AV Magazine - Logo
Stampa
Milano Hi Fidelity 2018
Milano Hi Fidelity 2018
Marco Cicogna - 16 Maggio 2018
“Grande, ricca di contenuti e bene organizzata anche questa nuova edizione milanese dell'Hi Fidelity. Molti gli impianti di alto profilo, con la presenza di autentici “pezzi da Novanta” che hanno contribuito al fascino di una rassegna diventata sempre più importante.”
Pagina 1 - Introduzione


- click per ingrandire -

Grande, ricca di contenuti e bene organizzata anche questa nuova edizione milanese dell'Hi Fidelity. Molti gli impianti di alto profilo, con la presenza di autentici “pezzi da Novanta” che hanno contribuito al fascino di una rassegna diventata sempre più importante. Non si partecipa ad una mostra come questa soltanto per osservare prodotti, eventualmente ascoltarli e prendere contatto con le novità. E' già molto, direte, ma vi assicuro che non è tutto. Tra i tanti appassionati si coglieva un'atmosfera amichevole e cordiale, con gruppi di amici che si erano organizzati per un sabato o una domenica dedicati ad una passione sana e ancora coinvolgente.

 

Si viene anche per incontrare, per scambiarsi opinioni, per lanciare iniziative, un felice punto di raccordo tra pubblico, negozi e distributori.  Chi rimane dietro lo schermo di un PC, a pontificare di questo o quell'oggetto, giocando a fare il “recensore” o semmai lo scontento sputasentenze, non potrà mai cogliere il fascino di una mostra audio che ha davvero un respiro nazionale. Solo audio due canali quest'anno, senza nessuna installazione in multicanale oppure con supporto video, magari con videoproiezione anche - e soprattutto - per la mancanza di novità nel settore della riproduzione video.


- click per ingrandire -

Molte sale sono organizzate da alcuni importanti punti vendita della zona, eventualmente in collaborazione con gli importatori. Ci sono i prodotti alto di gamma che più ci affascinano, ma anche macchine da musica dal volto umano che consentono ad un vasto pubblico di ascoltare buona musica nell'intimità della propria casa. Da gioiellini del suono e tecnologia a poco più di mille Euro come le nuove “Argo” attive di Elac si giungeva infatti alla nuova versione della ammiraglie Aida di Sonus Faber, pilotate dai grandi monofonici di McIntosh. In mezzo a questi estremi una buona fetta dell'alta fedeltà oggi disponibile in Italia.


Stefano Zaini (The Sound of The Valve), organizzatore della fiera
- click per ingrandire -

Nonostante il fatto che la musica non attiri più come un tempo, la riproduzione musicale di qualità mantiene le proprie posizioni. Lo zoccolo duro degli appassionati, al di là di ogni moda, continua a restare fedele a sofisticati lettori CD, giradischi, testine, amplificatori a tubi e a stato solido, sofisticati diffusori. Da qualche tempo  s'impone la musica “liquida” attraverso files audio, con lo smalto naturale del DSD (nativo) a dimostrare una marcia in più. Lo abbiamo visto sul campo nel corso di alcune importanti dimostrazioni musicali con impianti di alto livello. C’è da segnalare una scarsa attenzione, semmai, verso la musica in multicanale, anche se appare evidente che proprio la diffusione del supporto Blu Ray presenta tutte le possibilità di un audio multicanale non compresso di livello sconosciuto alla maggior parte degli audiofili tradizionali. 

 

Pagina 2 - Adeo Group, Angstrom, Audio Graffiti e Audio Reference

Adeo Group

 
- click per ingrandire -


Al Milano Milano hi-fidelity 2018 Adeo Group era presente in ben tre salette con prodotti Lexicon, Mark Levinson, Integra, Revel e JBL Professional. Nella prima saletta abbiamo trovato un sistema stereo con JBL Synthesys 4312SE, elettroniche Mark Levinson e una sorpresa vintage: la possibilità di ascoltare in questa catena autentici master analogici da studio tramite il registratore a bobine Studer A820 con nastri da ½ pollice, grazie alla collaborazione con lo storico tecnico del suono Esaù Remor. 

 

  
- click per ingrandire -

Nella seconda saletta Adeo abbiamo ascoltato le meravigliose Revel F208, un pregevole diffusore da pavimento con 3 vie e quattro altoparlanti, con doppio woofer 2x8", mosse dal poderoso finale Mark Levinson N. 534 da 500W per canale (con carico da 4 ohm), controllato dal pre n. 523. Come sorgente abbiamo ascoltato l' Audioplayer N. 519.

  
- click per ingrandire -

Nella terza saletta c'era quella che in molti hanno definito una "provocazione" ma che invece ha mostrato le potenzialità delle migliori elettroniche home theater soprattutto quando si tratta del poter controllare e correggere l'acustica ambientale. Al centro un poderoso integrato multicanale Integra DRX-R1 pilotava in stereofonia una coppia di Revel F36 della serie "Concerta 2": un impianto dal suono sorprendentemente corretto, specialmente in gamma bassa, merito soprattutto delle possibilità DRC dell'elettronica Integra. 

 

Angstrom

 
- click per ingrandire -

Anteprima Italiana, Angstrom Audio Lab ha presentato l'amplificatore per cuffia Stella con sistema per musica liquida DAC M2 Tech Young MKIII e Super Alimentatore, cuffie Isodinamiche Audeze Audio LCD-X, potenza di 12,5 Watt x canale, circuito con 2 trasformatori di uscita operante in Circlotron, uscita in corrente, alimentazione regolata e stabilizzata completamente a tubi.

 

Audio Graffiti 

  
- click per ingrandire -


Quest’anno Audio Graffiti era in una stanza diversa rispetto alla precedenti fiere, con volumetria più ridotta e una superficie di "soli" 20 mq che più assomiglia ad una tipica stanza d’ascolto inserita in un appartamento. Anche l’acustica era differente rispetto allo scorso anno, probabilmente migliore, caratteristica che ha permesso all’impianto di esprimersi al meglio. Viste le recenti novità in casa Atoll è stato dato ampio spazio e risalto alla tecnologia francese applicata ad apparecchi campioni del fatidico rapporto qualità – prezzo, con la classe media-economica dell’amplificatore Atoll IN200 Signature e rispettivo lettore CD Atoll CD200 Signature, e la classe top di gamma dell’amplificatore Atoll IN400 SE e rispettivo lettore Atoll CD400 SE. Completavano il sistema il giradischi AMG Giro con prephono sempre Atoll PH100, un altro notevole best-buy. I diffusori erano gli Ascendo D7 e Ascendo C6, due prodotti dal prezzo centrato che meritano interesse. Non troppo conosciuti in quanto non ancora recensiti dalle testate giornalistiche, meriterebbero molta attenzione.

 

Audio Reference

  
- click per ingrandire -


Anche a Milano, dopo l'esperienza romana, ho trovato un doppio impianto per Audio Reference. Nel primo troviamo il giradischi SME 15A con il braccio SME 309, testina Soundsmith Paua MK II che avevamo ascoltato qualche mese al Gran Galà di Roma. Preampli Phono Gryphon Sonett, l'integrato è il Gryphon Diablo 300, anche questo molto ben conosciuto dal sottoscritto. I diffusori sono i Pro Ac K6, dei bei sistemi da pavimento ai quali mi piacerebbe dedicare presto un ascolto approfondito. L'altra catena terminava con le piccole Tablette 10 Signature, ultima generazione di uno dei mini più aprezzati su scala globale. Il giradischi è il Michell Gyro SE con braccio SME IV e testina Soundsmith Strain Gauge (quella con lo speciale pre che avevamo incontrato anche a Roma). L'amplificazione è offerta dal pre e finale Pass Labs XP 12 e XA 30.8. In entrambi i casi la sorgente digitale è il Music Server con DAC integrato Digibit Aria Piccolo Plus.

 

Pagina 3 - Audiopoint, Audioplus, DML Audio, GC Tech, MAd for Music

Audiopoint


- click per ingrandire -

Nella sala del distributore Audiopoint sono stato ospite per una lunga dimostrazione con una mia selezione di file audio DSD e le nuove Kharma dB9, il nuovo diffusore olandese della serie Elegance con tweeter in berillio, midwoofer da 7 pollici in materiale composito e doppio woofer in alluminio da 9 pollici. 

 
- click per ingrandire -

Il sistema principale utilizzava i diffusori Kharma ed elettroniche Vitus Audio, Alluxity e Leben, con cablaggio Cardas. Il sistema secondario prevedeva invece gli ottimi bookshelf Graham Audio

 

AudioPlus


- click per ingrandire -


Audioplus ha presentato due impianti. Il primo impianto prevede diffusori Marten Duke 2 da stand e le elettroniche Soulution della nuova "serie 3", ovvero l'anteprima italiana del preamplificatore 325 e del finale 311; in più c'erano il lettore Soulution 541, giradischi techDAS Air Force III con testina Allnic Ultra, streamer Lindemann modello Musicbook 20, cavi Jorma Design. In fondo alla sala si potevano ascoltare le cuffie ma marchio Enigma, modello Dharma  con il suo amplificatore sempre Enigma modello Athena A1


- click per ingrandire -

Il secondo impianto è con diffusori Marten modello Getz, amplificatori monofonici Absolare modello Passion 845, preamplificatore Allnic L7000 (anteprima italiana), preamplificatore phono Allnic H7000V, lettore CD Soulution 541, giradischi techDAS Air Force III con testina Allnic Ultra, cavi Allnic serie Zeta Loss. A fasi alterne dimostravo anche i super tweeter Sopranino del marchio Enigma. Gli impianti sono piaciuti moltissimo come sottolineato anche dai vari forum, in particolare è stata molto apprezzata la grande qualità della nuova serie Soulution che nonostante sia una serie più economica, ha mantenuto prestazioni e musicalità delle serie più costose.

 

DML Audio

 
- click per ingrandire -


A Milano DML Audio ha presentato il nuovo giradischi Holbo con piatto e braccio a galleggiamento su cuscino d’aria. L’impianto completo era così composto: giradischi Holbo, testina The Cartridge Man Music Maker MK III, amplificatore integrato a valvole Conrad Johnson Cav 45, pre phono Conrad Johnson Tea 2, diffusori Spendor Classic 3/5, cavi Wireworld, distributore di rete Galactron MK60


GC Technology


- click per ingrandire -

Una stimolante novità è rappresentata dalla presenza del marchio di Giorgio Costa e della sua azienda Reitem srl, che produce sistemi di altoparlanti ed elettroniche di costruzione artigianale ma raffinata. Cablaggio in aria, finali mono con amplificazione a valvole OTL da 100w RMS su 8 ohm con valvole nos 6H13C russe e driver 6h8c, trasformatori costruiti su specifica.Telaio in legno da 20mm in multistrato e laccati a specchio. I diffusori sono costruiti in in multistrato di betulla da 25mm con rivestimento interno in foam con lamina centrale in piombo. Caricamento a tromba per mid e tweeter (anche le trombe sono in legno), indicano 100 dB di sensibilità.


Mad for Music

 
- click per ingrandire -

Qui c'è innanzitutto “Sound By Hari” che lancia in Italia le testine giapponesi Top Wing, Blue Dragon e Red Sparrow senza bobine sul equipaggio mobile. La testina Top Wing modello Red Sparrow era installata sul giradischi Vertere SG1 con braccio SG1. Questa sorgente è ospitata nella sala di Mad for Music, che presentava le eleganti Wilson Benesch da supporto, Discovery II.

 
- click per ingrandire -

Le elettroniche sono quelle della ditta Thrax Audio Amplifiers. Molta attenzione per il marchio danese Gato Audio, che realizza lettori, amplificatori e diffusori, una novità per l'Italia. Design originale e progettazione di livello, disponibili per l'ascolto nel negozio milanese di Sound Machine. Molto interessante la sala di Gato Audio nell'edizione 2018 del Monaco High End appena conclusa.

 

Pagina 4 - Mondo Audio, Omega, Pylon, Spinelli

Mondo Audio

  
- click per ingrandire -

Nella sala allestita da Mondo Audio, ho ascoltato il nuovo convertitore D/A di MSB Technology, il Reference DAC, che raccoglie alcune importanti novità della casa californiana e segna un punto di svolta nella progettazione MSB. Peculiarità più rilevante è l'utilizzo dei moduli di conversione Hybrid (sempre con tecnologia R2R Ladder) che garantiscono al progettista la possibilità di eliminare lo stadio di uscita con evidenti vantaggi in termini di performance. Nuovi i telai in alluminio dal pieno, nuova alimentazione a doppia uscita e clock con tecnologia Femtosecond. I diffusori erano gli splendidi Duevel Venus (woofer in carbonio da 22cm e tweeter da 34mm), affiancati dai bookshelf Aerial Acoustics 5T montati su stand. 

  
- click per ingrandire -

Nella seconda saletta erano in dimostrazione i diffusori Larsen 4 e Larsen 6 che necessitano soltanto di una parete libera a cui appoggiarsi e caratterizzati da un equilibrio timbrico, dinamica e scena insospettabili.

 

Omega Audio Concepts


- click per ingrandire -

Di grande impatto visivo il progetto “Essenziale” di Omega Audio Projects, un music center composto da lettore di file, convertitore 24/192 ed un amplificatore integrato da 50 watt. Tutte le connessioni interne sono realizzate con conduttori Elements. Il tutto è contenuto in uno telaio di alluminio scavato dal pieno dal peso di ben 60 Kg. I diffusori sono i Micro a 4 vie, con cabinet in alluminio disaccoppiato mediante sospensione elastica, crossover esterno contenuto in cabinet alluminio scavato dal pieno con singole vie isolate e smorzate con resina.

 

Pylon Audio

  
- click per ingrandire -


MGP Audio, distributore del marchio Pylon Audio, ha presentato a Milano i nuovi diffusori Emerald e Diamond 28, all'interno della sala Acquamarina. I due sistemi erano pilotati da elettroniche Lector Audio, in particolare con l'integrato brido ZXT 70, il preamplificatore ZOE, il finale VM 200 e il lettore CD 707.

 

EXIBO - Sennheiser


- click per ingrandire -

Exibo SPA, distributore - tra le tante cose - anche dei tanti prodotti con il prestigioso marchio Sennheiser, ha portato - per la prima volta in un audio-show italiano - le nuove cuffie Sennheiser HE1 di assoluto riferimento mondiale.

 

Spinelli Hi-Fi

  
- click per ingrandire -

Lo storico punto vendita Spinelli, che lo scorso anno era presente con una installazione home theater con proiettore Epson (e con la collaborazione di AV Magazine), quest'anno ha concentrato le proprie energie sull'audio, sempre in collaborazione con Home Vision. Nella grande sala al piano inferiore, Spinelli ha presentato un sistema Rega (giradischi RP8 con testina MC Rega Anja, elettroniche Rega Isis e Osiris), lettore di rete NH1 della Melco e diffusori Neat Acoustics, con le serie Ultimatum XLS, un due vie inconsueto con doppio woofer "coupled" (uno è all'interno), tweeter a cupola da 26mm e doppio tweeter EMIT a nastro in posizione superiore. Sempre di Neat c'erano le Iota-Alpha e le Motif sx1 e sx2. Cablaggio Nordost con cavi di potenza Tyr 2 e mobili solidsteel
 

Pagina 5 - Sound Machine, Tempio del Suono, Tempio Esoterico, Technics

Sound Machine

  
- click per ingrandire -

 

Sound Machine ha portato al Melià marchi di diversi distributori. In una sala c'era il Rega Planar 2, Rega Bias, Rega Apollo 2017, Rega Brio 2017 e i diffusori Q Acoustic Concept 40. Altre due ambienti erano realizzati assieme a LP Audio con le Adante di Elac in abbinamento alle elettroniche di Prima Luna. Molto interesse per le piccole compatte e bensuonanti casse attive “Argo” di Elac, che utilizzano come sorgente il server “Discovery” della stessa azienda tedesca. Sta per arrivare una nuova versione del “Discovery”, così come annunciato qualche giorno fa a Monaco. Andrew Jones all'High End è stato davvero al centro delle attenzioni di stampa e appassionati.

 

Il Tempio del Suono

 
- click per ingrandire -

Grandioso ascolto della nuova versione 2018 delle Sonus faber Aida pilotate dai finali monofonici a stato solido McIntosh MC1.25KW e il preamplificatore valvolare McIntosh C2600. Una novità è anche rappresentata dal giradischi McIntosh MT2 con braccio e testina Sumiko Blue Point No. 2 in dotazione. La meccanica è il SACD/CD PS Audio DirectStream Memory Player, il DAC il PS Audio DirectStream Junior.

  
- click per ingrandire -

Tempio Esoterico

 

ll grande negozio siciliano Tempio Esoterico ha presentato le EgglestonWorks Viginti, corposo sistema che suonava in una delle sale più grandi, novità presente anche all'High End. Notevole messa in campo anche per l'altro impianto con Burmester, raffinata azienda tedesca. 

 

Technics

 
- click per ingrandire -


Technics era presente con cinque sistemi. Il  sistema principale era costituito da componenti di fascia alta: Finale SE-R1, Network Audio Control Player SU-R1, Diffusori SB-R1, Giradischi SL-1000R con testina MC Ortofon A95, Pre-Phono Lehmann Audio Decade; ho usato questo grande sistema per una lunga e appassionante dimostrazione. Nella sala c'era anche il sistema "G700": Amplificatore integrato SU-G700, diffusori SB-G90, giradischi SL-1200G con testina MM Ortofon 2M Black. Il terzo sistema era il "G30" con Amplificatore integrato SUG30, diffusori SB-C700 e Music Server ST-G30, quest'ultimo utilizzato non solo per questo impianto, ma anche archivio “liquido” del sistema R1, dello speaker “all-in-one” Ottava Forte SC-C700 (quarto "sistema") e del mini-sistema Ottava SC-C500 (quinto "sistema").

  
- click per ingrandire -

Il televisore Panasonic OLED 65EZ1000 è stato utilizzato solo per le slide di presentazione. Esposti e NON utilizzati in demo: Giradischi SL-1200GR e SL-1210GR, Amplificatore integrato SU-C700, Network Audio Player ST-C700 e Lettore CD SL-C700. Tutti gli impianti erano installati su mobili SolidSteel. La sala, di medie dimensioni, aveva subito un pesante trattamento acustico con pannelli Oudimmo (fonoassorbenti e bass-traps).

 

Labtek

  
- click per ingrandire -

Il distributore Labtek, oltre ai pregevoli sistemi con elettroniche e diffusori Auris, mostrava ovviamente anche le prestigiose elettroniche Oppo, compreso il lettore UDP-205 con stadio di uscita a valvole perfettamente integrato all'interno del telaio. Labtek ci ha anche aggiornato sulla situazione Oppo, con alcune novità che dovrebbero essere comunicate prima dell'estate e che dovrebbero mettere di buon umore molti appassionati.


- click per ingrandire -

In chiusura, oltre che invitarvi alla prossima edizione autunnale del Milano Hi Fidelity che si terrà presumibilmente il prossimo mese di ottobre, vi invito a controllare AV Magazine nei prossimi giorni per poter leggere il nostro reportage da Monaco di Baviera sull'appuntamento più importante dedicato all'audio di qualità a livello internazionale.