AV Magazine - Logo
Stampa
NAB Show 2012 - Day 1
NAB Show 2012 - Day 1
Emidio Frattaroli - 17 Aprile 2012
“Al termine di questa prima giornata del NAB Show 2012, prima ancora di terminare l'articolo sul resoconto della prima giornata, pubblichiamo prima di tutto un secondo video "riparatore" che riguarda la qualità video delle due nuove camere Canon Cinema EOS”
Pagina 1 - La verità sulle Canon EOS 1D C e C500

Ieri sera, dopo la giornata dedicata alle conferenze stampa, siamo tornati in hotel a preparare il materiale da pubblicare, con molti dubbi sulla qualità delle nuove camere 4K di Canon. La proiezione dei due cortometraggi, realizzati con le nuove C500 ed EOS 1D C, all'interno di una delle prestigiose sale del Brendon Theater, ci aveva lasciati interdetti. Così interdetti da dubitare subito della risoluzione effettiva dei due nuovi prodotti. La chiusura del primo report in video che abbiamo pubblicato ieri sera non è uno scherzo: i dubbi e le perplessità sulle due proiezioni ci hanno impedito di rilasciare qualsiasi commento.

Possibile che la qualità della proiezione al cinema, durante una conferenza stampa così importante, fosse così inadeguata? Possibile che il proiettore usato fosse un 2K invece che un 4K? Possibile che il primo cortometraggio avesse così tanti problemi di fuoco? Ci abbiamo pensato fino alla mattina successiva. La verità probabilmente non la conosceremo mai. D'altra parte, questa mattina contavamo sulla possibilità di incontrare Yoshifumi Satake, di Canon Europe, per cercare di capire qualcosa di più sui nuovi prodotti. Forse ci contavamo un po' troppo...

Per nostra fortuna, allo stand Canon, erano presenti alcuni campioni dei nuovi monitor LCD a risoluzione nativa 4K annunciati ieri e disponibili entro fine anno. E sugli stessi monitor venivano proiettati proprio i due cortometraggi. Potete immaginare cosa abbiamo fatto: ci siamo letteralmente installati davanti ad uno dei monitor per verificare se il problema fosse dovuto alla proiezione della sera precedente, oppure alla scarsa qualità delle nuove camere. Ebbene sì: la qualità della proiezione della sera prima è stata a dir poco inadeguata.

Posso solo immaginare che, nonostante il proiettore Barco 4K e il player DCI DoReMi, a Canon sia andato storto qualcosa. Non posso credere infatti che abbiano proiettato consapevolmente i due cortometraggi ad un quarto della risoluzione, ovvero a 2K. Forse si e' trattato solo di un problema di connessione. In altre parole, forse hanno connesso il DoReMi solo in HD-SDI e non con lo speciale cavo di rete per il collegamento con il media-block interno al proiettore, indispensabile per proiettare DCP a risoluzione 4K.

Prima di continuare una piccola nota: i video che abbiamo realizzato sono disponibili anche su Vimeo: www.vimeo.com/avmagazine

Pagina 2 - Moinitor e proiettori 4K Canon e RED

Per la produzione di contenuti a risoluzione 4K, la riproduzione delle immagini alla risoluzione nativa assume un ruolo chiave non solo in post produzione ma anche - e sopratutto - in produzione, sul campo, sopratutto per i "maniaci" delle riprese con profondità di campo "a sottiletta". Con il 4K gli errori di messa a fuoco diventano ancora più evidenti. Un esempio eclatante è stato il cortometraggio "The Ticket" girato con la Canon EOS-1D C che ha scene con errori di messa a fuoco in quantità industriale.

Al momento il monitor di Canon a risoluzione 4K sembra la cosa più bella e interessante per la produzione e la post produzione in 4K tra le novità presentate qui al NAB. Come vi abbiamo anticipato nella notizia di ieri, dettaglio, sfumature e colori sembrano davvero ottimi mentre qualche perplessità arriva solo dal rapporto di contrasto nativo che non sembra molto elevato.

Tra i monitor 4K non dobbiamo dimenticare il Panasonic da 20" annunciato lo scorso gennaio al Consumer Electronic Show e di cui abbiamo già parlato in questo articolo. In realtà il monitor ha un rapporto d'aspetto in 16:9 e una risoluzione di 3840x2160 punti. Crediamo che nei prossimi mesi il numero di prodotti con risoluzioni 4K aumenterà sensibilmente. Purtroppo aumenteranno anche i costi anche se non sarà un aumento proporzionale alla risoluzione. In altre parole, un monitor 4K non costerà 4 volte un full HD.

Le novità per la riproduzione in 4K arrivano anche nel settore della videoproiezione con RED Digital Cinema che ma mostrato - finalmente - il suo proiettore con tecnologia laser proprio in questa edizione del NAB. Purtroppo in RED hanno deciso di dimostrare il proiettore solo in modalità stereoscopica, con la proiezione dell'ottimo cortometraggio LOOM scritto e diretto da Luke Scott. In questo articolo c'è il report completo che sarà aggiornato nelle prossime ore. Sembra infatti che in queste poche ore in RED abbiano ulteriormente migliorato la qualità in riproduzione. Passeremo a controllare nelle prossime ore.

Pagina 3 - Blackmagic Design Cinema Camera

Dopo Canon, c'è Blackmagic Design. Almeno per il momento. Perché è inutile che ci nascondiamo dietro a un dito: se manterrà tutte le promesse, la nuova Cinema Camera creerà un nuovo riferimento per il rapporto qualità/prezzo a cui tutti dovranno adeguarsi per poter continuare. Facciamo un piccolo esempio. L'ottima Canon C300 con sensore "super35" registra in full HD (1920x1080), con compressione MPEG2 4:2:2 a 10 bit su Compact Flash ed esce in HD-SDI, sempre in 4:2:2 a 10 bit, per registratori esterni.

La nuova Blackmagic Design Cinema Camera registra fotogrammi RAW da 2,5K in 4:4:4 direttamente su SSD, uscite HD-SDI, ha un monitor 800x480 integrato touch da ben 5", ha 13 stop di dinamica e addirittura 12 bit per componente cromatica! Inoltre, se ci pensate un attimo, il sensore offre il 60% in più di risoluzione rispetto ad un classico full HD. Ebbene,  La Blackmagic costerà circa 3.000 Euro, con in regalo Da Vinci Resolve (1.000 Euro di valore) e anche UltraScope. Mentre Canon costa circa 13.000 Euro.

Inoltre, la nuova camera permette di usare sia ottiche con attacco Canon EF ed EF-S, sia con attacco PL (EZ). C'è anche da dire che il sensore è piccolo e ha un crop pari a 2X. In altre parole, un 24mm sulla Cinema Camera diventa quasi un 50mm. In altre parole, se vi interessano angoli di campo importanti, dovrete considerare obiettivi come il Tokina 11-16 con apertura di 2.8 su tutta la focale, oppure il Sigma 8-16 con apertura 4-5.6.

I tanti modelli presenti qui al NAB sono ancora piuttosto acerbi, hanno ancora funzioni limitate e anche qualche baco nel firmware. E non ci è stato consentito di acquisire qualche file per poter controllare subito la qualità del girato. Dovremo aspettare l'estate. La nuova Cinema Camera dovrebbe essere disponibile entro la fine di luglio anche se in un numero di esemplari piuttosto modesto. Siamo già d'accordo con Blackmagic Design per l'invio di un campione appena sarà disponibile.

Pagina 4 - Ancora su Blackmagic Design

La presentazione della nuova Cinema Camera rischia di oscurare le tante novità del dinamico produttore americano. Tra le cose più interessanti che abbiamo visto, vi segnaliamo una nuova edizione del software di correzione colore DaVinci Resolve che ora è caratterizzato da una nuova interfaccia. Vi parleremo del nuovo DaVinci prossimamente, appena ne avremo preso "le misure".

Le altre succulente novità riguardano i processori video usati anche nella riproduzione. C'è un aggiornamento dei processori Teranex 2D e 3D con nuove funzioni e nuovo design, anche con interfaccia Thunderbolt per il mondo Mac e con prezzo sempre molto aggressivo, a partire da 1.995 US$, sempre tasse escluse.

Novità anche nella famiglia HyperDeck. Il modello HyperDeck Studio, il recorder/player 2K, ora è compatibile con ProRes e permette di usare una coppia di SSD per prolungare l'autonomia. Consente di registrare a 10 bit in 4:2:2 e ora, con ProRes, fino a 4:4:4 anche in 2K. L'aggiornamento a ProRes è gratuito e il costo del prodotto è di appena 995 US$. Il modello HyperDeck Studio Pro ha in piu' 4 uscite 3G-SDI per riprodurre contenuti 4K e anche connessioni audio analogiche. Il prezzo sarà di 1.995 US$ e arriverà a luglio.

 

 

Pagina 5 - AJA: rivoluzione nella gestione del 4K

Tra le novità più straordinarie di questa edizione del NAB ci sono i nuovi prodotti di AJA che, quanto a dinamicità e rapporto qualità prezzo, sembra gareggiare in diretta competizione con Blackmagic Design. Un esempio è il T-TAP, uno scatolotto dedicato agli utenti Mac: da un lato ha un'interfaccia Thunderbolt e dall'altro lato ha due connettori, uno HDMI e l'altro HD-SDI. Il prezzo? Solo 249 US$!

Il prodotto più interessante è il Ki-PRO quad: un registratore 4K/2K/HD, fino a 10 bit 4:4:4,  anche in ProRes e con il nuovo formato RAW mosaicizzato della nuova Canon EOS C500. Il nuovo AJA in realtà ha tante, tante funzioni che rendono questo piccolo recorder uno strumento praticamente indispensabile per produzioni High-End e non solo

Il nuovo Ki-PRO quad ha 4 ingressi e 4 uscite SDI, uscita monitor SDI, uscita monitor HDMI, ingressi audio XLR, ingresso ref e interfaccia Thunderbolt. Registra su supporti SSD proprietari e si inserisce di prepotenza nel workflow in 4K e non solo poiché consente, contemporaneamente, di registrare in 4K internamente e di poter controllare in realtime sia a risoluzione nativa mediante le 4 uscite SDI e anche in full HD attraverso le due uscite SDI e HDMI. Il prezzo? 3.990 US$, tasse escluse e disponibilità entro la fine dell'anno.