Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Evento Blu-ray Disc - Cherubini

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 07 Novembre 2006 nel canale HT

“Cherubini, punto vendita di riferimento a Roma nei settori audio e video di qualità, lo scorso Sabato 21 ottobre ha offerto ai lettori di AV Magazine la possibilità di provare i primi titoli Sony in formato Blu-ray Disc, mettendo a disposizione un sistema audio e video di elevata qualità”

L'Esorcismo di Emily Rose e S.W.A.T.

Con il titolo l'Esorcismo di Emily Rose abbiamo scelto il capitolo del primo incontro con la madre di Emily: un scena piuttosto statica, ricca di particolari ad elevato dettaglio, primissimi piani e molti particolari per verificare ricchezza dei dettagli e risoluzione.

L'edizione in DVD Video è praticamente esente dagli artefatti tipici di una compressione MPEG2 a basso bitrate. Eppure l'aumento di qualità dell'edizione in formato Blu-ray Disc è piuttosto evidente. L'aumento della risoluzione è eclatante in ogni condizione.

Nell'edizione in Blu-ray Disc, come anche in quella in formato DVD-Video, sono visibili alcune solarizzazioni, specialmente sugli sfondi fuori fuoco con tonalità uniformi. Nell'edizione in formato Blu-ray Disc questi difetti sono meno visibili ma comunque ancora presenti.

S.W.A.T. è stato utilizzato non tanto per verificare la qualità video ma per mettere alla frusta il sistema multicanale Meridian e per ragionare sui vantaggi offerti dalle tracce in PCM lineare non compresso. in particolare l'audio in Dolby Digital "classico" è risultato sotto molti aspetti più piacevole rispetto a quello in PCM linare.

Questo può essere spiegato in molti modi. Prima di tutto l'audio in PCM (16 bit e 48 kHz) viene "trasformato" in analogico dal lettore Samsung e molti hanno puntato il dito proprio sulla qualità dei DAC e della sezione di preamplificazione del Samsung.

E' anche vero che l'audio analogico del Samsung, una volta preso in consegna dal Meridian viene di nuovo convertito nel dominio digitale, successivamente elaborato e poi consegnato di nuovo ai diffusori che provvedono alla nuova conversione in analogico e alla riproduzione.

Infine, è anche possibile che le differenze tra le colonne sonore in PCM lineare e in Dolby Digital possano derivare da un differente mix delle varie tracce multicanale, diversa equalizzazione etc. Possiamo solo dire che una verifica delle possibilità dell'audio in PCM lineare è rimandata.