Social Buttons AV Magazine su Facebook AV Magazine su Twitter AV Magazine RSS AV Magazine Newsletter

Evento Blu-ray Disc - Cherubini

di Emidio Frattaroli , pubblicato il 07 Novembre 2006 nel canale HT

“Cherubini, punto vendita di riferimento a Roma nei settori audio e video di qualità, lo scorso Sabato 21 ottobre ha offerto ai lettori di AV Magazine la possibilità di provare i primi titoli Sony in formato Blu-ray Disc, mettendo a disposizione un sistema audio e video di elevata qualità”

Blu-ray peggio di HD-DVD?

Fino ad oggi abbiamo letto un po' da tutte le parti che il Blu-ray a singolo strato e con compressione MPEG2 è una specie di spazzatura. I molti dicono che 25 GB sono troppo pochi e lo spazio verrebbe ulteriormente sprecato dalle tracce audio in PCM lineare (avide di spazio). La compressione MPEG2 sarebbe la ciliegina sulla torta. Quando sono state rese note le caratteristiche tecniche dei primi titoli in formato Blu-ray Disc, gli integralisti dell'audiovideo hanno subito gridato allo scandalo.

In effetti in questa prima fase il formato HD-DVD è superiore al Blu-ray Disc da molti punti di vista. I primi titoli sono già a doppio strato (30 Gigabyte totali) e per la compressione vengono utilizzati gli algoritmi VC-1 oppure H.264, più efficienti rispetto all'MPEG2 di circa il 35%. A questo aggiungiamo il fatto che il bitrate video medio dei primi HD-DVD è di 20 Mbit/sec.

Noi di AV Magazine siamo stati un po' la voce fuori dal coro, senza per questo nascondere una certa simpatia per il formato HD-DVD, soprattutto per l'assenza di codici regionali ma anche per il minor investimento richiesto per l'acquisto dei lettori e per la stampa dei supporti. Detto questo, la storia della presunta inferiorità dei primi Blu-ray Disc per colpa dello spazio limitato e dell'utilizzo della codifica MPEG2 non ci ha mai convinto.

Anche per questo motivo, all'ultimo Top Audio & Video abbiamo mostrato alcune clip ad alta definizione in MPEG2 con bitrate molto basso (in alcuni casi anche inferiore ai 10 Mbit/sec) ma con qualità molto elevata. Allo stesso Top Audio abbiamo mostrato anche il massimo della qualità disponibile ad alta definizione fino a ieri: una breve clip di "Ice Age" in formato D-Theater con bitrate medio di circa 25 Mbit/sec, compressione MPEG2 e totale assenza di artefatti di compressione.