AV Magazine - Logo
Stampa
Xiaomi Redmi Note 5
Xiaomi Redmi Note 5
Franco Baiocchi - 08 Agosto 2018
“Il Redmi Note 5 è un terminale economico che gioca a fare il primo della classe e ci riesce sotto molti aspetti, con prestazioni pienamente sufficienti per la stragrande maggioranza delle necessità, il tutto con autonomia eccellente ed un rapporto qualità prezzo che ha dell'incredibile.”
Pagina 1 - Introduzione e caratteristiche


- click per ingrandire -

Il Redmi Note 5 è uno smartphone di fascia economica prodotto da Xiaomi, colosso cinese residente in quel di Shenzhen, che produce una varietà incredibile di prodotti, dall'asciugamano in cotone a fibra lunga Sinkiang (con materiale antiacaro sweden polygiene) al videoproiettore DLP laser 4K a tiro ultra corto, con luminosità dichiarata pari a 5.000 lumen, soundbar integrata, mediaplayer Android, il tutto ad un prezzo di circa 1.600 Euro. Il brand Redmi, che ha visto la luce con i suoi primi esemplari nel 2013, identifica smartphone di fascia media ma la maggior parte dei terminali che ne fanno parte, come prestazioni e caratteristiche, sono a tutti gli effetti dispositivi di fascia medio-alta con prezzo da "entry level". Dopo i primi anni in cui venivano utilizzati anche SoC MediaTek in alcuni terminali della gamma, sono stati utilizzati quasi esclusivamente System-on-Chip Snapdragon serie 4xx e 6 xx negli ultimi modelli usciti.  

Il RedMi Note 5, da non confondersi con il Redmi 5 Plus, è dotato di SoC Qualcomm Snapdragon 636, con processore Octa-core (4x 1.8 GHz Kryo 260 + 4x 1.6 GHz Kryo 260) e GPU Adreno 509, un display LCD IPS da circa 6" con risoluzione di 1080 x 2160 pixel, 4 GB di RAM e 64 GB di flash ROM interna espandibile fino a 256Gb con microSD card, doppia fotocamera posteriore da 12+5 megapixel,  fotocamera anteriore da 13 megapixel, batteria di 4.000 mAh, sistema operativo Android Oreo 8.1 con interfaccia utente MIUI 9.

 
- click per ingrandire -

Il Redmi Note 5 presenta il display LCD IPS da 5,99 pollici nella faccia principale con un rapporto screen-to-body che non sembra però dei migliori in quanto lo schermo è circondato da una cornice con due ampie bande inferiore e superiore in cui sono alloggiati l'auricolare, alcuni sensori, il LED di notifica e la doppia fotocamera frontale. Non sono presenti tasti fisici o tasti di navigazione esterni.

 
- click per ingrandire -

Sul dorso è posizionata la doppia fotocamera posteriore, con flash LED in alto a sinistra, ben lontana dal lettore di impronte digitali situato più in basso al centro, quest'ultimo a distanza di sicurezza dagli obiettivi delle camere, altrimenti a rischio ditate. Sul lato destro sono situati il pulsante di accensione/spegnimento ed il bilanciere del volume, sul lato sinistro la slitta per la doppia nano SIM (o nanoSIM/microSD card). Sul lato superiore il trasmettitore  a infrarossi ed un microfono ambientale, nel lato inferiore invece il connettore microUSB per la ricarica e il trasferimento dei dati, il microfono principale, l'altoparlante per il vivavoce e un connettore minijack da 3,5 mm per l'uscita cuffie.

L'aspetto estetico generale probabilmente non è dei migliori, sopratutto per la faccia posteriore che è divisa in tre parti, con il gruppo delle due camere che spoge di qualche millimetro. In ogni modo, pur essendo un telefono economico, il Redmi Note 5 è ben costruito ed ingegnerizzato, utilizza materiali di qualità, dà sensazioni di robustezza e solidità ed è progettato per attenuare gli impatti agli angoli per evitare danni allo schermo, con un foglio doppio di grafene per ridurre la temperatura. Lo smartphone dispone inoltre di un buon "grip" che permette una presa sicura. L'interfaccia utente, la MIUI 9.5 al momento attuale, ha una vasta gamma di applicazioni che coprono differenti funzionalità,è molto fluida e risponde con rapidità, con una grafica ben curata in ogni dettaglio.  

Il Redmi Note 5 è disponiblie nelle colorazioni Lake Blu, Nero e Oro. La confezione contiene un alimentatore 5V/2A, un cavo microUSB, la cover per il display, lo spillo per la slitta ed una guida rapida.

Scheda Tecnica

Produttore Xiaomi SIM card 2x nanoSIM
Modello Redmi Note 5 Tipo rete 2G GSM, 3G WCDMA, 4G LTE FDD, 4G LTE TDD
Listino € 249,00 Network 4G/3G/2G si / si / si
OS Android Oreo 8.0 e MIUI 9 Sensori

Bussola elettronica, Accelerometro, Sensore di prossimità, Infrarosso, Sensore di luminosità, Giroscopio, Hall sensor

SoC

Qualcomm Snapdragon 636

Bluetooth / NFC 5.0 / no
CPU

4x 1.8 GHz Kryo 260 + 4x 1.6 GHz Kryo 260

Camera front 12+5MP
Tipo CPU - - Camera back 13MP 
GPU

Adreno 509

Zoom / F (front) D  / f1.9+ f2.0 ( - / f1.9)
RAM 4 GB Video REC FHD (1920 x 1080) @30fps
ROM (utente) 64 GB  GPS GPS, AGPS, Glonass, Beidou
Display 5.99" Batteria 4000 mAh
Tecnologia

LCD IPS

Socket microUSB
Risoluzione 2160 x 1080 Flash card 256GB max
Densità 403 dpi Dimensioni 158.6 x 75.4 x 8.05 mm
Touch screen capacitivo Peso 181g
Note e ulteriori informazioni
Per maggiori informazioni: www.mi.com/it/redmi-note-5/

 
Pagina 2 - System e display benchmark

 
- click per ingrandire -

Le prestazioni dello Xiaomi Redmi Note 5 ci hanno sorpreso piacevolmente, anche se potevamo in parte aspettarcelo, visto il SoC di tutto rispetto che è stato utilizzato: pur essendo un telefono di fascia economica ha prestazioni decisamente superiori a dispositivi di fascia più elevata, sia per quanto riguarda i system benchmark, di cui possiamo analizzare sopra il grafico relativo a Geekbench4, in cui si posiziona nella zona alta della classifica, sia per quanto riguarda i browser benchmark, ed in particolare il nuovo Jetstream 1.1, in cui è a distanza siderale da telefoni di fascia media di generazini precedenti ed anche da cinafonini della stessa fascia di competitor. 

 
- click per ingrandire -

Il display è un ottimo elemento con tecnologia LCD e ottimo rapporto di contrasto ma non molto luminoso, con un picco che non arriva neanche a 500 NIT in piena luce e che scende a poco più di 300 NIT al buio e con alcune impostazioni; il livello minimo di luminanza è di un solo NIT, a garanzia di letture notturne senza dare fastidio a chi ci sta intorno. Il rapporto di contrasto è in linea con i terminali che condividono la stessa tecnologia; il dato più elevato che si avvicina a 2.000:1 si riferisce in realtà ad un bilanciamento del bianco freddo. Con la calibrazione si scende a circa 1.400:1.

 
- click per ingrandire -

Il display può essere impostato in tre modalità predefinite: "Contrasto automatico", "Contrasto elevato" e "Normale", con differenti combinazioni di massima luminanza e bilanciamento del bianco. La modalità "Contrasto automatico" permette anche di selezionare tre diversi bilanciamenti del bianco predefiniti; purtroppo anche il bilanciamento del bianco più "caldo" è ancora lontano dal riferimento e comunque la modalità predefinita "Normale" va anche meglio. Per la "calibrazione" conviene selezionare la modalità "Lettura" e posizionare lo slider al centro, con prestazioni finali più che dignitose.

 
- click per ingrandire -

Qui in alto osserviamo i due gamut colore ottenuti selezionando le impostazioni colore "Normale" (a sinistra) e "calibrato" (a destra). Nal primo caso sia i colori primari che le tinte a saturazione intermedia soffrono un bilanciamento del bianco un po' lontano dal riferimento. Con la modalità "Lettura" calibrata, le prestazioni sono ottime, non solo per il gamut ma soprattutto per le tinte intermedie molto vicine a quelle di riferimento, incarnati inclusi!

 

Pagina 3 - Audio benchmark e conclusioni

 


- click per ingrandire -

Come già anticipato in apertura, il Redmi Note 5 non è fornito di auricolari e la potenza in funzione del carico rende la scelta delle cuffie un'operazione non particolarmente semplice poiché il terminale di Xiaomi non è purtroppo un terminale molto potente. Con le nostre cuffie di riferimento, ad esempio, la potenza è insufficiente: meglio dotarsi di auricolari a bassa impedenza e con maggiore efficienza. Vi ricordiamo che la guida su come effettuiamo le misure audio la trovate a questo indirizzo.

 

- click per ingrandire -

Con carico resistivo di 60 Ohm si è ancora al di sotto del milliwat e a 30 ohm non si arriva a 2 milliwatt, anche se ci sono terminali che hanno fatto peggio. Vi ricordiamo anche che il controllo di volume dei terminali Android ha attenuazioni con salti molto "lunghi", ben oltre i 3 dB. Ad esempio, a 30 ohm, la massima potenza è di 1,8 mW mentre abbassando di un solo step il controllo del volume, si scende a 0,75 mW, quindi di quasi 4 dB.. La gamma dinamica invece è buona e si posiziona nella parte bassa della classifica.

 
- click per ingrandire -

In alto a sinistra possiamo osservare  il tono ad 1 kHz a 0 deciBel con il volume al massimo (potenza @ 1.8 mW) mentre a destra la misura è stata effettuata con volume abbassato di uno step (potenza @ 0,75 mW), con una differenza di 3,8 dB rispetto alla massima potenza erogata. Vi ricordiamo che per convenzione tutte le misure (esclusa la potenza in funzione del carico) vengono effettuate con potenza di 1 mW e su carico resistivo di 30 ohm. Per questo motivo con il Redmi Note 5 siamo stati costretti a importare il volume con potenza di uscita a 0,75 mW.

 
- click per ingrandire -

La risposta in frequenza è perfetta con segnali a 24 bit e 48 kHz, con sbilanciamento trascurabile tra i due canali e con estensione fino ad oltre 20 kHZ entro 0,2 dB. Con segnali a frequenza di campionamento fino a 192 kHz e sempre con quantizzazione a 24 bit, si sale proporzionalmente come banda passante e si arriva fino a 60 kHz entro -2 dB e fino a sfiorare gli 85 kHz entro - 3 dB: non male per un terminale economico! A destra inveceil tono a -60 dB, con un tappeto di rumore che si posiziona a circa -120 dB. Aggiungiamo anche che le distorsioni sono molto contenute e che il cross-talk si posiziona a -50 dB, rimanendo costante da 20Hz a 20 kHz.

Conclusioni

Lo Xiaomi Redmi Note 5 è un terminale economico che gioca a fare il primo della classe e ci riesce sotto molti aspetti. Come potenza, estetica e prezzo è certamente uno smartphone di fascia medio-alta, con un SoC che è in grado comunque di garantire prestazioni pienamente sufficienti per la stragrande maggioranza delle necessità, il tutto con autonomia eccellente. Il display non ha una luminanza molto elevata e in default i colori sono un po' lontani dal riferimento ma con una semplice calibrazione si raggiungono prestazioni notevoli. Per l'audio invece, al di là della potenza non molto elevata, le prestazioni sono ottime e in linea con i migliori terminali misurati.

La pagella secondo la redazione di AV Magazine:

Dotazione 6,5
Costruzione 8,0
Ergonomia 7,0
Prestazioni 8,0
Audio 7,5
Display 7,0
Camera 7,0
Autonomia 9,0
Rapporto Q/P 9,0

Voto medio: 7,66

Per maggiori informazioni: www.mi.com/it/redmi-note-5/