Media, una delle più importanti organizzazioni che si occupa di consulenze ed analisi sul mercato dei display e della videoproiezione, sono stati mostrati alcuni sondaggi da parte di Parks Associates che prevede che per l'anno 2008 quasi il 75% dei display venduti in USA saranno HD-Ready.

Secondo alcuni sondaggi di Parks Associates, gli abbonati a canali in HDTV rimangono davanti al TV più tempo e c'è da scommettere che durante spot ad alta definizione siano più restii a cambiare canale. Inoltre, gli abbonati a canali HD ormai non guardano praticamente più i canali a definizione standard.


Alcune immgini sui sondaggi effettuati da Parks Associates

Ormai il percorso dell'alta definizione negli Stati Uniti è in discesa. Non c'è neanche l'ansia di dover disporre di un palinsesto che copra tutte le 24 ore. E infatti per il momento non se ne sente il bisgno. Entro i prossimi due anni è prevedibile che alcuni network (come i canali sportivi ESPN) partano con la doppia trasmissione simultanea dei contenuti in SD e HD. Per il momento, la trasmissione di canali HD viene effettuata in formato MPEG2, soprattutto via cavo e via satellite.

Pagina 2 - IPTV - L'alta definizione corre su internet

Mentre in Italia Telecom inizia a proporre un servizio di IPTV già vecchio, a definizione stadard, su linea a 4 Mbit e scegliendo la compressione MPEG2, in USA si parla già di alta definizione, grazie alla scelta degli algoritmi di compressione più efficienti come l'MPEG 4.


Alcuni ricevitori per IPTV compatibili anche con i nuovi algoritmi ad alta efficienza H.264
- click per ingrandire -

All'interno del Sands Expo, erano molte le aziende che esponevano decoder compatibili con i nuovi codec H.264, anche ad alta definizione. Si trattava per lo più di soluzioni dotate comunque solo di uscite analogiche, incompatibili con i desideri delle Major cinematografiche.


Un ricevitore per IPTV basato sul chipset DAVINCI di Texas Instruments

Musica totalmente diversa l'abbiamo trovata allo stand Microsoft in cui la piattaforma Microsoft TV già annunciata da tempo ha ormai tutte le carte per poter decollare. Basato su una solida gestione dei diritti e gran de versatilità per la gestione dei contenuti, la piattaforma Microsoft TV verrà utilizzata da molte aziende che inizieranno a proporre i primi servizi già nel corso del 2006. Anche in HDTV!


La nuova piattaforma IPTVe 1.1 di Microsoft ed un ricevitore IPTV Tatung
- click per ingramndire -

Una delle aziende già pronte a partire con l'alta definizione su IPTV è Motorola che aveva già in dimostrazione un decoder definitivo e funzionante. Il modello VIP 1208 che vedete nella foto qui in basso sarà venduto direttamente dal primo provider che fornirà il servizio. Il decoder è ovviamente dotato di uscita HDMI.


Il ricevitore Motorola IPTV VIP 1208, anche per immagini ad alta definizione

Nelle immagini più in basso vediamo Andrea Manuti poco prima di creare un incidente internazionale. Senza chiedere il permesso e per verificare che le splendide immagini riprodotte fossero realmente in streaming, pensa bene di staccare la presa LAN dal pannello posteriore. Nella foto in basso a destra, acanto alla presa LAN è visibile anche la presa HDMI.


Andrea Manuti mentre stacca il collegamento di rete dal ricevitore Motorola
- click per ingrandire -

In effetti, una volta tolto il cavo, il video si è bloccato con risultato di esser subito oggetto delle attenzioni dei responsabili Motorola che erano moooolto contenti della geniale idea. Una volta rimesso il cavo nella sua sede naturale, dopo una manciata di secondi la riproduzione del filmato è ripartita senza problemi.

Non sappiamo purtroppo il datarate del filmato utilizzato nella dimostrazione ma dagli esperimenti a cui ho personalmente assistito in Giappone alla NTT DoCoMo, posso dirvi che bastano anche meno di 4 Mbit/sec per trasmettere un full-HD 1080p a 30 fotogrammi al secondo senza particolari problemi.

L'unico inconveniente è il tempo. Datarate così bassi possono essere raggiunti oggi solo dopo "n" passate agli encoder. Sono quindi da escludere le trasmissioni LIVE come gli eventi sportivi etc. Il sistema diventa invece estremamente interessante per la trasmissione di film, fiction e programmi che non disdegnano la differita.

Speriamo che anche in Italia, Fastweb e qualche altro provider con voglia di scommettere sull'HDTV prendano seriamente in considerazione il modello di business che arriva dagli Stati Uniti. Anche perché la "fame" di HD in Italia potrebbe portare molte sorprese.

Pagina 3 - Blu-ray Disc vs. HD-DVD

Passiamo ora ai formati del futuro che riscuotono attualmente un interesse crescente da parte degli appassionati. I due media ottici ad alta definizione del prossimo futuro, HD-DVD e Blu-ray Disc continuano ad affilare i coltelli e la guerra tra i formati sembra ormai inevitabile.

Toshiba e NEC sono promotori del supporto HD-DVD mentre Sony, Philips, Matsushita, Samsung e Hitachi promuovono il Blu-ray Disc (condensato in "BD"). I due media ottici prevedono una capacità da 3 a 6 volte superiore rispetto al DVD che conosciamo. Il vecchio formato DVD Video può contenere circa 4,7 GB (Giga Byte) di dati nei supporti a singolo strato denominati DVD5 mentre arriva a contenere circa 8,5 GB nei supporti a doppio strato denominati DVD9.

Allo stesso modo del DVD Video, anche il supporto HD-DVD prevede due formati principali. Il modello a singolo strato prevede una capacità di 15 GB mentre il modello a doppio strato è in grado di immagazzinare 30 GB di dati. Il Blu-ray invece garantisce una capacità nettamente superiore: 25 GB per i supporti a singolo strato mentre può arrivare a 50 GB per i supporti a doppio strato. 

Esistono poi i prototipi e le scommesse. In Giappone, già due anni fa abbiamo visto un prototipo di Blu-ray Disc a quattro strati da ben 100 GB totali. Anche NEC e Toshiba scommettono sul multistrato ed hanno annunciato un HD-DVD a 3 strati da 45 GB. Le diversità tra HD-DVD e Blu-ray non si limitano comunque alla capacità.

La differenza più importante è data dallo spessore dello strato protettivo sul lato che affaccia verso il pick-up di lettura con laser blu. Lo strato utilizzato dai supporti HD-DVD è lo stesso dei DVD Video: 0,6 mm. Il Blu-ray utilizza invece uno strato protettivo di appena 0,1 mm.

A detta dei promotori del formato HD-DVD, lo strato protettivo estremamente sottile a vicinanza dei dati con la superficie, esporrebbe il media non tanto alla "fragilità" ma al fatto che graffi, polvere ed impronte disturberebbero molto più la lettura delle informazioni rispetto al supporto con strato lontano sei volte tanto dalla superficie. Per il Blu-ray Disc, la sporcizia e le imperfezioni verrebbero messe a fuoco assieme ai dati. Solo il tempo ci dirà se questi timori sono fondati.

Pagina 4 - [HD-DVD] - Il vantaggio di Toshiba

I gruppo di aziende che promuovono il formato HD-DVD conservano ancora un leggero vantaggio temporale rispetto all'alleanza Blu-ray che ogni giorno che passa diventa sempre più sottile. Vi ricordiamo infatti che il lancio dell'HD-DVD era previsto entro la fine dell'anno, rimandato poi di qualche mese per i noti problemi sulla finalizzazione del sistema di protezione dei diritti.

La cordata HD-DVD, spinta soprattutto da Nec e Toshiba, è appoggiata anche da Sanyo, HP e Microsoft. Alle cinque aziende appena nominate, si aggiungono molti altri membri (diretti oppure associati) che alla fine formano un gruppetto piuttosto sostanzioso ed eterogeneo di circa 120 aziende.

Ricordiamo tra i tanti: Broadcom, Canon, DTS, Fujitsu, Funai, Hitachi, Alpine, Intel, InterVideo, Ulead, CyberLink, Kenwood, Thomson-RCA, Onkyo, Teac, Kaleidescape, Nero, Sonic Solutions. Tra i produttori di supporti ottici citiamo invece Imation, CMC, Fuji, Verbatim, Mitsui, Prodisc, Ricoh, Ritek, Taiyo Yuden e Toshiba Samsung Storage.

La duplicazione all'inizio sarà garantita dalla Memory-Tech che, con gli impianti di Tokyo, può fornire una capacità di oltre cinque milioni di unità al mese, compresi i Twin Format e i supporti dual layer da 30 GB. I supporti Twin Format sono di tipo  ibrido:  uno strato in frmato DVD e l'altro in formato HD-DVD (4,7GB + 15GB) oppure a due lati (8,5GB + 30GB). 

DVD HD-DVD Twin Format
formato  DVD 5  DVD 9  HD 15  HD 30  HD 45 Twin 1 Twin 2
capacità (GB) 4,7 8,5 15 30 45  15 + 4,7  30 + 8,5
lati 1 1 1 1 1 2 2
strati 1 2 1 2 3 1 + 1 2 + 2
laser rosso rosso blu blu blu r + b r + b
durata SD 2h SD 4h HD 4h HD 8h HD 12h SD2 + HD4 SD4 + HD8

I formati HD-DVD possibili sono riassunti nella tabella qui in alto, comparati con i due possibili formati del DVD Video tradizionale. Toshiba e NEC lo scorso hanno presentato anche un disco a triplo strato con capienza complessiva di 45GB anche se sembra un po' presto per capire quando sarà utilizzato. 


Da sinistra, triplo strato da 45GB, doppio da 30GB e Twin singolo lato da 4,7GB + 15GB

Pagina 5 - [HD-DVD] - Software: le promesse saranno mantenute?

Piccolo ma piuttosto ben determinato è il gruppo forse più importante, composto da coloro che decideranno se e quando stampare sul nuovo supporto ad alta definizione i vari titoli in loro possesso: Bandai, Paramount, Toshiba-EMI, Universal, Warner e Toei Video. Stando sempre alle dichiarazioni che si sono susseguite durante il Consumer Electronic Show, i primi titoli saranno disponibili già dal 28 marzo.

Le dichiarazioni ufficiali di Warner Home Video non lasciano dubbi. Ecco la scaletta delle uscite previste per i primi mesi del 2006. 28 Marzo: Batman Begins, Constantine, Million Dollar Baby, Phantom of the Opera, Twister. 11 Aprile: Harry Potter and the Goblet of Fire, The Last Samurai, Lethal Weapon, Training Day, Unforgiven.

25 Aprile: Goodfellas, Kiss Kiss Bang Bang, The Matrix, Swordfish, Syriana. 9 Maggio: Blazing Saddles, Dukes of Hazzard, Full Metal Jacket, Rumor Has It, Terminator 3. 16 Maggio: Charlie & Chocolate Factory, The Green Mile Special Edition, Ocean's Twelve, Troy.


Alcuni dei primi titoli disponibili in formato HD-DVD
- click per ingrandire -

Anche Paramount Pictures annuncia alcuni titoli anche se non viene fornita una data precisa:. Ecco i primi film previsti per il lancio: Four Brothers, Sahara, Aeon Flux, Sky Captain & the World of Tomorrow, The Italian Job, Tomb Raider, Rattle and Hum, Sleepy Hollow, We Were Soldiers, The Manchurian Candidate. Nel corso del 2006 è prevista anche la trilogia di Mission Impossible, compreso il numero III, in uscita nei cinema italiani per maggio.

Pagina 6 - [HD-DVD] - Software: nuove funzioni

HD-DVD non è solo sinonimo di grande spazio a disposizione. Un normale lettore è capace di sostenere un data-rate pari ad oltre 36 mbit/sec: più di tre volte e mezzo il data rate di un lettore DVD tradizionale.


Menu interattivi e accesso alle scene disponibili senza arrestare la riproduzione

Questa proprietà consentirà di aumentare notevolmente la qualità e quantità di strumenti a corollario della navigazione all'interno dei contenuti speciali. L'accesso alle scene e il richiamo del menu potrà avvenire anche senza interrompere la riproduzione del film.


Alta integrazione con il web e interattività esasperata fino a sfociare in videogames

Tutti i lettori avranno anche una interfaccia con la rete. Grande attenzione è stata posta all'inegrazione con i servizi e i contenuti del world wide web. Un vero e proprio capitolo a parte la giocherà l'interattività. Simile per concezione al sistema MHP del digitale terrestre, conterà sulla qualità grafica dell'alta definizione e sulla consistente banda a disposizione.

Le applicazioni verranno quindi caricate praticamente all'istante e si preannunciano software con interattività molto spinta, fino a competere con videogame di tipo arcade di cui vediamo un'immagine più in alto a destra.

Pagina 7 - [HD-DVD] - Protezione AACS e ritardi

L'unico ostacolo rimasto all'inizio della produzione in volumi di lettori e software pre-registrato è la finalizzazione del nuovo sistema di protezione AACS (Advanced Access Content System) che sarà utilizzato da lettori e software HD-DVD per la protezione dei contenuti da utilizzi illegali e che dovrebbe essere definita entro la fine del mese di febbraio, in tempo per permettere una prima produzione di lettori in modo da mantenere le promesse sulle date annunciate.

Tra le possibilità ancora in piedi sul fronte della protezione dei diritti c'è l'opportunità che venga "risparmiata" l'uscita video analogica component ad alta definizione che garantirebbe la compatibilità con TV e proiettori sprovvisti degli ingressi HDMI oppure DVI con protezione HDCP anche se dopo le ultime indiscrezioni filtrate la scorsa settimana, le speranze sono ridotte al lumicino.

Uno dei più grandi vantaggi per l'utente finale del formato HD-DVD, è la possibilità di copiare i contenuti ad alta definizione sul personal computer, secondo i limiti previsti dai sistema di protezione dei contenuti. E' questo il motivo principale che spinge nomi come Microsoft a preferire il formato HD-DVD rispetto a quello Blu-ray Disc.

Se ci fossero ulteriori ritardi nella finalizzazione dei sistemi di protezione, c'è la possibilità che il lancio dell'HD-DVD si sviluppi in due scaglioni. Immediatamente dopo la finalizzazione del sistema AACS, si partirebbe con la commercializzazione dei primi masterizzatori e supporti vergini HD-DVD, previsti comunque entro l'inizio della primavera. A seguire, sarebbe la volta dei lettori e del software pre-registrato.

A tutto questo si aggiunge la sfida del noto Jon Lech Johansen, il padre del DeCSS che ha reso possibile il ripping dei DVD Video su computer. Il Sig. Johansen, che da poco si è anche trasferito negli Stati Uniti ha registrato da poco l'URL deaacs.com in cui annuncia l'apertura del sistema già dal prossimo inverno. Staremo a vedere.


Ecco cosa appare alla pagina www.deaacs.com

Pagina 8 - [HD-DVD] - I modelli Toshiba


La saletta Toshiba con il lettore HD-XA1 collegato ad un TV DLP 1080p

Durante il Consumer Electronic Show è Toshiba l'azienda che dà più affidamento sull'effettiva disponibilità dei primi lettori entro Marzo, sia per il settore home entertainment ma anche per quello ITC. Se dovessimo dare retta ai cospicui investimenti in pubblicità effettuati sui vari media per il lancio del nuovo lettore HD-DVD top di gamma, c'è da scommettere che stavolta le promesse verranno mantenute.


Il modello HD-A1 era la classica scatola vuota, a puro scopo dimostrativo

I due lettori di Toshiba HD-A1 e HD-XA1 avranno un prezzo rispettivamente di 499 US$ e 799 US$. Entrambi utilizzeranno pressoché lo stesso hardware con differenze sostanziali che si concentrano più sulle finiture e sugli accessori (come il telecomando) o sulla qualità di alcuni dei componenti a bordo. Differenti saranno anche i canali distribuitivi: internet per il modello A1 e negozi specializzati per il modello XA1.


Il lettore Toshiba HD-XA1 di classe superiore, già funzionante

Tutti e due i lettori Toshiba saranno in grado di riprodurre anche i supporti DVD. L'uscita video in alta definizione elettiva sarà quella HDMI rev 1.1 che prevede una risoluzione di 1920x1080 punti solo a scansione interlacciata (1080i). I DVD Video standard potranno essere riprodotti  fino a risoluzione 1080i.


Pannello anteriore del modello XA1 con antina abbassata: a sinistra le due prese USB

Sul fronte audio la compatibilità con i nuovi sistemi audio multicanale senza perdita non è ancora garantita al 100%. Nessun problema con le tracce sonore classiche in Dolby Digital e in DTS. La compatibilità con il DTS-HD viene dichiarata mentre con il Dolby Thrue-HD c'è solo la riproduzione a due canali. Attraverso la connessione HDMI c'è il passaggio dei 5.1 canali in PCM lineare.


Il pannello posteriore del modello XA1 in cui non mancano presa LAN e porta seriale

Il modello da 499 US$ sarà disponibile nei prossimi giorni in prenotazione su alcuni siti di e-comerce che si aggiungeranno ad Amazon, pronto già dai primi giorni del mese di Gennaio. Segnaleremo prima possibile eventuali negozi disposti alla spedizione anche qui in Europa. Per maggiori informazioni sui modelli Toshiba: www.toshibahddvd.com

 

Pagina 9 - [HD-DVD] - I modelli Sanyo, Thomson, HP e Daewoo


Anche il prototipo prodotto da Sanyo ha un'uscita HDMI 1080i

Assieme a Toshiba abbiamo contato altri quattro riproduttori di HD-DVD benché soltanto tre - benché in stadio di prototipo - erano effettivamente funzionanti. Il primo è presentato da Sanyo e presenta, come i modelli Toshiba, un'uscita HDMI 1080i.


Seconda apparizione pubblica del prototipo di HD-DVD marchiato RCA (Thomson)

Anche Thomson - con il marchio RCA - sceglie il formato HD-DVD e presenta un prodotto leggermente diverso da quello mostrato all'IFA lo scorso settembre. 


Per HP un lettore HD-DVD all'interno di un vero e proprio HTPC con sintonizzatore HDTV

HP, che da pochissimo si è aggiunta al gruppo dei promotori del formato HD-DVD, ha presentato un modello. SI tratta di un vero e proprio HTPC su base Wintel con un masterizzatore HD-DVD integrato. Trattandosi di un HTPC, l'uscita video è probabilmente a piena risoluzione HD e con scansione progressiva 1080p.


Lettore HD-DVD Daewoo DHD-8000 con uscita HDMI 1080i

Una scatola di plastica con qualche "lucina" ed il marchio HD-DVD è stata mostrata anche allo stand Daewoo che aveva in mostra anche un prototipo di lettore Blu-ray Disc. 

Pagina 10 - [Blu-ray Disc] - La grande alleanza

Se dovessimo prevedere un vincitore tra la guerra di formati basandoci sul numero e sull'importanza dei rispettivi sostenitori dei due gruppi, l'associazione Blu-ray Disc appare nettamente in vantaggio. Il numero di aziende che ormai da qualche anno mostrano prodotti più o meno funzionanti è piuttosto elevato. 

Sony, Panasonic, Samsung, LG Electronics, Pioneer, Philips e Sharp sono soltanto alcuni dei produttori hardware legati al marchio Blu-ray Disc. Tra i produttori di software ricordiamo invece Sony, Fox, Warner, Buena Vista, Lionsgate, Paramount e Bandai mentre tra i produttori di supporti citiamo invece Sony DADC, TDK e Verbatim.


Alcune immagini dalla conferenza stampa dell'Associazione Blu-ray Disc
- click per ingrandire -

Alla conferenza stampa dell'Associazione Blu-ray Disc che si è tenuta durante il Consumer Electronic Show sono stati mostrati i muscoli con tanto di sfilata di "star" e Amministratori delle principali aziende coinvolte nella promozione del nuovo formato.


Il regista Barry Sonnenfeld, Michael Dell e il CEO di Sony Computer America Kaz Hirai

Anche in questa occasione non sono mancati gli annunci di titoli cinematografici, affiancati anche da titoli musicali, come quelli di Eagle Rock Entertainment che ha promesso ben 20 titoli musicali da artisti del calibro di George Benson, Black Crowes e Miles Davis. Anche Sony Music annuncia alcuni titoli senza entrare nello specifico. Tutti i titoli annunciati sono riassunti nelle due immagini che seguono. Molti titoli ma senza alcuna data precisa.

Pagina 11 - [Blu-ray Disc] - La situazione attuale


Il videoregistratore Panasonic BD-RE in vendita in Giappone

Prima di analizzare i vari modelli presentati al CES, non dobbiamo dimenticare che in Giappone la tecnologia Blu-ray Disc è una realtà "vecchia" di più di due anni. Nel Paese del Sol Levante, attualmente sono presenti tre videoregistratori con tecnologia Blu-ray Disc. Il primo ad essere introdotto è stato il modello Sony, seguito dal un modello Panasonic - il primo compatibile con supporti doppio strato da 50GB - a cui recentemente si è aggiunto un modello Sharp.

I supporti registrabili hanno prezzi vicino ai 25 Euro per i BD-RE a singolo strato e a circa 50 Euro per quelli a doppio strato da 50GB. Questi videoregistratori sono utilizzati per registrare i programmi in alta definizione disponibili in Giappone. Si tratta comunque di una supernicchia del mercato: per la registrazione di programmi in alta definizione oggi vengono preferiti HDD recorders, molto più economici.


Un'immagine della conferenza sull'Alta Definizione organizzata da Insight Media

Torniamo ora alla grande attesa: i primi lettori in formato Blu-ray Disc che saranno comunque un nicchia per i primi due anni: il DVD Video rimarrà ai vertici delle vendite per altri 8-10 anni. La situazione comunque è molto più complicata del previsto. Così complicata che alla conferenza sull'HDTV organizzata da Insight Media, non si è presentato nessuno degli attori principali a parlare della tecnologia. E' stato Jim Taylor (l'autore di DVD Demystified), in forze alla Sonic Solution, ad indossare il cappello dell'associazione.


HD-DVD contro Blu-ray Disc: Mark Knox a sinistra e Jim Taylor a destra

Mark Knox, che fa parte dell'HD-DVD Promotion Group, ha analizzato nel dettaglio tutte le caratteristiche del formato, sottolineando i punti di vantaggio rispetto al formato concorrente. Jim Taylor, che ha "difeso" il Blu-ray Disc, oggi è Senior Vice President e General Manager dell'Advanced Technology Group di Sonic Solution, azienda che fornisce strumenti di authornig per entrambi i formati concorrenti.


Jim Taylor prevede il lancio del Blu-ray Disc non prima del prossimo Giugno

Tra le slide di Jim Taylor, ci ha colpito soprattutto la roadmap della tecnologia Blu-ray, estrapolata dagli elementi posseduti da Mr Taylor. In particolare, considerata ancora l'incertezza sulla finalizzazione dei sistemi di protezione, il lancio della tecnologia non potrà essere effettuato prima del prossimo giugno. I più cauti pensano addirittura a settembre 2006 se non il Natale successivo o Gennaio 2007.

Pagina 12 - [Blu-ray Disc] - I modelli Sony

Chi attendeva la presentazione della Playstation 3 ha ricevuto l'enesima delusione. Allo stand Sony era presente il solito scatolotto, molto ben realizzato, ma rigorosamente sotto vetro. Su alcuni monitor venivano proiettati alcuni demo di giochi che "gireranno" sulla nuova console. L'impatto è straordinario, come ci si aspetta da una immagine da ben due milioni di pinti per fotogramma.


Il pannello posteriore della Playstation 3 con le due uscite HDMI

Lo scatolotto di mamma Sony lascia intravedere anche le uscite che saranno a disposizione. Confermiamo quindi la presenza di ben due prese HDMI. Ancora mistero sulla effettiva data di lancio della console. Tra i ritardi del formato Blu-ray  e quelli dell'hardware con processore Cell, la possibilità che venga rinviato tutto al 2007 è sempre più gettonata.


Il lettore Sony BDP-S1, ancora in fase di prototipo, avrà l'uscita HDMI 1080p

Oltre alla Playstation 3, Sony mostrava un nuovo lettore Blu.ray Disc che offre la possibilità di prelevare un'uscita video con 1080 linee a scansione progressiva. Si tratta ovviamente ancora di un prototipo il cui pannello posteriore è protetto da occhi indiscreti.


Pannello posteriore nascosto per il lettore BD Sony

Allo stand Sony è presente anche un PC VAIO "media center" con masterizzatore in formato Blu-ray Disc. Anche per il settore IT non si conoscono date certe per l'introduzione dei masterizzatori.


Sony VAIO con nità Blu-ray Disc integrata

Pagina 13 - [Blu-ray Disc] - I modelli Pioneer

Benché rimangano le perplessità emerse sulla effettiva disponibilità dei primi lettori BD prima di Giugno o Settembre 2006, Pioneer sembra premere sull'acceleratore e annuncia modelli ormai praticamente pronti, sia per il lettore che per il masterizzatore.

Presso lo stand era allestita una interessante postazione in cui venivano riprodotte immagini a risoluzione standard e ad alta definizione provenienti rispettivamente da DVD Video e da BD: un utile esempio per apprezzare le notevoli differenze anche su display non full HD. Il plasma infatti è un "normale" modello da 50" attualmente in commercio.


Anche il lettore Pioneer BDP-HD1 avrà il supporto al 1080p e al DTS HD

Al di là delle caratteristiche, appare evidente un certo divario economico tra HD-DVD e Blu-ray. Il prezzo medio di questi ultimi sarà pari a più del doppio rispetto ai lettori HD-DVD. Pioneer annuncia infatti il prezzo del BDP-HD1 a 1.800 US$, tasse escluse. In pratica poco meno di 2.000 Euro IVA compresa se fosse disponibile anche in Europa.

Il nuovo lettore Pioneer è dotato, come il modello Sony, di uscite HDMI con possibilità di riprodurre segnale 1920x1080 punti a scansione progressiva. La stessa uscita 1080p sarà disponibile probabilmente anche durante la riproduzione dei DVD Video. Il prezzo del Pioneer appare comunque concorrenziale rispetto al prezzo dei DVD Video Denon o Marantz dotati di uscite HDMI 1080p disponibili attualmente sul mercato italiano.

Prezzo molto elevato anche per il masterizzatore Pioneer BDR-101 che dovrebbe essere piuttosto vicino ai 1.000 US$. Sarà compatibile con i supporti doppio strato ma sembra destinato alla fascia alta del mercato ITC riservata anche agli studi di authoring.

Pagina 14 - [Blu-ray Disc] - Samunsg, Philips e Panasonic


Il nuovo lettore Blu-ray Disc Samsung BD-P1000

Anche Samsung annuncia l'imminente disponibilità di un lettore Blu-ray Disc. Il modello BD-P1000 avrà un prezzo comunque superiore ai 1000 US$ e garantisce la compatibilità con l'audio ad alta definizione di Dolby chiamato TrueHD.


Blu-ray Disc recorder Samsung BD-HR1000

Samsung ha presentato l'ennesimo prototipo di videoregistratore Blu-Ray estremamente interessante, con HDD integrato da ben 400GB, uscita HDMI fino a risoluzione 1080i, riproduzione di DVD Video e supporto al protocollo WiFi a/b/g per l'accesso alle funzioni BD anche senza cavo.


I masterizzatori Samsung SH-B022B interno e il modello SE-B026B esterno

I due nuovi masterizzatori Blu-Ray Disc Samsung condividono la stessa meccanica e utilizzano un triplo fascio laser e un doppio obiettivo che garantisce la compatibilità in lettura e scrittura su CD, DVD,  BD-R e BD-RE.


Il masterizzatore esterno SE-B026B Samsung con apertura dall'alto

Il modello SE-B026B esterno è dotato di interfaccia USB2 e di doppia connessione FireWire, sia a 6 poli (grande) che a 4 poli (piccola) per la massima versatilità e comodità di interfacciamento.


Il nuovo lettore DVD Video con uscita 1080p Samsung DVD-HD1080

Samsung ha annunciato per la prossima primavera anche un lettore DVD Video molto interessante poiché promette un'uscita a 1080 linee a scansione progressiva a soli 299 US$.

Pagina 15 - [Blu-ray Disc] - Philips, Panasonic, Sharp ed LG


Il prototipo Philips tra i più inconsueti visti al CES

Al modello presentato da Philips va il premio per l'estetica più inconsueta che è una elaborazione stilistica degli ultimi lavori di design del costruttore olandese.


Philips ha presentato anche un videoregistratore, sempre in standard Blu-ray Disc

Royal Philips Electronics ha presentato anche un videoregistratore in standard Blu-ray Disc, con estetica più "tradizionale". Come per il lettore, le informazioni sulle caratteristiche erano praticamente assenti.


Il lettore Panasonic con compatibilità con i dischi dual layer da 50GB

Il modello mostrato da Panasonic non mostra particolari differenze rispetto al prototipo apparso al CEATEC dello scorso anno. Anche in questo caso, le caratteristiche tecniche principali sono ridotte all'osso.


Il prototipo di Sharp con disegno dalle linee squadrate

Sottile ed elegante il riproduttore Blu-ray Disc proposto da Sharp. Le uniche informazioni a disposizione parlano esclusivamente di "compatibilità con il formato BD-ROM".


LG Electronics BD-199 con uscita HDMI 1080 24p

Il modello di LG Electronics, il BD-199 annuncia tra le caratteristiche la possibilità di riprodurre segnale HDMI a 1080p e 24 fps. Nessuna informazione invece sulla compatibilità con i formati ad alta definizione Dolby e DTS.

Pagina 16 - [Blu-ray Disc] - Mitsubishi, Hitachi, Dell, HP


Un prototipo Blu-ray Disc Mitsubishi, privo di qualsiasi indicazione

Nessuna indicazione per il prototipo presentato da Mitsubishi. Un adesivo con scritto "prototipo" copriva addirittura quello che poteva essere in nome del modello su un cartoncino.


Il prototipo presentato da Hitachi con HDD integrato

Disco rigido integrato anche per il videoregistratore con Blu-ray Disc di Hitachi. Purtroppo le informazioni si limitano all'autonomia: 2 ore di registrazione ad alta definizione...


HP presenta un personal computer con masterizzatore BD integrato

Nelle immagini in alto, il personal computer di HP con masterizzatore in formato Blu-ray Disc integrato. Ricordiamo comunque che HP ha sposato recentemente anche il formato HD-DVD.


La soluzione DELL prevede un masterizzatore e una suite Sonic per authoring

Dell invece ha presentato una soluzione completa per l'authoring, dotata ovviamente di masterizzatore in formato Blu-ray Disc, compatibile anche con supporti doppio strato.

Pagina 17 - [Scaler] - Realta HQV contro VXP Gennum

In attesa delle sorgenti ad alta definizione piena, le aziende che producono tecnologia per l'elaborazione delle immagini affilano le armi. Fino a ieri,  Silicon Optics e la tecnologia HQV detenevano un primato sulla qualità delle elaborazioni, costruito anche con una attività di marketing molto efficiente, culminata con la diffusione di un benchmark che ad oggi  è utilizzato (purtroppo) come riferimento da numerose realtà editoriali.

Dopo aver visto le qualità della tecnologia VXP di Gennum, sarà opportuno rivedere il giudizio sulla tecnologia HQV di Silicon Optics. Gennum, presso lo stand allestito al Sands Expo, ha avuto la geniale intuizione di mostrare i principali limiti della tecnologia HQV utilizzando proprio alcuni benchmark presenti sul DVD della Silicon Optics.


Il cuore dei nuovi scaler con tecnologia VPX basata sul nuovo chip prodotto da Gennum

Come rappresentante della tecnologia HQV è stato scelto un lettore DVD Denon con chip integrato mentre Gennum ha optato per un scheda "nuda e cruda", dello stesso tipo che sarà integrata in scaler come il nuovo Crystalio II.


Elaborazione HQV presa in castagna proprio sul DVD dimostrativo della Silicon Optics
- click per ingrandire -

Nelle quattro clip scelte accuratamente dalla Gennum, la soluzione con tecnologia VXP usciva sempre vincente, soprattutto per l'assenza di artefatti come scalettature e moiree. Sarà molto interessante analizzare le due tecnologie con materiale super partes, anche scegliendo segnali video ad alta definizione e scansione interlacciata.

Pagina 18 - [Scaler] - Il nuovo Crystalio II


Il nuovo scaler CrystalioII prodotto da Pixel Magic sarà disponibile a Marzo

Uno dei primi scaler ad integrare la nuova soluzione con tecnologia VXP di Gennum è il Crystalio II della Pixel Magic che ha costruito una immagine di prodotti di alta qualità sulle prestazioni del Crystalio basato su tecnologia DCDi di Faroudja, ancora vivamente consigliato.


Immagine del display LCD del nuovo scaler CrystalioII

Nel nuovo Crystalio II viene ancora adottato l'utilissimo display LCD che permette di governare l'apparecchio anche senza la necessità che il segnale video venga agganciato e riprodotto dal display: molto utile in caso di risoluzione dei problemi.


Il videoproiettore Projectiondesign DLP 1080p sarà venduto assieme al CrystalioII

Il nuovo Crystalio II era in dimostrazione sia nello stand Pixel Magic ma anche in quello della Gennum, collegato al nuovo videoproiettore DLP 1080p della Projectiondesign che sarà in vendita dalla fine del mese di Marzo in un pacchetto che prevede anche lo scaler Pixel Magic.


Menu di controllo del CrystalioII con alcuni pattern per la taratura
- click per ingrandire -

Tra i menu del Crystalio, abbiamo apprezzato una notevole serie di immagini test, utilissime per la calibrazione sia dei display a schermo piatto ma soprattutto dei videoproiettori. Il Crystalio sarà disponibile probabilmente già il prossimo mese di Marzo ad un prezzo compreso tra 4.500 e 5.000 Euro, IVA esclusa.

Pagina 19 - [Scaler] - Anthem, Optoma, NEC


Preamplificatore Anthem D2 con elaborazione e scaling VPX by Gennum

Il Crystalio II era in ottima compagnia. All'interno del Consumer Electronic Show abbiamo visto molti altri scaler hi-end. Tra i più interessanti ricordiamo il Preamplificatore Anthem D2, sempre con tecnologia VXP di Gennum, purtroppo non distribuito in Italia.


Lo scaler Optoma VX-3000 con tecnologia VPX 

E' sempre Gennum che fornisce l'unità di elaborazione dello scaler Optoma che sarà nella "confezione" assieme al proiettore DLP 1080p del costruttore taiwanese. Il prezzo si annuncia aggressivo anche se non si ha ancora alcuna certezza sulla effettiva disponibilità.


Lo scaler NEC con tecnologia HQV arriverà probabilmente anche in Italia

Tornando alla tecnologia HQV c'è uno scaler che il pubblico europeo attende da quasi un anno. Il modello NEC, "scoperto" già lo scorso anno in anteprima mondiale da AV Magazine durante il CeBIT, dovrebbe arrivare finalmente anche in Italia per primavera. Ancora da definire il prezzo.

Agli scaler stand-alone presentati fin qui si aggiungono le soluzioni integrate in alcuni proiettori come il Marantz (VPX Gennum) oppure BenQ e Yamaha (HQV). Possiamo comunque dire che le soluzioni stand alone spesso sono più versatili, sia come possibilità di intervento sui processi di elaborazione ma soprattutto per i molteplici ingressi video a disposizione. Analizzeremo le soluzioni integrate durante l'approfondimento su display e proiettori.

Pagina 20 - [Scaler] - ABT e DVDO


Comparativa tra deinterlacin Faroudja e ABT presso lo stand DVDO

Presso il piccolo stand della DVDO abbiamo visto l'ennesima comparativa. Questa volta si confrontavano i deinterlacciatori Faroudja e ABT con segnale DVD Video proveniente da un lettore Denon con Faroudja integrato. Le immagini venivano riprodotte su due ottimi schermi al plasma Fujitsu da 1366x7687 punti e diagonale di 55".

Il segnale video a risoluzione standard, reso progressivo da Faroudja integrato nel Denon, veniva scalato dall'iScan VP30 alla risoluzione del Fujitsu e consegnato allo schermo di sinistra. Il segnale interlacciato veniva consegnato ad un secondo iScan VP30 che si occupava anche del de-interlaccio con tecnologia ABT.

DVDO è un po' in ritardo rispetto alle attese per la presentazione di uno scaler/switcher definitivo. Qui a Las Vegas ci è stato mostrato un piccolo esperimento di quello che sarà integrato nel nuovo prodotto che arriverà probabilmente nel corso del 2006.


Al di sotto del dissipatore, quello che sarà il nuovo de-interlacer DVD per segnali 1080i

All'interno di un box abbiamo osservato un nuovo de-interlacer che è in grado di rendere progressivi segnali a 1080 linee interlacciate, basato sempre sulla tecnologia ABT. Il de-interlacer si trovava tra un sintonizzatore HDTV e un display LCD full-HD Sharp da 45".


Due screenshot delle immagini deinterlacciate dalla nuova soluzione DVDO
- click per ingrandire -

Un vero peccato che la qualità della sorgente fosse di qualità talmente bassa da rimandare ogni tipo di giudizio a data da destinarsi. In particolare, la compressione dei filmati HD era un po' troppo elevata e gli artefatti di compressione rischiavano di nascondere quelli di deinterlaccio.

Pagina 21 - [Scaler] - Deinterlacing 1080i Micronas

Micronas è uno dei principali produttori di componenti integrati per TV e display. Buona parte delle soluzioni del produttore europeo si rivolgono al settore audio con chip dedicati alla decodifica, elaborazione e amplificazione dei segnali audio.


Immagine dal DVD dimostrativo del sistema di elaborazione Dolby Audistry 

Micronas è tra i primi a fornire chip per l'elaborazione audio a 2 canali con il nuovo sistema Audistry che unisce numerosi tipi di elaborazione audio dedicati ai sistemi a due canali e alle cuffie. Approfondiremo l'argomento nel report dedicato all'audio.

Tornando al video, Micronas ha presentato a Las Vegas una nuova soluzione per il de-interlaccio dei segnali video a 1080 linee interlacciate, dedicate non solo ai TV full HD ma a tutti i display che si troveranno a riprodurre segnali in alta definizione. Tra i vantaggi della soluzione Micronas, chiamata "tru d", c'è una notevole riduzione delle scalettature.

Nei prossimi giorni continueremo con gli approfondimenti su display, videoproiettori e retroproiettori e sull'audio.