AV Magazine - Logo
Stampa
First Look Epson EH-TW9400
First Look Epson EH-TW9400
Emidio Frattaroli - 13 Settembre 2018
“Primo contatto a Berlino con il nuovo proiettore Epson EH-TW9400 che porta con sÚ un ingresso HDMI a 18 Gbps, curva del gamma HLG, compatibilitÓ con il software CalMAN, calibrazione del bianco su 8 punti e tante altre interessanti e piacevoli novitÓ ”
Pagina 1 - Introduzione e caratteristiche


- click per ingrandire -

Dopo le meraviglie presentate da Sony e JVC a proposito di videoproiezione casalinga a risoluzione nativa 4K, quest'anno a Berlino mi sono mosso verso lo stand Epson con un po' meno entusiasmo del solito, già sapendo che la novità presentata sarebbe stata soltanto una "piccola" evoluzione dell'ottimo EH-TW9300, con l'aggiunta della curva del gamma HLG e di un ingresso HDMI con banda a 18 Gbps, in modo da renderlo compatibile con segnali 4K 60p a 10 bit per componente. Quello che alla fine ho incontrato invece è stato molto diverso e mi ha sorpreso positivamente.


- click per ingrandire -

Prima di iniziare approfitto per manifestare soltato un po' di delusione per la mancanza di una evoluzione del proiettore a tiro corto e sistema laser/fosfori EH-LS100 che, con pannelli LCD di qualità e compatibilità con segnali 4K e con HLG (anche senza e-shift) potrebbe diventare un block-buster... In ogni modo i proiettori presentati sono in realtà 3. Il primo è il nuovo EH-TW7400 che non prenderò in considerazione poiché privo di ingresso a 18 Gbps e incompatibile con segnali video HLG.


- click per ingrandire -

Poi c'è il nuovo EH-TW9400 (solo nero), questo sì con ingresso a 18 Gbps e compatibile HLG, affiancato dalla versione "wireless" EH-TW9400W (solo bianco) che però non è in grado di trasmettere segnali a 18 Gbps con il modulo wireless, quindi - per quanto mi riguarda - da evitare per chi volesse un prodotto 4K a prova di presente e futuro. Il pannello posteriore non cambia quasi per niente. Dei due ingressi HDMI soltanto uno accetta segnali a 18 Gbps con HDCP 2.2.

 
- click per ingrandire -

Le novità però non si limitano soltanto all'ingresso HDMI e alla compatibilità HLG ma si rivelano soprattutto nel menu utente. Prima di tutto, nel menu di calibrazione per HDR10 e HLG, appare un controllo per la compressione dinamica (Tone Mapping) molto fluido e ben modulabile che si aggiunge agli ottimi controlli di luminosità, contrasto e gamma che hanno fatto la fortuna dell'Epson serie TW per la calibrazione anche in HDR.  L'altra bella novità è la calibrazione della scala dei grigi a 8 punti che rende la calibrazione del bilanciamento del bianco del nuovo TW9400 ancora più semplice e interessante.

  
- click per ingrandire -

Nell'ottimo menu di calibrazione rimangono comunque a disposizione altri interessanti strumenti, già presenti nel modello EH-TW9300 ovvero il controllo dell'uniformità del bilanciamento del bianco su 8 zone e 8 punti, il bilanciamento del bianco su alte luci e basse luci (che si somma a quello nuovo su 8 punti) e il controllo del gamma su 9 punti. Ricordo anche che il proiettore è dotato di due diaframmi (uno manuale e l'altro automatico), un filtro colore attivabile per coprire lo spazio colore DCI-P3, un algoritmo di interpolazione dei fotogrammi (purtroppo solo con sorgenti full HD) e una lampada ad alta pressione che è in grado di generare un massimo di 2.600 lumen e con un costo davvero contenuto.

In attesa della pubblicazione della pagina ufficiale con tutte le caratteristiche, vi suggerisco di dare un'occhiata alla recensione del "vecchio" EH-TW9300 publicata a questo indirizzo.

 

Pagina 2 - Visione dell'EH-TW9400


- click per ingrandire -

La saletta Epson, sempre molto ben costruita e oscurata, prevedeva la visione sia del modello EH-TW7400 (completamente ignorato), sia del modello EH-TW9400, quest'ultimo in versione cablata e non wireless. Lo schermo è uno Stewart FilmScreen StudioTek 130 ad "alto contrasto", con base di gain 1,3 e purtroppo un pochino di "sparkling": il caratteristico "sbrilluccichio" che caratterizza purtroppo alcune superfici con contrasto e guadagno elevati e che finisce per limitare un po' la risoluzione. Come sorgente ho invece intravisto un Oppo. L'unico contenuto che sono riuscito ad osservare è l'ottimo UHD Blu-ray 4K di "Black Panther".

  
- click per ingrandire -

All'interno della saletta Epson, ho condiviso alcuni momenti della visione con la solita "selezione" di operatori italiani, con cui ho potuto scambiare anche qualche considerazione su prestazioni e rapporto qualità prezzo, di cui parlerò in chiusura. La luminanza percepita, nonostante i 6,5 metri quadrati di superficie dello StudioTek 130, era più che sufficiente a rendere credibile la proiezione in HDR anche se il filtro colore per la copertura dello spazio colore DCI-P3 non era stato attivato. Epson dichiara per questo nuovo TW9400 100 lumen in più rispetto ai 2.500 lumen del TW9300, valori che devono essere ridimensionati quasi a meno della metà in condizioni di visione ottimali.


- click per ingrandire -

Oltre alla luminosità, quello che ho apprezzato di più è un dettaglio così elevato che mi ha addirittura sorpreso, con la quasi totale assenza di aberrazioni cromatiche: ve ne potete rendere conto nelle immagini dei caratteri ben scolpiti dei menu nella pagina precedente (situati in un angolo rispetto al centro dell'immagine). La percezione del dettaglio nelle scene più incisive di "Black Panther" mi ha convinto sul fatto che l'obiettivo montato sull'esemplare mostrato a Berlino fosse di una categoria superiore rispetto a quelli visti su vari TW9300 che incontrato in questi ultimi mesi. Purtroppo dovremo attendere la disponibilità dei primi TW9400 sul mercato per capire se troveremo la stessa elevata qualità sulle macchine in vendita.


- click per ingrandire -

Assieme al discreto flusso luminoso e all'eccellente dettaglio - che mi hanno messo già di buon umore - ho apprezzato la stessa ottima qualità dei colori a cui Epson mi ha ben abituato, il tutto unito ad una ricchezza di sfumature che bandisce totalmente qualsiasi tipo di solarizzazione. L'unico limite se vogliamo è un rapporto di contrasto che è "occhiometricamente" allo stesso livello di un TW9300, quindi a circa la metà rispetto ai modelli "entry level" di Sony (VPL-VW270ES) e JVC (DLA-N5) che costano però il doppio.


- click per ingrandire -

Ed è questa l'ultima buona notizia del nuovo Epson EH-TW9400: il prezzo suggerito al pubblico scende di 500 Euro rispetto al TW9300 e si posiziona a 2.790 Euro IVA inclusa. Non male per un proiettore generoso, compatibile con segnali HDMI 18Gbps, con HLG e con ottica motorizzata con memorie. Quest'anno poi arriva anche la compatibilità con il software di calibrazione CalMAN, argomento che affronteremo in un approfondimento appena riceveremo un campione per i primi test, atteso per la prima settimana di novembre.

Per maggiori informazioni sui prodotti Epson: www.epson.it